Principale > I dadi

10 migliori fonti di vitamina D

Le vitamine sono sostanze biologicamente attive che fungono da catalizzatori per la maggior parte dei processi metabolici nel corpo. Contrariamente alla credenza popolare, la vitamina D non è una vitamina, ma un gruppo di sostanze che appartengono al numero di vitamine liposolubili, cioè si dissolvono solo in composti e grassi organici.

Anche da scuola, si sa che questa vitamina si forma sotto l'azione della luce solare degli steroli, ed è necessario che le ossa siano forti. Ma la fonte di vitamina non è solo il sole, ma anche il cibo. Nota medica ti dirà quali alimenti contengono vitamina D.

Fonte di vitamina d

Con il pieno apporto e la produzione di vitamina D nel corpo, elementi quali fosforo, calcio, magnesio sono correttamente e completamente assorbiti. E questi elementi sono necessari per il pieno sviluppo delle ossa e mantenere la loro forza. La vitamina D contribuisce alla deposizione di calcio nelle ossa e nei denti, il che li rende più resistenti, resistenti agli effetti aggressivi. Questa vitamina può essere prescritta da un pediatra, endocrinologo e dentista - per la prevenzione della carie e le sue complicanze. Contrariamente alla credenza popolare, la vitamina D non è prescritta ai bambini per accelerare la dentizione durante un ritardo.

Il ruolo della vitamina non si limita all'azione sulle ossa, ma partecipa anche al lavoro completo del sistema immunitario, la ghiandola tiroidea, assicura il normale funzionamento del sistema di coagulazione del sangue e anticoagulante. È anche noto il ruolo della vitamina nel regolare il battito del cuore, la pressione sanguigna, specialmente durante la gravidanza. E questo, a proposito, non è l'unica ragione per cui tutte le donne in gravidanza hanno bisogno di questa vitamina.

La principale fonte di vitamina D è il sole. Secondo gli esperti, è sufficiente prendere il sole per 15-20 minuti al giorno per coprire tutti i fabbisogni vitaminici. Particolarmente utile sarà il sole del mattino e del tramonto.

Prendiamo e scriviamo
dal dottore gratis

Aumentare il rischio di carenza vitaminica può:

  • orario invernale con orario ridotto;
  • megalopoli, dove l'atmosfera è fumosa, spesso si forma smog;
  • abuso di abbronzatura e scottature solari;
  • nelle persone di età superiore a 60 anni, la capacità di produrre vitamine è ridotta.

Il pericolo di carenza minaccia anche quelli che aderiscono a diete rigorose e restrittive e coloro che hanno una dieta con una quantità insufficiente di grasso. Quindi, come prevenire le carenze e dove cercare una vitamina?

Norme di vitamina D

Ogni giorno, abbiamo bisogno di una certa dose di vitamina, per garantire tutti i bisogni e le esigenze. La dose di vitamina D viene solitamente calcolata in unità internazionali - UI. Norme di vitamina in base all'età:

  • 400 UI dovrebbero ricevere bambini al di sotto di un anno;
  • 600 UI sono necessari per i bambini di età compresa tra 1 e 18 anni;
  • 600 UI - la dose media da 18 a 70 anni;
  • dopo 70 anni - 800 IU.

Separatamente, è necessario consacrare le norme di vitamina per le madri che allattano e le donne in gravidanza 400-600 UI. In ogni caso, il medico calcola il dosaggio tenendo conto di numerosi fattori: età, regione di residenza, stato di salute, determinati stati fisiologici, dieta, ecc.

Deliziosa fonte di vitamina D

Pesce e altri prodotti contenenti vitamina D

Fin dall'infanzia, la maggior parte della gente ricorda l'olio di pesce e l'orrore che ha causato il suo gusto, ma i genitori hanno insistito sui suoi benefici e sulle sue necessità. L'olio di pesce è il campione indiscusso nel contenuto di vitamine: in 100 g del prodotto, la dose di vitamina è 20 volte la norma giornaliera. Nonostante tutti i benefici, l'olio di pesce non è la fonte più piacevole, inoltre, c'è un'alternativa che è molto più piacevole al gusto e che non provoca tale orrore e soggezione.

Un po 'meno ricco, ma ancora una vera fonte di vitamina sarà il pesce, i più utili sono riconosciuti: halibut, sgombro, merluzzo, aringa, tonno. Il fegato di questi pesci - un magazzino di vitamina, tra l'altro, l'olio di pesce è ottenuto dal fegato di pesce, da questi prodotti, la vitamina viene assorbita più pienamente. A proposito, il fegato animale è anche una fonte di vitamine. 100 g di fegato di manzo contengono 15 UI di vitamina.

Prodotti lattiero-caseari della vitamina D

Prodotti lattiero-caseari come formaggio, ricotta, burro sono anche fonti di vitamine. Per 100 g di questi prodotti rappresentano 1,5 μg di vitamina, che è di 60 UI. Nei prodotti lattiero-caseari fermentati: kefir, ryazhenka - contiene 2,5 μg o 100 UI.

La maggior parte dei tipi di margarina sono inoltre arricchiti con vitamina D, 60 UI per cucchiaio.

Quali alimenti contengono vitamina D?

Tra gli alimenti che sono ricchi di vitamine D includono:

  • cereali. Per selezionarli è sufficiente conoscere la composizione e il valore nutrizionale, la concentrazione della vitamina;
  • uova, o meglio il tuorlo contiene una quantità diversa di vitamina D, che è determinata dall'habitat, dalla nutrizione del pollo e da altri fattori. Nonostante il tuorlo sia il più grande valore nutrizionale, è necessario mangiare l'intero uovo per ottenere tutte le sostanze benefiche;
  • succhi di frutta Sugli scaffali si trova il succo, ulteriormente arricchito con vitamina D. Un bicchiere di succo d'arancia, ma solo arricchito in aggiunta, contiene fino al 50% del fabbisogno giornaliero;
  • funghi. A seconda del tipo di fungo, la quantità di vitamina D può essere diversa;
  • soia: il tofu, il latte di soia è anche una fonte di vitamina D.

Cosa contiene la vitamina D oltre ai prodotti?

Solo dopo aver consultato un medico, è possibile somministrare forme di vitamina D da somministrare insieme al calcio per il pieno assorbimento. Le forme di rilascio di farmaci possono essere più che diverse: capsule, piastre masticabili, ecc. Il dosaggio del farmaco deve essere scelto solo da specialisti che prenderanno in considerazione fattori concomitanti.

Controindicazioni all'uso di vitamina D - grave patologia epatica e renale. Inoltre, il problema con le controindicazioni è risolto individualmente.

Dove contiene la vitamina D: alimenti consigliati

Calciferolo è di grande importanza per il rafforzamento e la crescita di ossa e denti. Se non c'è abbastanza vitamina D per gli adulti, si osserva fragilità ossea, poiché il calcio scompare da loro e il rachitismo si sviluppa nei bambini con la sua carenza. Partecipa anche al rafforzamento dell'immunità, pertanto, a causa della mancanza di D, si osserva debolezza dell'immunità e aumenta il rischio di osteomalacia e cancro. Al fine di evitare problemi di salute, è necessario sapere come è possibile ottenere la vitamina D e dove si trova nella quantità massima.

Quali alimenti hanno la vitamina D?

Pesce e olio di pesce

Soprattutto la vitamina D si trova nell'olio di pesce e nel fegato di merluzzo. In diverse tabelle, la quantità di calciferolo per 100 grammi varia, ma queste due fonti alimentari sono considerate le più ricche di questo elemento. Il fegato di merluzzo e merluzzo può essere aggiunto alla vostra dieta regolare. L'olio di pesce è somministrato ai bambini come supplemento utile ed è anche prescritto alle donne in gravidanza.

Oltre al merluzzo, molti altri tipi di pesce sono ricchi di vitamina D. L'anguilla è la sua fonte eccellente: contiene quasi 5 mg per 100 g di pesce, che è 8 volte più della norma giornaliera. Questo pesce è spesso usato per fare il sushi, quindi a volte puoi coccolarti con un piatto del genere.

Il tonno è un prodotto eccellente in forma fresca e in scatola. Una porzione di pesce contiene circa la metà della norma giornaliera per un adulto, oltre a minerali e sostanze utili. Quando si sceglie un'opzione in scatola è meglio dare la preferenza al prodotto nel proprio succo.

Nelle sardine, per 100 g è 0,508 mg di vitamina D, e questo pesce contiene anche potassio, calcio, ferro e altri elementi.

A 100 grammi di salmone c'è il 75% del fabbisogno giornaliero della sostanza e l'omega-3 benefico. In una porzione di aringa è possibile trovare la metà della velocità giornaliera di calciferolo.

Caviale rosso

Un cucchiaio di delicatezza di alta qualità contiene 0,020 mg di calciferolo. Inoltre, il caviale è ricco di omega-3, combatte perfettamente la depressione e altre malattie. Se puoi permetterti questo prodotto, a volte vale la pena includerlo nella dieta.

Una delle fonti più economiche e più facili di calciferolo sono le uova. Possono essere mangiati separatamente o consumati come parte di diversi piatti - insalate, zuppe, ecc. La maggior parte della vitamina contenuta nel tuorlo: un tuorlo rappresenta 0,042 mg.

Nonostante tutti i loro benefici, le uova non possono essere consumate ogni giorno: ognuna contiene 200 mg di colesterolo. Per i benefici per la salute, si consiglia di consumare non più di 300 mg al giorno, tenendo conto di tutto il cibo al giorno.

Fegato di manzo

Contiene calciferolo, anche se non in quantità come le fonti sopra elencate, ma, tuttavia, per 100 g ci sono 0,053 mg, oltre a proteine, ferro e vitamina A. Si consiglia di utilizzare in piccola quantità, ancora una volta perché colesterolo alto.

Prodotti lattiero-caseari

Burro, vari formaggi e latticini sono buone fonti di vitamina D. 100 g del suo olio è di 1,5 mg, in 30% di panna acida - 0,15 mg, in crema, a seconda del contenuto di grassi, - 0,12-0,08 mg. Il latte naturale perde il contenuto di calciferolo in altri prodotti caseari.

Una buona fonte sarebbe il latte di soia, in cui la vitamina D è contenuta in una quantità di 0,127 mg per tazza, contiene anche ferro e vitamina C. Ogni produttore fortifica il latte di soia a sua discrezione, quindi la quantità di sostanze nutritive che contiene varia.

Altre fonti

Cos'altro contiene vitamina D? Si può trovare in frutta, patate, farina d'avena, prezzemolo ed erbe (ortica, erba medica, equiseto, tarassaco), ma in essi la quantità di calciferolo non è affatto grande. Pertanto, coloro che non hanno questa sostanza e preferiscono il cibo vegetale ad animale, dovrebbero riconsiderare le loro abitudini alimentari e mangiare carne più spesso.

Qual è il modo migliore per ottenere la vitamina D?

È semplice e facile ottenere questa sostanza in grandi quantità e saturare il corpo con esso - molto per prendere il sole in estate sotto il sole. Il sole è lo stimolo principale per fare D nella pelle.

È importante conoscere alcune sfumature:

  1. Più la pelle è chiara e più giovane, più è formato da D.
  2. È meglio prendere il sole la mattina dopo l'alba e la sera più vicino al tramonto. In questo momento, la vitamina D viene prodotta più attivamente.
  3. Un punto importante per la normale assimilazione di D durante l'esposizione al sole è l'aria pulita, che attraversa bene i raggi del sole.

Calciferol è più influenzato da:

  • gente che vive alle latitudini settentrionali, non ricca di giornate soleggiate e calde;
  • pazienti del letto;
  • residenti di aree industriali inquinate.

Per garantire che la vitamina D venga assorbita nel miglior modo possibile, attenersi alle seguenti linee guida:

  1. Usalo con alimenti contenenti magnesio, evitando cibi contenenti ferro. Il magnesio migliora l'assorbimento di questa sostanza e il ferro - peggiora.
  2. La digestione con Calciferolo è ben aiutata da cibi ricchi di vitamine A, C, E e gruppo B, nonché fosforo e calcio.
  3. Non farti coinvolgere nell'alcool e nei sostituti del grasso animale.
  4. È utile essere più spesso per strada con tempo soleggiato. Con la mancanza di sole, è possibile utilizzare radiazioni UV aggiuntive, ad esempio, per andare al solarium. Tuttavia, questo non dovrebbe essere abusato.
  5. La vitamina D per neonati è utile da usare con l'olio di pesce in dosi rigorose prescritte da un pediatra. È anche utile dare da mangiare ai bambini con i cereali.
  6. Se necessario, è possibile utilizzare complessi vitaminici (Centrum, Vitrum, Pikovit, ecc.) Contenenti D. Possono essere scaricati da un medico, possono anche essere presi per rafforzare il sistema immunitario e la salute generale, rigorosamente secondo le istruzioni e senza sovradosaggio.

Assunzione giornaliera di vitamina D

Non importa quanto sia grande il valore di calciferolo per il corpo umano, è necessario osservare il dosaggio raccomandato per il suo uso. Lo svantaggio è grave quanto l'eccesso di offerta.

Il tasso richiesto di questa sostanza dipende dall'età della persona:

  • gli adulti hanno bisogno di 2,5-5,0 mcg al giorno;
  • bambini - 2.5-10.0 mcg;
  • neonati - 7,5-10,0 mcg;
  • donne in gravidanza e in allattamento - 10,0 mcg.

Allora, dov'è la vitamina D? La maggior parte è contenuta nel pesce. Pertanto, è necessario includerlo nella dieta. E anche passare più tempo al sole.

Vitamina D solare: quali alimenti e in quali quantità?

La vitamina D combina un numero di sostanze, senza le quali il normale funzionamento del corpo è impossibile. Tra questi, l'ergocalciferolo (D2), contenuto nel cibo, il colecalciferolo (D3), viene prodotto nel corpo quando i raggi del sole colpiscono la pelle umana. Per consumare vitamina in modo naturale, è necessario sapere dove e in quali prodotti è contenuta la vitamina D.

Prodotti contenenti vitamina D

Quali alimenti contengono vitamina D: tabella

La salute umana dipende da molti fattori. Un ruolo enorme è giocato da elementi utili, vitamine, tra cui le sostanze del gruppo D. La vitamina ha l'effetto più importante sul funzionamento stabile e sull'attività vitale del corpo:

  • Partecipa ai processi di formazione, nutrizione, sviluppo e rigenerazione dei tessuti ossei e cartilaginei. Resiste al loro addolcimento, alla comparsa di processi patologici. Un grande ruolo in questi processi è giocato dall'interazione di calcio e vitamina D. La vitamina aiuta nell'assimilazione della sostanza di base per la costruzione e la nutrizione dell'osso;
  • Accelera il metabolismo, contribuisce alla naturale eliminazione di tossine e scorie. La stimolazione dei processi metabolici consente di eliminare non solo prodotti di decomposizione e sostanze nocive, ma anche chili di troppo;
  • Ha un effetto positivo sul processo di formazione del sangue, aiuta ad assimilare e mantenere il livello necessario di calcio nel sangue;
  • Riduce significativamente la probabilità di sviluppare patologie cardiovascolari, la formazione di tumori maligni;
  • Previene e aiuta a curare gravi malattie della pelle (psoriasi);
  • Rafforza le difese del corpo, aumenta la resistenza alle lesioni infettive.
  • Violazioni del sistema cardiovascolare;
  • Lesioni, infiammazione della pelle (fino al cancro);
  • Patologia dell'apparato digerente e del sistema urinario;
  • Malattie dell'apparato muscolo-scheletrico;
  • Sovrappeso, fino all'obesità;
  • I bambini sviluppano rachitismo, un ritardo nello sviluppo mentale e fisico.

Contenuto nei prodotti

Per reintegrare il livello di vitamina D nel corpo, è necessario mangiare cibi, dove la quantità massima di sostanza. Quali alimenti hanno la più alta concentrazione di vitamine? La sostanza è presente in pesci marini, latticini, funghi.

Gli alimenti più ricchi di vitamina D:

La maggior quantità di vitamina D si trova nei pesci.

Contrariamente alla credenza popolare, una percentuale molto più piccola della sostanza è presente nel latte. La vitamina "solare" si trova in piccole quantità di frutta e verdura che maturano in primavera o in estate. La sostanza è contenuta in qualsiasi varietà di cavoli, mais, verdure (aneto, prezzemolo).

Quali frutti hanno la vitamina D? Si può trovare in piccole quantità negli agrumi (arancia, pompelmo, limone), mele, albicocche.

L'olio di pesce contiene vitamina D?

Se ti chiedi: "è la vitamina D - è olio di pesce o no?" Hai bisogno di considerare queste sostanze in dettaglio.

Olio di pesce

Il nome "olio di pesce" unisce un intero gruppo di sostanze contenute nei pesci. Consiste di: vitamina D, gruppi A, acidi grassi omega 3, 6, 9. Pertanto, l'olio di pesce in sé non è la vitamina D, la sostanza è contenuta in esso nella massima quantità possibile.

Nella più grande quantità, la sostanza è rappresentata nei pesci marini: nel salmone, nel merluzzo, nel salmone e nel salmone.

L'olio di pesce è un prodotto naturale, che contiene sostanze uniche nei suoi benefici per il corpo umano, che completano e migliorano le proprietà l'uno dell'altro (Wikipedia).

I benefici del prodotto per l'uomo:

  • Prevenzione delle patologie del sistema cardiovascolare, muscolo-scheletrico;
  • Rafforzare la difesa immunitaria del corpo;
  • Prevenzione del cancro, formazione di tumori di diversa natura, sviluppo del diabete, patologie del sistema urinario;
  • Partecipazione alla sintesi della serotonina - l'ormone "della felicità e del buon umore.

Vitamina D

Quali sono le funzioni principali di una sostanza nel corpo? Gli obiettivi principali della vitamina D (wikipedia) sono:

  • Prevenzione delle malattie dell'apparato muscolo-scheletrico e articolare migliorando l'assorbimento del calcio (la principale sostanza "costruttiva" del tessuto osseo), attivazione dei processi metabolici e rigenerativi nei tessuti duri e molli;
  • Partecipazione al processo di formazione del sangue, rinnovamento cellulare;
  • Rafforzamento dell'immunità;

Per lo più la vitamina D è presente nei pesci marini (la concentrazione massima è nelle rocce del merluzzo). Quanta vitamina è contenuta nel fegato di merluzzo? Qui la sostanza è rappresentata nella quantità di 250 μg e copre il fabbisogno umano giornaliero di una sostanza di oltre il 2000%. Il fegato della vitamina "soleggiata" del pollock è molto meno. Una quantità sufficiente è presente in aringhe (grassi), salmone, amico, sgombro.

Omega 3

Omega 3 è un complesso di acidi grassi che non sono prodotti nel corpo. Nonostante questo, gli acidi sono necessari quotidianamente all'uomo, perché partecipano ai processi più importanti, assicurano il normale funzionamento di tutti i sistemi e gli organi. C'è vitamina D nell'omega 3? No, D è un elemento separato, è un complesso di vitamine del gruppo D, mentre l'omega 3 combina un numero di acidi grassi polinsaturi.
Le funzioni principali di omega 3 sono:

  1. Gli acidi grassi sono necessari per la creazione, la nutrizione, il rinnovamento cellulare. Satura i tessuti con energia a livello cellulare. Sulla base di sostanze prodotte omega3 coinvolte nei processi più importanti che assicurano il funzionamento stabile del corpo;
  2. Prevenzione delle malattie del cuore e dei vasi sanguigni. Una sufficiente concentrazione della sostanza previene la deposizione di colesterolo sulle pareti vascolari, ne migliora il tono e l'elasticità, prevenendo il verificarsi di coaguli di sangue;
  3. Gli acidi grassi e la vitamina D contribuiscono ad un assorbimento più efficiente del calcio. Previene la distruzione, l'ammorbidimento del tessuto osseo, l'infiammazione delle articolazioni e della cartilagine;
  4. La sostanza ha un'influenza speciale sull'attività del sistema nervoso. La carenza di omega3 a lunga durata provoca disturbi nei processi metabolici e comunicativi tra le cellule nervose. Il risultato è un numero di condizioni patologiche: schizofrenia, stanchezza cronica, depressione prolungata, disturbo bipolare.

La mancanza di sostanza riflette immediatamente l'attrattiva dei capelli: i capelli perdono lucentezza, densità, comincia a spaccarsi; le unghie diventano fragili, iniziano a esfoliare; la pelle perde la sua elasticità e il colore sano, le eruzioni sono possibili.

Le principali fonti di omega3 sono:

  • Razze di pesci;
  • Oli vegetali (la sostanza è contenuta in olio di semi di lino, oliva, senape);
  • Semi di Chia, lino.

Questi prodotti contengono la maggior quantità di acidi grassi. Qual è il pesce più omega3? La concentrazione massima di una sostanza è presente nelle specie di merluzzo, più precisamente nel fegato di merluzzo, dove sono contenuti 19,3 g di sostanza per 100 g di prodotto. In altre specie ittiche e nei loro mezzi di sostentamento, meno omega3 è concentrato:

  • 2,7 g è presente negli sgombri;
  • Il salmone fresco contiene circa 2,5 g;
  • In rosso, caviale nero 6,8 g sono concentrati;
  • Acciughe = 1,45;
  • L'aringa grassa contiene circa 1,5 g.

Se ti piacciono i frutti e le verdure, ti interessa sapere se l'omega 3 è in essi, puoi star certo che è presente, ma in quantità molto ridotte. La sostanza è contenuta in fragole, avocado, lamponi.

Omega 3 e Vitamina D3: compatibilità

Le sostanze omega 3 e vitamina D3 sono perfettamente combinate. Gli elementi sono presenti in un unico prodotto naturale: l'olio di pesce e si completano a vicenda. La vitamina D3 è liposolubile, quindi il suo assorbimento è più efficace se esposto agli acidi grassi (omega 3). L'omega 3 contiene vitamina D3 e viceversa? No, ciascuna delle sostanze è separata e appartiene a diversi gruppi di elementi: D3 - colecalciferolo da vitamine del gruppo D, omega 3 - un complesso di acidi grassi.

Il rapporto ideale tra le sostanze contenute nell'olio di pesce - un prodotto unico che ha un effetto benefico sul corpo umano.

È importante! Se si sta assumendo olio di pesce, non è necessario utilizzare ulteriormente omega 3 o D3, questo può portare a un sovradosaggio di sostanze e alla comparsa di sintomi negativi.

Solarium e Vitamina D

La vitamina D viene prodotta quando si visita un solarium? Sì, questo dispositivo aumenta la sintesi della materia. È necessario sapere che l'abbronzatura è consigliabile visitare per motivi medici (psoriasi, dermatiti). In tutti gli altri casi, l'esposizione a lettini abbronzanti non può essere meno pericolosa dell'esposizione alla luce solare diretta.

Ciò è dovuto al fatto che il dispositivo si basa sull'esposizione ai raggi UV (UVA, UVB) con proprietà oncogeniche, con conseguente alto rischio di sviluppare melanoma (colpisce la pelle e gli occhi) e carcinoma (cancro della pelle).

Le conseguenze meno gravi includono l'invecchiamento precoce, ustioni, cicatrici della pelle, infiammazione degli occhi (congiuntivite, cheratite).

Prendi la vitamina D con l'abbronzatura? Sì, la sostanza è prodotta, oltre che esposta alla luce diretta del sole. Tuttavia, quando si riceve una vitamina, il rischio di sviluppare lesioni cutanee cancerose è elevato, quindi i lettini abbronzanti fanno più male che bene.

Condizioni d'uso del solarium

Se vuoi ancora visitare i "bagni" ultravioletti artificiali, devi minimizzare gli effetti dannosi del dispositivo delle radiazioni UV. Per fare ciò, devi seguire una serie di regole:

  • Scegli un solarium con personale qualificato. Non prestare attenzione alla convenienza e all'invitare le mosse pubblicitarie, ricorda: la tua salute è in gioco;
  • Un punto importante: l'intensità delle radiazioni nell'attrezzatura dello studio. Scopri qual è il potere dei raggi che influenzeranno la tua pelle. Nota: l'alta intensità delle lampade artificiali spesso supera la potenza della luce solare diretta e non porterà altro che danni;
  • Controllare la data di scadenza dell'apparecchiatura. L'uso di apparecchiature scadute può portare a gravi conseguenze;
  • Gli occhi durante la sessione devono essere protetti. Idealmente, usare occhiali da sole;
  • Le prime sessioni di abbronzatura dovrebbero essere il più brevi possibile;
  • Il numero di visite settimanali non dovrebbe superare 2 procedure all'anno - 30.

La vitamina D viene prodotta quando i raggi colpiscono il vetro?

Posso prendere vitamina D attraverso il vetro? Quando la luce naturale entra attraverso una finestra, viene prodotta una quantità così piccola di sostanza che non influirà in alcun modo sulla tua salute. Vi è il rischio di effetti negativi sulla pelle.

  • I raggi UVB che penetrano in grandi quantità negli strati superiori della pelle possono provocare ustioni. Il vetro della macchina laminato, la plastica di alta qualità presente nell'appartamento può impedire l'ingresso di questo tipo di radiazioni, il normale vetro non la fermerà;
  • Raggi UVA, il cui impatto negativo viene effettuato sugli strati centrali della pelle, causando danni significativi. Questo tipo di raggi ultravioletti non può fermare nessun tipo di finestra.

È possibile ottenere radiazioni serie attraverso il vetro? Naturalmente, non riceverai radiazioni gravi, ma un effetto negativo sulla pelle è presente e c'è il rischio di malattie. Allo stesso tempo, l'effetto positivo sul tuo corpo è minimo - la vitamina D viene prodotta in quantità insignificanti.

Produzione di vitamina D dall'esposizione al sole

La sintesi della vitamina D3 nel corpo umano è dovuta all'esposizione alla luce solare. La produzione di una sostanza è determinata da una serie di fattori:

  • Ora del giorno;
  • Caratteristiche della regione in cui si trova la persona;
  • Fattore ambientale;
  • Fenomeni atmosferici;
  • La quantità di melanina propria.

In diverse regioni del paese e del mondo, in diversi momenti della giornata l'intensità dei raggi del sole è diversa. La quantità necessaria di luce, che contribuisce alla sintesi di D3 nella concentrazione ottimale per il corpo umano, può essere ottenuta nei tropici. Nelle zone con un clima temperato e medio, l'intensità richiesta dei raggi viene raggiunta durante il giorno, in estate e in primavera (con una situazione ambientale positiva).

In inverno, la quantità di raggi UV è piccola, quindi anche se sei al sole tutto il giorno in inverno, non otterrai la giusta quantità di vitamina D. L'unica opzione per avere abbastanza sole è rimanere permanentemente sulle montagne.

Ottenere vitamina D in modo naturale non è un compito facile. Mangia bene, trascorri molto tempo all'aria aperta, prendi integratori alimentari di alta qualità e la tua salute "dirà" grazie!

Vitamina D - dove è contenuta e perché il corpo ne ha bisogno?

Molto spesso, le droghe e i prodotti contenenti vitamina D sono di interesse per le giovani madri, dal momento che la loro mancanza può portare a rachitismo nei neonati e nei bambini più grandi. In realtà, questa vitamina non è meno importante per gli uomini e le donne adulte, soprattutto quando c'è una penuria di sole nel clima cupo da ottobre a maggio.

In questo articolo, imparerai perché il corpo ha bisogno di vitamina D, come la sua carenza può manifestarsi e quali cibi contengono la maggior parte di questo prezioso elemento.

Perché tutti hanno bisogno della vitamina D

La vitamina D svolge un ruolo importante nella salute delle ossa e dei muscoli, nonché nei sistemi immunitario e nervoso. La maggior parte degli alimenti sono fonti deboli di questa vitamina, e ci rimane solo una piccola quantità di alimenti ricchi, una lista di cui considereremo di seguito. Per prima cosa, capiamo cos'è una vitamina D e perché una persona ne ha bisogno.

6 fatti interessanti:

  1. L'energia del sole contribuisce alla produzione di vitamina D3 nella pelle, che viene poi trasferita al fegato e ai reni, dove viene convertita in vitamina D. attiva
  2. Questa è una vitamina liposolubile - il nostro corpo può immagazzinare in sé riserve di vitamina D e spenderli durante i periodi in cui lo perdiamo.
  3. Agisce come un pro-ormone e la sua deficienza o sovradosaggio può influenzare notevolmente l'equilibrio ormonale e la regolazione immunitaria del corpo.
  4. La vitamina D aiuta l'organismo ad assorbire e ad usare calcio e fosforo per rinforzare ossa e denti.
  5. Aiuta anche a mantenere la salute dei muscoli. Le persone anziane con buoni livelli di vitamina D nel sangue sono più inclini ad uno stile di vita attivo, hanno muscoli più forti e sono meno inclini a cadere.
  6. La vitamina D svolge un ruolo importante nel funzionamento del sistema immunitario, nel rinnovamento cellulare e nella prevenzione delle condizioni autoimmuni. In particolare, aiuta a ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche, come la sclerosi multipla e alcuni tipi di cancro.

Gli studi hanno dimostrato che le persone con bassi livelli di vitamina D nel sangue lavorano peggio su esami standardizzati, possono avere scarse capacità decisionali e avere difficoltà con compiti che richiedono attenzione e concentrazione. Inoltre, diversi studi hanno rilevato che un livello normale di vitamina D riduce il rischio di sviluppare il cancro, in particolare il cancro al colon e al seno.

Carenza di vitamina D nel corpo: sintomi e possibili effetti

La carenza di vitamina D porta spesso al rammollimento delle ossa (osteomalacia) e al rachitismo e può anche essere associata a bassa immunità, depressione, malattie autoimmuni e cancro. Tuttavia, la carenza di vitamina D non ha sempre sintomi. A volte non si fanno sentire fino a quando il livello di vitamina D diventa molto basso e il corpo non ha bisogno di un trattamento serio.

Forse questi 9 segni e sintomi principali ti aiuteranno a riconoscere in anticipo la mancanza di vitamina D nel tuo corpo:

  1. Ti ammali spesso. Una delle funzioni più importanti della vitamina D è quella di preservare il sistema immunitario. Interagisce direttamente con le cellule responsabili della lotta contro infezioni, virus e batteri che causano la malattia. Frequenti raffreddori, influenza, bronchiti e polmoniti possono essere dovuti a carenza di vitamina D.
  2. Costante sensazione di stanchezza. Un ampio studio osservazionale ha esaminato la relazione tra carenza di vitamina D e affaticamento nelle giovani donne. I risultati hanno mostrato che le donne con livelli di questa vitamina nel sangue inferiore a 21-29 ng / ml spesso lamentano stanchezza rispetto alle donne con livelli superiori a 30 ng / ml. Allo stesso tempo, assumere il farmaco appropriato con la vitamina D li ha sempre aiutati a superare la fatica e ad aumentare i livelli di energia.
  3. Dolore alle ossa e ritorno. La vitamina D aiuta il corpo ad usare il calcio, che andiamo d'accordo con il cibo. Pertanto, uno dei principali sintomi di una carenza di vitamina D nell'organismo è il frequente dolore alla schiena, alla parte bassa della schiena, alle gambe, alle costole e alle articolazioni.
  4. Depressione. Alcuni studi hanno dimostrato che gli integratori di vitamina D aiutano a superare la depressione, soprattutto negli anziani, inclusa la depressione stagionale che si verifica durante la stagione fredda.
  5. Guarigione lenta delle ferite. La vitamina D svolge un ruolo importante nella formazione di nuovi tessuti nel processo di guarigione delle ferite dopo interventi chirurgici, infezioni o lesioni. La lenta guarigione può essere un sintomo della carenza di vitamina D.
  6. Riassorbimento osseo La perdita di massa ossea negli anziani è una conseguenza della mancanza di calcio, e lui, come abbiamo detto sopra, viene assorbito meglio quando c'è abbastanza vitamina D nel sangue.

Secondo la Harvard Medical School, se il corpo manca di vitamina D, può assorbire solo il 10-15% di calcio dal cibo, rispetto al 30-40% con un livello sufficiente di questa vitamina.

  1. Perdita di capelli La perdita dei capelli è spesso attribuita allo stress, sebbene possa anche essere causata da carenze nutrizionali. Secondo gli esperimenti, una mancanza di vitamina D può portare alla perdita dei capelli nelle donne e persino all'alopecia autoimmune.
  2. Dolori muscolari. C'è spesso una connessione tra dolore muscolare cronico e un basso contenuto di vitamina D nel sangue, che proviene dall'interazione tra questa vitamina e le cellule nervose responsabili del dolore.
  3. L'obesità. Gli studi dimostrano che le donne con alti livelli di vitamina D nel sangue perdono più peso in una dieta che controlla l'apporto calorico rispetto alle donne con bassi livelli di vitamina D.

Quanta vitamina abbiamo bisogno per evitare tutto e rimanere in salute?

Vitamina D giornaliera raccomandata

La tabella seguente mostra l'assunzione giornaliera raccomandata di vitamina D. Vale la pena notare che queste cifre sono abbastanza spesso contestate oggi. La mancanza di luce solare in autunno e in inverno, le lunghe ore di lavoro e la protezione solare in estate ci portano a un bisogno ancora maggiore di vitamina D da cibo e droghe. Molti scienziati insistono sul fatto che il tasso di vitamina D dovrebbe essere più vicino a 4000 UI al giorno.

Vitamina D

Il nome internazionale è vitamina D, vitamina antirachitica, ergocalciferolo, colecalcirolo, viosterololo, vitamina del sole. Nome chimico - ergocalciferolo (vitamina D2) o colecalciferolo (vitamina D3), 1,25 (OH) 2D (1 alfa, 25-diidrossivitamina D)

Aiuta a mantenere le ossa sane, le mantiene forti e forti. Responsabile per gengive sane, denti, muscoli. Indispensabile per il mantenimento della funzione cardiovascolare, aiuta a prevenire la demenza e migliorare le funzioni cerebrali.

La vitamina D è una sostanza liposolubile necessaria per l'equilibrio minerale nel corpo. Esistono diverse forme di vitamina D, le forme più studiate e principali per l'uomo sono il colecalciferolo (vitamina D3, che viene sintetizzato dalla pelle sotto l'influenza dei raggi ultravioletti) ed ergocalciferolo (vitamina D2, contenuto in alcuni prodotti). In combinazione con sport regolari, corretta alimentazione, calcio e magnesio, sono responsabili della formazione e del mantenimento di ossa sane. La vitamina D è anche responsabile per l'assorbimento del calcio nel corpo. In combinazione, aiutano a prevenire e ridurre il rischio di fratture ossee. È una vitamina che ha un effetto positivo sulla condizione dei muscoli e protegge anche da malattie come il rachitismo e l'osteomalacia.

Una breve storia di scoperta della vitamina

Le malattie associate alla carenza di vitamina D erano note all'umanità molto prima della sua scoperta ufficiale.

  • Verso la metà del XVII secolo, gli scienziati Whistler e Glisson effettuarono per la prima volta uno studio indipendente sui sintomi della malattia, in seguito chiamato "rachitismo". Tuttavia, nei trattati scientifici non è stato detto nulla sulle misure per prevenire la malattia - una quantità sufficiente di luce solare o una buona alimentazione.
  • 1824 - Il Dr. Schötte prescrive per la prima volta l'olio di pesce come trattamento per il rachitismo.
  • 1840 - Il dottore polacco Snyadetsky pubblicò un rapporto in cui si affermava che i bambini che vivono in regioni a bassa attività solare (nel centro inquinato di Varsavia) hanno un rischio maggiore di sviluppare rachitismo rispetto ai bambini che vivono nei villaggi. Una simile affermazione non è stata presa sul serio dai suoi colleghi, poiché si credeva che i raggi del sole non potessero influenzare lo scheletro umano.
  • La fine del XIX secolo - oltre il 90% dei bambini che vivevano in città europee inquinate soffriva di rachitismo.
  • Di 1905-1906. - è stato scoperto che con la mancanza di alcune sostanze dai prodotti alimentari, le persone si ammalano di una o di un'altra malattia. Frederick Hopkins ha suggerito che al fine di prevenire malattie come lo scorbuto e il rachitismo, è necessario assumere con il cibo di alcuni ingredienti speciali.
  • 1918 - fu fatta una scoperta che i cani che mangiano l'olio di pesce non ricevono rachitismo.
  • 1921 - La scoperta da parte dello scienziato di Palma della mancanza di luce solare come causa del rachitismo è stata confermata da Elmer McCollum e Margarita Davis. Hanno dimostrato che dando ai ratti di laboratorio olio di pesce e esponendoli alla luce solare, la crescita delle ossa dei ratti è stata accelerata.
  • 1922 - McCollum ha isolato una "sostanza liposolubile" che impedisce il rachitismo. Poiché poco prima erano state scoperte le vitamine A, B e C di natura simile, sembrava logico chiamare la nuova vitamina in ordine alfabetico - D.
  • Anni '20 - Harry Stinbok brevettò un metodo per irradiare i prodotti con i raggi UV per arricchirli con vitamina D.
  • 1920-1930 gg. - varie forme di vitamina D sono state scoperte in Germania.
  • 1936 - è stato dimostrato che la vitamina D è prodotta dalla pelle sotto l'influenza della luce solare, così come la presenza di vitamina D nell'olio di pesce e il suo effetto sul trattamento del rachitismo.
  • Dagli anni '30, alcuni prodotti negli Stati Uniti iniziarono ad essere arricchiti con vitamina D. Nel periodo postbellico in Gran Bretagna ci sono stati frequenti avvelenamenti da un eccesso di vitamina D nei prodotti lattiero-caseari. Dall'inizio degli anni '90, sono stati condotti numerosi studi sulla riduzione dei livelli vitaminici nella popolazione mondiale.

Prodotti con un contenuto massimo di vitamina D

Indicato è il contenuto approssimativo di D2 + D3 per 100 g di prodotto [1-3]

Fabbisogno giornaliero di vitamina D

Nel 2016, il Comitato europeo per la sicurezza nutrizionale ha stabilito il seguente consumo giornaliero raccomandato di vitamina D, indipendentemente dal sesso:

  • bambini 6-11 mesi - 10 mcg (400 UI);
  • bambini oltre un anno e adulti 15 mcg (600 IU).

Vale la pena notare che molti paesi europei stabiliscono il proprio apporto standard di vitamina D, a seconda dell'attività solare durante l'anno. Ad esempio, in Germania, Austria e Svizzera, il consumo di 20 μg di vitamina al giorno è considerato la norma dal 2012, perché in questi paesi la quantità ottenuta dal cibo non è sufficiente a mantenere il livello richiesto di vitamina D nel plasma sanguigno - 50 nano mol / litro. Negli Stati Uniti, le raccomandazioni sono leggermente diverse: si consiglia alle persone di età pari o superiore a 71 anni di utilizzare 20 microgrammi (800 UI) al giorno.

Molti esperti ritengono che la quantità minima di vitamina D ottenuta debba essere aumentata a 20-25 mcg (800-1000 UI) al giorno per gli adulti e gli anziani. In alcuni paesi, i comitati scientifici e le società di nutrizione sono stati in grado di aumentare la norma quotidiana per raggiungere una concentrazione ottimale della vitamina nel corpo [4].

Quando aumenta la necessità di vitamina D?

Nonostante il fatto che il nostro corpo sia in grado di produrre autonomamente la vitamina D, la sua necessità potrebbe aumentare in diversi casi. In primo luogo, il colore della pelle scura riduce la capacità del corpo di assorbire la radiazione ultravioletta di tipo B necessaria per produrre una vitamina. Inoltre, l'uso della protezione solare con fattore SPF 30 riduce la capacità di sintetizzare la vitamina D del 95%. Per stimolare la produzione di vitamine, la pelle deve essere completamente accessibile al sole.

Le persone che vivono nelle parti settentrionali della Terra, nelle regioni inquinate, che lavorano di notte e trascorrono le ore diurne al chiuso o quelle che lavorano a casa, devono garantire l'approvvigionamento di sufficienti quantità di vitamine dal cibo. I bambini che ricevono l'allattamento al seno esclusivo dovrebbero ricevere la vitamina D come integratore alimentare, soprattutto se il bambino ha la pelle scura o l'esposizione alla luce solare è minima. Ad esempio, i medici americani consigliano di somministrare ai bambini 400 UI di vitamina D al giorno sotto forma di gocce.

Proprietà fisico-chimiche della vitamina D

La vitamina D è un gruppo di sostanze liposolubili che promuovono l'assorbimento di calcio, magnesio e fosfati nel corpo attraverso l'intestino. Ci sono cinque forme di vitamina D in totale.1 (miscela di ergocalciferolo e lumisterolo), D2 (ergocalciferolo), D3 (colecalciferolo), D4 (diidroergocalciferolo) e D5 (Sitokaltsiferol). Le forme più comuni sono D2 e D3. Su di loro c'è un discorso quando dicono "vitamina D" senza specificare un numero specifico. Per loro natura, questi sono i sekosteroidi. La vitamina D3 è prodotta fotochimicamente, sotto l'influenza dei raggi ultravioletti del protosterolo 7-deidrocolesterolo, che è presente nell'epidermide della pelle umana e degli animali più alti. La vitamina D2 è presente in alcuni alimenti, in particolare funghi portobello e shiitake. Queste vitamine sono relativamente stabili alle alte temperature, ma sono facilmente distrutti dagli agenti ossidanti e dagli acidi minerali.

Proprietà utili e il suo effetto sul corpo

Secondo il comitato europeo per la sicurezza alimentare, è stato confermato che la vitamina D apporta chiari benefici per la salute. Tra gli effetti positivi del suo uso si osservano:

  • il normale sviluppo di ossa e denti nei neonati e nei bambini;
  • mantenere la condizione dei denti e delle ossa;
  • il normale funzionamento del sistema immunitario e la sana risposta del sistema immunitario;
  • ridurre il rischio di cadute, che sono spesso causa di fratture, soprattutto nelle persone sopra i 60 anni;
  • normale assorbimento e azione del calcio e del fosforo nel corpo, mantenendo normali livelli di calcio nel sangue;
  • divisione cellulare normale.

In realtà, la vitamina D è un proormone e di per sé non ha attività biologica. Solo dopo aver subito processi metabolici (prima trasformandosi in 25 (OH) D3 nel fegato e poi in 1a, 25 (OH)2D3 e 24R, 25 (OH)2D3 nei reni), ha prodotto molecole biologicamente attive. In totale, circa 37 metaboliti di vitamina D3 sono stati isolati e descritti chimicamente.

Il metabolita attivo della vitamina D (calcitriolo) svolge le sue funzioni biologiche combinandosi con i recettori della vitamina D, che si trovano principalmente nei nuclei di alcune cellule. Questa interazione consente ai recettori della vitamina D di agire come un fattore che modula l'espressione genica per il trasporto di proteine ​​(come TRPV6 e calbindin), che sono coinvolti nell'assorbimento di calcio nell'intestino. Il recettore della vitamina D fa parte della superfamiglia dei recettori degli steroidi nucleari e degli ormoni tiroidei e si trova nelle cellule della maggior parte degli organi - il cervello, il cuore, la pelle, le gonadi, la prostata e le ghiandole mammarie. L'attivazione del recettore della vitamina D nelle cellule dell'intestino, delle ossa, dei reni e della ghiandola paratiroidea porta al mantenimento dei livelli di calcio e fosforo nel sangue (usando l'ormone paratiroideo e la calcitonina), così come il mantenimento della normale composizione dei tessuti scheletrici.

Gli elementi chiave del percorso endocrino della vitamina D sono:

  1. 1 fotoconversione di 7-deidrocolesterolo a vitamina D3 o assunzione dietetica di vitamina D2;
  2. 2 metabolismo della vitamina D3 nel fegato a 25 (OH) D3 - la principale forma di vitamina D che circola nel sangue;
  3. 3 funzioni renali come ghiandole endocrine per il metabolismo di 25 (OH) D3 e trasformandolo in due principali metaboliti diidrossilato di vitamina D - 1a, 25 (OH)2D3 e 24R, 25 (OH)2D3;
  4. 4 trasferimento sistemico di questi metaboliti in organi periferici utilizzando la proteina legante il plasma della vitamina D;
  5. 5 la reazione dei metaboliti sopra citati con i recettori localizzati nei nuclei delle cellule degli organi corrispondenti, con successive risposte biologiche (genomiche e dirette).

Interazione con altri elementi

Il nostro corpo è un meccanismo biochimico molto complesso. Il modo in cui le vitamine e i minerali interagiscono tra loro è correlato e dipende da molti fattori. L'effetto che la vitamina D produce nel nostro corpo dipende direttamente dalla quantità di altre vitamine e minerali, che sono chiamati cofattori. Ci sono un certo numero di questi cofattori, ma il più importante di questi sono:

  • Calcio: una delle funzioni più importanti della vitamina D è quella di stabilizzare il livello di calcio nel corpo. Questo è il motivo per cui il massimo assorbimento di calcio si verifica solo quando c'è una quantità sufficiente di vitamina D nel corpo.
  • magnesio: ogni organo del nostro corpo ha bisogno di magnesio per svolgere correttamente le sue funzioni e per trasformare completamente il cibo in energia. Il magnesio aiuta l'organismo ad assorbire vitamine e minerali, come calcio, fosforo, sodio, potassio e vitamina D. Il magnesio può essere ottenuto da prodotti come spinaci, noci, semi, cereali integrali.
  • vitamina K: il nostro corpo ha bisogno di esso per guarire le ferite (garantendo la coagulazione del sangue) e per mantenere le ossa sane. La vitamina D e K "lavorano" insieme per rafforzare le ossa e il loro corretto sviluppo. La vitamina K è presente in alimenti come cavoli croccanti, spinaci, fegato, uova e formaggio a pasta dura.
  • zinco: ci aiuta a combattere le infezioni, formare nuove cellule, crescere e svilupparci, e anche assorbire completamente grassi, carboidrati e proteine. Lo zinco aiuta la vitamina D ad essere assorbita nei tessuti scheletrici e aiuta anche a trasportare il calcio nel tessuto osseo. Una grande quantità di zinco si trova nella carne, così come alcune verdure e cereali.
  • Boro: il nostro corpo ha bisogno di un po 'di esso, ma, tuttavia, svolge un ruolo importante nel metabolismo di molte sostanze, compresa la vitamina D. Il boro si trova in alimenti come olio di arachidi, vino, avocado, uvetta e alcune verdure a foglia.
  • Vitamina A: Insieme alla vitamina D, il retinolo e il beta carotene aiutano il lavoro del nostro "codice genetico". Se il tuo corpo non ha abbastanza vitamina A, la vitamina D non funzionerà correttamente. La vitamina A può essere ottenuta da carote, mango, fegato, burro, formaggio e latte. Va ricordato che la vitamina A è liposolubile, quindi se proviene da verdure, è necessario combinarlo con vari prodotti contenenti grassi. Quindi, possiamo ottenere il massimo beneficio dal cibo.

Combinazioni utili di prodotti con vitamina D

Il più benefico è la combinazione di vitamina D con calcio. La vitamina è necessaria al nostro corpo per assorbire completamente il calcio, che è indispensabile per le nostre ossa. Buone combinazioni di prodotti in questo caso sarebbero, ad esempio:

  • salmone grigliato e cavolo riccio leggermente stufato;
  • frittata con broccoli e formaggio;
  • Sandwich di tonno e formaggio su pane integrale.

La vitamina D è utile per combinare con il magnesio, ad esempio, utilizzando le sarde con spinaci. Questa combinazione può anche ridurre il rischio di malattie cardiache e tumori maligni del colon.

Naturalmente, ottenere la quantità necessaria di vitamina A è meglio direttamente dal cibo e spendere il più tempo possibile all'aria aperta, consentendo alla pelle di produrre vitamina D. L'assunzione di vitamine nelle pillole non è sempre utile, e solo un medico può determinare la quantità di un particolare elemento del corpo. L'assunzione impropria di vitamine può spesso danneggiarci e portare alla comparsa di alcune malattie.

Utilizzare in medicina ufficiale

La vitamina D è necessaria per regolare la digeribilità e il livello di minerali di calcio e fosforo nel corpo. Svolge anche un ruolo importante nel mantenimento della corretta struttura ossea. Camminare in una giornata di sole è un modo facile e affidabile per ottenere la giusta dose di vitamina per la maggior parte di noi. Se esposta alla luce solare su viso, mani, spalle e gambe una o due volte alla settimana, la pelle produrrà una quantità di vitamina sufficiente. Il tempo di esposizione dipende dall'età, dal tipo di pelle, dalla stagione, dal giorno. È incredibile quanto velocemente i depositi di vitamina D possano essere ripristinati con l'aiuto della luce solare. Solo 6 giorni di esposizione al sole instabile possono compensare 49 giorni senza il sole. Le riserve di grasso del nostro corpo servono come deposito per la vitamina, che viene gradualmente rilasciata in assenza di raggi ultravioletti.

Tuttavia, la carenza di vitamina D è più comune di quanto ci si aspetterebbe. Le persone che vivono alle latitudini settentrionali sono particolarmente a rischio. Ma può anche verificarsi in un clima soleggiato, poiché i residenti dei paesi del Sud passano molto tempo al chiuso e usano la protezione solare per sfuggire all'eccessiva attività solare. Inoltre, la carenza si verifica spesso nelle persone anziane.

La vitamina D come farmaco è prescritta in questi casi:

  1. 1 con un basso contenuto di fosforo nel sangue a causa di una malattia ereditaria (ipofosfatemia familiare). La supplementazione di vitamina D con integratori di fosfato è efficace per il trattamento dei disturbi ossei nelle persone con bassi livelli di fosfato nel sangue;
  2. 2 con basso contenuto di fosfato nella sindrome di Fanconi;
  3. 3 con un basso contenuto di calcio nel sangue a causa del basso livello di ormoni paratiroidei. In tal caso, la vitamina D viene assunta per via orale;
  4. 4 La vitamina D (colecalciferolo) è efficace nel trattamento dell'osteomalacia (ammorbidimento delle ossa), comprese quelle causate da malattie del fegato. Inoltre, l'ergocalciferolo può aiutare con l'osteomalacia a seguito dell'assunzione di alcuni farmaci o di un cattivo assorbimento intestinale;
  5. 5 con psoriasi. In alcuni casi, un trattamento molto efficace per la psoriasi è l'uso esterno di vitamina D insieme a medicinali contenenti corticosteroidi;
  6. 6 con osteodistrofia renale. L'assunzione di vitamina D previene la perdita di massa ossea nelle persone con insufficienza renale;
  7. 7 rachitismo La vitamina D è utilizzata nella prevenzione e nel trattamento del rachitismo. Le persone con insufficienza renale devono applicare una forma speciale di vitamina - calcitriol;
  8. 8 quando si assumono corticosteroidi. Vi sono prove che la vitamina D in combinazione con il calcio migliora la densità ossea nelle persone che assumono corticosteroidi;
  9. 9 osteoporosi. Si ritiene che la vitamina D3 previene la perdita ossea e l'indebolimento delle ossa nell'osteoporosi.

Alcuni studi dimostrano che l'assunzione di una quantità sufficiente di vitamina D può ridurre il rischio di alcuni tipi di cancro. Ad esempio, è stato osservato che negli uomini che assumevano alte dosi di vitamina A, il rischio di cancro al colon era ridotto del 29% rispetto agli uomini con un basso livello di 25 (OH) D nel sangue (uno studio di oltre 120 mila uomini per cinque anni). In un altro studio, si è concluso provvisoriamente che le donne che erano state esposte alla luce solare per un tempo sufficiente e che hanno consumato la vitamina D come integratore alimentare avevano un rischio più basso di sviluppare il cancro al seno 20 anni dopo.

È dimostrato che la vitamina D può ridurre il rischio di malattie autoimmuni in cui l'organismo produce una risposta immunitaria ai propri tessuti. La vitamina D trovata3 modula le reazioni autoimmuni che mediano le cellule immunitarie ("cellule T"), in modo da ridurre le reazioni autoimmuni. Stiamo parlando di malattie come il diabete mellito di tipo 1, la sclerosi multipla e l'artrite reumatoide.

I risultati di studi epidemiologici e clinici suggeriscono un legame tra livelli più elevati di 25 (OH) D nel sangue e bassa pressione sanguigna, che consente di trarre la conclusione che 25 (OH) D riduce la sintesi dell'enzima renina, giocando un ruolo chiave nella regolazione della pressione sanguigna.

Bassi livelli di vitamina D possono aumentare la probabilità di tubercolosi. Prove preliminari suggeriscono che la vitamina D può essere un'utile aggiunta al trattamento abituale di questa infezione.

Forme di dosaggio della vitamina D

La vitamina D nella forma di dosaggio può essere trovata in varie forme - sotto forma di gocce, soluzioni di alcool e olio, soluzioni per iniezione, capsule, sia da sole che in combinazione con altre sostanze benefiche. Ad esempio, ci sono molti multivitaminici come:

  • colecalciferolo e carbonato di calcio (la combinazione più popolare di calcio e vitamina D);
  • alfacalcidolo e carbonato di calcio (forma attiva di vitamina D3 e calcio);
  • carbonato di calcio, calciferolo, ossido di magnesio, ossido di zinco, ossido di rame, solfato di manganese e borato di sodio;
  • carbonato di calcio, colecalciferolo, idrossido di magnesio, solfato di zinco eptaidrato;
  • calcio, vitamina C, colecalciferolo;
  • e altri supplementi.

Negli integratori e negli alimenti fortificati, la vitamina D è disponibile in due forme: D2 (ergocalciferolo) e D3 (Colecalciferolo). Chimicamente, differiscono solo nella struttura della catena laterale della molecola. Vitamina D2 prodotto da irradiazione ultravioletta di ergosterolo da lievito e vitamina D3 - irradiando 7-deidrocolesterolo dalla lanolina e conversione chimica del colesterolo. Queste due forme sono tradizionalmente considerate equivalenti, in base alla loro capacità di curare il rachitismo e, in effetti, la maggior parte delle fasi coinvolte nel metabolismo e nell'azione della vitamina D2 e vitamina D3 sono identici. Entrambe le forme aumentano efficacemente i livelli di 25 (OH) D. Non sono state tratte conclusioni specifiche su nessuno dei diversi effetti di queste due forme di vitamina D. L'unica differenza è quando si usano alte dosi di vitamina, in questo caso la vitamina D3 mostra una grande attività.

I seguenti dosaggi di vitamine sono stati studiati in studi scientifici:

  • per la prevenzione dell'osteoporosi e delle fratture - 400-1000 unità internazionali al giorno;
  • 800-1000 UI di vitamina D in combinazione con 1000-2000 mg di calcio al giorno per prevenire cadute;
  • per prevenire la sclerosi multipla - uso a lungo termine di almeno 400 UI al giorno, preferibilmente sotto forma di multivitaminici;
  • per la prevenzione di tutti i tipi di cancro - 1400-1500 mg di calcio al giorno, in combinazione con 1100 UI di vitamina D3 (specialmente per le donne in menopausa);
  • con dolori muscolari dovuti all'assunzione di farmaci chiamati statine: vitamina D2 o D3, 400 UI al giorno.

La maggior parte dei supplementi contiene 400 UI (10 μg) di vitamina D.

L'uso della vitamina D nella medicina tradizionale

La medicina tradizionale ha apprezzato a lungo cibi ricchi di vitamina D. Con loro ci sono molte ricette usate per trattare alcune malattie. Il più efficace di loro sono:

  • consumo di olio di pesce (sia in forma di capsule che in forma naturale - consumo 300 g / settimana di pesce grasso): per prevenire l'ipertensione, aritmie, cancro al seno, per mantenere un peso corporeo sano, dalla psoriasi e per proteggere i polmoni quando si fuma, con artrite, depressione e stress, processi infiammatori. Unguento di prescrizione per prurito, psoriasi, orticaria, dermatite erpetica: 1 cucchiaino di elecampane, 2 cucchiaini di olio di pesce, 2 cucchiaini di lardo bollito.
  • uso di uova di gallina: il tuorlo d'uovo crudo è utile per la fatica e il superlavoro (ad esempio, una miscela di polvere di gelatina sciolta in 100 m di acqua e uovo crudo, una bevanda di latte caldo, tuorlo di pollo crudo e zucchero). Quando si tossisce, utilizzare una miscela di 2 tuorli, 2 cucchiaini di burro, 1 cucchiaio da dessert di farina e 2 cucchiai da dessert di miele. Inoltre, ci sono diverse ricette per il trattamento di varie malattie del tratto gastrointestinale. Ad esempio, in caso di sensazioni spiacevoli nel fegato, si consigliano ricette popolari di bere 2 tuorli d'uovo sbattuti, bere 100 ml di acqua minerale e applicare scaldabagno caldo sul lato destro per 2 ore. Ci sono anche ricette a base di uova. Ad esempio, nel catarro cronico dello stomaco e dell'intestino, aumento dell'acidità, costipazione o vermi, le ricette popolari sono consigliate di prendere mezzo cucchiaino di guscio d'uovo a terra al mattino a stomaco vuoto. E per ridurre il rischio di formazione di calcoli, è possibile utilizzare il sale di calcio dell'acido citrico (la polvere di guscio d'uovo viene versata con succo di limone, vino o aceto di mele, mescolata per sciogliere o 2-3 gocce di succo di limone vengono lasciate cadere in 1 cucchiaio di polvere di uova). Un infuso di guscio d'uovo e acido citrico è anche considerato un rimedio efficace per l'artrite. Quando si consiglia la radicolite, massaggia la schiena con una miscela di uova crude con aceto. Le uova crude sono considerate un buon rimedio per la psoriasi, mescolano tuorli crudi (50 grammi) con catrame di betulla (100 grammi) e crema densa. Quando le ustioni applicano l'unguento dai tuorli d'uovo sodo arrostiti delle uova sode.
  • Il latte, ricco di vitamina D, è un intero magazzino di ricette popolari di varie malattie. Ad esempio, il latte di capra aiuta con febbre, infiammazione, eruttazione, mancanza di respiro, malattie della pelle, tosse, tubercolosi, malattie del nervo sciatico, sistema urinario, allergie e insonnia. Per il forte mal di testa, si consiglia di bere 200 grammi di latte di capra con bacche macinate di viburno con zucchero. Per il trattamento della pielonefrite si consigliano le ricette popolari con latte a buccia di mela. In caso di esaurimento e astenia, è possibile utilizzare il brodo di farina d'avena sul latte (1 tazza di chicchi di avena in un forno con 4 tazze di latte per 3-4 ore a fuoco basso). Per l'infiammazione dei reni, è possibile utilizzare un'infusione di foglie di betulla con il latte. Si consiglia inoltre di prendere un decotto di equiseto nel latte per l'infiammazione del sistema urinario e l'edema. Il latte alla menta aiuterà ad alleviare un attacco di asma bronchiale. Con l'emicrania costante, si usa una miscela di latte bollente con uovo fresco mescolato in esso, per alcuni giorni - una settimana. Il porridge di zucca cotto nel latte è utile per ridurre l'acidità. Per l'eczema umido, lubrificare le aree interessate con un decotto di 600 ml di latte con 100 grammi di semi di rafano nero e 100 grammi di semi di canapa (è possibile applicare anche compresse per 2 ore). Quando si usa l'eczema secco si usano le applicazioni di brodo 50 grammi di foglie di bardana fresche in 500 ml di latte.
  • L'olio di burro viene utilizzato, ad esempio, per piaghe da decubito e ulcere trofiche - sotto forma di un unguento da 1 parte di polvere di latte in polvere di palude, 4 parti di olio e 4 parti di miele.

Vitamina D nelle ultime ricerche scientifiche

È stato scoperto che assumere una dose elevata di vitamina D per quattro mesi può rallentare il processo di indurimento dei vasi sanguigni nei giovani obesi dalla pelle scura. Le pareti vascolari dure sono un precursore di molte malattie cardiache mortali e la carenza di vitamina D sembra essere uno dei principali fattori concomitanti. Secondo i dati della ricerca del Medical Institute of Georgia, USA, si è notato che dosi molto elevate di vitamina (4000 unità internazionali al giorno, anziché 400-600 UI raccomandate) hanno ridotto l'indurimento delle navi di un record del 10,4% in 4 mesi.

2000 UI lo hanno abbassato del 2%, 600 UI hanno portato a un deterioramento dello 0,1%. Allo stesso tempo, nel gruppo placebo, la condizione delle navi è peggiorata del 2,3%. Le persone in sovrappeso, specialmente i neri, sono a rischio di carenza di vitamina D nel corpo. La pelle scura assorbe meno luce solare e il grasso previene la produzione di vitamina. [5]

Gli integratori di vitamina D in vitamina D aiutano ad alleviare la sindrome dell'intestino irritabile doloroso, secondo un recente studio condotto da scienziati dell'università di Sheffield, dipartimento di oncologia e metabolismo.

La ricerca ha dimostrato che la carenza di vitamina D è comune nei pazienti con IBS, indipendentemente dalla loro appartenenza etnica. Inoltre, è stato studiato l'effetto di questa vitamina sui sintomi della malattia. Mentre gli scienziati ritengono che sia necessario condurre ulteriori osservazioni, i risultati già ottenuti mostrano che il consumo della vitamina nella forma di dosaggio riduce tali sintomi di IBS come dolore addominale, gonfiore addominale, diarrea e costipazione. "Dai dati ottenuti è chiaro che tutte le persone che soffrono di sindrome dell'intestino irritabile dovrebbero controllare il livello di vitamina D nel corpo. Questa è una malattia poco conosciuta che influenza direttamente la qualità della vita dei pazienti. Al giorno d'oggi, non sappiamo ancora da dove viene e come trattarlo ", afferma il dott. Bernard Korfi, responsabile della ricerca [6].

I risultati degli studi clinici pubblicati sul Journal of American Association of Osteopaths mostrano che circa un miliardo di persone nel pianeta può soffrire di una carenza completa o parziale di vitamina D dovuta a malattie croniche, oltre che all'uso regolare della crema solare.

"Trascorriamo più tempo al chiuso e quando usciamo all'aperto, di solito applichiamo la crema solare e, in definitiva, non permettiamo al nostro organismo di produrre vitamina D", ha detto Kim Pfotenhauer, uno studente di dottorato presso la Touro University e ricercatore su questo tema. "Anche se l'eccessiva esposizione al sole può portare al cancro della pelle, una quantità moderata di luce UV è utile e necessaria per aumentare i livelli di vitamina D". È stato inoltre osservato che le malattie croniche - diabete di tipo 2, malassorbimento, malattie renali, morbo di Crohn e celiachia - inibiscono marcatamente l'assorbimento di vitamina D da fonti alimentari [7].

Bassi livelli di vitamina D nel corpo nei neonati sono stati associati con una maggiore probabilità di sviluppare disturbi dello spettro autistico nei bambini di 3 anni, secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Bones and Minerals Research.

In uno studio su 27.940 neonati cinesi, a 310 anni è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico all'età di 3 anni, con una prevalenza dell'1.11%. Confrontando i dati su 310 bambini con ASD con 1.240 soggetti di controllo, il rischio di ASD era significativamente aumentato in ciascuno dei tre quartili più bassi dei livelli di vitamina D alla nascita rispetto al più alto quartile: un aumento del rischio di ASD del 260% nel quartile più basso, 150% in il secondo quartile e il 90% nel terzo quartile. "Lo stato di una neonata vitamina D era significativamente associato al rischio di sviluppare autismo e disabilità mentale", ha detto l'autore senior dello studio, il dott. Yuan-Lin Zheng [8].

Mantenere livelli adeguati di vitamina D aiuta a prevenire il verificarsi di alcune malattie infiammatorie, come l'artrite reumatoide, affermano gli scienziati dell'Università di Birmingham.

Tuttavia, mentre la vitamina D è efficace nel prevenire l'infiammazione, non è così attiva quando viene diagnosticata una malattia infiammatoria. L'artrite reumatoide, insieme ad altre malattie, porta all'insensibilità del corpo alla vitamina D. Un altro risultato chiave dello studio ha suggerito che l'effetto della vitamina D sull'infiammazione non può essere previsto studiando le cellule di persone sane o addirittura le cellule del sangue di quei pazienti che soffrono di infiammazione. Gli scienziati hanno concluso che anche se la vitamina D è prescritta per le malattie infiammatorie, le dosi dovrebbero essere significativamente più alte di quelle attualmente prescritte. Il trattamento deve anche correggere la suscettibilità delle cellule immunitarie della vitamina D nell'articolazione. Oltre al già noto effetto positivo della vitamina D sul tessuto scheletrico, agisce anche come potente immunomodulatore - questa vitamina può ridurre il processo infiammatorio nelle malattie autoimmuni. La carenza di vitamina D è comune nei pazienti con artrite reumatoide e può essere prescritta dai medici come medicinale [9].

L'assunzione di una quantità sufficiente di vitamina D nell'organismo durante l'infanzia e nell'infanzia riduce il rischio di una reazione autoimmune alle isole di Langerhans (accumuli di cellule endocrine, principalmente nella coda del pancreas) con un aumentato rischio genetico di diabete di tipo 1.

"Per molti anni, non vi è stato disaccordo tra i ricercatori sul fatto che la vitamina D sia in grado di ridurre il rischio di sviluppare l'immunità alle proprie cellule e il diabete di tipo 1", ha detto il dottor Norris, il leader dello studio. Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune cronica, la cui incidenza aumenta ogni anno del 3-5% in tutto il mondo. Attualmente, la malattia è il disturbo metabolico più comune nei bambini di età inferiore ai 10 anni. Nei bambini piccoli, il numero di nuovi casi è particolarmente alto. E i rischi sembrano essere più elevati alle latitudini più elevate, più a nord dall'equatore. La vitamina D è un fattore protettivo nel diabete di tipo 1 perché regola il sistema immunitario e l'autoimmunità. Inoltre, lo stato della vitamina D dipende dalla latitudine. Ma le associazioni tra i livelli di vitamina D e la risposta autoimmune alle isole di Langerhans erano incoerenti a causa di diversi modelli di studio, così come diversi livelli di vitamina D in diverse popolazioni. Questo studio è unico nel suo genere e dimostra che un più alto livello di vitamina D durante l'infanzia riduce significativamente il rischio di questa reazione autoimmune. "Poiché i risultati attuali non rivelano una relazione causale con questo processo, stiamo sviluppando una promettente ricerca per vedere se l'intervento della vitamina D può prevenire il diabete di tipo 1", ha detto il dott. Norris [10].

Secondo lo studio della Queen Mary University di Londra (QMUL), l'integrazione con vitamina D aiuta a proteggere dalle malattie respiratorie acute e dall'influenza.

I risultati, apparsi sul British Medical Journal, si basavano su studi clinici condotti su 11.000 partecipanti in 25 studi clinici condotti in 14 paesi, tra cui Regno Unito, Stati Uniti, Giappone, India, Afghanistan, Belgio, Italia, Australia e Canada. Va notato che individualmente questi test hanno mostrato un risultato contraddittorio - alcuni partecipanti hanno riferito che la vitamina D aiuta a proteggere il corpo dalla SARS, e alcuni - che non produce un effetto evidente. "Il fatto è che l'effetto immunitario della supplementazione di vitamina D è più pronunciato in quei pazienti che inizialmente hanno bassi livelli di vitamina D, se assunti ogni giorno o ogni settimana." La vitamina D - che viene spesso definita la "vitamina del sole" - protegge il corpo dalle infezioni trasmesse dalle goccioline trasportate dall'aria, aumentando il livello dei peptidi antimicrobici - sostanze antibiotiche naturali - nei polmoni. Il risultato può anche spiegare perché abbiamo il raffreddore e l'influenza più spesso in inverno e in primavera. In queste stagioni, il livello di vitamina D nel corpo è il meno alto. Inoltre, la vitamina D protegge dagli attacchi di asma che causano infezioni respiratorie. L'assunzione giornaliera o settimanale di vitamine ha ridotto la probabilità di SARS in persone con un livello inferiore a 25 nano mol / litro. Ma anche quelli che avevano abbastanza vitamina D nei loro corpi ne hanno tratto beneficio, sebbene il loro effetto fosse più modesto (riduzione del rischio del 10%). In generale, ridurre il rischio di contrarre il raffreddore dopo assunzione di vitamina D era pari all'effetto protettivo di un vaccino per iniezione contro l'influenza e ARVI [11].

L'uso della vitamina D in cosmetologia

La vitamina D può essere utilizzata in molte ricette per la pelle e le maschere per capelli fatte in casa. Nutre la pelle e i capelli, dà loro forza ed elasticità, ringiovanisce. Ti offriamo le seguenti ricette:

  • Maschere per la pelle con olio di pesce. Queste maschere sono adatte all'invecchiamento della pelle, soprattutto all'asciutto. L'olio di pesce si sposa bene con il miele: ad esempio, una miscela di 1 cucchiaio di lievito, una ricca crema acida, 1 cucchiaino di olio di pesce e miele è efficace. Questa maschera deve essere prima messa in un bagno d'acqua in acqua calda fino all'inizio del processo di fermentazione, quindi mescolare e applicare sul viso per 10 minuti. È inoltre possibile utilizzare una miscela di olio di pesce e miele (1 cucchiaino da tè ciascuno, con l'aggiunta di 1 cucchiaio di acqua bollita) - una tale maschera dopo 10-12 minuti aiuterà a levigare le rughe sottili e migliorare il colore della pelle. Un'altra ricetta efficace per una maschera all'olio di pesce adatta a qualsiasi tipo di pelle darà freschezza e bellezza. Per tale maschera è necessario mescolare 1 cucchiaino di polvere d'uovo, 1 cucchiaino di olio di pesce, 1 tuorlo d'uovo, 2 cucchiaini di miele di senape e mezza tazza di polpa di zucca bollita. La maschera viene applicata sul viso con caldo, dopo 10-15 minuti, lavare con acqua fredda.
  • Maschere per la pelle con un uovo. Queste maschere sono molto popolari ed efficaci per tutte le età e tipi di pelle. Ad esempio, una maschera idratante con 1 cucchiaio da tavola di scorza di limone essiccata, 1 tuorlo d'uovo e 1 cucchiaino di olio d'oliva è adatto per l'invecchiamento della pelle. Per ogni tipo di pelle, è adatta una maschera nutriente e purificante a base di 2 proteine, 1 cucchiaio di miele, mezzo cucchiaino di olio di mandorle e 2 cucchiai di farina d'avena. Per la pelle secca e sbiadita, è possibile utilizzare una maschera di 1 cucchiaio di purea di banana, 1 tuorlo d'uovo, panna acida e miele. Per liberarsi delle rughe, è adatta una maschera di 1 tuorlo, 1 cucchiaino di olio vegetale e 1 cucchiaino di succo di foglie di aloe (adatto per 2 settimane in frigorifero). Per la cura della pelle grassa e il restringimento dei pori, è adatta una maschera composta da 2 cucchiai di ricotta, mezzo cucchiaino di miele liquido e un uovo. Una maschera sbiancante per ogni tipo di pelle contiene mezzo bicchiere di succo di carota, 1 cucchiaino di amido di patate e metà di tuorlo d'uovo crudo, applicato per 30 minuti e lavato via in modo contrastante - acqua fredda o calda.
  • Maschere per capelli e cuoio capelluto con vitamina D. Queste maschere includono più spesso uovo o tuorlo d'uovo. Ad esempio, una maschera viene utilizzata per la crescita dei capelli, che include 1 cucchiaio di succo di limone, 1 cucchiaio di succo di cipolla e 1 tuorlo d'uovo - è usato una volta alla settimana per 2 ore prima di lavare i capelli. Per capelli asciutti, è adatta una maschera con 2 tuorli d'uovo, 2 cucchiai di olio di bardana e 1 cucchiaino di tintura di calendula. Maschera nutriente per diradare i capelli - 1 cucchiaio di olio di bardana, 1 tuorlo d'uovo, 1 cucchiaino di miele, 2 cucchiaini di succo di cipolla e 2 cucchiaini di sapone liquido (applicare questa maschera per un'ora o due prima di lavare i capelli). Per rafforzare le radici dei capelli e liberarsi della forfora, utilizzare una maschera di infuso 1 cucchiaio di foglie di piantaggine schiacciate, bardana, 2 cucchiai di succo di aloe e tuorlo d'uovo. Maschere efficaci contro la caduta dei capelli sono una maschera con cannella (1 uovo, 2 cucchiai di olio di bardana, 1 cucchiaino di cannella in polvere e 1 cucchiaino di miele, lavare dopo 15 minuti) e una maschera con olio di girasole (1 cucchiaio di olio di girasole e 1 tuorlo, lavato via dopo 40 minuti). Utile anche per rafforzare e lucidare i capelli è una maschera con 1 cucchiaio di miele, 1 cucchiaio di olio di ricino, 1 tuorlo e 1 cucchiaio di brandy. Per ripristinare i capelli secchi e danneggiati, utilizzare una maschera con 2 tuorli, 1 cucchiaio di olio di nocciola e una goccia di olio essenziale di limone.

Uso della vitamina D nell'allevamento di animali

A differenza degli esseri umani, gatti, cani, ratti e pollame dovrebbero ricevere la vitamina D dal cibo, poiché la loro pelle non è in grado di produrla da sola. La sua funzione principale nel corpo dell'animale è di mantenere la normale mineralizzazione dell'osso e la crescita scheletrica, la regolazione della ghiandola paratiroidea, l'immunità, il metabolismo di vari nutrienti e la protezione contro il cancro. Attraverso la ricerca è stato dimostrato che i cani non possono essere curati dal rachitismo esponendoli alle radiazioni ultraviolette. Per lo sviluppo normale, la crescita, la riproduzione, il cibo di cani e gatti dovrebbero anche contenere una quantità sufficientemente elevata di calcio e fosforo, che aiutano il corpo a sintetizzare la vitamina D.

Tuttavia, poiché i prodotti naturali contengono basse quantità di questa vitamina, la maggior parte degli alimenti per animali domestici commercialmente preparati sono sinteticamente arricchiti per loro. Pertanto, la carenza di vitamina D negli animali domestici è estremamente rara. Nei suini e ruminanti non è necessario ottenere la vitamina dal cibo, a condizione che trascorrano una quantità sufficiente di tempo sotto l'influenza della luce solare. Gli uccelli, che sono esposti anche ai raggi UV per lungo tempo, possono produrre una certa quantità di vitamina D, ma per mantenere la salute dello scheletro e la durabilità dei gusci d'uovo posati, la vitamina deve anche provenire dal cibo. Come per gli altri animali, in particolare i carnivori, si ritiene che possano assumere una quantità sufficiente di vitamina D mangiando grassi, sangue e fegato.

Utilizzare nella produzione di colture

Sebbene l'aggiunta di fertilizzanti al suolo possa migliorare la crescita delle piante, integratori alimentari, si ritiene che destinati al consumo umano, come il calcio o la vitamina D, non apportino chiari benefici alle piante. I principali nutrienti delle piante sono l'azoto, il fosforo e il potassio. Altri minerali, come il calcio, sono necessari in piccole quantità, ma le piante usano una forma di calcio che è diversa dagli additivi alimentari. Secondo la credenza popolare, le piante non assorbono la vitamina D dal suolo o dall'acqua. Allo stesso tempo, ci sono alcuni studi pratici indipendenti che dimostrano che l'aggiunta di vitamina D all'acqua che le piante sono innaffiate, accelera la loro crescita (poiché la vitamina aiuta le radici ad assorbire il calcio).

Fatti interessanti

  • Per attirare l'attenzione su un problema così importante come la mancanza di vitamina D, nel 2016 la compagnia assicurativa Daman ha creato una copertina insolita per la rivista. Il testo su di esso è stato applicato con una speciale vernice fotosensibile. E per vederlo, le persone dovevano uscire, cercare la luce del sole, quindi ottenere una parte di questa vitamina.
  • I raggi del sole, che aiutano a sintetizzare la vitamina D nella pelle, non riescono a penetrare attraverso il vetro: per questo motivo è improbabile che riescano a prendere il sole seduti in macchina, in casa o in un lettino abbronzante.
  • La crema protettiva solare, anche con un fattore di protezione solare pari a 8, può bloccare fino al 95% della produzione di vitamina D. Quindi può verificarsi ipovitaminosi da vitamina A, quindi una piccola quantità di tempo all'aperto senza applicare la crema solare è molto buona per la salute generale.
  • Uno studio clinico dell'Università del Minnesota ha scoperto che le persone che hanno iniziato una dieta con un contenuto di vitamina D più elevato erano in grado di perdere peso più velocemente e più facilmente rispetto alle persone con una carenza di vitamina D, sebbene entrambi i gruppi seguissero la stessa dieta ipocalorica standard.
  • La vitamina D è unica in quanto non viene utilizzata nel corpo, come la maggior parte delle vitamine. In effetti, è più probabile che appartenga agli ormoni. La vitamina D è così importante che regola l'attività di oltre 200 geni, molte volte più di qualsiasi altra vitamina.

Controindicazioni e cautele

Sintomi di carenza di vitamina D

La molecola della vitamina D è abbastanza stabile. Una piccola percentuale viene distrutta durante la cottura e più a lungo il prodotto viene esposto al calore, maggiore è la quantità di vitamine che perdiamo. Quindi, quando si fanno bollire le uova, ad esempio, il 15% viene perso, mentre la frittura è del 20% e quando si cuoce per 40 minuti si perde il 60% di vitamina D.

La funzione principale della vitamina D è di mantenere l'omeostasi del calcio, che è necessaria per lo sviluppo, la crescita e il mantenimento di uno scheletro sano. Con una carenza di vitamina D, è impossibile ottenere un completo assorbimento del calcio e soddisfare i bisogni del corpo. La vitamina D è necessaria per un efficace assorbimento dietetico del calcio dall'intestino.I sintomi della carenza di vitamina D sono talvolta difficili da determinare, possono includere affaticamento generale e dolore. In alcune persone, i sintomi non appaiono affatto. Tuttavia, ci sono un certo numero di indicazioni generali che possono indicare una mancanza di vitamina D nel corpo:

  • malattie infettive frequenti;
  • schiena e dolori ossei;
  • depressione;
  • lunga guarigione delle ferite;
  • perdita di capelli;
  • dolore muscolare.

Se la carenza di vitamina D continua per lunghi periodi di tempo, può portare a:

  • l'obesità;
  • diabete;
  • ipertensione;
  • fibromialgia;
  • sindrome da stanchezza cronica;
  • l'osteoporosi;
  • malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer.

La mancanza di vitamina D può essere una delle cause di alcuni tipi di cancro, in particolare i tumori della mammella, della prostata e del colon.

Segni di eccesso di vitamina D

Sebbene per la maggior parte delle persone, l'integrazione con vitamina D non comporti complicazioni, a volte si verifica sovradosaggio. Si chiamano tossicità della vitamina D. La tossicità della vitamina D, quando può essere dannosa, si verifica di solito se si prendono 40.000 unità internazionali al giorno per diversi mesi o più, o si prende una dose singola molto grande.

Un surplus di 25 (OH) D può svilupparsi se:

  • ha preso più di 10.000 UI al giorno, ogni giorno per 3 mesi o più. Tuttavia, la tossicità della vitamina D è più probabile che si sviluppi se si prendono 40.000 UI al giorno ogni giorno per 3 mesi o più;
  • hanno preso più di 300.000 UI nelle ultime 24 ore.

La vitamina D è liposolubile - significa che è difficile per il corpo sbarazzarsi di esso se è stato preso troppo. In questo caso, il fegato produce troppa sostanza chimica chiamata 25 (OH) D. Quando il suo livello è troppo alto, possono svilupparsi alti livelli di calcio nel sangue (ipercalcemia).

I sintomi dell'ipercalcemia includono:

  • sentirsi male;
  • scarso appetito o perdita di appetito;
  • sentimento di sete;
  • minzione frequente;
  • stitichezza o diarrea;
  • dolore addominale;
  • debolezza muscolare o dolore muscolare;
  • dolore osseo;
  • confusione;
  • sentirsi stanco

In alcune malattie rare, si può sviluppare ipercalcemia, anche con bassi livelli di vitamina D. Queste malattie comprendono iperparatiroidismo primitivo, sarcoidosi e una serie di altre malattie rare.

La vitamina D deve essere presa con cautela in malattie come l'infiammazione granulomatosa - in queste malattie l'organismo non controlla la quantità di vitamina D che utilizza e quale livello di calcio nel sangue deve essere mantenuto. Tali malattie sono sarcoidosi, tubercolosi, lebbra, coccidioidomicosi, istoplasmosi, malattia da graffio felino, paracoccidioidomicosi, granuloma a forma di anello. In queste malattie, la vitamina D è prescritta solo da un medico ed è assunta rigorosamente sotto controllo medico. Con grande cura, la vitamina D viene assunta nel linfoma.

Interazione con altri farmaci

Gli integratori di vitamina D possono interagire con diversi tipi di farmaci. Alcuni esempi sono forniti di seguito. Le persone che assumono questi medicinali regolarmente dovrebbero discutere della supplementazione di vitamina D con gli operatori sanitari.

I farmaci corticosteroidi, come il prednisone, prescritti per ridurre l'infiammazione, possono ridurre l'assorbimento del calcio e interferire con il metabolismo della vitamina D. Questi effetti possono ulteriormente contribuire alla perdita ossea e allo sviluppo dell'osteoporosi. Alcuni farmaci per la perdita di peso e l'abbassamento del colesterolo possono ridurre l'assorbimento di vitamina D. I farmaci che controllano le crisi epilettiche aumentano il metabolismo nel fegato e riducono l'assorbimento del calcio.

Abbiamo raccolto i punti più importanti sulla vitamina D in questa illustrazione e saremo grati se condividi un'immagine su un social network o blog, con un link a questa pagina:

  1. 15 modi sorprendenti per ottenere più vitamina D, fonte
  2. 9 alimenti ricchi di vitamina D, fonte
  3. Database di composizione alimentare USDA, fonte
  4. Raccomandazioni sull'assunzione di vitamina D, fonte
  5. Afro-americani con carenza di vitamina D, fonte
  6. Gli integratori di vitamina D potrebbero alleviare i sintomi dolorosi di IBS, fonte
  7. Carenza diffusa di vitamina D, dovuta alla protezione solare, fonte di aumento
  8. Fonte di rischio autismo
  9. Mantenere livelli sufficienti di vitamina D, artrite reumatoide, fonte
  10. Abbastanza vitamina D quando è associata a un minor rischio di autoimmunità correlata al diabete, fonte
  11. La vitamina D è uno studio globale importante, fonte di

È vietato utilizzare qualsiasi materiale senza il nostro previo consenso scritto.

L'amministrazione non è responsabile del tentativo di utilizzare alcuna ricetta, consiglio o dieta e non garantisce che le informazioni specificate possano essere di aiuto o danni personali. Sii prudente e consulta sempre il medico appropriato!