Principale > Prodotti

Può o no c'è carne di cavallo ortodossa

Il problema dei prodotti "consentiti" e "vietati" diventa spesso oggetto di controversie nei circoli dei credenti. Molti sono preoccupati per la questione se sia possibile mangiare carne di cavallo.

È possibile per gli ortodossi mangiare carne di cavallo

Il sacerdote della Chiesa della Natività di Cristo, Andrei Kordochkin, dice che nell'Antico Testamento il cibo era realmente diviso in pulito e impuro, come tutto il mondo intorno. La carne di cavallo era tra i prodotti "sporchi".

Nel Nuovo Testamento questa classificazione è abolita. Il fatto è che Cristo, che era il salvatore del mondo umano, combina la natura divina e umana. Attraverso questa connessione, quest'ultimo è santificato e l'intero mondo materiale insieme ad esso.

Pertanto, per un cristiano ortodosso nella natura terrena non può esserci nulla di impuro.

Non ci sono dichiarazioni contro il consumo di certi tipi di carne negli insegnamenti teologici. Certo, ogni cultura ha i suoi atteggiamenti e le sue barriere. Ma nel cristianesimo il concetto di purezza e impurità si estende solo alla sfera morale della vita umana.

Carne di cavallo sul tavolo ortodosso

È successo che i cavalli sono animali più vicini agli umani. Tuttavia, la carne di cavallo è la stessa carne della carne di coniglio, maiale o pollo e può essere mangiata. Le informazioni di alcune fonti letterarie cristiane indicano che la carne di cavallo era presente sul tavolo come piatto commestibile.

Si credeva che la carne di cavallo contenesse sostanze dannose per il corpo umano. Forse questo ha avuto un ruolo nell'emergere della teoria sull'inammissibilità di mangiare carne di cavallo.

storia

Negli annali ci sono informazioni che in Russia la carne di cavallo era usata nel cibo, ma era più probabile che venisse dal desiderio: durante una carestia, un assedio o una campagna militare. I cavalli sono stati visti più come aiutanti domestici. Semplicemente non erano portati a mangiare, come cani o gatti. Inoltre, per i cavalli da riproduzione sono necessari enormi pascoli, perché questo animale non può essere tenuto in una stalla per più di 15-20 giorni.

È importante! Pertanto, l'opinione che non sia auspicabile che gli ortodossi consumino la carne dei cavalli è probabilmente nata sullo sfondo delle tradizioni stabilite nella cultura russa per ragioni oggettive.

Atteggiamento della chiesa e della Bibbia

La chiesa non proibisce di mangiare carne di cavallo. In effetti, in questo mondo, ogni cosa, spiritualizzata o no, è santificata dalla grazia divina.

In una delle epistole bibliche si dice che tutto ciò che è caduto nel ventre materno, esce e contamina una persona che viene dalla sua bocca e dal suo cuore - pensieri e passioni malvagi. Non vi è alcun divieto diretto di mangiare carne di cavallo nella Bibbia. Questa è una questione di tradizioni culturali e principi di ogni individuo.

Carne di cavallo: i benefici e i danni della carne di valore. Quali sono le proprietà benefiche della carne di cavallo e può essere dannosa?

Nella medicina popolare, la carne di cavallo è considerata un prodotto curativo. E per una buona ragione: questa carne dietetica contiene molte sostanze utili. Non solo i guaritori tradizionali, ma anche i medici raccomandano spesso questo prodotto per il ripristino della salute e del trattamento dei malati.

Composizione e caloria di carne di cavallo

Ad alcune persone piace l'odore della carne di cavallo, altre no - questa è una questione di abitudine. Svedesi e francesi, ad esempio, mangiano questa carne cruda, generosamente aromatizzata con salse piccanti. In altri paesi, al fine di liberare il prodotto da un odore specifico, viene marinato, in scatola o aggiunto a salsicce affumicate, mescolato con altri tipi di prodotti a base di carne.

La carne odorosa è di grande beneficio per il corpo umano. La carne di cavallo viene assorbita dal tratto gastrointestinale molto più velocemente rispetto alla carne di manzo, nonostante la grande quantità di proteine ​​animali (25%). E tutto grazie ad un contenuto di aminoacidi ben bilanciato e di successo.

A causa della velocità di assimilazione (è otto volte superiore alla velocità di assimilazione della carne di manzo), le fibre non marciscono nello stomaco, non disturbano la digestione. Inoltre, l'effetto coleretico posseduto dalla carne di cavallo ripristina il funzionamento del fegato e generalmente ha un effetto benefico sulla salute umana.

Un altro fatto sorprendente. Gli scienziati hanno scoperto che i grassi contenuti nella carne di cavallo - è un incrocio tra grassi vegetali e animali. La quantità totale di grasso non è superiore al 5%, o anche inferiore. Pertanto, è un prodotto dietetico che non causa obesità, non è immagazzinato nei grassi e può essere utilizzato nelle diete per la perdita di peso.

La carne di cavallo contiene molti nutrienti:

• vitamine A (retinolo), E (tocoferolo), C (acido ascorbico), gruppo B;

• oligoelementi ferro, potassio, calcio, fosforo, magnesio, sodio, zinco, manganese, selenio, rame;

Il contenuto calorico della carne di cavallo è molto basso. Cento grammi di filetto fragrante contengono da 130 a 170 calorie. Far bollire o cuocere a fuoco lento per lungo tempo, almeno tre ore. H ha fibre molto dure che si ammorbidiscono solo dal trattamento termico prolungato.

I benefici della carne di cavallo per il corpo umano

Proprietà utili della carne di cavallo è che regola perfettamente i processi metabolici. Ciò significa che l'inclusione di questa carne nella dieta treatment-prophylactic contribuirà alla riduzione graduale del peso in eccesso. Inoltre, l'alto contenuto di acidi organici e un kit di vitamine e minerali bilanciati hanno un effetto benefico sullo stato dello stomaco e dell'intestino, normalizzando la loro attività.

I nomadi, che per ovvi motivi furono i primi a usare carne di cavallo, notarono la sua capacità di rinvigorire, riscaldare, dare forza. Hanno scoperto che se mangiate la pelle di un animale, aumenterà notevolmente la potenza maschile.

Le seguenti proprietà benefiche della carne di cavallo sono state dimostrate:

• migliora lo stato dei sistemi vascolari e cardiaci;

• riduce il livello di colesterolo "cattivo";

• Previene l'anemia e aumenta i livelli di emoglobina in anemico già sviluppato.

Sorprendentemente, l'uso di carne di cavallo è anche nel fatto che può ridurre il danno causato al corpo da radiazioni e chemioterapia. Le persone che sono deboli da danni tossici dovrebbero sicuramente mangiare carne rossa sana con un gusto insolito. Aiuterà il corpo a recuperare rapidamente ea rallentare la progressione della malattia.

La carne di cavallo non causa quasi mai allergie. Non ci sarà sicuramente danno dalla carne di cavallo, e quindi può e dovrebbe essere usato per nutrire i bambini fin dal primo anno di vita. I bambini grazie agli aminoacidi e alle vitamine cresceranno sani e forti. L'unica controindicazione alla carne di cavallo in questo caso è l'idiosincrasia. Ma è estremamente raro.

Proprietà medicinali della carne di cavallo

Molti guaritori tradizionali sono attivamente utilizzati nel trattamento di pazienti con olio di cavallo. Viene acquistato in un formato pulito, completamente pronto per l'uso o riscaldato autonomamente a casa. Questo prodotto ha davvero proprietà speciali. Viene usato esternamente per eliminare il dolore, viene trattato con congelamento, lividi, distorsioni, ustioni, otite e, se usato internamente, riduce il colesterolo, pulisce i vasi, ripristina la digestione.

La carne di cavallo viene anche utilizzata attivamente nella pratica di guarigione:

• a causa del suo significativo effetto coleretico, deve essere incluso nella dieta di una persona che ha avuto ittero al fine di ripristinare il funzionamento del fegato;

• previene lo sviluppo di aterosclerosi grazie alla capacità di ripristinare l'elasticità dei vasi sanguigni ed eliminare il colesterolo;

• viene prescritta carne di cavallo per migliorare la funzione cardiaca;

• carne di cavallo migliora le condizioni del paziente con malattie delle vie biliari, riducendo la probabilità di esacerbazione e un attacco di dolore;

• si mangia carne di cavallo per fermare e prevenire la distrofia muscolare;

• È raccomandato come uno dei prodotti più preziosi per il trattamento dell'obesità ormonale, la perdita di peso.

Per coloro che, in virtù della loro professione, sono costretti a lavorare in condizioni sfavorevoli, essendo esposti alle radiazioni, è importante mangiare carne di cavallo per ripristinare il sistema immunitario e prevenire lo sviluppo dei processi tumorali.

Chi non può mangiare carne di cavallo

Eppure ci sono situazioni in cui puoi parlare di controindicazioni alla carne di cavallo. Non si tratta solo di intolleranza individuale, ma anche di alcune limitazioni che si applicano agli alimenti proteici pesanti in generale. Non si può abusare della carne, nemmeno della dieta, in presenza delle seguenti diagnosi:

• insufficienza renale acuta.

I pazienti con tale diagnosi non dovrebbero includere la carne nella loro dieta. Hanno bisogno di una dieta completamente diversa. Inoltre, se una persona ha una produzione eccessiva di bile, la carne di cavallo è dannosa per lui a causa del suo effetto coleretico.

Questa carne indubbiamente utile ha alcune caratteristiche che devono essere prese in considerazione per non danneggiare il tuo corpo. Prima di tutto, mangia la migliore carne di cavallo giovane. L'età dell'animale dovrebbe variare da pochi mesi a tre anni al massimo.

La carne di cavallo è conservata molto male, quindi deve essere mangiata velocemente, o immediatamente conservata o appassita. Tuttavia, ci sono sfumature. Il fatto è che questa carne contiene spesso batteri così pericolosi come la salmonella e la trichiosi. La composizione chimica, in cui i carboidrati sono praticamente assenti, è un mezzo eccellente per la riproduzione della microflora patogena.

Non è un caso che i prodotti dei fornitori di carne di cavallo provenienti dalla stazione vengano controllati in modo particolare. Nel caso di un batterio patogeno che entra nel corpo umano, le conseguenze saranno gravi, tra cui sanguinamento e morte (con il trattamento sbagliato e diagnosi tardiva della malattia). In ogni caso, mangiare carne cruda o poco cotta è, in linea di massima, molto pericoloso, e la carne di cavallo è doppiamente pericolosa.

La carne di un animale sano non rappresenta un pericolo. Dovrebbe essere mangiato il prima possibile in modo che il prodotto non abbia tempo di rovinarlo.

Carne di cavallo

Carne equina - carne di cavallo per mangiare. La carne più consumata è quella di cavalli giovani di due e tre anni. Tuttavia, la carne dei puledri ha il maggior valore nutrizionale, aroma e tenerezza all'età da nove mesi a un anno.

La carne di cavallo ha un gusto specifico. Nei popoli nomadi, questo prodotto è un piatto preferito. La carne dei cavalli è piuttosto dura. Per renderlo morbido, dovrebbe essere cotto per almeno due ore.

Valore nutrizionale e calorie della carne di cavallo

La carne di cavallo è una carne dietetica facilmente digeribile dall'organismo. 100 gr. la carne contiene 167,1 kcal.

Valore nutrizionale per 100 gr. prodotto: grassi - 9,9 grammi., proteine ​​19,5 grammi, carboidrati - 0 grammi.

Proprietà utili della carne di cavallo

Rispetto ad altri tipi di carne, la carne di cavallo contiene la più alta quantità di proteine ​​di alta qualità - circa il 20-25%. La composizione dell'acqua nella carne è di circa il 70-75%, e il grasso - dal 2 al 5%. L'uso di carne di cavallo consiste nel suo alto contenuto di sostanze utili come sodio, potassio, ferro, amminoacidi, nicotinomide, fosforo, rame, riboflavina, tiamina e anche vitamine dei gruppi A, B, E, PP.

Gli studi hanno dimostrato che l'uso della carne di cavallo si manifesta anche nel promuovere la neutralizzazione degli effetti nocivi e delle radiazioni. I popoli nomadi sostenevano che la pelle dei cavalli, se usata per il cibo, potesse migliorare la potenza.

Una grande percentuale dei benefici della carne di cavallo è nelle proprietà speciali del grasso di cavallo. Tra grassi vegetali e animali, occupa un posto intermedio e ha un effetto coleretico.

Si raccomanda un consumo frequente di carne di cavallo dopo l'ittero per ripristinare e normalizzare la funzionalità epatica. E il grasso di cavallo è ampiamente usato in vari cosmetici. Nella medicina popolare viene utilizzato per la preparazione di unguenti curativi per ustioni e congelamento, nonché per la preparazione di medicinali per il raffreddore.

La carne di cavallo è ipoallergenica e ben assorbita dal corpo dei bambini. A causa dell'elevato contenuto di vitamine del gruppo B ed E, si può distinguere un'altra proprietà utile della carne di cavallo: dopo che è stata mangiata, la circolazione del sangue nel corpo migliora in modo significativo.

La carne di cavallo riduce il colesterolo e migliora i processi metabolici nel corpo. Pertanto, le proprietà della carne di cavallo sono state utilizzate nella terapia dietetica per l'obesità.

I prodotti a base di latte fermentato di cavalli (chigyan e koumiss) contengono un gran numero di importanti componenti benefici per il corpo umano: acido acetico e lattico, antibiotici. Mangiare questi cibi previene le malattie gastrointestinali e migliora la digestione. Inoltre, i prodotti a base di latte fermentato di cavalli compensano il deficit di acido ascorbico, una vitamina necessaria per il normale metabolismo nel corpo.

Le proprietà nocive della carne di cavallo

Nonostante molte qualità positive, la carne di cavallo non è molto popolare. Ci sono diversi motivi per questo.

Prima di tutto, questo è un contenuto di carboidrati basso - non più dell'1%, e questo è un ambiente favorevole per la riproduzione di vari batteri.

In secondo luogo - la carne di cavallo è scarsamente conservata.

Controindicazioni all'uso di carne di cavallo

La carne di cavallo è controindicata per l'uso in forma grezza, in quanto può essere rilevata salmonella - un pericoloso parassita per l'uomo, con gravi conseguenze fino alla morte. Inoltre, la carne di cavallo può fungere da portatore di trichinosi, un parassita che causa disturbi digestivi ea volte sanguinanti.

La carne di cavalli, come qualsiasi altra carne, non è raccomandata per l'uso in grandi quantità. L'eccessivo consumo di questo prodotto aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, così come il sistema osseo (osteoporosi).

La carne di cavallo è buona o cattiva?

Non credere al mito che la carne di cavallo - carne insipida. Questo prodotto dietetico ha un sapore salato insolito. Se lo cucini correttamente, otterrai un piatto deliziosamente gustoso e sano.

Foto: Depositphotos. Postato da: JanMac.

Il cavallo viene chiamato carne di cavallo, che viene mangiata. Di solito mangiano carne di giovani cavalli o puledri leggermente cresciuti. Mentre la carne dei cavalli non viene utilizzata, è caratterizzata da durezza, gusto sgradevole e aroma specifico. Tuttavia, anche la carne di cavallo più "corretta" in sé è un piatto amatoriale. Questo è un prodotto abbastanza duro con un gusto insolito per il russo medio, perché viene spesso aggiunto alla salsiccia o alla carne macinata.

Affinché la carne sia commestibile, il cavallo deve muoversi molto al pascolo. Lo sviluppo stabile è permesso non più di due mesi, il che rende la produzione di carne di cavallo complicata e costosa. Pertanto, il prodotto rimane una prelibatezza gastronomica.

Quando si cucina la carne deve essere bollita per almeno due ore. Per dare tenerezza alla carne di cavallo pre-marinata, e nel processo di trattamento termico, aggiungere erbe, spezie, salse o panna acida.

È un cibo tradizionale dei popoli nomadi. La carne di cavallo è stata a lungo una componente chiave della dieta delle tribù mongole e turche. I nomadi cucinavano, estinguevano e arrostivano carne di cavallo, raccolti in specie essiccate e salate, producevano diversi tipi di salsicce.

In Giappone, non c'era posto per i pascoli, quindi questa carne lì per molti secoli era considerata una prelibatezza. In Germania e in Francia, la carne di cavallo viene aggiunta a salsicce e salsicce.

Non mangiare: indiani e brasiliani, zingari, americani e irlandesi. Ma qui non è tanto nel gusto quanto in relazione alle culture nazionali per i cavalli. Per motivi religiosi, questo prodotto non è consumato da ebrei e arabi.

Perché la carne di cavallo è considerata insipida

Il mito che la carne di cavallo abbia un sapore disgustoso è molto tenace. È causato da diversi motivi.

  • La carne dei cavalli di mezza età, infatti, non ha un sapore molto buono.
  • Durante la ritirata i soldati napoleonici morivano di fame e quindi mangiavano carne di animali morti. È ovvio che tale prodotto è stato inizialmente rovinato. Inoltre, la "piquancy" aggiungeva polvere da sparo, che veniva usata al posto di sale e spezie. È abbastanza probabile che i soldati francesi odiassero questa "delicatezza" così tanto che il mito dell'inesabilità della carne di cavallo fu radicato nella coscienza di massa per secoli.

Eppure oggi in Russia sta iniziando ad apprezzare. Il famigerato Sergei Lukyanenko ha contribuito a questo, che in una delle sue storie ha raccontato in modo dettagliato e stuzzicante il gusto, i benefici e le regole del mangiare questa carne.

Valore nutrizionale

100 g di carne di cavallo bollita contengono circa 189 kcal, quasi 20 g di proteine ​​e 10 g di grassi. Contiene circa il 70% di acqua e quindi è facilmente assorbibile. Ma in forma fritta diventa molto grassa, dura e ricca di calorie - fino a 234 kcal per 100 g.

Questa è un'ottima fonte di proteine. Le proteine ​​della carne di cavallo vengono assorbite meglio di quelle ottenute da altre specie.

Questo detentore del record nella quantità di molibdeno contenuta in esso. Presente anche: potassio e sodio, fosforo e ferro, zolfo e cobalto, rame e magnesio. Molti aminoacidi e varie vitamine del gruppo B, e anche tiamina e riboflavina, vitamine A, PP ed E.

Quali benefici porta

Questa carne non è molto popolare, sebbene abbia molte proprietà utili.

  • Nella forma fredda, dà un effetto riscaldante che puoi mettere in servizio in inverno.
  • Quasi mai causare allergie.
  • Una volta cotto, è un prodotto dietetico ed è ben digerito.
  • Nutre il corpo umano con aminoacidi.
  • Migliora il tratto digestivo.
  • L'uso regolare ha un effetto benefico sui processi metabolici.
  • Dà effetto anti-sclerotico.
  • Il grasso di cavallo ha proprietà coleretiche ed è più sano della carne di manzo o di maiale.
  • Aiuta a combattere gli effetti nocivi delle radiazioni - un fatto dimostrato dagli scienziati.
  • I medici dicono che l'efficacia del prodotto nella prevenzione dell'anemia da carenza di ferro.

Alcuni scienziati sostengono che l'uso di carne di cavallo supera quello di manzo o maiale.

Con un adeguato trattamento termico, tale carne può essere consumata da bambini e anziani.

È possibile perdere peso

Questo è un prodotto dietetico che è incluso nella dieta di pazienti debilitati, compresi quelli che soffrono di malattie del fegato e della cistifellea. Le proprietà utili della carne di cavallo aiutano a dimagrire un po 'senza molta sofferenza e scioperi della fame.

Una delle varianti della dieta a base di carne di cavallo:

  1. Per colazione, mangiare 200 g di carne di cavallo bollita, porridge e tè non zuccherato.
  2. Per il pranzo, cuocere 300 g di gulasch di carne di cavallo, sedano, pomodori, carote e cipolle. Lavate il gulasch con succo naturale dei vostri frutti preferiti.
  3. Cenare un'insalata di verdure con l'aggiunta di 100 grammi di carne bollita e bere tutto con tè non zuccherato.
  4. Al momento di coricarsi, bere un bicchiere di qualsiasi prodotto a base di latte fermentato, come ad esempio koumiss, i cui benefici abbiamo già detto.

Per colazione, puoi cucinare qualsiasi tipo di cereali, ma senza aggiungere latte. Per cena puoi servire non solo insalata di verdure, ma verdure bollite o fresche, ma è anche consigliabile bere infusi alle erbe e assumere vitamine.

Per perdere fino a 5 kg, questa dieta dovrebbe essere seguita per 10 giorni.

Quale potrebbe essere il danno

Il danno da carne di cavallo è limitato ai seguenti casi.

  • Brodo dopo cottura della carne è meglio versare, in quanto può causare mal di stomaco.
  • Nella forma fritta, spesso provoca nausea e pesantezza nella regione addominale, quindi si dovrebbe mangiare solo bollito.
  • La carne di cavallo può essere infettata da trichinella e salmonella. Pertanto, non acquistare il prodotto da venditori discutibili.

La carne di cavallo deve essere sottoposta a un trattamento termico approfondito prima di essere mangiata. Quindi non causerà alcun danno alla tua salute.

Come scegliere e come conservare?

La carne di manzo sembra carne di manzo, ma ha un'ombra più scura. Scegli un pezzo di tight e resiliente al tatto: questi sono segni di freschezza. La superficie deve essere leggermente levigata e leggermente umida.

Ma attenzione: se un tovagliolo viene applicato a una buona carne, deve rimanere asciutto, senza punti bagnati.

Il grasso del cavallo ha un colore giallastro. Dovrebbe essere morbido e facile da sciogliere anche nelle mani. In modo ottimale, se il grasso è quasi bianco, significa che hai la carne di puledro di fronte a te.

Se hai comprato un sacco di carne di cavallo, non metterlo in frigorifero, ma piuttosto fare il pezzo. Lo stufato fatto in casa con questa carne ha un gusto eccellente, è ben conservato e per lungo tempo sazia il corpo.

Riferimento culinario

Stufato di carne di cavallo, fritto. Da esso viene preparato il goulash di verdure, bistecche, cotolette, salsicce e salsicce fatte in casa, stufato.

Al centro dei loro piatti a base di carne di cavallo nazionale sono simili: sono pezzi di carne, una grande quantità di brodo e alcune verdure.

  • Puoi cucinare qualcosa di più esotico, ad esempio beshbarmak (o besbarmak), che è pezzi di carne bollita tritata con noodles.
  • È facile riprodurre la ricetta con il nome "Kyzdyrma". Oltre all'ingrediente principale, include anche piatti di patate, anelli di cipolla, peperoni ed erbe aromatiche.
  • Uno dei piatti più venerati e deliziosi è il Tatar azu. Consiste di carne di cavallo, tagliata in piccoli bar, una grande quantità di brodo, patate arrostite, pomodori, sottaceti e spezie.

Il prodotto è combinato con:

Gli intenditori di cucina orientale amano servire pezzi freschi di carne di cavallo con cipolle e sale. Si ritiene che sotto forma di calore non sia così gustoso.

Come puoi vedere, non è così difficile preparare piatti a base di carne di cavallo, devi solo passare un po 'più tempo del solito.

Icone e preghiere ortodosse

Sito di informazioni su icone, preghiere, tradizioni ortodosse.

Gli ortodossi possono avere carne di cavallo

"Salva, Signore!" Grazie per aver visitato il nostro sito, prima di iniziare a esplorare le informazioni, iscriviti alla nostra comunità ortodossa su Instagram Lord, Salva e Salva † - https://www.instagram.com/spasi.gospodi/. Ci sono più di 18.000 abbonati nella comunità.

Noi, persone che la pensano come noi, molte cose e stiamo crescendo rapidamente, distribuiamo preghiere, diciamo santi, richieste di preghiera, disponiamo tempestivamente di informazioni utili sulle vacanze e sugli eventi ortodossi. Abbonati, ti stiamo aspettando. Angelo Custode per te!

La questione dell'alimentazione nel cristianesimo non è la più importante, ma l'uso di determinati alimenti spesso causa polemiche e risentimento; Ciò vale in particolare per la carne, in particolare per la carne di cavallo. Circa se è possibile mangiare carne di cavallo dagli ortodossi, e sarà discusso ulteriormente nell'articolo.

C'è un'opinione secondo cui qualsiasi piatto a base di carne fa del male a una persona ortodossa, poiché essenzialmente mangia la carne e il sangue dello stesso essere vivente. Per quanto riguarda la carne di cavallo, qui la questione è ancora più controversa, perché questo animale è più vicino agli esseri umani e, di norma, raramente viene considerato un oggetto alimentare. Eppure...

Carne di cavallo sul tavolo ortodosso

La carne di cavallo è la stessa carne, il che significa che può anche essere mangiato. Non c'è una sola risposta a questa domanda, ma, sulla base di alcune fonti letterarie cristiane, si può concludere che un tale prodotto è il posto dove stare. In precedenza, il Nuovo Testamento divideva tutti gli animali in "puliti" e "impuri".

Che cos'è, carne di cavallo: c'è qualche vantaggio, e qual è il sapore della carne di cavallo

Sin dai tempi antichi, molte nazionalità nutrivano la carne di cavallo. Per le tribù nomadi, i cavalli in generale erano letteralmente tutto: un mezzo di trasporto, cibo e un indicatore di un certo status sociale. Le tribù di contadini sedentari preferivano altra carne. Fondamentalmente, il suo uso è comune tra i kazaki, i tatari, gli yakuts, i giapponesi e i cinesi. Nel nostro paese, la carne di cavallo non è particolarmente popolare.

Caratteristiche e gusto

Carne equina - carne di cavallo, usata come cibo. Si differenzia dalle altre specie per il suo odore insolito e il suo sapore a base di erbe. Il più tenero e nutriente è la carne di puledri di età inferiore a un anno, ma la carne di cavallo di età superiore a tre anni non è più adatta per mangiare a causa della sua maggiore rigidità e riduzione dei nutrienti. Di solito, proviene da cavalli rifiutati e super-giovani. La carne di cavallo è digeribilità veloce. Viene assorbito in sole tre ore, a differenza del manzo, che richiede molto più tempo per il corpo umano di occupare circa un giorno. Inoltre, questo prodotto proteico di origine animale ha un buon effetto riscaldante.

Composizione di carne

La principale caratteristica distintiva della carne di cavallo è il suo alto contenuto proteico, che può arrivare fino al 25%. E stiamo parlando di una proteina che è idealmente bilanciata nella composizione di amminoacidi, così che la carne di cavallo può anche servire come sostituto di una dieta che include verdure, frutta e cereali, in quanto contiene quantità significative di vitamine e microelementi.

vitamine

Vitamine contenute nella carne di cavallo:

  • vitamine del gruppo B, vitali per il corpo per il tessuto muscolare e l'attività del sistema nervoso;
  • Vitamina A, che migliora le condizioni della pelle e aiuta a mantenere l'acuità visiva;
  • Vitamina E, nota per i suoi effetti antiossidanti e radioprotettivi;
  • Vitamina PP, che ha un effetto benefico su vari processi nel corpo, compresa la riduzione dei livelli di colesterolo e la promozione della disintossicazione.

Sostanze minerali

L'alto contenuto di minerali rende questo tipo di carne davvero unico. È costituito da ferro, potassio, calcio, sodio, rame, fosforo, magnesio e molibdeno. E il più alto contenuto di quest'ultimo è proprio nella carne di cavallo. L'alto contenuto di acidi organici, attivando il metabolismo, lo distingue anche da altri tipi di prodotti simili.

Valore nutrizionale e calorie

L'equino è caratterizzato da un altissimo valore nutrizionale, basso contenuto di colesterolo e allo stesso tempo alto contenuto di proteine ​​e grassi. Cento grammi di questo prodotto contengono 19,5 g di proteine, 9,9 g di grassi e 0 g di carboidrati, che sono rispettivamente del 21,4%, 13,75% e 0% di assunzione giornaliera. Il contenuto calorico dipende dal metodo di preparazione e dalla parte usata della carcassa.

In media, cento grammi di carne di cavallo crudo contengono 187 kcal, bolliti - 240 kcal, carne in umido - 214 kcal, fritti - 293 kcal. Il più alto contenuto calorico sono le costole e le parti addominali della carcassa. Maggiore è l'età del cavallo, meno la sua carne contiene acqua e più grasso.

Circa i benefici della carne di cavallo

Nonostante la sua scarsa popolarità, la carne di cavallo è meritatamente considerata una carne molto utile ed ecologicamente pulita. I suoi benefici si basano su caratteristiche come la nutrizione e la digeribilità.

Per gli adulti

Il grasso di cavallo è intermedio tra i grassi di origine animale e vegetale, e quindi contribuisce a una buona regolazione del metabolismo. Mangiare carne di cavallo aiuta a ridurre il colesterolo nel sangue e aiuta anche a neutralizzare gli effetti radioattivi. I medici riconoscono il suo effetto coleretico e anti-sclerotico, mentre i nutrizionisti usano la carne di cavallo per combattere l'obesità.

Per i bambini

Oltre all'ambiente e alla rapida digeribilità della carne di cavallo, si caratterizza anche l'ipoallergenicità, che è particolarmente importante quando si tratta di alimenti per l'infanzia. Dal momento che la carne di cavallo è dietetica e molto salutare, è consentito utilizzarla nel menu per bambini e nei primi anni di vita del bambino.

Insieme alla carne di coniglio, è adatto anche ai primi cibi complementari a base di carne, che possono iniziare in quantità minime dall'età di sei mesi. Per la prima volta, una dose non superiore a 5 g è sufficiente con un aumento graduale fino a 50 g. Dopo un anno, a un bambino possono essere somministrati 70-90 g di questo prodotto, ma non più di tre o quattro volte alla settimana. Naturalmente, per gli alimenti per bambini è necessario prendere un prodotto fresco da un produttore di fiducia.

Posso usare il prodotto per donne in gravidanza e in allattamento

Dal momento che la carne di cavallo nel nostro paese non è molto comune e popolare, quando ne parliamo, sorge spontanea la domanda su chi può usarla e se il suo uso non nuoccia alle donne in gravidanza e in allattamento. Dal momento che le tribù nomadi hanno mangiato carne di cavallo per secoli, è ovvio che non sopporta una minaccia diretta per le donne nella posizione e le giovani madri.

La carne di cavallo ipoallergenico, così come la sua ricca composizione rendono la carne di cavallo accettabile nella dieta delle donne incinte. Tuttavia, va ricordato che il menu di una donna incinta dovrebbe essere il più vario possibile e l'abuso di un tipo di carne può influire negativamente sulla salute.

Anche la carne di cavallo delle madri in allattamento sarà utile a causa del significativo contenuto proteico, ma per loro è meno preziosa della carne di pollo, coniglio e tacchino, quindi puoi includerla nella tua dieta come add-on, ma non come sostituto di altri prodotti.

Carne equina come modo per perdere peso

Le proprietà uniche della carne di cavallo sono utilizzate dai nutrizionisti nello sviluppo di diete per la perdita di peso. Offriamo alla vostra attenzione una delle opzioni di una dieta, grazie alla quale per un paio di settimane si può perdere da quattro a otto chilogrammi. 1 ° giorno

  • Colazione: riso bollito senza olio e condimenti, 200 g di carne di cavallo cotta e tè senza zucchero.
  • Pranzo: insalata di verdure; 300 g di gulasch di carne di cavallo senza patate - con carote, cipolle, sedano e pomodori, senza spezie piccanti; un bicchiere di succo appena spremuto.
  • Cena: insalata di verdure, 100 g di carne di cavallo e tè bolliti.
  • Per la notte: un bicchiere di kefir o yogurt magro.

2 ° giorno

  • Colazione: una piccola mela, 100 g di carne di cavallo bollita e porridge in acqua (grano saraceno, farina d'avena, miglio, orzo).
  • Cena: 200 grammi di carne di cavallo in umido, frutta (solo non banane e uva), tisane.
  • Cena: 200 g di carne di cavallo bollita o in umido, una piccola quantità di pane integrale, insalata di verdure, tisana.
  • Per la notte: 200 g di ricotta.

L'alternanza di tale menu con l'uso aggiuntivo di complessi vitaminici e minerali e l'abbondanza di decotti di erbe e acqua pura vi permetteranno di ottenere il risultato desiderato in un paio di settimane.

Caratteristiche dell'uso di carne e grasso in medicina

La carne di cavallo è ampiamente usata in dietetica per combattere l'obesità, così come nella composizione di diete terapeutiche che promuovono il recupero dalla malattia. Poiché la carne grassa del cavallo contribuisce alla normalizzazione del fegato, viene utilizzata nella dieta di recupero dopo ittero.

Il grasso di cavallo viene usato separatamente in cosmetologia e farmacologia, ed è anche ampiamente usato nella medicina tradizionale - a base di grasso di cavallo, le miscele medicinali vengono preparate per il raffreddore e gli unguenti per aiutare con il congelamento e le ustioni.

Come scegliere e conservare la carne di cavallo

Esternamente, la carne di cavallo ha una somiglianza con la carne, ma differisce nel colore scuro della polpa. Il grasso del cavallo è morbido, bianco e si scioglie facilmente nelle mani. La consistenza del prodotto fresco è elastica e densa, e quando si applica un tovagliolo al taglio, non vi saranno segni bagnati su di esso.

Caratteristiche distintive di un prodotto di bassa qualità:

  • marrone o argento;
  • grasso giallo;
  • muco e macchie sulla superficie;
  • odore acuto;
  • bordo sfocato frastagliato della fetta sul taglio.
È meglio imballare il prodotto in un contenitore sottovuoto o contenitore prima di essere inviato al frigorifero. Tuttavia, anche in questo caso, la conservazione della carne refrigerata non deve superare le 72 ore. Per congelare carne di cavallo dovrebbe essere in piccoli pezzi, singolarmente avvolto in un foglio, ma non in polietilene o film alimentare.

Il congelamento aiuta a preservare le qualità utili del prodotto fino a sei mesi.

Il deposito più lungo di carne - fino a due anni - è consentito quando viene essiccato. Per asciugare la carne di cavallo, è necessario salarla abbondantemente e lasciarla per un giorno in frigorifero, quindi tagliarla a pezzi e scolare il succo. L'essiccazione dura fino a quattro ore in un forno a 50 ° C. La carne di cavallo essiccata viene conservata in barattoli ben chiusi in un luogo asciutto e buio. Per ulteriore utilizzo, la carne essiccata deve essere fritta o bollita.

La salsiccia di cavallo è utile?

La salsiccia di carne di cavallo è una prelibatezza ben nota e in alcuni posti è un piatto nazionale (kazy, makhan, shuzhuk). A seconda del metodo di cottura, si distinguono le salsicce affumicate, essiccate e bollite. Inoltre, per conferire viscosità, elasticità e sapore saporito, la carne di cavallo viene aggiunta al componente di carne della salsiccia nella produzione di salsiccia. La salsiccia di cavallo ha tutte le proprietà benefiche della carne di cavallo, ma al momento dell'acquisto si dovrebbe prestare attenzione alla composizione del prodotto, perché i produttori senza scrupoli possono aggiungere sostanze nocive. Se la composizione della salsiccia è normale, l'unica cosa di cui preoccuparsi è il suo alto contenuto calorico. Pertanto, si deve ricordare che l'abuso di salsiccia di cavallo può essere dannoso per la salute.

L'uso della carne di cavallo in cucina: ricette passo passo con foto

Cucinare carne di cavallo è un processo lungo e laborioso, ma il risultato di solito giustifica pienamente tutti i costi. Ti offriamo alcune ricette classiche popolari.

Shuzhuk in kazako, come cucinare salsiccia di carne di cavallo

ingredienti: carne di cavallo - 1 kg, grasso di cavallo - 500 g, budella - 350 g, aglio - 7 denti., sale - 2 cucchiai. l., pepe nero - 1,5 cucchiai. l.

  1. Svitare e risciacquare accuratamente l'intestino. Quindi salate e mettete da parte.
  2. Grasso e tagliare la carne a cubetti, piegarla in una ciotola profonda e mescolare.
  3. Aggiungere sale e pepe alla carne, spremere l'aglio, mescolare e lasciare per mezz'ora.
  4. Tira fuori l'intestino e sigilla un bordo con uno stuzzicadenti, quindi riempilo strettamente con carne macinata, espellendo l'aria, e fissa il secondo bordo con lo stesso stuzzicadenti, formando un anello di salsiccia.
  5. Tagliare con cura il film dall'intestino e mettere la salsiccia in frigo per un giorno in modo che il trito sia ben marinato.
  6. Shuzhuk immerso in una padella con acqua fredda e dopo l'ebollizione rimuovere la schiuma e fare qualche foratura.
  7. Salare l'acqua e cuocere la salsiccia a fuoco basso per un'ora e mezza o due ore.
  8. Lo shuzhuk già pronto raffreddato può essere tagliato e servito sul tavolo.

Shurpa di carne di cavallo

ingredienti: carne di cavallo (costola) - 1 kg, cipolla - 2-3 pezzi, pomodori - 3 pezzi, carote - 3 pezzi, patate (taglia media) - 5 pezzi, pepe bulgaro - 2 pezzi, peperoncino - 1 pz., Aglio - 3 denti., Zira, pepe nero macinato, sale, verdure.

  • Lavare e tagliare la carne in grossi pezzi - circa 50-70 g.
  • Sbuccia, lava e trita le verdure. Patate, a seconda delle dimensioni, a metà o quarto. Carote, peperoni e pomodori - in pezzi grandi. Cipolla - mezzi anelli.
  • La carne giace in una padella con acqua fredda e si mette a fuoco vivace. Dopo l'ebollizione rimuovere la schiuma e far bollire fino a metà pronta a fuoco basso per circa 1 ora.
  • Aggiungi verdure alla carne: carote, peperoni, pomodori, cipolle. Quindi aggiungere spezie, spicchi d'aglio e peperoncino.
  • Metti le patate in cima e fai bollire il tutto sotto il coperchio per altri 40 minuti.
  • Finito lo shurpe lasciatelo fermentare per altri 10 minuti, quindi cospargere con verdure tritate e servire.

C'è qualche danno

Per evitare conseguenze negative dopo aver mangiato carne di cavallo, dovresti comprarlo solo da fornitori di fiducia, altrimenti c'è il rischio di acquistare un prodotto infetto da parassiti.

In ogni caso, deve essere necessariamente sottoposto a un trattamento termico prolungato. L'utilità e la dieteticità della carne di cavallo si manifestano solo se la mangiano moderatamente. L'abuso di questo prodotto può influire negativamente sul sistema cardiovascolare, osseo e digestivo del corpo.

Maiale, manzo, agnello: ci sono dei concorrenti

I più stretti concorrenti di carne di cavallo in termini di cibo e valore energetico sono maiale, manzo e agnello. Questi tipi di carne sono diffusi nel nostro paese e vengono consumati da molte persone ogni giorno.

carne di maiale

Il maiale viene venduto quasi ovunque ed è la carne più richiesta al mondo. Questo prodotto non è considerato dietetico a causa del suo contenuto di grassi e della possibile allergenicità, nonché del suo assorbimento piuttosto pesante. Le calorie di maiale variano da 142 a 489 kcal per 100 g, a seconda del tipo di piatto cotto. Rispetto ad altri tipi di carne, la carne suina differisce favorevolmente nel contenuto di praticamente tutte le vitamine del gruppo B vitali per l'uomo.

manzo

La carne rossa, che include carne di manzo, è tradizionalmente considerata la più utile. Il suo valore calorico medio è di circa 187 kcal, tuttavia, tenendo conto della parte usata della carcassa e del metodo di preparazione, questo indicatore varia considerevolmente.

Questo prodotto contiene zinco, selenio e ferro, nonché una composizione equilibrata di aminoacidi, in modo che il consumo moderato di carne ha un effetto benefico sul sistema cardiovascolare e aumenta il livello di emoglobina nel sangue.

agnello

In confronto con carne di manzo e maiale, l'agnello è una carne meno grassa che contiene una piccola quantità di colesterolo, quindi puoi tranquillamente includerlo nella tua dieta per le persone che soffrono di diabete e obesità. Il contenuto calorico dell'agnello differisce dalla categoria (grasso) della carne.

L'agnello della prima categoria è più calorico - 209 kcal per 100 g contro 166 kcal di carne della seconda categoria. Ma la seconda categoria di agnello è caratterizzata da un alto contenuto di elementi utili. Il fluoruro e il calcio contenuti nella carne rendono il montone utile per il mantenimento dei denti. Per la normale attività vitale, il corpo umano ha bisogno di consumare un grammo di proteine ​​ogni chilo di peso al giorno e le proteine ​​di origine animale dovrebbero costituire un terzo di questa quantità. Qualunque sia il tipo di carne che scegli per il tuo menu, dovresti sempre ricordare che tutto è buono con moderazione, e più varia la tua dieta, più nutrienti il ​​tuo corpo assorbirà. Non aver paura di sperimentare, prova nuovi prodotti e piatti e sii sano!

È possibile per gli ortodossi mangiare carne di cavallo?

In Europa - un nuovo scandalo alimentare - la carne di cavallo è stata trovata nelle polpette IKEA. Gli ispettori della Repubblica ceca hanno scoperto che i dipendenti della società producevano carne di cavallo per carne bovina e suina. Perché esattamente la carne di cavallo ha suscitato tanto scalpore e perché in molti paesi occidentali la carne di cavallo è un tabù?

L'arciprete Andrei Kordochkin, rettore della parrocchia in onore della Natività di Cristo a Madrid, risponde:

Per quanto ho capito, l'insoddisfazione per l'aggiunta di carne di cavallo alla carne bovina invece di carne bovina in un certo numero di paesi europei è causata, ovviamente, non dal divieto di usare carne di cavallo come cibo, ma dalla discrepanza tra l'etichetta e il prodotto, nonché il possibile contenuto di carne di sostanze nocive - droghe per cavalli.

Per quanto riguarda il permesso o il divieto all'uso della carne di cavallo nella tradizione ortodossa, ci sono opinioni diverse su questo argomento. Ad esempio, nel libro più utile, "1380 Consigli più buoni di Padre Alunni", si pone la domanda n. 1278 su varietà di cibo non pulito: "Tutte le cose impure sono autorizzate a mangiare durante la fame (necessità). E nel solito tempo non è raccomandato mangiare carne di sangue inedito (morto), carne di cavallo, gamberi, granchi, pesci senza squame; sangue arrosto (uccelli e animali), lepri, conigli, ecc. ".

La teologia ortodossa ci permette davvero di raggruppare cavalli, granchi e ciò che viene chiamato "morto" in questo caso? Cercheremo di spiegare con parole semplici. Nell'Antico Testamento, non solo tutti i tipi di cibo, ma anche l'intero mondo materiale, infatti, è soggetto alla divisione in puro e impuro. Questa divisione, che aveva un carattere temporaneo, pedagogico e disciplinare, è abolita nel Nuovo Testamento. In Cristo, attraverso l'unione della natura divina e umana, quest'ultimo è santificato e adorato, e attraverso di esso tutto il mondo materiale.

Pertanto, per un cristiano nel campo della materia, nulla di impuro non è e non può essere. Lo stesso vale per la cosiddetta "impurità femminile" (un argomento a cui così pochi sono indifferenti!). La visione del mondo materiale (e il contenuto del piatto) in questa luce è l'inerzia della coscienza legalistica dell'Antico Testamento. Non esiste una teologia diretta contro i cani "impuri" (al contrario dei gatti "puliti") o mangiando un tipo speciale di carne, pesce o coniglio.

Alcune culture hanno le loro barriere, ma nel Nuovo Testamento i concetti di "pulito" e "impuro" si riferiscono solo alla sfera morale: "Non capisci ancora? Non capisci ancora che tutto ciò che entra nella bocca passa nell'utero ed esplode? e quello che esce dalla bocca viene dal cuore - questo contamina una persona, per cattivi pensieri, omicidi, adulterio, fornicazione, furto, spergiuro, blasfemia - vieni fuori dal cuore - questo contamina la persona "(Mt 15, 16-20).

In Spagna, la carne di cavallo viene venduta in tutti i principali supermercati. Costa di più del manzo, ma molto più delizioso.

informazioni

  • La carne di cavallo viene consumata in molti paesi, principalmente in Asia centrale, ricca di proteine ​​e povera di calorie. Tuttavia, a causa dell'importanza dei cavalli nella vita quotidiana e delle azioni militari in molte culture, esiste un tabù sull'uso della carne di cavallo.
  • Nell'Europa settentrionale, l'uso della carne di cavallo faceva parte di un culto pagano associato al dio Odino. Pertanto, l'arcivescovo tedesco Bonifacio nel 680-755. emesso un editto speciale sulla nocività della carne di cavallo per la salute; dopo di lui bandito il consumo di carne di cavallo e il papa romano Gregorio III. L'obbligo di abbandonare la carne di cavallo con l'adozione del cristianesimo è diventato un ostacolo per molti islandesi.
  • Il codice alimentare dell'Australia e della Nuova Zelanda non include la carne di cavallo nella definizione di carne.
  • La carne equina è proibita dalla legge ebraica, perché i cavalli non hanno gli zoccoli divisi, ei cavalli non sono ruminanti.

Perché i russi non mangiano carne di cavallo?

Mangiavamo carne di manzo, maiale, agnello, pollo. Ma la carne di cavallo o la salsiccia viene raramente trovata anche solo per la vendita. Perché? Non è la stessa carne di qualsiasi altra? La risposta a questa domanda non è così semplice come sembra...

Panacea per nomadi

Nell'Asia centrale, ad esempio, la carne di cavallo veniva mangiata dai tempi antichi. Questa usanza fu introdotta da tribù nomadi. In primo luogo, i cavalli erano sempre a portata di mano, e in secondo luogo, la loro carne veniva rapidamente digerita e aveva un effetto riscaldante. I medici dicono che la carne di cavallo è la carne più ecologicamente pulita, ha il più alto contenuto di proteine ​​con un equilibrio ideale di aminoacidi. Riduce la quantità di colesterolo nel sangue, regola il metabolismo del corpo e neutralizza anche gli effetti delle radiazioni. Inoltre, contiene molte vitamine utili e oligoelementi. In breve, la carne di cavallo è in grado di sostituire una dieta a tutti gli effetti. Eppure - è ipoallergenico e può essere somministrato ai bambini.

Chi mangia carne di cavallo e chi no?

Ma, ad eccezione degli asiatici, non tutte le nazioni sono pronte a mangiare carne di cavallo per il cibo. In alcuni paesi dell'Europa occidentale, la carne di cavallo è considerata ripugnante al gusto. Secondo gli storici, questo mito è associato all'invasione di Napoleone in Russia. Durante la ritirata delle truppe francesi, i soldati affamati furono costretti a mangiare carogne di cavalli usando polvere da sparo invece di spezie. Molti di loro sono stati avvelenati... Anche se oggigiorno in Francia e in Germania si aggiunge carne di cavallo alla salsiccia. In Spagna, può essere trovato in vendita in tutti i principali supermercati. Piatti separati di carne di cavallo vengono preparati in Belgio, Italia, Serbia, Slovenia, Giappone. In Ungheria, tuttavia, i cavalli allevati appositamente per la carne. In alcuni paesi cattolici sin dal Medioevo, vi è un divieto sull'uso della carne di cavallo, introdotto dall'arcivescovo tedesco Bonifacio e dal papa Gregorio III per i missionari. Il fatto è che nell'antica Scandinavia l'uso della carne di cavallo faceva parte del culto pagano del dio Odino. Nel 1000, i padri della chiesa riuscirono ad "attirare" l'Islanda nel seno del cristianesimo solo promettendo di non introdurre il divieto di mangiare carne di cavallo - gli islandesi lo amavano moltissimo! In realtà, era la base del loro potere. È vero, il divieto è stato successivamente imposto in ogni caso. Tuttavia, fino ad oggi non ha mai vissuto, e ora la carne di cavallo è molto popolare in Islanda. Anche gli ebrei non mangiano carne di cavallo per motivi religiosi: possono mangiare solo carne di ruminanti e ungulati, come capre, mucche e pecore. In Inghilterra e negli Stati Uniti è vietato mangiare la carne degli animali "sportivi". Inoltre, molti europei hanno paura di mangiare carne di cavallo, perché credono che contenga sostanze nocive - i farmaci che vengono iniettati nei cavalli. In Australia e in Nuova Zelanda, la carne di cavallo non è inclusa nel codice degli standard alimentari che definiscono la carne. Gli zingari, così come i residenti dell'India e del Brasile, rifiutano di mangiare cavalli, poiché li considerano i loro "fratelli più piccoli".

La carne di cavallo non è russa?

Cosa ci impedisce di godere del cavallo, russo? Prima di tutto, le stesse tradizioni religiose. Il canone ortodosso afferma direttamente che "tutte le cose impure possono mangiare durante una carestia (necessità). E nel solito tempo non è raccomandato mangiare carne di sangue inedito (morto), carne di cavallo, gamberi, granchi, pesci senza squame; sangue arrosto (uccelli e animali), conigli, conigli. "Ma non sono solo i divieti cristiani. Da tempo immemorabile, i cavalli sono stati usati dai russi come aiutanti - un mezzo di trasporto e giostre. Dopo tutto, una mucca o un maiale non possono essere imbrigliati su un carrello o su una slitta! Pertanto, hanno trattato cavalli come cani e gatti: i primi sorvegliano la casa, i secondi catturano i topi... Semplicemente non sono stati accettati. Ma ancora in tempo di carestia, ad esempio, durante la guerra civile, durante la carestia degli anni '30 nella regione del Volga o durante la Grande Guerra Patriottica, si mangiava carne di cavallo - e dove andare! Ma nel solito tempo hanno cercato di non farlo. C'è un altro motivo oggettivo che ci impedisce di avere carne di cavallo sulla nostra tavola: per l'allevamento di massa di cavalli, sono richiesti pascoli molto grandi. Non possono essere tenuti in platea per più di 15-20 giorni (periodo di ingrasso), altrimenti il ​​sapore della carne si deteriora. Oggi i principali fornitori di carne di cavallo sono la Mongolia, il Kazakistan e il Kirghizistan. La carne di cavallo kazaka è considerata la più deliziosa. Ha allevato cavalli "a base di carne" e in Russia, ad esempio, a Bashkortostan, Altai, Yakutia. In linea di principio, nessuno ti giudicherà se vuoi gustare la carne di cavallo relativamente rara e scarsa come una prelibatezza. Ma è improbabile che la maggior parte dei russi sia pronta a mangiarla regolarmente, a meno che non ci siano amanti...

E 'possibile per gli ortodossi mangiare carne di cavallo, e perché no

È indiscutibile che per un bambino la voce della madre è più importante della voce più sonora dei bei sonagli. Allo stesso modo, alla ricerca di una risposta alle nostre domande, aggirando le mezze verità superficiali, ci aggrapperemo con il nostro cuore infantile alla voce Divina parentale, molto nativa e vicina a noi.

Il trono Signore pose la Chiesa sulla terra e, dopo averla santificata con una presenza personale, la custodisce e la orienta con il suo infinito amore.

L'Ortodossia è un sentiero di montagna che sale su un abisso verso la Gerusalemme Celeste. Puoi seguire questa strada solo con un passo fermo, su due gambe - con due comandamenti: amore per Dio e amore per il tuo prossimo. I passi da cui queste gambe vengono respinte sono la Tradizione Sacra e le Scritture, dove si presta molta attenzione a ciò che mangiamo.

Quando parliamo di carne, può significare quanto segue:

  • la carne è la massa muscolare di un animale morto che viene mangiato;
  • la carne è anche chiamata il piatto stesso, fatto da tale massa muscolare;
  • la carne include la parte muscolare del pesce;
  • la carne può essere chiamata il tessuto muscolare reale;
  • e potrebbe essere la polpa del frutto, il seme circostante.

È chiaro che discuteremo dell'atteggiamento dell'Ortodossia alla carne animale. Tale carne è solitamente divisa in carne di manzo, maiale, agnello, carne di cavallo, pollo, ecc.

È peccato uccidere gli animali per il cibo?

Per rispondere a questa domanda, è necessario fare riferimento alle Sacre Scritture, al di sopra delle quali la Santa Chiesa non elogia mai.

Nel libro di Genesi (Gen.1: 29) è scritto che il Signore ci dà "ogni erba che semina, che è su tutta la terra, e ogni albero che ha frutti legnosi che seminano", e dice che "noi nel cibo. " Qui per le prime persone si afferma chiaramente che solo il cibo vegetale è destinato a una persona.

Tuttavia, dopo il Diluvio, quando otto persone emersero dall'arca sulla terra nuda, il fatto che un tale terreno sterile non potesse nutrirli per molto tempo è innegabile.

Quindi il Signore permise loro di mangiare carne. Cioè, l'Onnipotente stesso, il Creatore di tutto l'universo, benedice il consumo di carne secondo le circostanze.

Ma anche qui non dice: "Ti concedo un po 'di tempo". Ha appena benedetto.

Il Signore è Amore e tutto ciò che è creato da Lui è la buona cura per tutta la vita nella nostra vita terrena e, cosa importante, oltre la sua linea. Di conseguenza, né l'uccisione di tutte le persone sul pianeta durante il Diluvio, né la morte di animali per la benedizione di Dio, contraddice la Sua buona opera di tutti noi, non importa quanto terribile possa impressionarci.

"Si sbaglia che crede che il digiuno sia solo astenuto dal cibo.

Domanda del lettore: il vegetarianismo salva il mondo?

Alcune persone credono erroneamente che la completa astinenza dal cibo a base di carne porterà l'umanità al più alto punto morale del suo sviluppo e, di conseguenza, il mondo sarà salvato. Tuttavia, le pagine delle Sacre Scritture affermano che una tale legge non funziona.

Il Signore ha distrutto dal diluvio l'intera popolazione vegetariana della terra.

Sì, sì, prima di Noè, tutta l'umanità era nutrita solo di cibo vegetale, e nonostante questo, tuttavia, c'era una completa corruzione di maniere sulla terra, una contaminazione così bassa che il Signore doveva compiere un passo estremo così decisivo.

"Fai attenzione a misurare il digiuno astenendoti dal cibo. Quelli che si astengono dal cibo, ma si comportano in modo inappropriato, diventano come il diavolo, che, sebbene non mangi nulla,

ma non cessa mai di peccare. "

San Basilio il Grande.

C'è carne per mangiare benedetta dal Signore?

C'è una importante riserva che il Signore ha fatto nel benedire il cibo a base di carne. Divise tutti gli animali puliti e impuri (Antico Testamento).

  • Un animale pulito ha solo due segni: dovrebbe essere:
  • Il cibo non pulito è costituito da animali privi di almeno uno di questi segni. Ciò significa che una tale carne per mangiare non è adatta.

Anche per il cibo non pulito c'è carne di idolo, cioè la carcassa lasciata da un animale, dopo averla sacrificata a un idolo.

In questa disputa, è interessante notare che qui, a determinate condizioni, entrambe le donne possono avere ragione. Tutto dipende da dove è diretto lo sguardo spirituale di ciascuno di essi.

"Non provi sul cibo deperibile, ma sul cibo che vive nella vita eterna", dice l'apostolo Giovanni.

E se queste donne guardano in quel modo a quel cibo, come a rinforzare le forze per padroneggiare il cibo spirituale, allora questa è semplicemente una conversazione tra due angeli, che si invitano l'un l'altro ad unirsi alla gioia del loro percorso.

Per il primo, apparentemente, l'astinenza è necessaria dalla paura di perdere il sentimento un tempo prezioso di Dio che le è stato donato. Cercando di salvarlo, lei goffamente, forse, si preoccupa di tutti i suoi parenti, i quali, a suo avviso, non amano questo sentimento.

E per il secondo, è del tutto possibile che all'altezza spirituale del suo cuore, il cibo sia necessario solo per osservare il volto intessuto di luce del nostro Signore Gesù Cristo per almeno un altro giorno. Quindi, il Signore stesso, una volta affetto da un affamato bisogno umano, benedice l'apostolo dal mangiare cibo impuro durante il suo lavoro di preghiera (Atti 10: 9-15).

Per la calma della loro coscienza, il primo tipo di persone deve decidere cosa, secondo le leggi dell'Antico Testamento, è permesso usare un cristiano e ciò che non lo è.

È anche utile per le persone che si sono allontanate accidentalmente dal sentiero benedetto per adorare il loro stomaco o cibo stesso, che, come dice l'apostolo Paolo, "è scritto: il popolo si è seduto a mangiare e bere, e si è alzato per giocare" (1 Corinzi 10: 7), o meglio Lopukhin corregge "ballare", cioè fornicazione.

"Prevale sopra l'utero,
fino a quando l'utero non ha prevalso su di te. "
St. Basilio il Grande.

In continuazione della domanda del nostro lettore, cerchiamo di definire brevemente le differenze tra le restrizioni alimentari di una persona ortodossa e i rappresentanti di altre religioni vicine e non vicine a noi in relazione alle Sacre Scritture dell'Antico Testamento. Per fare ciò, è necessario menzionare brevemente i nostri concetti di proibizione comuni nel campo della nutrizione.

Cibo islamico - consentito condizionatamente

"Halal" è il concetto consentito e consentito nell'Islam. Il concetto opposto è "haram". Di solito, queste parole indicano cibo accettabile e inaccettabile.

I musulmani trattano l'haram:

  • carne di maiale e suoi derivati,
  • non è permesso il consumo di carne con sangue e carogne inediti,
  • così come carne con sangue liberato, ma cucinato senza dire il nome di Allah.

* I musulmani sono autorizzati a mangiare carne che è stata cucinata solo da "persone della Scrittura".

Questi includono cristiani, ebrei e musulmani stessi.

Per saperne di più: è possibile per gli ortodossi mangiare cibo halal?

"Kashrut" è un insieme di leggi ebraiche sui divieti di consumo alimentare. L'alimento sotto queste leggi può essere kosher e non-kosher o adatto e inadatto per consumo.

"La sensibilità spirituale di una persona che usa prodotti non kosher diminuisce, il suo cuore è" chiuso "per la percezione di idee spirituali".
Saggezza ebraica

  1. un animale se non ha uno zoccolo fesso e non mastica il cud. Questo, ad esempio, animali come carne di cavallo, carne d'orso, lupo, carne di cane, maiale, lepre, carne di volpe, ecc.
  2. uccelli: "un'aquila, un collo e un'aquila di mare, un aquilone e un falco con la sua razza, ogni corvo con la sua razza, uno struzzo, un gufo, un gabbiano e un falco con la sua razza..." e altri. Degli uccelli, puoi mangiare solo quelli che "hanno gli stinchi sopra le gambe per cavalcarli a terra", cioè sono polli, tacchini, oche e altri uccelli domestici.
  3. un animale, se è morto per la sua morte (carogna) o è stato strangolato o ucciso da una corrente, cioè il sangue dell'animale è rimasto inedito (il sangue non può essere rilasciato da un animale morto, poiché tutti i movimenti attraverso le navi si fermano con arresto cardiaco).
  4. pesce e tutti gli abitanti del fiume, del mare e dell'oceano che non hanno pinne e squame. Cioè, qui può essere attribuito a granchi, murene, squali, balene, molus, crostacei, gamberi e aragoste e molto altro ancora.
  5. fritto con sangue, tra cui sanguinaccio, bistecche con sangue ed ematogeno (vedi spiegazione sotto).

La distinzione tra animali puliti e impuri e il divieto nell'Antico Testamento di mangiare animali impuri per il cibo aveva un significato speciale e temporaneo: insegnare agli ebrei la purezza della vita e del cuore, ed era un mezzo esterno per distinguere e separare gli ebrei dagli altri popoli. Con la venuta del Messia, tale separazione divenne superflua: tutte le nazioni che accettarono il Vangelo furono santificate e purificate dal sangue di Cristo; Pertanto, nel regno della grazia, Hellin non ha fatto l'ebreo, la circoncisione e l'incirconcisione, ma Cristo in tutto e tutti (Col 3:11).

Raccomandiamo anche: prodotti Kosher: la visione del teologo ortodosso

"La carne può essere mangiata solo che è stata macellata e non uccisa dalla corrente elettrica o strangolata.

Puoi determinare questo per colore:

  • carne leggera - con sangue liberato;
  • carne scura - con inediti (carogne);
  • blu - udavlenina ".

Cibo vietnamita - non raccomandato

L'ostacolo è il principio diffuso di preparare la carne per i thailandesi e alcuni altri popoli affini. Prima di uccidere un animale, viene picchiato a lungo per immergere la carne viva con il sangue.

"Sarebbe meglio per i cristiani creare i propri mattatoi e negozi, dove la carne ritualmente pulita sarebbe ovviamente venduta.."

Perché non si può mangiare sangue, incluso fritto, sanguinaccio, bistecche con sangue ed ematogeno?

Nel libro di Genesi leggiamo l'ammonimento di Dio: "Solo tu non mangerai carne con la sua anima, col suo sangue" (Genesi 9: 4). Queste ammonizioni sono ciò che l'Onnipotente fa per Noè e la sua famiglia dopo l'alluvione. Cioè, la benedizione è carne, ma proibisce all'anima di mangiare.

Secondo la parola di Dio, il sangue è collegato all'anima di colui che nutre: "l'anima del corpo è nel sangue, e io l'ho nominata per voi per l'altare per purificare le vostre anime, poiché questo sangue purificherà l'anima" (Lev 17,20). La parola "anima" in questo caso significa vita. Qui il Signore dice che tutto il sangue deve essere usato o per il sacrificio a Lui o versato sulla terra.

Di qui l'antica tradizione del "popolo della Scrittura", cioè gli ebrei, i musulmani e i cristiani, per produrre sangue da un animale prima che esso consuma la sua carne.

E poi, nel libro di Levitico, troviamo il risultato del ritiro da questo comandamento: "Volgerò la mia faccia contro quell'anima, e la taglierò di mezzo al suo popolo" (Lev.17: 11), dice il Signore. Il popolo dell'Antico Testamento ha eseguito con zelo le regole rituali.

Il Concilio degli Apostoli, che ebbe luogo circa 50 anni a Gerusalemme, approvò una disposizione secondo la quale le regole ebraiche eccessive non erano imposte ai cristiani pagani. Allo stesso tempo, si affermava che era necessario astenersi dallo strangolamento e dal sangue (Atti 15:20). Altro nella sezione "Sangue". "Sebbene l'ematogeno sia un derivato del sangue del bestiame, tuttavia, non può essere proibito riceverlo per scopi medicinali".

Il sangue non può essere mangiato, ma come può purificare l'anima?

Le istruzioni che "questo sangue di quest'anima purifica", parlano della spruzzatura dell'altare di Dio come pegno per il loro peccato (dettagliato nel libro del Levitico).

Questo atto sanguinoso, con uno sguardo superficiale alla storia delle Sacre Scritture, sembra insensato e crudele. Tuttavia, tutto rimane difficile da spiegare fino a quando il Signore Gesù Cristo verrà nel mondo.

Il Salvatore stesso divenne il "vitello" per l'altare e cosparse il Suo Sangue sulla Croce d'Altare per purificare le nostre anime dall'abisso dell'alienazione una volta per tutte. Questa istruzione di Dio è un tipo del Grande Sacrificio Futuro per i nostri peccati.

"Cristo con il suo sangue una volta entrò nel santuario e acquistò la redenzione eterna" (Ebrei 9: 11,12), dice l'apostolo Paolo in una lettera agli ebrei.

È così che l'uomo-Dio riconcilia l'uomo attraverso il suo sangue con Dio il Padre. Allo stesso modo, mangiando il Sangue e la Carne di Dio, noi, con un passo oltre l'insuperabile baratro, siamo coinvolti nel Regno dei Cieli.

Perché vengono imposti divieti alimentari?

Nelle Regole apostoliche ci sono indicazioni speciali dell'atteggiamento dei cristiani verso l'Antico e il Nuovo Testamento. Dice: "Ma i libri dovrebbero leggere l'essenza dell'Antico e del Nuovo Testamento". Pertanto, la Chiesa ortodossa fu anatematizzata, cioè, scomunicata da se stessa, tutti coloro che mettevano in dubbio la santità e l'ispirazione dei libri dell'Antico e del Nuovo Testamento.

Sant'Ambrogio di Milano ha chiamato entrambe le "ciotole di saggezza" dei Testamenti nelle nostre mani, perché, ha detto, da "entrambi bevete Cristo".

L'accordo di Dio con le persone

La parola "patto" indica un contratto. Sotto l '"Antico Testamento" si intende un contratto con gli antichi giusti patriarchi, cioè padri e rappresentanti dei popoli della terra: Noè, Abramo, Isacco e Giacobbe. Possono essere rappresentati da semi preziosi che sono caduti nelle mani del seminatore durante un periodo di siccità globale.

Lo scopo del Signore è salvare la vita da queste malattie e dalla morte, cioè preservare la purezza della fede e del genere, in cui Cristo, il Salvatore del mondo, dovrebbe nascere. Pertanto, pone richieste rigorose di fede, devozione e obbedienza.

In cambio, dà la Sua benedizione e promette di dare la salvezza al popolo di Dio.

La cura dell'Altissimo riguardo al Suo popolo era nei Suoi comandamenti, alcuni dei quali erano comandamenti circa l'attenta attitudine al cibo.

Tuttavia, è necessario capire che ora, quando nasci, visse tra di noi, fu crocifisso, risorto e siede alla destra di Dio Padre, questo è un accordo dell'Antico Testamento, rigoroso per ovvi motivi, applicato.

E ora per noi il tempo del Nuovo Testamento, il contratto tra tutte le persone senza distinzioni e distinzioni, il contratto di "pentimento-perdono", il cui principale criterio è la nostra coscienza personale, si estende.

Raccomandiamo anche: Perché i prodotti a base di carne sono proibiti durante il digiuno?

Criteri per astenersi dal cibo - la nostra coscienza?

È difficile dire da ciò che il Signore procede stabilendo tali divisioni. Forse alcune considerazioni sanitarie si riflettono qui, ma molto probabilmente solo Dio lo sa, e possiamo solo supporre.

Una cosa è chiara, se il comandamento è un sentiero, allora una violazione del comandamento è una palude lontano da esso, puoi rimanere bloccato e non uscire mai.

Così, i confini invisibili di questo percorso salvifico - il "contratto" di Dio, che ora è stato adempiuto - inerte, come una ruota di bicicletta non attorcigliata, si estendono fino ai nostri giorni.

Quindi, per esempio, l'apostolo Luca raccomanda "di astenersi dall'idolo sacrificato e dal sangue, dallo strangolamento e dalla fornicazione", ma pone immediatamente su questo rozzo piedistallo il comandamento della nuova altezza, il Nuovo Testamento, il comandamento della corte della propria coscienza: non vuoi "(Atti 15:29).

E l'apostolo Paolo, confermando l'abolizione da parte di Cristo della necessità della legge dell'Antico Testamento, afferma che questa legge non può "rendere in coscienza perfetta" colui che lo realizza, perché viene solo "alla carne".

Questi comandamenti furono stabiliti, dice, "solo fino al momento della correzione".

Solo Cristo, scrive l'apostolo Paolo, "Chi per lo Spirito Santo si è reso immacolato a Dio, purifica la nostra coscienza dalle opere morte, per servire il Dio vivo e vero!" (Eb 9, 9-14).

L'apostolo Pietro parla anche della benedizione per violazione della necessità di questo comandamento. Aveva una visione in cui, durante la fame e la preghiera, una certa nave, come una grande tela legata ai quattro angoli e abbassata a terra, scendeva dal cielo aperto.

In questa tela c'erano "tutti i quattro piedi terrestri, animali, rettili e uccelli dell'aria". Il Signore chiamò Pietro a mangiare, ma Pietro, spaventato, rispose che "non mangiava mai nulla di cattivo o impuro".

E il Signore gli rispose: "che Dio ha purificato, che tu non lo consideri impuro" (Atti 10, 9-15).

Così, nel consiglio "apostolico" si decise di limitare questo decreto per decreto di astenersi dal sangue, dallo strangolamento e dalla carne che dà idolo (At 9,12), cioè, portato ad adorare gli idoli.

Ma tuttavia, al culmine del suo cuore innamorato di Dio, l'apostolo Paolo decide di mangiare tutto "venduto per la contrattazione, senza alcuna indagine, per la tranquillità della coscienza" del cuore cristiano. Allo stesso tempo, è già ad una tale altezza che la sua personalità si dissolve nella prodezza dell'amore infinito.

"Per i deboli, ero debole per ottenere il debole, perché tutto diventavo tutto per salvare coloro che possono essere" (1 Cor 9:22), dice Cristo l'apostolo Paolo.

Per l'amore che l'apostolo Paolo amava, non c'è limite, nulla di puro e impuro, nessuna legge, perché è diventata al di sopra della legge. Allo stesso modo, per noi, questa legge è necessaria solo allo scopo di acquisire un amore così illimitato e sacrificale per il Signore e il suo prossimo. Noi, che sono ancora i desideri appassionati del loro grembo, siamo confusi con la verità necessaria della vita.

Perché i russi non mangiano carne di cavallo?

Mangiavamo carne di manzo, maiale, agnello, pollo. Ma la carne di cavallo o la salsiccia viene raramente trovata anche solo per la vendita. Perché? Non è la stessa carne di qualsiasi altra? La risposta a questa domanda non è così semplice come sembra...

Panacea per nomadi

Nell'Asia centrale, ad esempio, la carne di cavallo veniva mangiata dai tempi antichi. Questa usanza fu introdotta da tribù nomadi. In primo luogo, i cavalli erano sempre a portata di mano, e in secondo luogo, la loro carne veniva rapidamente digerita e aveva un effetto riscaldante.

I medici dicono che la carne di cavallo è la carne più ecologicamente pulita, ha il più alto contenuto di proteine ​​con un equilibrio ideale di aminoacidi. Riduce la quantità di colesterolo nel sangue, regola il metabolismo del corpo e neutralizza anche gli effetti delle radiazioni. Inoltre, contiene molte vitamine utili e oligoelementi.

In breve, la carne di cavallo è in grado di sostituire una dieta a tutti gli effetti. Eppure - è ipoallergenico e può essere somministrato ai bambini.

Chi mangia carne di cavallo e chi no?

Ma, ad eccezione degli asiatici, non tutte le nazioni sono pronte a mangiare carne di cavallo per il cibo. In alcuni paesi dell'Europa occidentale, la carne di cavallo è considerata ripugnante al gusto. Secondo gli storici, questo mito è associato all'invasione di Napoleone in Russia. Durante la ritirata delle truppe francesi, i soldati affamati furono costretti a mangiare carogne di cavalli usando polvere da sparo invece di spezie.

Molti di loro sono stati avvelenati... Anche se oggigiorno in Francia e in Germania si aggiunge carne di cavallo alla salsiccia. In Spagna, può essere trovato in vendita in tutti i principali supermercati. Piatti separati di carne di cavallo vengono preparati in Belgio, Italia, Serbia, Slovenia, Giappone. In Ungheria, tuttavia, i cavalli allevati appositamente per la carne.

In alcuni paesi cattolici sin dal Medioevo, vi è un divieto sull'uso della carne di cavallo, introdotto dall'arcivescovo tedesco Bonifacio e dal papa Gregorio III per i missionari. Il fatto è che nell'antica Scandinavia l'uso della carne di cavallo faceva parte del culto pagano del dio Odino.

Nel 1000, i padri della chiesa riuscirono ad "attirare" l'Islanda nel seno del cristianesimo solo promettendo di non introdurre il divieto di mangiare carne di cavallo - gli islandesi lo amavano moltissimo! In realtà, era la base del loro potere. È vero, il divieto è stato successivamente imposto in ogni caso. Tuttavia, fino ad oggi non ha mai vissuto, e ora la carne di cavallo è molto popolare in Islanda.

Anche gli ebrei non mangiano carne di cavallo per motivi religiosi: possono mangiare solo carne di ruminanti e ungulati, come capre, mucche e pecore. In Inghilterra e negli Stati Uniti è vietato mangiare la carne degli animali "sportivi". Inoltre, molti europei hanno paura di mangiare carne di cavallo, perché credono che contenga sostanze nocive - i farmaci che vengono iniettati nei cavalli.

In Australia e in Nuova Zelanda, la carne di cavallo non è inclusa nel codice degli standard alimentari che definiscono la carne. Gli zingari, così come i residenti dell'India e del Brasile, rifiutano di mangiare cavalli, poiché li considerano i loro "fratelli più piccoli".

La carne di cavallo non è russa?

Cosa ci impedisce di godere del cavallo, russo? Prima di tutto, le stesse tradizioni religiose. Il canone ortodosso afferma direttamente che "tutte le cose impure possono mangiare durante una carestia (necessità). E nel solito tempo non è raccomandato mangiare carne di sangue inedito (morto), carne di cavallo, gamberi, granchi, pesci senza squame; sangue arrosto (uccelli e animali), conigli, conigli. "Ma non sono solo i divieti cristiani.

Da tempo immemorabile, i cavalli sono stati usati dai russi come aiutanti - un mezzo di trasporto e giostre. Dopo tutto, una mucca o un maiale non possono essere imbrigliati su un carrello o su una slitta! Pertanto, hanno trattato cavalli come cani e gatti: i primi sorvegliano la casa, i secondi catturano i topi... Semplicemente non sono stati accettati.

Ma ancora in tempo di carestia, ad esempio, durante la guerra civile, durante la carestia degli anni '30 nella regione del Volga o durante la Grande Guerra Patriottica, si mangiava carne di cavallo - e dove andare! Ma nel solito tempo hanno cercato di non farlo. C'è un altro motivo oggettivo che ci impedisce di avere carne di cavallo sulla nostra tavola: per l'allevamento di massa di cavalli, sono richiesti pascoli molto grandi.

Non possono essere tenuti in platea per più di 15-20 giorni (periodo di ingrasso), altrimenti il ​​sapore della carne si deteriora. Oggi i principali fornitori di carne di cavallo sono la Mongolia, il Kazakistan e il Kirghizistan. La carne di cavallo kazaka è considerata la più deliziosa. Ha allevato cavalli "a base di carne" e in Russia, ad esempio, a Bashkortostan, Altai, Yakutia.

In linea di principio, nessuno ti giudicherà se vuoi gustare la carne di cavallo relativamente rara e scarsa come una prelibatezza. Ma è improbabile che la maggior parte dei russi sia pronta a mangiarla regolarmente, a meno che non ci siano amanti...

Perché ai cristiani è stato dapprima vietato di mangiare carne di maiale e poi sono stati ammessi nel Nuovo Testamento?

Ricordiamo immediatamente che il divieto di mangiare animali impuri (incluso il maiale) è stato dato da Dio al popolo di Israele nell'Antico Testamento attraverso il profeta Mosè. Ma cosa c'era prima?

Fino alla caduta di Adamo ed Eva, non c'era, ovviamente, cibo a base di carne.

Dopo la Caduta, anche se nulla è stato specificamente detto su questo, sembra che la carne potesse già essere mangiata, come è evidente dal fatto che il figlio di Adamo ed Eva Abele era un pastore di pecore.

Ma solo dopo il diluvio il Signore indicò direttamente a Noè: "Tutto ciò che si muove, che vive, sarà il tuo cibo; come erba verde ti do tutto "(Genesi 9, 3). È importante notare qui che era ancora possibile mangiare tutto, cioè tutti gli animali.

Inoltre, in cronologia, ti ricordi che da Noè la razza umana cominciò a diffondersi sulla faccia della terra e presto molti dei suoi discendenti (principalmente dai figli di Cam e Jafet) iniziarono a dimenticare il vero Dio, diventando pagani. Dimenticando Dio, queste nazioni hanno condotto uno stile di vita peccaminoso e tutte le loro opere, per sempre, erano malvagie.

Fu allora che il Signore voleva separare il Suo popolo eletto (quello che manteneva la vera fede) dai Gentili ordinandoli attraverso Mosè ad osservare rigorosamente alcune leggi (una delle quali proibiva agli ebrei di mangiare animali impuri).

Diamo un'occhiata al testo della Sacra Scrittura con te: "Sei una nazione santa con il Signore tuo Dio, e il Signore ti ha scelto per essere il suo popolo tra tutti i popoli che sono sulla terra. Non mangiare alcun abominio.

Ecco il bestiame che puoi mangiare: buoi, pecore, capre... "(Dt 14, 2-4), poi sono elencati e animali che non possono essere mangiati.

Questa relazione è chiaramente visibile qui - l'elezione da parte di altri popoli e un approccio selettivo al cibo.

Questa legge, come molte altre, avrebbe dovuto proteggere gli ebrei da una stretta comunicazione con i pagani, che ha sempre portato alla corruzione della morale e, di conseguenza, alla distorsione della fede.

È necessario sottolineare che anche il lato simbolico della domanda è di grande importanza. L'Antico Testamento è pieno di simboli: il roveto ardente rappresentava la Madre di Dio, il figlio di Abramo Isacco - Cristo stesso, il passaggio degli ebrei attraverso il mare degli incantesimi - il sacramento del battesimo, ecc. Ecc.

Gli animali impuri erano tipi di nazioni pagane.

Richiama la visione di un Pietro, che vide "un cielo aperto e una nave che scendeva verso di essa, come una grande tela legata ai quattro angoli e abbassata a terra; c'erano tutti i tipi di animali terrestri a quattro zampe, bestie, rettili e uccelli dell'aria. E c'era una voce per lui: Alzati, Peter, uccidi e mangia.

Ma Pietro disse: No, Signore, non ho mai mangiato nulla che sia impuro o sporco. Poi un'altra volta c'era una voce per lui: che Dio ha purificato, che tu non leggi impuri. Era tre volte; e la nave salì di nuovo in cielo "(Atti 10, 11-16). Questa visione si presentò.

Pietro, che la fede di Cristo dovrebbe d'ora in poi diffondersi tra le altre nazioni pagane. Che cosa successe successivamente.

I popoli impuri, attraverso l'adozione della vera fede, furono purificati e il divieto di mangiare animali "impuri" fu abolito, come molte altre leggi e rituali del popolo ebraico.

Nel Concilio apostolico (vedere Atti 15) fu specificamente definito che converte i cristiani, tra i pagani che credevano, non osserverebbero riti e leggi degli ebrei, ma solo "in modo che si astenessero dall'essere contaminati da idoli, oscenità, strangolamento e sangue e così non fanno agli altri ciò che non vogliono per se stessi ".

Le seguenti scritture possono anche essere interessanti:

Ora, secondo la tua domanda, possiamo concludere: il divieto di mangiare carne di maiale è stato annullato da Dio stesso attraverso San apostoli, cancellati perché ha perso significato e rilevanza.

È possibile mangiare un cristiano? Parte 2

Studio biblico delle restrizioni alimentari.

Continuiamo la nostra conversazione sui comandi e le proibizioni alimentari biblici. Passando alle pagine del Nuovo Testamento, devi immediatamente porre una domanda importante: i primi cristiani osservavano la legge di Mosè e tutte le norme alimentari ad essa associate? Rispondiamo: conformi. Il processo dell'uscita del cristianesimo dal rituale ebraico era piuttosto lungo.

All'inizio, la Chiesa aveva bisogno di comprendere almeno il fatto che i cristiani che venivano dal paganesimo non avevano bisogno della legge dell'Antico Testamento. Ciò si riflette nelle decisioni della Cattedrale Apostolica di Gerusalemme. I pagani battezzati erano incaricati solo di "astenersi dal sacrificio del sacrificio e del sangue, e dallo strangolamento e dalla fornicazione, e di non fare agli altri ciò che tu stesso non vuoi" (Atti 15:29).

Come vediamo, l'idolatria, il sangue, lo strangolamento rimangono ancora vietati. Di seguito torneremo su questo problema.

Così, già nei primi decenni della sua vita, la Chiesa testimonia l'inutilità di un cristiano dai pagani della legge mosaica (con l'eccezione dei punti sopra menzionati). Sebbene la comunità ebraica di Gerusalemme obbedisse ancora alla legge, combinandola con la fede in Cristo, e così fu fino alla distruzione di Gerusalemme nell'anno 70. Poco dopo questa tragedia, l'ebraico-cristianesimo lascia la Chiesa per sempre.

Ma non siamo interessati a questo ora. Indubbiamente, il predicatore più importante del non-obbligo e persino il pericolo della legge per i pagani era l'apostolo Paolo. Come pioniere in questo campo, ha sofferto molti dispiaceri per le sue opinioni. Per capire meglio l'atteggiamento della chiesa verso il discernimento del cibo, dobbiamo approfondire l'insegnamento dell'apostolo su questo tema.

Se ci muoviamo secondo il Nuovo Testamento secondo la successione ecclesiastica delle epistole apostoliche, per la prima volta i temi dell'avvelenamento o del non-nucleare per ragioni religiose si trovano nel 14 ° capitolo di Romani. A questo materiale giriamo. Il contesto dell'argomento sollevato era il seguente.

Il fatto è che tra i cristiani romani c'erano opinioni diverse sul fatto che un cristiano potesse mangiare carne e bere vino. Alcuni hanno ritenuto necessario astenersi da entrambi, santificando alcuni giorni con il digiuno. Altri hanno riconosciuto tali restrizioni sulla libertà cristiana come inutili.

Inoltre, il fatto che il mercato vendesse principalmente prodotti idolatri (dedicati all'una o all'altra divinità pagana) fu aggiunto al mercato, e i cristiani inevitabilmente affrontarono la questione di come trattarli. Sentiti libero di mangiare senza pensare a nulla? Così tanti. Non mangiare e disdegnare come qualcosa di sporco? Alcuni hanno fatto proprio questo.

Questa situazione ha generato molte dispute e disorientamenti, a cui l'apostolo Paolo sta cercando di rispondere.

Prima di tutto, scopre che "non c'è nulla di impuro di per sé; Solo a chi adora impuro è impuro (Romani 14:14).

Il pensiero di Paolo è abbastanza in consonanza con le parole di Cristo: "Non è quello che entra nella bocca che contamina una persona, ma quello che esce dalla bocca che contamina una persona" (Matteo 15:11).

La comprensione cristiana della contaminazione riguarda la vita spirituale dell'uomo; prima di tutto pensieri e desideri segreti, quindi parole e azioni. Inquinano una persona, non cibo e bevande.

Quanto sarebbe bello per noi ricordarlo, a volte cadendo nella gelosia a causa della ragione! Quante volte mostriamo miracoli di intelligenza veloce: se non solo per mangiare qualcosa di "non statutario", ma allo stesso tempo possiamo tranquillamente sopportare la rabbia e la malevolenza in noi, senza provare alcuna contaminazione - ed è in questo stato che la nostra anima è profondamente contaminata! Quanto è più facile per noi gestire la forma, non il contenuto, e quanto spesso avvengono le nostre cadute invisibili a causa dell'attaccamento doloroso a tutto ciò che è esterno! Anche l'esterno è necessario, ma a volte è difficile superare la tentazione di fare apparire l'obiettivo della vita spirituale...

Così, Paul, scoprendo che "non c'è nulla di sporco", nota una cosa importante: chiama i raccoglitori di cibo "deboli", ma chiede di non interferire con loro, perché hanno deciso di non mangiare certi cibi o altro secondo la loro convinzione interiore Signore.

La decisione fu presa "per fede", e questo è importante per l'apostolo: "Chi mangia, mangia il Signore, perché ringrazia Dio; e chi non mangia, non mangia per il Signore, e ringrazia Dio... Beato chi non si condanna per la scelta.

Ma un dubbio, se mangia, è condannato, perché non è per fede; e tutto ciò che non è per fede è peccato (Rom. 14: 6; 22-23).

In genere, Paolo non considera la questione del cibo molto importante nel cristianesimo, "perché il regno di Dio non è cibo e bevanda, ma giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo" (Romani 14:17). Quindi, a causa del digiuno o del mangiare, non dovresti mai litigare.

"Chi mangia, non disprezzare chi non mangia; e chi non mangia, non condanna chi mangia "(Rom. 14: 3), l'apostolo esorta. E, naturalmente, non dovresti sedurre tuo fratello con un gusto o un gusto di principio: "Per amore del cibo, non distruggere l'opera di Dio.

Tutto è pulito, ma è male per un uomo che mangia contro la tentazione "(Rom. 14:20).

Queste sono le tesi principali dell'insegnamento di Paolo sul significato religioso del cibo nella Lettera ai Romani. Troviamo argomenti molto più ampi sul tema che ci interessa nella Prima Lettera ai Corinzi.

Qui, Pavel sta già localizzando la sua attenzione proprio sull'idolo che offre cibo. All'inizio, sentiamo già i pensieri sulla secondaria importanza del cibo nella vita cristiana, e che il cibo non dovrebbe sedurre e sconvolgere nessuno: "Il cibo non ci avvicina a Dio: perché, se mangiamo, non otteniamo nulla; Non mangiare, non perdere nulla.

Fai attenzione, tuttavia, che questa tua libertà non dovrebbe essere una tentazione per i deboli "(1 Cor 8: 8-9).

Parlando dell'idolatrico, Paul nega in genere qualsiasi impatto sul cristiano che mangia idolo, in quanto l'idolo stesso è semplicemente un falso simbolo di una realtà inesistente: "Sappiamo che l'idolo è l'idolo e che non c'è altro Dio se non Quello "(1 Cor 8: 4).

Sembrerebbe che tutto sia chiaro. C'è l'unico Dio che i cristiani adorano, e tutto il resto è illusione e inganno. E improvvisamente, tra le solite tesi, appare un'altra idea completamente nuova.

L'apostolo riconosce che anche "un idolo nel mondo non è nulla", ma dietro la realtà inesistente degli dei pagani si nascondono i demoni, e mangiare un idolo significa comunicare con i demoni.

Leggiamo la citazione del decimo capitolo del messaggio:

"Mia amata, fuggi dall'idolatria. Io dico [a te] come giudizioso; Giudica per te quello che dici. Il calice della benedizione che noi benediciamo, non è una comunione del sangue di Cristo? Il pane che rompiamo, non è una comunione del Corpo di Cristo? Un solo pane, e noi siamo molti un solo corpo; poiché tutto prende la comunione da un pane.

Guarda Israele secondo la carne: quelli che mangiano i sacrifici non sono i partecipanti dell'altare? Cosa sto dicendo? Un idolo ha qualcosa o un idolo significa qualcosa? [No], ma che i Gentili, sacrificando, sono offerti ai demoni, e non a Dio. Ma non voglio che tu sia in comunicazione con i demoni.

Non puoi bere il calice del Signore e la coppa dei demoni; non puoi essere partecipe alla mensa della tavola del Signore e del diavolo "(1 Cor 10: 14-21).

Ecco una svolta inaspettata! Questo è Paul - è sempre imprevedibile. Il suo pensiero scorre come un fiume che scorre a pieno ritmo e spesso prepara per noi o cascate tempestose, o un banco di sabbia trasparente, o improvvisamente una straordinaria profondità, o svolte tortuose. La situazione con idolatale complica.

Sì, la realtà dipinta dall'idolo non esiste, ma dietro l'idolo c'è un angelo caduto che è ancora presente. "Yako vosi bozi la lingua dei demoni" (Salmi 95: 5). E gustare l'idolatria significa coscientemente interagire con lo spirito malvagio.

Quindi c'è un pericolo di profanazione? La risposta si rivela inevitabilmente duale.

Assaporando un sacrificio idolatrico senza credere in un dio pagano, ma se c'è una ferma fede in Cristo, non produrrà alcuna contaminazione, perché la contaminazione nel cristianesimo è un concetto di carattere interiore; tuttavia, si osserverà una partecipazione indiretta al culto pagano, e questo è indesiderabile.

L'apostolo chiarisce anche qualcosa: "Mangia tutto ciò che è venduto per la contrattazione, mangia senza investigazione, per la [pace della mente] coscienza; perché la terra è del Signore e ciò che la riempie. Se uno degli infedeli ti chiama e vuoi andare, allora dovresti mangiare tutto ciò che ti viene offerto, senza alcuna indagine, per [la pace della mente].

Ma se qualcuno ti dice: questa è un'offerta sacrificale, quindi non mangiare per amore di colui che ti ha annunciato, e per motivi di coscienza. Per la terra del Signore e per ciò che ne è pieno.

Non intendo la mia coscienza, ma la coscienza dell'altro: perché la mia libertà di essere giudicata dalla coscienza di un altro? Se accetto [il cibo] con ringraziamento, allora perché incolparmi di ciò che ringrazio? Quindi, se mangi, bevi o qualunque cosa tu faccia, fai tutto per la gloria di Dio "(1 Cor 10, 25-31).

Come possiamo vedere, Paolo, il più grande missionario nella storia del cristianesimo, copre il tema del mangiare l'offerta di idoli in abiti missionari. Funny spiega questa situazione. Andrey Kuraev. Supponiamo di essere venuti a trovarci - dice circa. Andrew.

La padrona di casa tratta, il tavolo è ben apparecchiato. All'improvviso l'hostess ha detto: "Ma prova le deliziose torte Krishna, mi hanno dato oggi per strada. Questi bravi ragazzi sono Hare Krishna... "Cosa fare? Dopo tutto, il prasad di Krishna è cibo idiosincratico.

In quel caso, crede Kuraev, dobbiamo rifiutare questa donna. È impossibile per lei pensare che sia buono mangiare l'offerta sacrificale. Tuttavia, di notte (diciamo che siamo rimasti una notte) possiamo entrare di nascosto in cucina e mangiare tutte le torte con la coscienza pulita.

E anche, forse, non essendosi fatto il segno della croce - perché "un idolo nel mondo non è nulla".

Conclusione: Non ho paura della profanazione dal cibo, perché Cristo è più forte dei demoni, ma se il mio vicino non ha la conoscenza che ho, non ho il diritto di tentarlo con la mia audacia. Pensaci. Ripeti ancora. Un idolo non è niente e non può essere temuto.

Tutto il cibo è creato da Dio per l'uomo, quindi puoi mangiare tutto ciò che è venduto sul mercato, senza dubbio. Tuttavia, possiamo ragionare sul mangiare o non mangiare a seconda dell'impatto delle nostre azioni su altre persone (fattore missionario). Loro stessi devono avere una forte fede e non avere paura di nulla.

Ma ancora, il caveat: dietro l'idolo puoi nascondere un demone, quindi è ancora meglio non affrontare il cibo portato dall'idolo.

Paradossalmente? Sì. Tuttavia, il pensiero del suono è lì, e può essere capito. "Ogni servizio collega una persona con la creatura a cui è dedicata.

Così, l'Eucaristia mette i cristiani in comunione con Cristo, il sacrificio ebraico ha messo in contatto gli ebrei con l'altare di Geova, e il sacrificio pagano mette una persona sotto l'influenza dei demoni, da cui si è verificata la stessa idolatria, e l'apostolo Paolo non vuole consentirlo (1).

Pertanto, nel Concilio apostolico fu adottato il divieto dell'idolatria, e successivamente la Chiesa lo confermò nelle regole dei Concili ecumenici. Devi anche capire che c'è un momento di disciplina. In alcune questioni dovrebbe esserci una disciplina per tutti - sia per i forti che per i deboli. Sarebbe difficile spiegare a tutti individualmente le sottigliezze degli insegnamenti di Paolo.

È necessario tener conto della complessità delle relazioni nella prima chiesa di giudeo-cristiani e yazyko-cristiani. Lo Yazyk Christian, avendo appreso che l'idolo non è nulla, poteva tranquillamente mangiare l'idolatria, come faceva sempre, sapendo solo che questa offerta era per falsi dei e che non gli avrebbe fatto alcun male.

Per un giudeo-cristiano, cresciuto nei divieti alimentari della legge, questa immagine sembrerebbe terribile svenire. Lo stesso vale per mangiare sangue. Pertanto, vi era un divieto rigoroso, lo stesso per tutti, al fine di evitare qualsiasi tentazione e ambiguità. Sebbene abbiamo visto che l'insegnamento di Paolo sul sacrificio del sacrificio non era inequivocabile.

In linea di principio, un cristiano è libero nella scelta del cibo, ma allo stesso tempo c'è una disciplina di chiesa generale, così come un fattore del prossimo.

Quindi, solo tre tipi di cibo sono direttamente proibiti per un cristiano: cibo donato (sacrificato a un dio pagano), sangue in qualsiasi forma e strangolato (di nuovo, a causa del sangue). Per quanto riguarda il sacrificio idolatrico, non dovremmo scoprire in modo specifico se il nostro cibo non è tale, ma poiché siamo consapevoli, allora è meglio non mangiare.

Non ci contaminerà se abbiamo fede, poiché la contaminazione nel cristianesimo è una questione di arbitrarietà interna. Confermeremo questa idea con diverse citazioni patristiche. "L'apostolo non permette neppure a loro di dubitare, cioè di investigare e investigare se è idolatrato o meno, ma ti ordina di mangiare semplicemente tutto sul mercato, senza chiedere cosa viene proposto.

Il sacrificio dell'idolatria non è nella sua natura, ma produce una contaminazione secondo la volontà di colui che mangia "(San Giovanni Crisostomo) (2)." Evita, dice, l'idolatrato, non perché potrebbe causare danni; non ha potere; ma perché è spregevole "(San Giovanni Crisostomo) (3).

"Un idolo non è nulla e non può avere alcuna influenza sulla qualità del cibo, non fa mangiare una persona malvagia, perché è disonesto riconoscere un idolo come qualcosa" (St. Theophan the Recluse) (4).

Ricordiamoci anche che i divieti alimentari dell'Antico Testamento (come altri riti cerimoniali legali) sono irrilevanti per noi. La chiesa ha cessato di rispettarli già nel I secolo. Potremmo essere interessati solo al valore rappresentativo di questi divieti, che devono essere discussi separatamente. E, naturalmente, i principi morali della legge, approfonditi e ispirati da Cristo, sono di fondamentale importanza (vedere Matteo 5).

Un cristiano può mangiare cibo kosher e halal?

Nei Vangeli non c'è un solo comandamento su ciò che è proibito mangiare ai discepoli di Cristo e ciò che è permesso.

Nei Vangeli non c'è un solo comandamento su ciò che è proibito mangiare ai discepoli di Cristo e ciò che è permesso. E questo sembra a chi conosce la Scrittura molto strana, perché, per esempio, il capitolo 11 del libro del Levitico è interamente dedicato a ciò che il popolo dell'Antico Testamento potrebbe usare per scrivere e che non dovrebbe. Perché il Vangelo tace su un argomento così apparentemente più importante per una persona?

Perciò ti dico: non essere ansioso per la tua anima.
cosa mangi e cosa bere, non per il tuo corpo, cosa indossare.
L'anima non è più cibo e il corpo che abbigliamento? (Matteo 6, 25)

Dopotutto, tutti hanno bisogno di mangiare del cibo, lo facciamo tutti i giorni, anche più volte al giorno. Ciò spinse il filosofo materialista tedesco L. Feuerbach nella lettera J.

Moleshotta lancia una brillante frase "L'uomo è ciò che mangia!" Certo, alcuni lo attribuiscono a Pitagora, ma l'antico pensatore era una figura così misteriosa che molte frasi rimasero di lui, ma la loro credibilità solleva dubbi.

Tuttavia, è fortemente detto: "L'uomo è ciò che mangia"! Tuttavia, J. Moleschott non restò in debito e gettò, come si suol dire, un'altra espressione graffiante "Il cervello enfatizza il pensiero come il fegato della bile", o forse era il suo alleato nel materialismo volgare, Karl Focht.

Ciò non cambia le cose, ma riflette l'atteggiamento materialistico nei confronti dell'uomo come animale. Lascia che sia intelligente. E l'animale non ha proibizioni alimentari consapevoli: mangia istintivamente, soddisfacendo il bisogno di nutrienti del corpo.

L'uomo, nella sua stessa cultura, cerca costantemente di superare il principio animale in se stesso.

Tutte le religioni e tutte le culture con i loro costumi mentre piangiamo: "Io non sono una bestia, non mangio - Mangio, scrivo, mangio! Io non sono un animale, non affronterò il bisogno sotto un cespuglio o un albero vicino, organizzo latrine culturali! Non sono una specie di animale, coperto di lana, mi vesto, mi vesto con i vestiti, mi abbellisco, rifletto la mia differenza, la mia cultura! "

Ecco perché i divieti di cibo religioso sono uno dei più antichi divieti a noi noti in epoca storica.

Senza escludere alcun cibo, una persona affermò di essere in grado di superare un animale in se stesso per una qualche idea sublime: di regola, religiosa.

I divieti alimentari esistevano tra i sacerdoti nell'antico Egitto, i Pitagorici nell'antica Grecia, gli asceti dell'antica India, i Zoroastriani persiani.

Nell'Antico Testamento esisteva una rigorosa separazione degli animali in animali puliti (carne che era permesso di mangiare) e impuri (vietati di mangiare): "questi sono gli animali che puoi mangiare da tutti i bovini sul terreno...".

E poi segui i segni di questi animali. Poi vengono elencati gli animali che sono vietati a mangiare e dicono: "Non mangiare la loro carne e non toccare le loro carcasse; sono impuri per voi "(Levitico 11, 2, 8).

Perché Dio ha stabilito restrizioni alimentari nell'Antico Testamento?

Il Prelato Giovanni Crisostomo ha sottolineato direttamente che Dio non ha creato nulla di malvagio o impuro, ma la natura stessa dell'uomo ha promosso tale divisione. San Fozio di Costantinopoli sottolinea che questa distinzione era di natura storica e fu data per sopprimere l'idolatria.

San Costantino (Cirillo), l'illuminante degli slavi, riteneva che un tale divieto fosse inteso principalmente ad astenersi dal mangiare cibo. "Riguardo a quanto sia dannoso mangiare," dice San Cirillo, "è scritto su questo:" e Israele fu disgustato... e lasciò Dio "(Dt 32, 15).

I Santi Padri sottolineano che nella natura stessa non c'è nulla di sporco, ma questa separazione per l'Antico Testamento ha un significato didattico-morale. In generale, la legge dell'Antico Testamento, secondo l'apostolo Paolo, era un insegnante di Cristo (Gal 3, 24).

Poiché molte istituzioni dell'Antico Testamento si sottomisero a questo obiettivo pedagogico, quindi con l'adempimento di antiche profezie e tipi nel Nuovo Testamento, sorse la domanda: i cristiani appena battezzati avrebbero osservato le decisioni educative e didattiche quando la Verità stessa emanava in Cristo.

Questo è il motivo per cui gli apostoli nel loro primo consiglio, una delle questioni principali su cui si basava l'osservanza della legge, compresi i divieti alimentari dell'Antico Testamento, decisero che per i convertiti dai pagani non è necessario osservare severe restrizioni.

L'apostolo Giacomo, il fratello del Signore, egli stesso severo esecutore della Legge mosaica, affermò questa decisione con le sue stesse parole: non hanno fatto agli altri ciò che non vogliono per se stessi "(Atti 15: 19-20).

Quindi, poiché la nostra fede è che il Dio buono e amante dell'umanità ha creato l'intero universo, e secondo la Bibbia sul mondo animale e vegetale, "Dio vide che era buono" (Gen. 1, 12), quindi i divieti non sono di natura essenziale, ma ne abbiamo bisogno per il miglioramento morale, la salute e il benessere.

Pertanto, è sbagliato porre la domanda in questo modo: cosa non possono mangiare gli ortodossi? Dopo tutto, l'apostolo Paolo non ha scherzato con i cristiani di Corinto: "Tutto è lecito per me, ma non tutto è utile; tutto è lecito per me, ma niente dovrebbe avere me. Cibo per l'utero, e l'utero per il cibo; ma Dio distruggerà entrambi.

Il corpo non è per fornicazione, ma per il Signore e il Signore per il corpo. Dio ha resuscitato il Signore, ci risusciterà anche con la sua potenza "(1 Cor 6, 12-14). Pertanto, nell'Ortodossia non ci sono divieti alimentari, ci sono restrizioni sul cibo volontariamente adempiute dai cristiani, determinate dalla Carta (Typicon).

Se un cristiano si considera membro della Chiesa di Cristo, lui e la Chiesa osservano l'astinenza nel cibo: non mangia fast food (carne e latticini) il mercoledì e il venerdì di tutto l'anno, e anche in quattro giorni di digiuno, specialmente nella Grande Quaresima, che è il modo per la salvezza di Cristo Pasqua.

Limitandoci al cibo, ricordiamo la fragilità della nostra natura terrena, ci rassegniamo, viviamo la fame. Ma l'obiettivo del digiuno non è dietetico, ma liturgico.

Protopresbyter Alexander Schmemann scrive: "L'uomo è un essere affamato. Ma ha fame di Dio. Tutta la "fame", tutta la sete, sono l'essenza della fame e la sete di Dio. Certo, in questo mondo, non solo l'uomo ha fame. Tutto ciò che esiste, ogni creatura, vive di "nutrizione" e dipendenza da esso.

Ma l'unicità dell'uomo nell'universo è che solo lui è stato dato per ringraziare e benedire Dio per il cibo e la vita da Lui donati. Solo l'uomo è capace e ha invitato la benedizione di Dio a rispondere con la sua benedizione, e in questo c'è la dignità reale dell'uomo, la chiamata e l'appuntamento per essere il re della creazione di Dio... "(" Per la vita del mondo ").

Pertanto, il punto più alto nella ricerca umana di Dio è la Liturgia, l'Eucaristia (il Ringraziamento). Pane e vino sono portati a Dio e, accettando la benedizione di Dio, diventa per noi non cibo terrestre, ma Pane, disceso dal Cielo, il Corpo e il Sangue di Cristo (Giovanni 6, 51).

Ecco perché la Chiesa ha istituito un posto eucaristico prima della comunione: non perché qui sia necessaria una dieta medica, ma perché la grandezza del Sacramento ci porta ad avere la Santa Comunione come il primo cibo da mangiare in questo giorno.

Se siamo consapevoli del significato liturgico del digiuno, cioè il digiuno come dono a una persona peccatrice per correzione, miglioramento nella preghiera (non a caso si dice che "la pancia piena alla preghiera è sorda"), evitiamo due estremi: trattare il digiuno come una restrizione rituale, come il comandamento dell'Antico Testamento sull'impuro, e, dall'altra parte, la connivenza leggera, quando, per vigliaccheria, "sollecitiamo" il permesso del prete per ogni tipo di indulgenza da parte delle guardie, e ci permettiamo persino di essere ammessi nel posto di digiuno.

Nel primo caso, rischiamo di cadere nella più stupida condanna dei nostri vicini: dicono, "siamo puliti e giusti, mentre digiuniamo, e questi peccatori si contaminano mangiando chi non perdona".

Dimentichiamo, in questo caso, le istruzioni dell'apostolo Paolo, leggere a noi prima della Quaresima "se mangiamo, non otteniamo nulla; non mangiamo, non perdiamo nulla "(1 Cor 8, 8). Cioè, la posta sta arando: arare non otterrai un raccolto.

Dobbiamo anche seminare i semi della vita spirituale. Ma quando condanniamo i nostri vicini, facciamo molto male e soprattutto facciamo del male alla nostra anima.

Nel secondo caso, senza preoccuparsi del digiuno come "costume opzionale", seminiamo su terreni sassosi e non coltivati. Quanti frutti spirituali otterremo in questo caso? Avremo Pasqua nella gioia spirituale, se non abbiamo precedentemente lavorato su noi stessi al meglio delle nostre capacità?

Mi scuso per un'introduzione così lunga, ma è necessario capire una cosa semplice: nell'Ortodossia non ci può essere cibo "pulito" rituale, come quello descritto nel capitolo 11 del libro del Levitico, o prescrizioni simili alle prescrizioni delle religioni non cristiane: "kashrut" ebraico, islamico "Halal", Krishna "prasad". Non possono esserci divieti corrispondenti di cibo "impuro", eccetto quelli specificati dal Consiglio Apostolico.

Questo, tuttavia, non significa che gli ortodossi possano mangiare cibi malsani. Sì, i santi coperti dalla protezione speciale di Dio assaggiavano cibo velenoso e rimanevano vivi.

Ma questi erano miracolosi incidenti inviati da Dio per aiutare gli ardenti predicatori di Cristo a rassicurare i miscredenti. Non c'è bisogno di mangiare cibo avariato, per acquistare prodotti scadenti quando c'è una scelta.

Per questo ci viene data la mente: distinguere tra l'utile e l'inutile.

E qui gli esperti corrosivi possono notare: dopo tutto, il cibo kosher concesso dagli ebrei, così come l'halal musulmano (che in realtà è molto simile), si distingue spesso per l'eccellente qualità. Quindi, il rabbino ebreo sta seguendo il massacro dei bovini kosher, selezionando solo animali di alta qualità, assicurando che l'animale sia rapidamente macellato, ecc. Pertanto, a proposito, nei negozi kosher i prodotti sono visibilmente più alti di quelli normali. Allo stesso modo, il cibo halal per i musulmani è soggetto a una selezione speciale.

Forse vale la pena comprare ed è: è più utile? Un'altra domanda sorge spontanea: è possibile mangiare cibo ortodosso preparato secondo rituali ebraici o musulmani?

Qui esprimerò un'opinione puramente personale. L'ebreo "kashrut" e l'islamico "halal" non sono cibo idio-sacro. Sono semplicemente persi nel tempo, permessi e restrizioni alimentari antichi che hanno perso il loro significato originale.

Penso che non ci sia alcun divieto speciale sul suo cibo (non intendo ora il cibo speciale rituale della Pasqua ebraica - matzo o pecore macellate ritualmente a Kurban-bayram: qui la domanda è più complicata e non sono pronto a commentarla).

Ma nel desiderio di comprare questo cibo c'è un pericolo spirituale di inchinarsi quietamente al fatto che dicono "ma non vale la pena dare un'occhiata più da vicino a una religione che ha un cibo così buono". È vero, questo problema per noi è piuttosto speculativo: beh, non ci sono masse di negozi specializzati ebrei o islamici intorno a noi per preoccuparsene.

Ma purché i nostri cittadini ortodossi che si identificano con l'ortodossismo possano acquistare prodotti di qualità, sarebbe possibile organizzare la vendita di beni dai monasteri. Non dargli solo un significato religioso.

Le azioni per la vendita di beni monastici sul mercato non sono in effetti molto diverse dalle recenti azioni che vendono beni dalla Bielorussia: un po 'più costosi, ma più qualitativi. Sì, e bisogna superare la barriera dei grandi dettaglianti che si affacciano sul mercato alle aziende secondarie. Ma puoi acquistare nello store qualsiasi prodotto. Inoltre... dirò una cosa terribile: puoi persino andare al McDonalds (ma, secondo me, non è necessario).

Ma con il pasto vegetariano Krishna "prasad" la situazione è più complicata. Non è necessario mangiarlo: per quanto posso immaginare, questo è l'imitativo, perché il cibo di Krishna è "offerto" a Krishna, il dio del pantheon indù. Solo dopo ciò è servita agli adepti di questo culto neo-indù.

Pertanto, non consiglierei agli ortodossi di andare nelle mense vegetariane se sono organizzati dagli indù.

Non c'è niente di male nella dieta vegetariana, ma se è di natura rituale, allora ci riduciamo dal più alto livello spirituale dato dal sacrificio liturgico al livello della legge dell'Antico Testamento o del paganesimo pre-Antico Testamento. E questo non dovrebbe essere fatto.

Non dovrebbero essere gli stessi ortodossi a ripristinare i divieti legislativi e rituali del cibo, etichettando i prodotti "prodotto ortodosso". Se restiamo nel negozio per mezz'ora, leggendo la composizione sul pacchetto di biscotti in caratteri piccoli: "c'è del latte?" - per ottenere i biscotti per la posta, allora c'è qualcosa di assurdo in questo.

Se un biscotto è grasso e gustoso, allora non è coerente con l'obiettivo del digiuno ortodosso. Se questi sono biscotti secchi, è un grosso problema che il siero si aggiunga a loro? Questa è la mia opinione. Pertanto, non leggo la composizione nel negozio sotto una lente di ingrandimento. Tuttavia, nei campioni per il digiuno, non sono adatto.

La cosa principale è non dimenticare che la posizione di digiuno nell'Ortodossia è solo una parte della carta liturgica generale e, a parte ciò, ha un piccolo significato spirituale in sé. E non dimenticare che non c'è cibo speciale "ortodosso".

"E un dubbio, se mangia, è condannato, perché non è per fede; ma tutto ciò che non è per fede è peccato "(Rm 14, 23).