Principale > Frutta

Cosa si può mangiare con l'intossicazione alimentare per un adulto: caratteristiche dietetiche

L'uomo non può vivere senza cibo. Questo è il motivo per cui spesso affrontiamo la questione dell'alimentazione con piena responsabilità, selezioniamo attentamente prodotti di alta qualità e li sottoponiamo a trattamenti termici. Ma nonostante questo, l'intossicazione alimentare nel nostro tempo non è rara. In alcuni casi ciò è dovuto all'irresponsabilità del produttore, in altri noi stessi non prestiamo attenzione alle date di scadenza e alle caratteristiche della conservazione degli alimenti. Ai primi segni di avvelenamento, non solo devi normalizzare la tua salute il prima possibile, ma anche seguire una dieta speciale. Cosa puoi mangiare con l'intossicazione alimentare per un adulto, esamineremo questo articolo.

Perché hai bisogno di dieta durante l'avvelenamento

Vomito, diarrea, febbre e forte dolore allo stomaco sono solo sintomi superficiali di avvelenamento. Infatti, il corpo umano in questo momento subisce gravi intossicazioni e la mucosa gastrica è fortemente infiammata e irritata. Inoltre, in caso di avvelenamento e diarrea c'è una forte perdita di importanti oligoelementi nel corpo.

Una corretta selezione della dieta ripristinerà gradualmente il lavoro dello stomaco e accelererà il processo di guarigione della mucosa. Inoltre, una dieta equilibrata ripristinerà l'equilibrio elettrolitico e reintegrerà il corpo con proteine, vitamine e microelementi necessari. Inoltre, gli esperti dicono che i prodotti opportunamente selezionati contribuiranno ad eliminare o ridurre il riflesso del vomito.

Vale la pena ricordare che il rifiuto di correggere la dieta può portare ad un deterioramento della salute, oltre ad accelerare il processo di disidratazione.

Cosa bere in caso di avvelenamento?

Con vomito incontrollabile e diarrea, si dovrebbe fare un bias per ristabilire l'equilibrio idrico nel corpo, altrimenti potrebbe verificarsi disidratazione. Per fare questo, il primo giorno di intossicazione è necessario bere almeno 2 litri di acqua calda, senza gas. L'assunzione di acqua dovrebbe essere frequente e in piccole quantità, circa 100 ml ogni 20 minuti. Va ricordato che in nessun caso non si può bere acqua in un sorso, la gola dovrebbe essere piccola.

Invece di acqua, gli esperti raccomandano l'uso di decotti di camomilla e altre erbe, oltre al normale tè nero, preferibilmente con una fetta di limone. Se possibile, è possibile utilizzare bevande alla frutta fatte in casa, bevande alla frutta e gelatina.

Per accelerare il ripristino del bilancio del sale marino, il farmaco "Regidron" aiuterà, se questo farmaco non fosse disponibile, allora può essere preparato indipendentemente, a casa. Per questo avrai bisogno di:

  • 1/4 di cucchiaino di sale;
  • 5 litri di acqua calda pulita;
  • 2 cucchiai di zucchero;
  • 1/4 cucchiaino di bicarbonato di sodio.

Prima di utilizzare questa soluzione, è necessario consultare il proprio medico, perché non appena conosce le caratteristiche dell'avvelenamento e sarà in grado di raccomandare farmaci adatti.

Il secondo giorno dopo l'avvelenamento, è possibile aggiungere alla dieta minestre leggere. L'opzione ideale sarebbe il brodo di pollo magro.

Peculiarità della nutrizione in caso di avvelenamento

Mangiare gli alimenti giusti in caso di avvelenamento aiuterà il rivestimento dello stomaco a recuperare più velocemente, ma vale la pena ricordare che il paziente preferisce iniziare a sentirsi meglio, vale la pena passare un giorno a riposare e dormire di più.

Le caratteristiche principali della nutrizione in caso di avvelenamento sono:

  • L'uso dei pasti in piccole porzioni;
  • Un aumento dei pasti fino a 6-8 volte al giorno;
  • Ridotto apporto calorico giornaliero;
  • Le eccezioni sono cibi grassi, piccanti e salati;
  • Mangiare cibo tritato o purè.

Mangiare cibo dovrebbe essere solo sotto forma di calore, poiché il cibo caldo e freddo irrita la mucosa gastrica. Inoltre, non dimenticare l'ammissione di assorbenti, che aiuterà a rimuovere rapidamente sostanze tossiche dal corpo.

Prodotti consentiti e rigeneranti

L'intossicazione alimentare acuta comporta molte conseguenze, quindi seguire una dieta rigorosa e una dieta speciale durante il periodo di trattamento e di recupero è semplicemente necessaria. Ma nonostante molte controindicazioni, ci sono prodotti che i pazienti mangiano specificamente per ripristinare il lavoro dello stomaco e sopprimere i riflessi del vomito e la diarrea.

L'elenco di tali prodotti non è lungo, ma la loro ricezione è necessaria per normalizzare lo stato di salute:

  • Frutta e verdura cotta o al forno;
  • Porridge in acqua. Il riso è particolarmente utile;
  • Cracker di segale senza aromi;
  • Decotti di erbe;
  • Filetti di pesce non grassi al vapore;
  • Carne alla griglia bollita o purè di patate pronti;
  • Biscotti secchi o biscotti

I mirtilli aiutano anche a eliminare i segni di diarrea. Ma i succhi naturali dovrebbero essere trattati con più attenzione. Una persona che soffre di disturbi gastrici può usare succo di mela, banana, melograno e carota. L'arancia o il pompelmo devono essere scartati perché contengono acidi che possono danneggiare uno stomaco già irritato.

Cosa non può mangiare in caso di avvelenamento?

In caso di avvelenamento, l'uso di molti prodotti diventa proibito. La ragione di ciò - la loro scarsa digeribilità, inoltre, spesso certi prodotti possono portare conseguenze negative specifiche. Ad esempio, fermentazione, formazione di gas e aumento dell'acidità. Per questo motivo si consiglia ai pazienti di non mangiare fritto, salato, piccante e affumicato. Inoltre, quando l'avvelenamento non deve mangiare prodotti da forno, latticini, frutta e verdura crude, bevande alcoliche e gassate, dolci, caffè e funghi. Tutti questi prodotti hanno un effetto irritante e provocano nuovi periodi di vomito o diarrea.

Cosa puoi mangiare dopo l'avvelenamento?

Anche dopo la normalizzazione della salute e il ripristino dello stomaco, i pazienti sono invitati a seguire una dieta speciale per almeno un'altra settimana. Questo è fatto in modo che lo stomaco possa ripristinare completamente la sua microflora e guarire le pareti della mucosa. Inoltre, il cibo dietetico aiuterà a prevenire la ripartizione.

Il primo giorno di avvelenamento, gli esperti raccomandano di abbandonare completamente il cibo e fare un pregiudizio sull'uso dell'acqua. In casi estremi, il paziente può permettersi di mangiare un paio di cracker e berli con tè caldo.

Il giorno dopo, se ti senti meglio. I medici raccomandano il passaggio all'uso frequente di cibo in piccole porzioni. Per colazione, una grande opzione sarebbe quella di mangiare il porridge di riso nell'acqua. A pranzo è adatto il brodo di carne. E per cena, puoi mangiare un piccolo pezzo di filetto di pesce al vapore. Il ruolo degli snack leggeri può giocare al forno di mele, cracker o biscotti.

Dopo un miglioramento completo della condizione, il paziente può iniziare a introdurre nella dieta prodotti a base di carne, ad esempio polpette di pollo al momento o petti di pollo. È inoltre possibile introdurre gradualmente latte fermentato, cibi non grassi. L'opzione ideale in questo caso sarebbe kefir, ma dovresti tenere conto che un prodotto fresco può provocare diarrea, quindi dovresti scegliere un prodotto lattiero-caseario con 2-3 giorni di esposizione.

Nei prossimi giorni, dovresti cercare di rendere il menu più vario, ma non affrettarti a introdurre prodotti più pesanti.

Va ricordato che la questione delle scelte alimentari deve essere affrontata con piena responsabilità e provare a utilizzare solo prodotti comprovati che soddisfino tutti gli shelf life e siano soggetti a una corretta conservazione.

Cosa puoi mangiare con l'intossicazione alimentare?

Esistono diversi tipi di avvelenamento, in questi casi è importante sapere cosa può e non può essere mangiato durante l'intossicazione per non danneggiare ulteriormente il corpo. Tale fastidio può verificarsi a causa della scarsa qualità del cibo o delle bevande, delle tossine che sono apparse in essi e dei batteri nocivi.

Intossicazione alimentare e possibili rischi

In caso di intossicazione, il sistema digestivo ne subisce il peso, la nutrizione in questi casi gioca un ruolo non meno importante del trattamento farmacologico. Dopo aver eseguito le manipolazioni di disintossicazione, l'eliminazione dei sintomi principali, è necessario considerare attentamente la dieta.

Cause di avvelenamento

L'intossicazione alimentare può causare prodotti stantii. Una reazione negativa dal corpo può causare:

  1. Frutti non lavati
  2. Cattiva carne o pesce arrosto.
  3. Prodotti lattiero-caseari fermentati con scadenza a scadenza.
  4. Funghi e bacche tossici.
  5. Pasticceria con crema viziata.
  6. Prodotti contenenti prodotti chimici.
  7. Per lungo tempo conservati insalate con maionese o condimento di panna acida.
  8. Cibo in scatola fatti in casa

Attenzione! L'intossicazione causa il maggior danno alle mucose, provoca disturbi nel funzionamento del fegato e del pancreas. La nutrizione in questi casi dovrebbe contribuire al ripristino della microflora ottimale e delle funzioni dell'apparato digerente.

Sintomi di avvelenamento

Con l'intossicazione, i sintomi iniziano ad apparire dopo soli 30 minuti. Col tempo, aumenta e rimane pronunciato per due giorni. L'intossicazione alimentare può essere enorme, il che lo rende ancora più pericoloso.

Quando intossicazione alimentare ha osservato i seguenti sintomi:

  • forte aumento della temperatura;
  • mancanza di appetito;
  • voglia di vomitare;
  • dolore all'addome;
  • vertigini;
  • diarrea;
  • abbassando la pressione sanguigna.

In grave intossicazione, una persona può diventare in coma.

In avvelenamento grave, il corpo è disidratato, la persona si sente debole e debole. Alla malattia non dovrebbe essere permesso di fare il suo corso, perché tali stati sono pieni di complicazioni derivanti dalla mancanza di assistenza tempestiva. Una corretta terapia ti consente di ottenere miglioramenti il ​​secondo giorno.

L'intossicazione indebolisce significativamente la persona, dopo di che è necessario il recupero, che garantisce un'alimentazione corretta.

Regole di potenza

Nelle prime ore dopo l'avvelenamento, il cibo non è in grado di elaborare completamente, è difficile da assimilare. In questi casi, è importante seguire alcune limitazioni. Questo eviterà di sovraccaricare il corpo, accelerare il suo recupero.

Cosa puoi mangiare

In caso di avvelenamento

In caso di intossicazione, è necessario seguire una dieta mirata alla normalizzazione dell'equilibrio del sale marino e alla guarigione della mucosa gastrointestinale dovuta al consumo di cibi leggeri.

  • Il primo giorno di avvelenamento è necessario bere più liquido possibile. Questo può essere acqua normale o minerale, un decotto di riso o rosa canina, tè verde.
  • Il secondo giorno, i pasti facilmente impostabili dovrebbero essere introdotti nella dieta. Miglior brodo o patate schiacciate. Sono vietati i piatti a base di carne, aspro e aspro.
  • Verdure esclusivamente bollite o macinate.
  • Brodo cucinato da verdure e porridge sull'acqua, ma non su base casearia.
  • I pasti dovrebbero essere leggermente caldi, non caldi o freddi.
  • La persona avvelenata dovrebbe mangiare in piccole porzioni, aumentando gradualmente la quantità di cibo consumato.
  • Quando l'avvelenamento richiede un sistema di alimentazione frazionario. Mangiare 6-7 volte al giorno.

Suggerimento: Soggetto alle raccomandazioni del miglioramento arriverà alla fine del primo giorno.

Dopo avvelenamento

Man mano che la tua dieta migliora, puoi includere purè di patate, brodo magro e porridge di riso di consistenza liquida. L'elenco dei prodotti consentiti include cracker e biscotti secchi (non più di 1-2 pezzi).

Se la diarrea non si ferma, prova a preparare la gelatina di mirtilli o il decotto basato sull'iperico. Le proprietà del lavoro a maglia sono inerenti a queste bevande.

Puoi accelerare il recupero con piatti fatti in casa. Preparare zuppa di verdure o cotolette di vapore (questi piatti possono essere consumati solo per 3 giorni dopo l'avvelenamento).

Casseruole e budini di ricotta, biscotti, grano saraceno e porridge di riso sull'acqua, verdure e frutta bollite e al forno (non acide) sono i benvenuti.

Il tè alla camomilla o alla rosa canina aiuta a lenire lo stomaco (puoi aggiungere un po 'di miele).

Per 5-7 giorni, i prodotti a base di latte fermentato arricchiti con bifidobatteri possono essere introdotti nella dieta, preferibilmente fatti in casa. Normalizza la microflora intestinale.

Cosa non può mangiare

Il primo giorno dopo l'intossicazione, una serie di prodotti che irritano la mucosa dovrebbero essere esclusi dalla dieta. Questo elenco include:

  • frutta e verdura crude;
  • cioccolato e dolci;
  • pesce salato e fritto;
  • salsicce;
  • bevande alcoliche

L'elenco dei prodotti vietati è abbastanza grande. Nel periodo di avvelenamento è necessario abbandonare cibi piccanti, salati e fritti. Possono peggiorare le condizioni del paziente durante l'intossicazione alimentare, aumentare il disagio allo stomaco, provocare la formazione di gas.

Anche i dolci dovrebbero essere eliminati, poiché stimolano i processi di fermentazione nell'intestino.

Cosa bere

Quando l'intossicazione alimentare richiede un consumo abbondante, aiuterà a prevenire la disidratazione. La successiva porzione di liquido deve essere ingerita dopo ogni visita al bagno e dopo periodi di vomito. Questo è un modo efficace per ridurre l'intossicazione e eliminare rapidamente le tossine accumulate.

La persona avvelenata dovrebbe bere acqua bollita pulita o acqua minerale non gassata. Quando avveleni bene, aiuta le soluzioni saline, che possono essere acquistate in farmacia. Si raccomanda di bere ogni quarto d'ora a piccoli sorsi, senza fretta.

  • La soluzione salina può essere preparata con le proprie mani, sciogliendo un cucchiaino di sale in un litro di acqua bollita.

Decotti di aneto e camomilla apportano anche benefici al corpo durante l'intossicazione.

Menu di esempio dopo l'avvelenamento

La nutrizione è una parte importante della terapia, deve essere corretta. Gli esperti raccomandano di mangiare l'avvelenamento nel modo seguente:

  • 1 ° giorno - digiuno e consumo di una grande quantità di liquido (decotti fatti con erbe e soluzioni saline).
  • 2 ° giorno - bevanda abbondante e brodo tre volte al giorno in piccole porzioni, purè di patate.
  • 3 ° giorno - porridge di riso su acqua, brodo vegetale, biscotti.
  • 4 ° giorno - brodo di pollo, casseruola di verdure (non usare le uova quando si cucina, unire le verdure con la semola), biscotti, cotolette di pesce al vapore.
  • 5 ° giorno - riso bollito, brodo di pollo con polpette di carne. Per dessert è possibile soufflé di ricotta.

Prevenzione dell'avvelenamento

L'intossicazione alimentare può essere prevenuta seguendo semplici regole:

  1. Conservare gli alimenti crudi separatamente dai pasti pronti.
  2. Utilizzare solo acqua di alta qualità.
  3. Pulizia accurata durante la cottura e il consumo di cibo.
  4. L'uso di diverse tavole e coltelli per tagliare quando si tagliano le verdure con frutta, carne e pesce.
  5. Prima di iniziare a cucinare, lavarsi accuratamente le mani, senza dimenticare di usare il sapone.
  6. Prodotti che si deteriorano rapidamente, si conservano a basse temperature.

L'intossicazione alimentare può essere estremamente pericolosa. In tali casi, è importante non trascurare il trattamento ed essere sicuri di aderire al corretto sistema nutrizionale, che contribuirà al rapido recupero del corpo.

Peculiarità della nutrizione dopo l'avvelenamento

Il cibo scelto correttamente dopo l'avvelenamento svolge un ruolo importante nel recupero e nella riabilitazione del sistema digestivo e dell'intero organismo. In questo articolo abbiamo esaminato in dettaglio cosa si può mangiare dopo avvelenamento e diarrea, e quali alimenti dovrebbero essere abbandonati, faremo un menù indicativo. Sulle caratteristiche della nutrizione dopo l'avvelenamento nei bambini leggi anche sul nostro sito web.

Per i pazienti ipertesi, è stata assegnata una quota dal 1 ° febbraio a ogni persona con ipertensione. Maggiori informazioni >>>

Perché hai bisogno di una dieta?

Una dieta dopo l'avvelenamento è necessaria per il completo recupero e per la prevenzione delle complicazioni della malattia. Aiuta a ripristinare le seguenti violazioni nel corpo.

  • Infiammazione della mucosa gastrica. Il primo a soffrire di avvelenamento è questo organo. La scarsa qualità o il cibo avvelenato causano l'infiammazione delle sue pareti.
  • Violazione di elettroliti, mancanza di proteine, un fallimento nel pH del sangue. Insieme al vomito e alla diarrea, il corpo perde una grande quantità di proteine ​​e microelementi. La potenza scelta correttamente elimina questo problema.
  • Fallimento del pancreas. La pancreatite cronica si sviluppa più spesso nei bambini con avvelenamento. Il pancreas è l'organo principale coinvolto nella digestione. Produce la maggior parte degli enzimi che digeriscono il cibo.
  • Danno al fegato Ad esempio, una dieta con avvelenamento da alcol rende possibile il riposo di questo organo, poiché è attraverso di esso che tutto l'alcol passa e viene neutralizzato. Questo organo è interessato principalmente da avvelenamento da funghi e veleni.
  • Fallimento dei reni. Soffrono di disidratazione. La maggior parte delle tossine e dei veleni vengono escreti dai reni. In caso di avvelenamento da funghi, sostituti dell'alcol, sostanze chimiche, può insorgere insufficienza renale.
  • Intossicazione del corpo con l'alcol. Una dieta dopo l'avvelenamento da alcol aiuta a neutralizzare l'alcol e purificarlo.

Devo mangiare nei primi giorni dopo l'avvelenamento

In precedenza si riteneva che si potesse mangiare dopo l'avvelenamento solo il terzo giorno. Secondo i nuovi protocolli e le raccomandazioni mediche, il digiuno dopo l'avvelenamento è pericoloso e dannoso per l'organismo. La nutrizione fa parte del trattamento e con esso puoi:

  1. Sostituisci la perdita di nutrienti, liquidi, elettroliti e minerali che una persona ha perso a causa di vomito e diarrea.
  2. Ripristinare lo stomaco, proteggere le sue pareti dall'azione irritante dell'acido cloridrico.
  3. Fornire al corpo tutti i nutrienti necessari (proteine, grassi, carboidrati).

Un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta al regime di bere. Insieme al vomito e alla diarrea, il paziente perde una grande quantità di liquido e sviluppa disidratazione. Un adulto dopo l'intossicazione alimentare deve essere bevuto quando l'avvelenamento è di almeno 2,5-3 litri di liquidi al giorno.

L'elenco di ciò che si può mangiare dopo aver avvelenato un adulto e un bambino non è particolarmente diverso. Le eccezioni sono bambini. La loro dieta è il latte materno, dal quale non è necessario mollare.

Si noti che in caso di avvelenamento da funghi, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza ed essere trattati nell'unità di terapia intensiva e tossicologia. La possibilità di nutrizione in questo avvelenamento è discussa con il medico.

Le regole di base della dieta dopo l'avvelenamento


Bere e mangiare dopo avvelenamento e vomito dovrebbe iniziare nel primo giorno della malattia. Durante la prima settimana è necessario aderire alla nutrizione, con la quale verranno ripristinati il ​​sistema digestivo e il corpo:

  • Mangia spesso, e in piccole porzioni. Gli intervalli tra i pasti non dovrebbero superare le 3 ore. La dimensione ottimale della porzione unica è pari alla dimensione del palmo. Se non vuoi mangiare, puoi ridurne il volume, ma non puoi morire di fame.
  • La temperatura di cibi e bevande dovrebbe essere a temperatura ambiente. I piatti freddi e caldi possono irritare la mucosa gastrica.
  • Cuocere a vapore, bollire o cuocere a fuoco lento. Da piatti fritti e affumicati dovrebbe essere abbandonato al momento del recupero.
  • Se si hanno malattie croniche dell'apparato digerente, ad esempio: gastrite, colecistite, pancreatite, è necessario tenere conto delle loro peculiarità durante la stesura di una dieta.
  • Dovrebbe essere chiarito con il medico che non è possibile mangiare dopo aver avvelenato lo stomaco. L'elenco dei prodotti vietati può essere individuale. Quando prescrive una dieta, il medico prende in considerazione le condizioni di comorbidità e le condizioni del paziente.

Si prega di notare che nei primi giorni dopo l'intossicazione alimentare, è meglio osservare il riposo a letto, riposare, evitare lo sforzo fisico.

Cosa puoi mangiare il primo giorno


Il primo giorno, l'elenco di cosa mangiare dopo l'avvelenamento è molto limitato. Il primo giorno è necessario combattere la disidratazione e la perdita di elettroliti, per proteggere le pareti dello stomaco da tossine e acido cloridrico.

Storie dei nostri lettori

Pulisco stabilmente le navi ogni anno. Ho iniziato a farlo quando ho compiuto 30 anni, perché la pressione era fuori dall'inferno. I medici si limitarono a scrollare le spalle. Ho dovuto prendere la mia salute. Ho provato diversi metodi, ma uno mi aiuta particolarmente bene.
Altro >>>

È necessario bere bevande alcaline non gassate. Questo può essere debole tè nero dolce, composta dolce, acqua minerale, decotto di camomilla o erba di San Giovanni. È migliore per rifiutare bevande aspre, possono rafforzare l'ubriachezza e un'infiammazione di uno stomaco. Bevi 1 bicchiere di liquido ogni ora.

Il primo giorno di intossicazione alimentare puoi mangiare:

  • Pane bianco secco È meglio asciugarlo a casa. Negozio di cracker salati sono controindicati.
  • Porridge di riso crudo senza sale e olio. Durante la preparazione, è necessario aggiungere acqua due volte di più del solito (per una tazza di riso - 4 bicchieri d'acqua).
  • biscotti wafer. Solo i biscotti più semplici, senza additivi, faranno i condimenti.
  • Banane. Scegli frutta matura, incontaminata. Puoi mangiare mezza banana alla volta, frantumarla in un frullatore e mescolarla con il porridge di riso.
  • Farina d'avena bollita, consistenza mucosa. Avvolge lo stomaco, allevia la sua irritazione.

Dieta per 2 giorni

Il giorno successivo, dopo avvelenamento, la dieta può essere leggermente diversificata e ampliata. I seguenti prodotti possono essere aggiunti al menu:

  • Pollo magro bollito o carne di tacchino. C'è di meglio senza un contorno, separatamente. Il secondo giorno dopo l'avvelenamento si può ottenere un bel po 'di carne, 100-150 grammi. È necessario soddisfare i bisogni del corpo per proteine ​​e amminoacidi.
  • Uova. È meglio mangiarli sotto forma di una frittata su una coppia, o bollire sodo bollito.
  • Mele cotte, pere In questo piatto un sacco di fibre e pectine, che stimolano la motilità intestinale.
  • Zuppa di verdure in olio vegetale, che può includere carote, patate, zucchine.

Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta al regime di bere. Il secondo giorno, si raccomanda di bere acqua e tè con il limone. Il fatto è che, insieme al vomito, il corpo perde una grande quantità di acido cloridrico e si può sviluppare alcalosi. L'alcalosi è una condizione patologica in cui si verifica l'alcalinizzazione del sangue, un aumento del suo pH. Può essere corretto in caso di avvelenamento da bere acidificato.

Dieta per la prima settimana


In caso di avvelenamento da cibo, è necessario seguire una dieta moderata per 1 settimana. Il terzo giorno, e nei prossimi 4 giorni, puoi espandere il tuo menu con i seguenti piatti:

  • Prodotti lattiero-caseari fermentati Puoi mangiare ricotta a basso contenuto di grassi, bere ryazhenka, kefir, yogurt. Questi prodotti ripristineranno la microflora intestinale, regoleranno il suo lavoro.
  • Pesce bollito o al forno È meglio scegliere varietà a basso contenuto di grassi di pesci marini.
  • Brodo di pollo a basso contenuto di grassi. Questo piatto aiuterà a ripristinare gli oligoelementi persi, gli acidi grassi.
  • Verdure cotte e bollite Puoi cucinarli sotto forma di insalata dietetica (senza maionese e fagioli).
  • Grano saraceno, porridge di miglio, pasta.

Se hai difficoltà a vivere senza caffè, puoi bere già il terzo giorno, ma solo con il latte. È meglio bere un caffè dopo aver mangiato, in modo da non irritare la mucosa gastrica.

Per pulire le navi, i nostri lettori usano questo metodo. È così popolare che abbiamo deciso di condividerlo con te. Per saperne di più >>>

La tabella seguente mostra un esempio di un menu in cui è possibile navigare durante la prima settimana dopo l'avvelenamento (ad eccezione di 1,2 giorni):

Cosa puoi mangiare in caso di avvelenamento: consigli, prodotti consentiti, menu di esempio

Intossicazione alimentare - una delle malattie più comuni riscontrate nella vita di tutti i giorni. Con lui, l'impatto principale cade sull'apparato digerente, quindi la nutrizione in caso di avvelenamento è altrettanto importante della terapia farmacologica. Dopo che la disintossicazione del corpo è stata effettuata, i principali sintomi sono stati eliminati, si dovrebbe pensare alla dieta del paziente.

Importante: nella maggior parte dei casi, le mucose dello stomaco (la gastrite si verifica) e l'intestino (diarrea) soffrono di avvelenamento, si verificano malfunzionamenti nel fegato e pancreas. Il cibo in questo caso dovrebbe essere mirato al ripristino della normale microflora e del lavoro degli organi digestivi.

Intossicazione alimentare e rischi associati

La causa dell'avvelenamento da cibo è spesso:

  • prodotti che non sono stati sottoposti a trattamento termico;
  • prodotti scaduti;
  • verdure e frutta non lavate;
  • uova crude;
  • carne con sangue;
  • prodotti lattiero-caseari (scaduti);
  • pesce scarsamente cotto

L'avvelenamento indebolisce notevolmente il corpo e, dopo che è necessario, non solo la pulizia, ma anche il recupero, che si verifica principalmente a causa della nutrizione. Immediatamente dopo l'intossicazione, il cibo non può essere completamente digerito e assimilato, pertanto è necessario attenersi a determinate restrizioni alimentari. Questo aiuterà a non sovraccaricare il corpo e promuoverà un recupero più veloce. Il compito di tale dieta è di ripristinare l'equilibrio sale-acqua e la mucosa gastrica e intestinale attraverso i più delicati effetti termici, meccanici e chimici del cibo.

Regole generali di alimentazione in caso di avvelenamento

  1. Il primo giorno di avvelenamento, viene mostrata solo una bevanda abbondante (acqua, tè verde, acqua di riso, acqua minerale, tè (debole), tè alla rosa canina).
  2. Dal secondo giorno vengono introdotti pasti leggeri (purè di patate, brodo).
  3. La carne, l'aspro, il latte, il piccante sono proibiti.
  4. Le verdure possono essere solo bollite, macinate in purea di patate.
  5. Brodo solo da verdure nei primi giorni.
  6. Porridge sull'acqua, non latte.
  7. Il cibo dovrebbe essere moderatamente caldo, ma non caldo o freddo.
  8. Mangia piccoli pasti e aumenta il loro volume gradualmente.
  9. I biscotti sono ammessi a secco, senza panna, guarnizioni.
  10. Nutrizione solo frazionaria - 6-7 volte al giorno.

Fai attenzione: Se segui i consigli, diventerà più facile entro la fine del primo giorno. Quindi si può mangiare 1-2 cracker fatti in casa, brodo senza grassi, un po 'di purè di patate (senza olio e sale), porridge di riso liquido. Se la diarrea persiste, viene mostrata la gelatina di mirtilli, così come il decotto di erba di San Giovanni, che ha proprietà astringenti.

Prodotti consigliati per l'avvelenamento

Recupero più veloce e recupero del corpo aiuteranno i piatti fatti in casa come:

  • zuppa, macinata in una purea di verdure;
  • polpette di carne al vapore (dal 3 ° giorno della dieta);
  • casseruole, soufflé e budini di ricotta;
  • biscotti secchi galetny;
  • polpette al vapore di pesce;
  • grano saraceno e riso sull'acqua;
  • verdure bollite e al forno;
  • decotto all'aneto;
  • tè di camomilla e rosa selvatica (possibile con una piccola quantità di miele);
  • acqua minerale senza gas;
  • frutta non aspra bollita e cotta (pere, mele);
  • zuppa di riso;
  • crostini fatti in casa;
  • soufflé di carne;
  • frittata di vapore;
  • gelatina di frutta (da 3 giorni).

Importante: dopo 5-7 giorni la dieta può essere inclusa nella dieta di prodotti caseari, ricchi di bifidobatteri per normalizzare la microflora intestinale (yogurt naturale, kefir, ryazhenka, yogurt).

Bevande che possono essere consumate in caso di avvelenamento

In caso di avvelenamento, il regime di bere deve essere osservato rigorosamente come le prescrizioni mediche. Bere eccessivo è un impegno di mancanza di disidratazione e prevenzione di shock ipovolemico. Il liquido deve essere ingerito dopo ogni atto di defecazione e un attacco di vomito (piccoli sorsi). In questo caso, aiuta a ridurre l'intossicazione e rimuovere rapidamente le tossine accumulate.

Raccomandazioni su cosa e come bere con l'avvelenamento:

  • Bevi solo acqua pulita, bollita o minerale senza gas.
  • È ottimale bere soluzioni saline per farmacia (ad esempio, Regidron), che portano bene al normale equilibrio salino ed elettrolitico.
  • Bere sorsi liquidi, lentamente, ogni 10-15 minuti.
  • Invece di Rehydron, puoi preparare tu stesso una soluzione salina (0,5 cucchiai di sale per 1 litro di acqua bollita).
  • In un'ora devi bere almeno 200 ml di liquido.
  • Consentito di bere tè verde, uva passa, composta di rosa canina, decotto di camomilla.
  • Un decotto di aneto sarà anche utile (far bollire 1 cucchiaino di semi di aneto in 1 litro di acqua), è preso a piccoli sorsi, dopo il raffreddamento durante il giorno.

Cosa non mangiare in caso di avvelenamento

Ci sono categorie di prodotti che non dovrebbero essere consumati nei primi giorni e settimane dopo l'avvelenamento a causa dei loro effetti irritanti sulla mucosa gastrointestinale, pesante assorbimento. Questi includono:

La restrizione nella dieta di questi prodotti ti consentirà di ripristinare rapidamente il corpo dopo l'avvelenamento. Tutti sono piuttosto pesanti e contengono molte sostanze inutili e nocive che possono solo aggravare le condizioni del paziente nell'intossicazione alimentare. In particolare, tale cibo provoca un aumento della formazione di gas, dolore e crampi allo stomaco, provoca un'eccessiva stimolazione degli enzimi, provoca la fermentazione nell'intestino.

La zuppa può essere solo a basso contenuto di grassi, non fritta, idealmente - vegetariana. Il miele viene somministrato dal 4 ° giorno circa, poiché il dolce migliora i processi di fermentazione nell'intestino. Il latte subito dopo l'avvelenamento non può essere bevuto, come il kefir con lo yogurt, vengono somministrati dal 5 ° giorno, non prima. Il divieto si applica alle uova in qualsiasi forma: è un prodotto pesante.

Fai attenzione: Ci sono opinioni diverse riguardo alle banane. Gli avversari di questo frutto in caso di avvelenamento credono che le banane non dovrebbero essere consumate perché sono piuttosto dolci. Tuttavia, le banane contengono abbastanza potassio (è molto perso nell'avvelenamento), pochi acidi della frutta che irritano le membrane mucose del tubo digerente (a differenza di altri frutti freschi), hanno una consistenza morbida. Pertanto, il loro uso è permesso.

Menu di esempio dopo l'avvelenamento

Primo giorno: fame e bevande abbondanti (decotti alle erbe, prodotti farmaceutici salini).

Secondo giorno: fino a 2 litri di liquido, brodo (3 volte al giorno, 100 ml ciascuno), diversi cracker, purè di patate (patate, zucchine, carote) fino a 200 gr.

Il terzo giorno: riso in acqua (250 g), brodo vegetale (300 g), cracker e biscotti, bevanda abbondante.

Quarto giorno: brodo di pollo (senza osso) 200 ml, casseruola di verdure con semolino (senza uova) - 250 grammi, torte di pesce al vapore o polpette di carne (100 g), crostini fatti in casa, biscotti dolci.

Quinto giorno: riso bollito (300 gr), brodo di pollo con polpette di carne (500 ml), cracker, soufflé di ricotta (250 gr).

Un pediatra, il dott. Komarovsky, parla del trattamento dell'intossicazione alimentare nei bambini:

Prevenzione dell'avvelenamento

Per non trattare avvelenamenti e dieta, cerca di seguire semplici misure preventive in cucina e nel processo di cottura:

  1. Conservare sempre gli alimenti crudi separatamente dai cibi cotti.
  2. Bevi e usa solo acqua di qualità per cucinare.
  3. Quando cucini e mangi cibo, assicurati di tenerlo pulito.
  4. Per verdure, frutta, carne e pesce, utilizzare solo taglieri e coltelli diversi.
  5. Lavati bene le mani con acqua e sapone prima di cucinare;
  6. Conservare gli alimenti deperibili in frigorifero a bassa temperatura, sia pronti che crudi.

Betsik Julia, revisore medico

99.673 visualizzazioni totali, 10 visualizzazioni oggi

Cosa mangiare in caso di avvelenamento

Pagina di contenuto:

Come sapete, l'intossicazione alimentare è un enorme stress, sia per il sistema digestivo che per l'organismo nel suo complesso. Spesso l'intossicazione alimentare è accompagnata da diarrea, vomito, malessere, dolore all'addome e allo stomaco, febbre e, a seconda del grado di avvelenamento con altri sintomi.

Se le pillole speciali non aiutano, devi chiamare un medico, ma la migliore è un'ambulanza che, se necessario, ti ricoverà in ospedale e fornirà assistenza tempestiva. Dopo che il dolore acuto è passato, ci può essere un certo disagio nell'addome, e una sensazione di "gorgoglio" all'interno può essere avvertita - tutto ciò passerà. Per saperne di più: Avvelenamento da cloro: sintomi e trattamento.

L'intossicazione alimentare è una condizione pericolosa dell'apparato digerente che di solito si manifesta entro 24 ore dopo aver mangiato cibo contaminato da batteri patogeni, tossine o virus. I sintomi di avvelenamento da cibo includono nausea, diarrea, vomito e convulsioni, e talvolta brividi e febbre.

Analizza dove e cosa mangi

  • Verdure o frutta non lavate;
  • Mani non lavate prima di mangiare;
  • La data di scadenza del prodotto;
  • Contaminazione chimica del prodotto;
  • Quando il prodotto è mancante a causa di una conservazione errata.

La causa dell'avvelenamento deve essere stabilita in modo che tu non possa essere nuovamente avvelenato, e con te non c'è avvelenamento della tua famiglia.

Dopo aver stabilito una dieta speciale, semplicemente: andare a dieta. Considera che se non hai appetito, non è necessario riempire il cibo in te stesso. È possibile che con una forte intossicazione alimentare non vogliate mangiare per un giorno - questo è abbastanza normale e dovrebbe passare il giorno successivo, in caso contrario, quindi contattare il medico. È necessario ritornare gradualmente a una dieta a tutti gli efetti e devi iniziare a mangiare dal momento in cui ricevi un appetito dopo avvelenamento.

Come mangiare quando si avvelena

In caso di intossicazione, gli sforzi principali sono diretti ad eliminare la disidratazione e stabilire un regime delicato. Allo stesso tempo, è necessario rimuovere le tossine e altre sostanze nocive dal corpo, ridurre il carico sull'apparato digerente e ripristinare la funzionalità dello stomaco e dell'intestino. Le procedure standard sono:

  • Lavanda gastrica
  • L'uso di adsorbenti - Smecta e carbone attivo - per legare ed eliminare le tossine.
  • Ricezione di Regidron, che consente di ripristinare l'equilibrio elettrolita dell'acqua.
  • L'uso di volumi elevati di liquidi.

Allo stesso tempo, il problema di ciò che esiste con l'intossicazione gastrica non va da nessuna parte - anche con grave intossicazione, ci sono amici compassionevoli nel vostro ambiente che vogliono nutrire la vittima "per il recupero". Nel frattempo, il primo giorno di avvelenamento, il cibo diventa tabù. Ma è necessario bere il più spesso possibile, preferendo acqua purificata non gassata, tisane:

  • La bevanda allo zenzero è ottima per la disintossicazione, per questo in un bicchiere d'acqua bollente per circa 20 minuti insistere su una piccola cucchiaiata di zenzero tritato. Quando si avvelena bere bere in un cucchiaio grande.
  • Con la nausea che accompagna qualsiasi intossicazione, il tè alla menta, che viene usato al posto della birra, sarà perfettamente all'altezza.
  • In caso di avvelenamento da alcol, si consiglia di ripristinare la perdita di liquidi con una miscela di tè nero e ingredienti a base di erbe. Prendere due parti di foglie di tè nere, aggiungere un lobo di lampone, foglie di more, la stessa quantità di melissa e bacche di sorbo. La miscela è macinata, prodotta come tè, insistono 15 minuti, dopo di che bevono senza additivi.

I problemi con il cibo compaiono il secondo giorno, sorge una domanda naturale su cosa può essere mangiato dopo avvelenamento da stomaco, in modo da non danneggiare di nuovo il corpo. Per prima cosa devi imparare semplici regole:

  • La dieta avrà almeno tre giorni.
  • I pasti dovrebbero essere frazionari - piccole porzioni occupano fino a sei volte al giorno.
  • La preferenza è data ai prodotti magri bolliti - non complicano il lavoro del sistema digestivo.
  • I pasti non dovrebbero essere eccessivamente caldi o freddi.
  • La consistenza dei piatti dovrebbe essere liquida o simile al purè di patate.
  • Il menu non dovrebbe essere particolarmente vario, il liquido dovrebbe essere assunto in quantità maggiore.

Il giorno seguente dopo l'intossicazione, è consigliabile "sedersi" sui cracker di tè non zuccherati. E solo se il corpo risponde normalmente al bere e al pane, puoi andare a prodotti più pesanti. Anche se l'elenco non è troppo grande, è necessario aderire ad esso, senza dimenticare di seguire lo stato di salute quando si mangiano piatti:

  • Preparando il porridge di riso con l'acqua, il brodo di riso è anche molto utile. Questo cereale è un adsorbente naturale e il decotto ha proprietà avvolgenti ed è una protezione aggiuntiva per lo strato mucoso.
  • Durante la cottura, il grano saraceno e la farina d'avena sono ridotti a uno stato di addolcimento.
  • I brodi su carne dietetica dovrebbero essere secondari, a basso contenuto di grassi.
  • Il pollame o la carne di coniglio vengono consumati bolliti.
  • Puoi mangiare carote grattugiate e salsa di mele, banane tritate.
  • Il tè - il verde è meglio - deve essere debole, il caffè o il cacao è proibito.
  • Preparazioni di erbe sono preparate, la preferenza è data a dogrose, mirtillo, cacciatore e ribes nero - queste piante hanno proprietà rassodanti e astringenti.
  • Puoi bere il kissel come rimedio che avvolge lo stomaco.

Sintomi di intossicazione alimentare

I primi sintomi di avvelenamento si manifestano solo 2-6 ore dopo che la vittima ha mangiato il prodotto "pericoloso":

  • la temperatura corporea aumenta rapidamente (può salire a 39 ° C);
  • compaiono segni di febbre;
  • nausea che si trasforma in vomito;
  • bocca secca (in alcuni casi, lingua bianca e ruvida);
  • dolori acuti allo stomaco e all'intestino;
  • sgabelli sciolti;
  • gonfiore severo;
  • sudore abbondante

Una persona può perdere conoscenza, in rari casi si verificano crampi agli arti. Forse il verificarsi di mal di testa. Gli stimoli emetici continuano anche quando lo stomaco è già vuoto. Il paziente vomita la bile e il succo gastrico.

Se l'avvelenamento della fase iniziale, puoi farcela da solo. Per questo si adattano gli strumenti della farmacia e la modalità delicata. Spesso l'intossicazione domestica viene trasferita "ai piedi" (al lavoro o durante un viaggio). Ma se una persona è molto malata, soffre di forti dolori e vomito costante, un'urgente necessità di contattare l'ospedale.

Come comportarsi nel solito avvelenamento

Quindi, l'intossicazione lieve può essere vissuta senza l'intervento dei medici. È solo necessario rispettare determinati regolamenti:

  1. Riposo a letto Nessun movimento attivo e improvviso. Si consiglia di assumere una postura confortevole (ad esempio, sullo stomaco o lateralmente, sollevando le gambe sotto di lui) e "aspettare" le prime ore dopo l'avvelenamento, quando il corpo disintossica le tossine dal corpo.
  2. Cerca di bere il più possibile. Il liquido aiuterà a rimuovere i prodotti di decomposizione e le sostanze nocive, oltre a proteggere dalla disidratazione causata dalla diarrea.
  3. Se possibile, effettuare un lavaggio gastrico con una soluzione di manganese (il colore della soluzione deve essere trasparente con una sfumatura rosata).
  4. Utilizzare prodotti assorbenti naturali che rimuovono il veleno dal corpo (carbone attivo e tagansorbente).
  5. Bevi kefir per ripristinare la microflora dello stomaco e dell'intestino.
  6. Dopo due o tre ore dopo la pulizia dello stomaco, assicurarsi di avere un morso (brodo o prodotti a base di latte fermentato liquido). Questo riprenderà il lavoro dello stomaco e aiuterà a superare lo stato di debolezza.

Se è possibile iniziare il trattamento ai primi segni di intossicazione, preparare l'erba di San Giovanni con la menta. Questo brodo deve essere bevuto in piccole porzioni ogni 15 minuti. L'azione tempestiva contribuirà ad alleviare il decorso della malattia.

Non affrettare le medicine contro la diarrea. Il corpo deve essere purificato naturalmente. Se ciò non accade, il veleno inizierà ad essere assorbito nelle pareti dello stomaco e dell'intestino, il che comporterà una grave forma di intossicazione. Enemas in caso di avvelenamento può anche aiutare ad eliminare le tossine, ma è meglio fare un lavaggio gastrico.

Cibo dopo avvelenamento da cibo

Dopo l'intossicazione alimentare, il paziente dovrà seguire una dieta molto severa. Per due o tre giorni ha eliminato l'uso di cibi pesanti, grassi e cibi solidi in generale. È meglio stare sul brodo e sul brodo terapeutico, che lo stomaco può facilmente elaborare.

Anche per alcuni giorni dovrà ridurre la dieta di tutti i tipi di spezie, rinunciare al salato, piccante, aspro e dolce. È consentito solo cibo magro.

Un giorno dopo l'avvelenamento, è possibile aggiungere purea di verdure e cereali ben bolliti (grano saraceno e riso) nella dieta. Se il paziente si sente bene e mangia con appetito, cerca di includere nel menu i cracker in piccole quantità.

Prodotti da inserire nella dieta durante il periodo di riabilitazione:

  • purè di verdure bollite;
  • carne al vapore (tritata o macinata);
  • pesce al vapore (sotto forma di carne macinata);
  • porridge di riso e grano saraceno senza spezie e fritto;
  • cracker;
  • biscotti friabili (non dolci e senza additivi);
  • verdure sottoposte a trattamento termico (al vapore o a bagnomaria);
  • acqua potabile pulita;
  • tè verde e decotti medicinali;
  • frutta al forno (mele e pere);
  • prodotti liquidi di latte fermentato o bifidobatteri;
  • soufflé e casseruole leggere;
  • gelatina non zuccherata.

Regole di base per mangiare

Ci sono piccole porzioni frazionarie di 4-6 volte al giorno. Concentrarsi sullo stato del corpo durante un pasto. Non mangiare troppo, se il corpo resiste. Anche due cucchiai di porridge, mangiati "dalla caccia" contribuiranno al recupero.

Cosa puoi mangiare con l'intossicazione alimentare

Nel periodo di intossicazione acuta (il giorno dopo l'inizio dei primi sintomi), si raccomanda vivamente di non mangiare. Questo può innescare il rilascio di acido gastrico, che a sua volta danneggerà la superficie già irritata dello stomaco. Sì, ed è improbabile che il corpo in uno stato di completo esaurimento sia in grado di assorbire qualsiasi cibo. Di conseguenza, durante il periodo di avvelenamento da cibo assolutamente tutti i prodotti sono controindicati.

Puoi mangiare dal secondo giorno di malattia. Ma non tutti i prodotti sono utilizzabili. E a proposito di carne e devi dimenticarti per una settimana.

Prodotti vietati in caso di avvelenamento

  • carne fritta, affumicata, bollita;
  • salsicce (specialmente affumicate);
  • farina dolce e confetteria;
  • bevande e succhi gassati;
  • caffè;
  • bevande alcoliche;
  • cibo con un alto contenuto di conservanti;
  • verdure in salamoia;
  • alimenti in scatola;

Prodotti sui vantaggi delle false voci:

  1. Latte. Si ritiene che il latte rimuova le tossine dal corpo. Ciò è giustificato in situazioni in cui l'avvelenamento è causato da metalli pesanti. In altri casi, il lattosio contenuto nel latte non farà che aggravare la situazione. E il latte grasso provocherà nuovi periodi di vomito.
  2. Yogurt. I benefici dello yogurt da negozio sono altamente discutibili. Contiene molti additivi, conservanti e coloranti. Le impurità chimiche causano irritazione delle pareti dell'esofago.
  3. Uova. Nonostante il fatto che le uova siano spesso consigliate di mangiare per normalizzare il lavoro del tratto gastrointestinale, questo prodotto è difficile da digerire. Uova, omelette e casseruole possono essere incluse nella dieta solo una settimana dopo l'avvelenamento.
  4. Med. Le proprietà avvolgenti del miele non aiutano, ma danneggiano le pareti danneggiate dello stomaco. Inoltre, i componenti del miele provocano processi di fermentazione.
  5. Frutti. Il consumo crudo di qualsiasi frutto è controindicato (essi, come il miele, provocano la fermentazione nel sistema del tubo digerente). E l'acido della frutta mangerà via la superficie danneggiata dell'esofago e dello stomaco.
  6. Composta. Il primo giorno dopo l'avvelenamento del paziente è assolutamente impossibile usare le composte. L'ambiente acido dello stomaco entra in conflitto con l'acido contenuto nel brodo di bacche. Questo può essere un prerequisito per lo sviluppo della gastrite. La presenza di una grande quantità di zucchero influenzerà anche le condizioni del paziente non è il modo migliore.

Il gruppo a rischio include prodotti della categoria fast food, venduti per strada. Hot hot dog, panini e hamburger sono spesso cotti in condizioni non igieniche da materie prime economiche e di bassa qualità. Secondo le statistiche, circa il 30% dell'avvelenamento si verifica a causa del consumo di fast food.

Cosa bere in caso di avvelenamento

Bere è la parte più importante del trattamento per l'avvelenamento. Utilizzare quanta più acqua minerale possibile (non gassata). Pulirà il corpo e aiuterà a ripristinare l'equilibrio di sali minerali, che a causa della diarrea e del vomito si romperà.

Bere acqua ogni ora (mezzo bicchiere di sorsi). È possibile ripristinare l'equilibrio dei liquidi con la soluzione Regidron. Normalizza il contenuto di elettroliti nel sangue e previene la lisciviazione del potassio.

I medici raccomandano l'uso di decotti medicinali che aiuteranno a calmare lo stomaco e ripristinare il tratto gastrointestinale:

  • i decotti di verdure contengono l'intero complesso di vitamine e aiutano a ripristinare il potere;
  • decotto di aneto avvolge delicatamente lo stomaco, lenendolo;
  • il tè verde rimuove le tossine e rilassa il sistema nervoso;
  • l'acqua di riso (acqua di amido) avvolge lo stomaco e funge da nutriente;

Un giorno dopo l'avvelenamento, puoi bere brodi, succhi di verdure fresche, tè forte.

Prevenzione dell'avvelenamento

Il motivo principale dell'avvelenamento è il non rispetto delle regole di igiene.

  1. Lavati accuratamente le mani prima di mangiare. Anche se pensi che siano puliti, impercettibili a guardare microbi e agenti patogeni sono sulla pelle e "aspettano nelle ali".
  2. Lavare frutta e verdura prima di mangiare. Questo è particolarmente vero per coloro che prendono i prodotti dalle loro mani, nelle tende e nel mercato. Non sai per certo chi potrebbe toccare una mela o un pomodoro carino sul bancone e sicuramente non hai idea del livello di pulizia degli altri acquirenti.
  3. Controllare attentamente la durata di conservazione dei prodotti. Circa il 45% degli avvelenamenti è dovuto a prodotti scaduti.
  4. Non conservare le lattine aperte in frigorifero per più di 3 giorni. Se possibile, trasferire il contenuto della confezione originale in metallo su un barattolo di vetro. Ciò ridurrà il rischio di danni al prodotto.
  5. Le bistecche con sangue e un cocktail con l'aggiunta di uova crude sono molto gustose. Ma i cibi crudi possono essere un catalizzatore per l'avvelenamento. Cuocere a fuoco vivo la carne prima di servire. Il sushi è meglio ordinare con pesce salato o essiccato, e non crudo come nel menu classico.

Modalità di consumo per intossicazione alimentare

Dopo avvelenamento con prodotti di bassa qualità, di solito non c'è nessuno che lo desideri. In parte, questo può essere considerato una reazione difensiva del corpo: non è necessario prendere il cibo, anche il più utile e fresco, con la forza. Ma è necessario bere il liquido, nei primi giorni dopo l'avvelenamento si sta bevendo che è molto importante per reintegrare la perdita di liquidi con vomito e feci liquide, nonché per la pulizia del corpo dalle tossine.

Un adulto dovrebbe bere almeno 2 litri di liquidi al giorno. Nel periodo acuto, è necessario bere spesso, ma gradualmente, una grande quantità di acqua può provocare un attacco di vomito. Si consiglia di bere 50 ml di liquido ogni mezz'ora. La bevanda deve essere calda o a temperatura ambiente, il liquido freddo può causare uno spasmo riflesso dei muscoli esofagei e causare nausea e vomito.

È meglio bere acqua bollita con succo di limone e zucchero, fianchi di brodo, composta di mele e pere, tè nero forte con zucchero e limone, bevande alla frutta a bacca diluita, tisane (menta, camomilla). Per ricostituire le perdite di elettrolita a seguito di vomito ripetuto e abbondanti feci liquide, si raccomanda di bere soluzioni saline.

Le polveri preparate per la loro preparazione (Regidron, Oralit, Hydrovit, ecc.) Possono essere acquistate in farmacia. Ma una soluzione simile è molto facile da preparare a casa. Per fare questo, in 1 litro di acqua bollita deve essere sciolto 1 cucchiaino di sale, 6-8 cucchiaini. zucchero e ½ cucchiaino. bere soda. È necessario bere tali soluzioni di sale da zucchero lentamente, a piccoli sorsi. Al fine di prevenire i sali in eccesso nel corpo, le soluzioni saline devono essere alternate con altre bevande.

Cosa non è raccomandato mangiare dopo l'avvelenamento?

  • verdure contenenti fibre grossolane (cavolo bianco, ravanelli, rape, rafano), legumi (sono ammessi solo piselli verdi in scatola), cipolle, aglio;
  • carni e pesce grassi, cibi in scatola, paste, carni affumicate, marinate, sottaceti, spezie, condimenti, rafano, senape, ketchup e altri prodotti che possono irritare la mucosa infiammata dello stomaco e dell'intestino e rallentare i processi di digestione;
  • miglio, mais, orzo perlato, semola;
  • frutti che possono causare processi di fermentazione nell'intestino e aumentare la sua peristalsi (uva, albicocche, prugne);
  • latte intero;
  • qualsiasi dolce;
  • bevande gassate, caffè, cacao, alcool.

Tutti questi prodotti sono raccomandati per essere gradualmente introdotti nella dieta non prima di 4 settimane dopo l'intossicazione alimentare. Con vomito ripetuto abbondante o frequenti feci molli, dolore addominale grave e grave intossicazione, oltre a un improvviso deterioramento della salute, è necessario consultare un medico.

Questi sintomi possono essere segni di gravi malattie che richiedono cure mediche specialistiche.

Cosa fare dopo l'avvelenamento?

Il recupero da avvelenamento si verifica gradualmente. I sintomi caratteristici dell'avvelenamento - vomito, feci molli, febbre - aiutano a rimuovere e distruggere tossine, batteri o parassiti che sono pericolosi per la salute umana. Dopo questa fine di autodepurazione, debolezza, leggera nausea, mancanza di appetito e dolore addominale residuo diventano lo stato abituale.

Sorge spontanea la domanda: "È possibile mangiare dopo avvelenamento?". Probabilmente, chiederai loro quando ritorna l'appetito, il che significa che il corpo ha quasi affrontato l'intossicazione e si è liberato delle sostanze che hanno causato l'avvelenamento. Ora ha bisogno di sostegno sotto forma di abbondanti bevute, oltre a un'alimentazione leggera e di alta qualità.

Dieta dopo avvelenamento da cibo

Il cibo dopo l'avvelenamento non dovrebbe sovraccaricare il corpo, tutte le cui forze sono ora dirette alla rimozione delle tossine. Anche se non cerchi di seguire una dieta sana, devi prenderti cura dei primi giorni e seguire una dieta che includa solo cibi sicuri.

Per capire come ripristinare lo stomaco dopo l'avvelenamento, immagina in che stato si trova adesso. Hai bisogno di mangiare in piccole porzioni in modo da non causare un trabocco nello stomaco irritato e non allungare l'intestino. Il cibo dopo l'avvelenamento non dovrebbe essere troppo caldo e non freddo. Si raccomanda di mangiare cibo liquido o purea, che faciliterà la sua digestione in uno stomaco indebolito.

  • Menu dopo avvelenamento non dovrebbe essere variato. Il primo giorno dopo l'avvelenamento è desiderabile morire di fame, ma è necessario bere molto, quindi aiuterai il corpo a pulire ed evitare la disidratazione. Per saperne di più: dieta per avvelenamento.
  • I medici raccomandano una dieta di almeno tre giorni. Sono ammessi solo piatti magri e bolliti che non complicheranno il lavoro del tratto gastrointestinale. Mangiare dovrebbe essere 5-6 volte al giorno. Dieta dopo avvelenamento da cibo comprende una grande quantità di liquido (acqua, composta di frutta secca, decotti di erbe), zuppe con brodo a basso contenuto di grassi, porridge su acqua, carne bollita.
  • Il rispetto di una dieta razionale di cibo in caso di avvelenamento è una delle fasi più importanti di un recupero completo del corpo, che consente di rimuovere l'intossicazione molto più velocemente.
  • Prima di tutto, una corretta dieta alimentare dovrebbe normalizzare il primo, funzionamento a pieno titolo del tratto gastrointestinale. Di norma, durante le prime 12-24 ore dopo l'avvelenamento, al paziente non è raccomandato l'uso di alcun tipo di cibo, poiché in questo momento gli intestini del corpo sono molto irritati.