Principale > Verdure

Il maltosio è composto da

Esocitosi - Il rilascio di varie particelle dalla cellula nell'ambiente è il processo inverso di endocitosi.

elenco

Adesione - adesione di molecole d'acqua alle pareti dei vasi sanguigni.

elenco

Riflessi condizionati exterocettivi - riflessi formati su stimoli percepiti dai recettori esterni esterni del corpo

elenco

Aminoacil-tRNA sintetasi - Un enzima che catalizza la formazione di aminoacil-tRNA a causa di energia ATP.

elenco

Tipo ricombinante - La combinazione di marcatori genetici nella prole, che è diversa dalla combinazione di questi marcatori nei genitori.

elenco

Protezione antincendio: un insieme stabilito nel modo prescritto di agenzie governative, forze e attrezzature, comprese le unità antincendio, progettato per prevenire gli incendi e organizzare la loro estinzione, effettuando le relative operazioni di soccorso di emergenza.

Formula molecolare maltosio

Formula vera, empirica o grossolana: C12H22O11

Composizione chimica del maltosio

Peso molecolare: 342,297

Maltosio (dall'inglese Malt-malt) - zucchero di malto, 4-O-α-D-glucopiranosil-D-glucosio, un disaccaride naturale costituito da due residui di glucosio; trovato in grandi quantità in grani germinati (malto) di orzo, segale e altri cereali; trovato anche nei pomodori, nei pollini e nel nettare di un certo numero di piante.
La biosintesi del maltosio derivante dal fosfato β-D-glucopiranosil fosfato e dal D-glucosio è nota solo in alcune specie di batteri. Negli organismi animali e vegetali, il maltosio è formato dalla scissione enzimatica di amido e glicogeno (vedi Amilasi).
Il maltosio è facilmente assorbito dal corpo umano. La scissione del maltosio a due residui di glucosio si verifica a seguito dell'azione dell'enzima a-glucosidasi, o maltasi, che è contenuta nei succhi digestivi degli animali e degli esseri umani, nei chicchi germinati, nei funghi e nei lieviti. La mancanza geneticamente determinata di questo enzima nella mucosa intestinale degli esseri umani porta a intolleranza congenita al maltosio, una malattia grave che richiede l'esclusione di maltosio, amido e glicogeno dalla dieta o aggiunta di maltasi al cibo.

α-maltosio - (2R, 3R, 4S, 5R, 6R) -5 - [(2R, 3R, 4S, 5R, 6R) -2,3,4-triidrossi-6- (idrossimetil) ossanile] ossi-6- (idrossimetil) ossano-2,3,4-triolo
β-maltosio - (2S, 3R, 4S, 5R, 6R) -5 - [(2R, 3R, 4S, 5R, 6R) -2,3,4-triidrossi-6- (idrossimetil) ossanile] ossi-6- (idrossimetil) ossano-2,3,4-triolo

Il maltosio è uno zucchero riducente, poiché ha un gruppo ossidrile emiacetale non sostituito.
Quando si fa bollire il maltosio con acido diluito e sotto l'azione dell'enzima, il maltosio viene idrolizzato (si formano due molecole di glucosio C6H12O6).
C12H22O11 + H2O → 2C6H12O6

maltosio

Il maltosio ("maltum", tradotto dal latino significa "malto") è un disaccaride naturale costituito da due residui di D-glucosio collegati tra loro.

Un altro nome per la sostanza è "zucchero di malto". Il termine fu assegnato al chimico francese Nikol Theodor de Saussure all'inizio del XIX secolo.

Il ruolo principale del composto è di fornire energia al corpo umano. Il maltosio è prodotto dall'azione del malto sull'amido. Lo zucchero nella "forma libera" si trova nei pomodori, funghi muffa, lievito, cereali d'orzo germogliati, arance, miele.

Informazioni generali

Maltose - che cos'è?

4 - O - α - D - glucopiranosil - D - glucosio è una polvere cristallina bianca, ben solubile in acqua, insolubile in etere, alcool etilico. Il disaccaride è idrolizzato dall'enzima maltosio e acidi, che si trovano nel fegato, sangue, succo pancreatico e intestino, muscoli. Ripristina soluzioni di Fehling (reagente tartrato di rame) e nitrato d'argento.

La formula chimica del maltosio è C12H22O11.

Qual è il valore nutrizionale del prodotto?

Lo zucchero di malto, a differenza della canna e della barbabietola, è meno dolce. È usato come supplemento dietetico per la preparazione di sbiten, idromele, kvas, birra fatta in casa.

È interessante notare che la dolcezza del fruttosio è stimata in 173 punti, saccarosio - 100 punti, glucosio - 81, maltosio - 32 e lattosio - 16. Nonostante ciò, per evitare problemi di sovrappeso, misurare l'assunzione di carboidrati con la quantità di calorie consumate.

Il rapporto energetico del maltato B: W: Y è 0%: 0%: 105%. Calorie: 362 kcal per 100 grammi di prodotto.

Metabolismo dei disaccaridi

Il maltosio è facilmente assorbito nel corpo umano. Il composto viene scisso dall'azione degli enzimi maltasi e a - glucosidasi, che sono contenuti nel succo digestivo. La loro assenza indica un guasto genetico nel corpo e porta a intolleranza congenita allo zucchero di malto. Di conseguenza, per mantenere una buona salute, è importante che queste persone eliminino dalla dieta tutti gli alimenti che contengono glicogeno, amido, maltosio o assumono regolarmente enzimi maltasi per il cibo.

Normalmente, in una persona sana, dopo essere entrato nella cavità orale, il disaccaride viene esposto all'enzima amilasi. Quindi il cibo con carboidrati entra nello stomaco e nell'intestino, dove gli enzimi pancreatici vengono secreti per la sua digestione. L'elaborazione finale del disaccaride nei monosaccaridi avviene attraverso i villi che rivestono l'intestino tenue. Le molecole di glucosio rilasciate coprono rapidamente i costi energetici di una persona sotto carichi intensi. Inoltre, il maltosio è formato da una parziale scissione idrolitica dei principali composti di riserva: amido e glicogeno.

Il suo indice glicemico è 105, quindi i diabetici dovrebbero escludere questo prodotto dal menu, poiché provoca un forte rilascio di insulina e un rapido aumento dei livelli di zucchero nel sangue.

Necessità quotidiana

La composizione chimica del maltosio dipende dalle materie prime da cui viene prodotta (grano, orzo, mais, segale).

Allo stesso tempo, il complesso vitaminico-minerale medio dello zucchero di malto comprende i seguenti nutrienti:

I nutrizionisti raccomandano di limitare l'assunzione di zucchero a 100 grammi al giorno. Allo stesso tempo, il numero di maltosio al giorno per un adulto può raggiungere i 35 grammi.

Per ridurre il carico sul pancreas e prevenire lo sviluppo dell'obesità, si deve evitare l'uso della norma giornaliera dello zucchero di malto prendendo altri prodotti contenenti zucchero (fruttosio, glucosio, saccarosio). Si consiglia agli anziani di ridurre il composto a 20 grammi al giorno.

L'intensa attività fisica, lo sport, l'aumento dell'attività mentale richiedono un elevato consumo di energia e aumentano il fabbisogno corporeo di carboidrati maltosio e semplici. Stile di vita sedentario, diabete, lavoro sedentario, al contrario, richiedono di limitare la quantità di disaccaride a 10 grammi al giorno.

I sintomi che segnalano la carenza di maltosio nel corpo:

  • umore depresso;
  • la debolezza;
  • mancanza di forza;
  • apatia;
  • letargia;
  • esaurimento di energia.

Di norma, la mancanza di un disaccaride è rara perché il corpo umano stesso produce un composto di glicogeno, amido.

Sintomi di sovradosaggio di zucchero maltato:

  • indigestione;
  • reazioni allergiche (rash, prurito, bruciore agli occhi, dermatite, congiuntivite);
  • nausea;
  • gonfiore;
  • apatia;
  • bocca secca

Se si manifestano i sintomi di un'eccedenza, la ricezione di alimenti ricchi di maltosio dovrebbe essere annullata.

Benefici e danni

Il maltosio, nella composizione della pasta di grano germogliato triturato, è una miniera di vitamine, minerali, fibre e amminoacidi.

È una fonte di energia universale per le cellule del corpo. Ricorda, la conservazione a lungo termine dello zucchero di malto porta a una perdita di proprietà benefiche.

Il maltosio è vietato portare le persone intolleranti al prodotto, poiché può causare gravi danni alla salute umana.

Inoltre, una sostanza zuccherina con uso incontrollato porta a:

  • interruzione del metabolismo dei carboidrati;
  • l'obesità;
  • lo sviluppo di malattie cardiache;
  • aumento dei livelli di glucosio nel sangue;
  • aumentare il colesterolo;
  • il verificarsi di aterosclerosi precoce;
  • una diminuzione della funzione dell'apparato insulare, la formazione di uno stato prediabetico;
  • violazione della secrezione di enzimi dello stomaco, intestino;
  • la distruzione dello smalto dei denti;
  • ipertensione;
  • immunità ridotta;
  • aumento della fatica;
  • mal di testa.

Per mantenere una buona salute e la salute del corpo, si consiglia di utilizzare lo zucchero di malto in una quantità moderata non superiore alla tariffa giornaliera. Altrimenti, le proprietà benefiche del prodotto vengono trasferite in danno, e giustamente comincia a giustificare il suo tacito nome "dolce morte".

fonti

Il maltosio è prodotto dalla fermentazione del malto, in cui vengono utilizzate le seguenti colture di cereali: grano, mais, segale, riso o avena. È interessante notare che lo zucchero di malto estratto dai funghi della muffa è una parte della melassa.

Formula del maltosio

Definizione e formula del maltosio

In condizioni normali si tratta di cristalli incolori (Fig. 1), che si sciolgono bene in acqua e hanno un sapore dolce. Il punto di fusione del maltosio è 108 o C.

Fig. 1. Maltosio. Aspetto.

Formula chimica del maltosio

Formula chimica del maltosio C12H22O11. Mostra la composizione qualitativa e quantitativa della molecola (quanti e quali atomi sono inclusi in un particolare composto). Con la formula chimica, si può calcolare il peso molecolare dell'acido linolenico (Ar (C) = 12 amu, Ar (H) = 1 amu). m., Ar (O) = 16 amu):

Mr (C12H22O11) = 12 × 12 + 22 × 1 + 11 × 16 = 144 + 22 + 176 = 342.

Formula strutturale (grafica) di maltosio

La formula strutturale (grafica) del maltosio è più visiva (Figura 2). Mostra come gli atomi sono collegati l'un l'altro all'interno della molecola.

maltosio

Maltosio (dall'inglese Malt-malt) - zucchero di malto, 4-O-α-D-glucopiranosil-D-glucosio, un disaccaride naturale costituito da due residui di glucosio; trovato in grandi quantità in grani germinati (malto) di orzo, segale e altri cereali; trovato anche nei pomodori, nei pollini e nel nettare di un certo numero di piante.

La biosintesi del maltosio derivante dal fosfato β-D-glucopiranosil fosfato e dal D-glucosio è nota solo in alcune specie di batteri. Negli organismi animali e vegetali, il maltosio è formato dalla scissione enzimatica di amido e glicogeno (vedi Amilasi).

Il maltosio è facilmente assorbito dal corpo umano. La scissione del maltosio a due residui di glucosio si verifica a seguito dell'azione dell'enzima a-glucosidasi, o maltasi, che è contenuta nei succhi digestivi degli animali e degli esseri umani, nei chicchi germinati, nei funghi e nei lieviti. La mancanza geneticamente determinata di questo enzima nella mucosa intestinale degli esseri umani porta a intolleranza congenita al maltosio, una malattia grave che richiede l'esclusione di maltosio, amido e glicogeno dalla dieta o aggiunta di maltasi al cibo.

Il contenuto

Proprietà fisiche

Il maltosio è facilmente solubile in acqua, ha un sapore dolce. Il peso molecolare del maltosio è 342,32. Il punto di fusione del maltosio è 108 (anidro).

Proprietà chimiche

Il maltosio è uno zucchero riducente, poiché ha un gruppo ossidrile emiacetale non sostituito.

Quando si fa bollire il maltosio con acido diluito e sotto l'azione dell'enzima maltasi si idrolizza (si formano due molecole di glucosio C6H12O6).

riferimenti

letteratura

  • Chimica dei carboidrati. - M. 1967.
  • Harris G. Fundamentals of Human Biochemical Genetics. Trans. dall'inglese - M. 1973.

Wikimedia Foundation. 2010.

Controlla quale "Maltoza" in altri dizionari:

MALTOZA - Un tipo speciale di zucchero, completamente diverso dall'uva e formato dall'azione dell'estratto di malto acquoso sull'amido. Dizionario di parole straniere incluso nella lingua russa. Chudinov A.N., 1910. MALTOZA Tipo speciale di zucchero,...... Dizionario di parole straniere di lingua russa

maltosio - zucchero di malto Dizionario di sinonimi russi. maltose n., numero di sinonimi: 3 • disaccharide (9) •... Dizionario di sinonimi

MALTOZA - (zucchero di malto, C12H22On) T. andare disaccaride costruito da residui di glucosio d andare. tipo di legame monoglicosidico: un glucoside 4 glucosio (vedi Disaccaridi). M. è intermedio. il prodotto dell'idrolisi acida del glicogeno... Grande Enciclopedia Medica

Maltosa - (zucchero di malto) disaccaride formato da due residui di glucosio. Negli organismi viventi si forma durante la scissione dell'amido e del glicogeno da parte di enzimi (amilasi), in grandi quantità in grani germinati (malto) di orzo e altri cereali... Enciclopedia moderna

MALTOZA - (zucchero di malto) disaccaride formato da due residui di glucosio. Negli organismi viventi si forma durante la scissione dell'amido e del glicogeno da parte di enzimi amilasi, in grandi quantità in grani germinati (malto) di orzo e altri grani... Grande Dizionario Enciclopedico

MALTOSA - (zucchero di malto, C12H22O11), un disaccaride contenente due molecole di zucchero glucosio semplice. È ottenuto da HYDROLYSIS OF STARCH con l'enzima AMYLASE e dalla decomposizione dell'amido e GLYCOGEN durante la digestione... Dizionario Enciclopedico Scientifico e Tecnico

MALTOZA - MALTOZA, maltosio, pl. no, femmina (da maltosio) (chimico). Intermedio in infusione e distillazione, una sostanza zuccherina formata dall'amido con l'azione del malto su di esso; zucchero di malto. Dizionario esplicativo Ushakov. DN Ushakov. 1935 1940... Dizionario esplicativo di Ushakov

Maltosa - zucchero di malto, un disaccaride costituito da due residui di glucosio. L'elemento strutturale principale dell'amido e del glicogeno. In forma libera è presente in semi germinanti di cereali. La scissione di M. avviene sotto l'influenza di enzima e glucosidasi, oppure...... Dizionario enciclopedico biologico

maltosio - estratto di malto industriale. Utilizzato per accelerare la preparazione di kvas, birra fatta in casa. Può servire come aroma nell'impasto quando cuoce il pane. (Dizionario culinario V.V. Pokhlebkina, 2002) * * *...... Dizionario culinario

maltosio - MALT SUGAR - un disaccaride costituito da due residui di glucosio. L'elemento strutturale principale dell'amido e del glicogeno. Formata in semi germinanti di cereali sotto l'azione dell'enzima α-glucosidasi o maltasi. Questo enzima si trova anche nel...... Dizionario di Microbiologia

Lezione 35.
Disaccaridi e oligosaccaridi

La maggior parte dei carboidrati naturali consiste di diversi residui di monosaccaridi legati chimicamente. I carboidrati contenenti due unità di monosaccaridi sono disaccaridi, quelli di tre unità sono trisaccaridi, ecc. Il termine generico di oligosaccaridi viene spesso utilizzato per i carboidrati contenenti da tre a dieci unità di monosaccaridi. I carboidrati costituiti da un numero maggiore di monosaccaridi sono chiamati polisaccaridi.

Nei disaccaridi, due unità di monosaccaridi sono collegate da un legame glicosidico tra l'atomo di carbonio anomalo di una unità e l'atomo di ossidrile di ossigeno dell'altro. Secondo la struttura e le proprietà chimiche dei disaccaridi sono divisi in due tipi.

Nella formazione di composti primo tipo l'acqua viene rilasciata a causa dell'idrossile emiacetale di una molecola di monosaccaride e di uno degli idrossili dell'alcool della seconda molecola. Questi disaccaridi includono il maltosio. Tali disaccaridi hanno un idrossile emiacetale, per le loro proprietà sono simili ai monosaccaridi, in particolare possono ridurre tali agenti ossidanti come ossidi di argento e rame (II). Questi stanno riducendo i disaccaridi.
Composti del secondo tipo sono formati in modo che l'acqua venga rilasciata a causa di ossidrili emiacetali di entrambi i monosaccaridi. Negli zuccheri di questo tipo non vi è ossidrile emiacetale e sono chiamati disaccaridi non riducenti.
I tre più importanti disaccaridi sono il maltosio, il lattosio e il saccarosio.

Il maltosio (zucchero di malto) si trova nel malto, ad es. in grani di cereali germogliati. Il maltosio si ottiene per idrolisi incompleta dell'amido da parte degli enzimi di malto. Il maltosio è isolato nello stato cristallino, è ben solubile in acqua, fermentato dal lievito.

Il maltosio consiste di due unità di D-glucopiranosio legate da un legame glicosidico tra carbonio C-1 (carbonio anomico) di un'unità di glucosio e carbonio C-4 di un'altra unità di glucosio. Questo legame è chiamato legame -1,4-glicosidico. Di seguito è riportata la formula di Heuors
-il maltosio è denotato dal prefisso -, poiché il gruppo OH con il carbonio anomerico dell'unità di glucosio a destra è β-idrossile. Il maltosio è uno zucchero riducente. Il suo gruppo emiacetale è in equilibrio con la forma di aldeide libera e può essere ossidato in acido carbossilico multibionico.

Heuors formule di maltosio in forma ciclica e aldeidica

Il lattosio (zucchero del latte) è contenuto nel latte (4-6%), si ottiene dal siero dopo aver rimosso la cagliata. Il lattosio è molto meno dolce dello zucchero di barbabietola. È usato per preparare pappe e prodotti farmaceutici.

Il lattosio è costituito da residui di molecole D-glucosio e D-galattosio ed è
4- (-D-galattopiranosil) -D-glucosio, cioè non ha legame -, e - glicosidico.
Nello stato cristallino, le forme u del lattosio sono isolate, entrambe appartengono agli zuccheri riducenti.

Heuors formula del lattosio (forma)

Il saccarosio (tavolo, barbabietola o zucchero di canna) è il disaccaride più comune nel mondo biologico. In saccarosio, il carbonio D-glucosio C-1 è combinato con il carbonio
C-2 D-fruttosio per legame -1,2-glicosidico. Il glucosio è nella forma ciclica a sei membri (piranosio) e il fruttosio nella forma ciclica a cinque membri (furanosio). Il nome chimico del saccarosio è -D-glucopiranosil-β-D-fruttofuranoside. Poiché sia ​​il carbonio anomico (sia il glucosio che il fruttosio) sono coinvolti nella formazione di un legame glicosidico, il glucosio è un disaccaride non riducente. Le sostanze di questo tipo sono capaci solo della formazione di eteri ed esteri, come tutti gli alcoli polivalenti. Il saccarosio e altri disaccaridi non riducenti si idrolizzano particolarmente facilmente.

Heuors formula saccarosio

Task. Dare la formula di Heuors per il numero di α-disaccaride, in cui due unità
Legame 1,6-glicosidico legato alla D-glucopiranosio.
La decisione Disegna la formula strutturale del link D-glucopiranosio. Quindi collegare il carbonio anomerico di questo monosaccaride attraverso il ponte dell'ossigeno con il carbonio C-6 del secondo anello
D-glucopiranosio (legame glicosidico). La molecola risultante sarà in - o - forma, a seconda dell'orientamento del gruppo OH all'estremità riducente della molecola disaccaride. Il disaccaride mostrato di seguito è una forma:

ESERCIZI.

1. Quali carboidrati sono chiamati disaccaridi e quali sono gli oligosaccaridi?

2. Dare formule Heuors di riduzione e non riduzione del disaccaride.

3. Assegna un nome ai monosaccaridi, dai quali consistono i residui disaccaridi:

a) maltosio; b) lattosio; c) saccarosio.

4. Componi la formula strutturale del trisaccaride dai residui di monosaccaridi: galattosio, glucosio e fruttosio, combinati in uno qualsiasi dei modi possibili.

Lezione 36. Polisaccaridi

I polisaccaridi sono biopolimeri. Le loro catene polimeriche consistono in un gran numero di unità monosaccaride collegate tra loro da legami glicosidici. I tre più importanti polisaccaridi - amido, glicogeno e cellulosa - sono polimeri di glucosio.

Amido - amilosio e amilopectina

Amido (C6H10oh5) n - nutriente di riserva delle piante - contenuto in semi, tuberi, radici, foglie. Ad esempio, nelle patate - 12-24% di amido e nei chicchi di mais - 57-72%.
L'amido è una miscela di due polisaccaridi diversi nella struttura a catena della molecola, amilosio e amilopectina. Nella maggior parte delle piante, l'amido contiene il 20-25% di amilosio e il 75-80% di amilopectina. L'idrolisi completa dell'amido (amilosio e amilopectina) porta al D-glucosio. In condizioni blande, è possibile isolare i prodotti intermedi di idrolisi - destrine - polisaccaridi (C6H10oh5) m con un peso molecolare inferiore all'amido (m

Frammento di molecola di amilosio - D-glucosio polimerico lineare

L'amilopectina è un polisaccaride ramificato (circa 30 rami per molecola). Contiene due tipi di collegamenti glicosidici. All'interno di ciascuna catena, le unità D-glucosio sono collegate
Legami 1,4-glicosidici, come nell'amilosio, ma la lunghezza delle catene polimeriche varia da 24 a 30 unità di glucosio. Nelle filiali, le nuove catene sono collegate da
Legami 1,6-glicosidici.

Frammento di molecola di amilopectina -
D-glucosio polimerico altamente ramificato

Il glicogeno (amido animale) si forma nel fegato e nei muscoli degli animali e svolge un ruolo importante nel metabolismo dei carboidrati negli organismi animali. Il glicogeno è una polvere amorfa bianca, si scioglie in acqua per formare soluzioni colloidali e idrolizza per produrre maltosio e D-glucosio. Come l'amilopectina, il glicogeno è un polimero non lineare di D-glucosio con -1,4 e
-Legami 1,6-glicosidici. Ogni ramo contiene 12-18 unità di glucosio. Tuttavia, il glicogeno ha un peso molecolare più basso e una struttura ancora più ramificata (circa 100 rami per molecola) rispetto all'amilopectina. Il contenuto totale di glicogeno nel corpo di un adulto ben nutrito è di circa 350 g, che sono equamente distribuiti tra fegato e muscoli.

Cellulosa (fibra) (C6H10oh5) x - il polisaccaride più comune in natura, il componente principale delle piante. La fibra di cotone è quasi pura cellulosa. Nel legno, la cellulosa è circa la metà della sostanza secca. Inoltre, il legno contiene altri polisaccaridi, detti collettivamente "emicellulosa", nonché la lignina, una sostanza altamente molecolare legata al derivato del benzene. La cellulosa è una sostanza fibrosa amorfa. È insolubile in acqua e solventi organici.
La cellulosa è un polimero lineare di D-glucosio, in cui sono collegate unità monomeriche
-Legami 1,4-glicosidici. Inoltre, i collegamenti della D-glucopiranosio sono alternativamente ruotati di 180 ° l'uno rispetto all'altro. Il peso molecolare relativo medio della cellulosa è di 400.000, che corrisponde a circa 2.800 unità di glucosio. Le fibre di cellulosa sono fasci (fibrille) di catene polisaccaridiche parallele tenute insieme da legami idrogeno tra i gruppi ossidrile delle catene adiacenti. La struttura ordinata della cellulosa determina la sua elevata resistenza meccanica.

La cellulosa è un polimero lineare di D-glucosio con legami -1,4-glicosidici

ESERCIZI.

1. Quale monosaccaride funge da unità strutturale di polisaccaridi - amido, glicogeno e cellulosa?

2. Qual è la miscela di due amidi polisaccaridi? Qual è la differenza della loro struttura?

3. Qual è la differenza tra amido e glicogeno nella struttura?

4. In che modo il saccarosio, l'amido e la cellulosa si differenziano per la solubilità in acqua?

Risposte agli esercizi per l'argomento 2

Lezione 35.

1. I disaccaridi e gli oligosaccaridi sono carboidrati complessi, spesso con un sapore dolce. Durante l'idrolisi, formano due o più molecole di monosaccaride (3-10).

Il maltosio è un disaccaride riducente, perché contiene idrossile emiacetale.

2.

Il saccarosio è un disaccaride non riducente; non vi è idrossile emiacetale nella molecola.

3. a) Il disaccaride maltosio è ottenuto per condensazione di due molecole di D-glucopiranosio con la rimozione dell'acqua da idrossili a C-1 e C-4.
b) Il lattosio è costituito da residui di molecole di D-galattosio e D-glucosio che sono in forma piranosica. Quando questi monosaccaridi si condensano, si legano: l'atomo di C-1 del galattosio attraverso il ponte dell'ossigeno all'atomo di glucosio C-4.
c) Il saccarosio contiene residui di D-glucosio e D-fruttosio, legati attraverso un legame 1,2-glicosidico.

4. Formula strutturale del trisaccaride:

Lezione 36.

1. L'unità strutturale dell'amido e del glicogeno è il glucosio e la cellulosa è il glucosio.

2. L'amido è una miscela di due polisaccaridi: amilosio (20-25%) e amilopectina (75-80%). L'amilosio è un polimero lineare, mentre l'amilopectina è ramificata. All'interno di ciascuna catena di questi polisaccaridi, le unità di D-glucosio sono collegate da legami 1,4-glucosidici, e nei siti di ramificazione dell'amilopectina, nuove catene sono attaccate tramite legami 1,6-glicosidici.

3. Il glicogeno, come l'amilopectina dell'amido, è un polimero non lineare di D-glucosio con
-Legami 1,4- e -1,6-glicosidici. Rispetto all'amido, ogni catena di glicogeno è lunga circa la metà. Il glicogeno ha un peso molecolare più basso e una struttura più ramificata.

4. Solubilità in acqua: saccarosio - alto, amido - moderato (basso), cellulosa - insolubile.

Maltosio (malto, zucchero di malto)

CHIMICA INDUSTRIALE

  • pagina:
  • principale
  • Chimica industriale

Maltosio (malto, zucchero di malto)

Formula chimica: C12H24O12
Sinonimo: malto, zucchero malto, 4-alfa-glucopiranosile, maltobiosi
Nome internazionale: MALTOSE
N. CAS: 6363-53-7
Qualifiche: Imp.
Aspetto: polvere cristallina bianca
Imballaggio: tamburo, 25 kg
Condizioni di stoccaggio: in un'area asciutta e ben ventilata.

Offriamo MALTOZU a prezzi competitivi con consegna in tutta la Russia. Per concordare i termini di pagamento, chiama i nostri gestori telefonici:
(383) 289-98-09, (383) 289-98-08
(383) 279-97-52
(383) 279-98-76

Maltosio (dall'inglese Malt - malto) - zucchero di malto, un disaccaride naturale costituito da due residui di glucosio; trovato in grandi quantità in grani germinati (malto) di orzo, segale e altri cereali; trovato anche nei pomodori, nei pollini e nel nettare di un certo numero di piante. Il maltosio è facilmente solubile in acqua, ha un sapore dolce; è uno zucchero riducente, poiché ha un gruppo ossidrile emiacetale non sostituito.

La biosintesi del maltosio da b-D-glucopiranosil fosfato e D-glucosio è nota solo in alcune specie di batteri. Negli organismi animali e vegetali, il maltosio è formato dalla scissione enzimatica di amido e glicogeno.

Quando si fa bollire il maltosio con acido diluito e sotto l'azione dell'enzima, il maltosio viene idrolizzato (si formano due molecole di glucosio C6H12O6). Il maltosio è facilmente assorbito dal corpo umano.

Formula molecolare maltosio

- composti le cui molecole consistono in residui di due monosaccaridi legati da un legame glicosidico.

Formula generale

I disaccaridi più importanti sono composti da residui di esosi e hanno la formula generale

Struttura molecolare

Nella formazione di un legame glicosidico, una molecola di un monosaccaride è sempre coinvolta con il suo idrossile semi-acetapicale, e l'altro - o con semi-acetaptico o qualsiasi idrossile alcolico.

Schema di formazione di saccarosio

(barbabietola o zucchero di canna)

Schema di formazione del maltosio

Schema della formazione del cellobiosio

Schema di formazione del lattosio

classificazione

Come si può vedere dalle precedenti formule strutturali di disaccaridi, in molecole

maltosio, cellobiosio e lattosio

si mantiene un idrossile emiacetale. Questo idrossile può formare un gruppo aldeidico come risultato della trasformazione tautomerica. Pertanto, questi disaccaridi sono in grado di ossidarsi, cioè hanno proprietà riducenti (in particolare, entrano in reazioni qualitative con Ag2O e Cu (OH)2). I disaccaridi di questo tipo sono chiamati riduzione.

non contiene idrossile emiacetale nella sua struttura e appartiene ai disaccaridi non riducenti.

Proprietà chimiche

Nelle molecole di tutti i disaccaridi c'è un certo numero di alcol ossidrili, quindi danno una reazione qualitativa agli alcoli polivalenti:

Tutti i disaccaridi sono esposti

con la formazione di quei monosaccaridi, i cui resti sono inclusi nella loro composizione; per esempio:

Negli organismi viventi, l'idrolisi del disaccaride si verifica con la partecipazione di enzimi.

disaccaridi

I disaccaridi sono carboidrati complessi simili a zuccheri le cui molecole si scindono in due molecole di monosaccaridi durante l'idrolisi. Formula molecolare C12H22oh11. I disaccaridi si trovano in prodotti di origine naturale: saccarosio (zucchero di barbabietola) in grandi quantità, fino al 28%, - nella barbabietola da zucchero; lattosio (zucchero del latte) - nel latte; trealosio (zucchero a fungo) - nei funghi; il maltosio (zucchero di malto) è formato da idrolisi parziale dell'amido, ecc.

Con la loro struttura, i disaccaridi sono glucosidi. A seconda di quale idrossile del secondo monosaccaride è coinvolto nella formazione di un legame con il primo monosaccaride, si distinguono i disaccaridi di due tipi: riduzione (riduzione); non riducente.

Ridurre i disaccaridi sono chiamati glicosilglicosidi; il legame tra le molecole di monosaccaridi di questi disaccaridi è formato dall'idrossile emiacetale di una molecola e dall'idroxyil alcolico (più spesso al quarto atomo di carbonio) della seconda molecola. I rappresentanti più importanti: maltosio, lattosio, cellobiosio. In soluzione, sono in forme tautomeriche: cicliche (emiacetali) e idrossicarbonili (aldeide).

lattosio

(forma emiacetale) (forma idrossicarbonile)

Struttura. La composizione dei disaccaridi può comprendere due monosaccaridi identici o diversi nella forma ematica (ciclica).

Pertanto, la molecola di maltosio (zucchero di malto) è costituita da due molecole α-D-glucosio in forma piranosica, interconnesse
legame l-4-α-glicosidico.

Nel secondo residuo di monosaccaride della molecola di maltosio, viene trattenuto l'idrossile emiacetale libero. Per questo motivo, in soluzione, il maltosio può esistere in forme tautomeriche: cicliche e idrossicarbonile, che sono in equilibrio dinamico.

(forma emiacetale) (forma idrossicarbonile)

Con questo principio vengono costruiti tutti i disaccaridi riducenti (lattosio, cellobiosio, ecc.).

Proprietà di ridurre (ridurre) i disaccaridi. Ridurre i disaccaridi sono sostanze cristalline, ben solubili in acqua, hanno un sapore dolce, sono igroscopici. Le soluzioni di questi disaccaridi sono neutre, hanno attività ottica. Chimicamente, i disaccaridi riducenti mostrano le proprietà delle aldeidi: danno una reazione allo specchio d'argento, ripristinano il liquido di Fehling, reagiscono con i reagenti ad un gruppo carbonile (con fenilidrazina, idrossilammina). A causa dell'idrossile idrossico, i disaccaridi formano glicosidi e mostrano anche le proprietà degli alcoli polivalenti: entrano in alchilazione, reazioni di acilazione, danno una reazione qualitativa agli alcoli polivalenti (sciogliere Cu (OH)2).

acido maltobionico maltosio (forma aldeidica)

Questo gruppo di disaccaridi è in grado di ripristinare Ag + ad Ag 0 nella reazione dello specchio d'argento, Сu 2+ a Сu + in reazione con la soluzione di Fehling, quindi sono chiamati riduzione dei disaccaridi. Come tutti i carboidrati complessi, i disaccaridi possono essere idrolizzati dall'azione degli acidi minerali o degli enzimi.

I disaccaridi non riducenti sono chiamati glicosilglicosidi; il legame tra i monosaccaridi di questi disaccaridi si forma con la partecipazione di entrambi gli ossidrili emiacetali, quindi non possono trasformarsi in altre forme tautomeriche. I loro rappresentanti più importanti sono saccarosio e trealosio.

trealosio saccarosio

La molecola di trealosio è costituita da due residui di α-D-glucopene-rasena e la molecola di saccarosio è costituita dal residuo α-D-glucopiranosio e dal residuo β-D-fruttofuranosio. Poiché nei disaccaridi di questo gruppo, il legame tra i monosaccaridi è dovuto a entrambi gli ossidrili emiacetali, essi non possono essere tautomerici alla forma idrossicarbonile, quindi non possono reagire al gruppo carbonilico, compreso il gruppo aldeidico (non danno una reazione allo specchio d'argento, non reagire con la soluzione di abbattimento). Tali disaccaridi non sono in grado di mostrare proprietà riducenti, quindi sono chiamati disaccaridi non riducenti. Esibiscono le proprietà degli alcoli polivalenti (sciolgono idrossido di rame, entrano in reazioni di alchilazione e acilazione), poiché tutti i carboidrati complessi vengono idrolizzati in presenza di acidi minerali o sotto l'azione degli enzimi.

Struttura e proprietà del saccarosio. Il saccarosio (zucchero di barbabietola) è uno dei cibi più conosciuti dell'uomo. Inizialmente, il saccarosio è stato isolato dalla canna da zucchero e poi dalla barbabietola da zucchero. Il saccarosio si trova anche in molte altre piante (mais, acero, palma, ecc.).

Composizione molecolare del saccarosio C12H22oh11.

La molecola di saccarosio consiste di due monosaccaridi: glucosio in forma α-D-piranosio e fruttosio in forma β-D-furanosio, collegati tra loro da un legame 1-2-glicosidico con la partecipazione di due idrossili emiacetali (glucosidi). Non ci sono ossidrili emiacetali liberi nella molecola del saccarosio, quindi non può essere convertito in tautomero nella forma idrossicarbonile.

Se riscaldato sopra i 160 ° C, il saccarosio si decompone parzialmente, rilasciando acqua e trasformandosi in una massa bruna - caramello.

Una soluzione acquosa di saccarosio scioglie l'idrossido di rame, formando una soluzione di saharat di rame, mostra le proprietà degli alcoli polivalenti. Quando la soluzione di saccarosio viene riscaldata in presenza di acidi minerali, il saccarosio viene idrolizzato, risultando in una miscela di glucosio e fruttosio in quantità uguali (miele artificiale). Il processo di idrolisi del saccarosio è chiamato inversione, poiché in questo caso c'è un cambiamento nella giusta rotazione della soluzione a sinistra.

Il saccarosio è ampiamente usato come prodotto alimentare nella produzione di dolciumi, prodotti da forno, marmellate, composte, marmellate, ecc. In farmacologia, viene utilizzato per preparare sciroppi, miscele, polveri, ecc.

Gli esteri di saccarosio e acidi grassi superiori hanno un'elevata detersione e sono usati come detergenti industriali. Questi prodotti sono inodori, completamente non tossici e completamente distrutti dai batteri durante l'autopulizia biologica dell'acqua.

I diesteri di acidi grassi e saccarosio sono usati come emulsionanti nella preparazione di margarina, droghe e cosmetici.

Lo zucchero ottamilacico è utilizzato nell'industria delle materie plastiche come plastificante.

L'octaacetato di saccarosio viene utilizzato come strato intermedio nella preparazione del vetro triplex.

I rifiuti della produzione di zucchero (melassa) sono utilizzati per la produzione di alcol etilico e nell'industria dolciaria.