Principale > I dadi

Proprietà Ginseng False

Le proprietà miracolose di questa pianta sono conosciute dalla gente sin dall'antichità. Così, gli scienziati trovano riferimenti alla sua azione medicinale nei saggi cinesi di due o tremila anni. Il nome latino di ginseng è "panax", che significa "medicina per tutte le malattie". Tutto il potere è nascosto nella radice, non per nulla che il ginseng è chiamato la "radice della vita" o "il seme della terra".

Composizione e proprietà medicinali

Il ginseng è uno dei più potenti preparati a base di erbe. La sua radice contiene fino a 100 sostanze biologicamente attive che hanno un effetto benefico su tutti i sistemi del corpo umano. Nonostante la lunga storia di questa medicina naturale, la sua composizione non è completamente nota - sostanze chimiche troppo complesse sono nelle sue cellule. È noto che la radice contiene acidi grassi, olio essenziale, vitamine C e gruppo B, fosforo, zolfo, ferro, alluminio, silicio, bario, stronzio, manganese, germanio metallico e altri. Il ginseng ha molte proprietà benefiche: rassodante, tonificante, anti-infiammatorio.

Da dove vieni

Ginseng della patria - Cina. Su questa terra, è stato usato fin dall'antichità in medicina e persino usato per cucinare. Quello che stanno facendo e ancora. Il ginseng è molto diffuso in Tibet e nelle aree centrali del Vietnam. Sul territorio della Russia si trova in Estremo Oriente, Altai, Urali e Siberia. Tuttavia, gli stock di questa pianta miracolosa sono così depauperati che gli scienziati l'hanno portato al "Libro rosso". Oggi è coltivato con successo nel Caucaso e nella regione di Sverdlovsk, in Cina, Corea del Nord e del Sud, Stati Uniti, Giappone e Vietnam.

1. Chiunque subisca una crisi, specialmente durante la primavera o l'autunno del blues. Il ginseng è un ottimo "energetico", mobilita e tonifica il corpo.
2. Con intenso lavoro intellettuale, durante la sessione, prima degli affari responsabili, nonché con una maggiore attività fisica. Ad esempio, la ricerca ha dimostrato che se prendi la tintura di ginseng per quattro settimane, la tua performance raddoppierà.
3. Dopo lunghe malattie, si rimetterà rapidamente in piedi, poiché è in grado di attivare le riserve nascoste del corpo.
4. Coloro che vivono nel Nord o lavorano in condizioni avverse. Risulta che il ginseng è un ottimo adattogeno. Aiuta il corpo ad adattarsi alle condizioni ambientali avverse. Quindi, usando la tintura di ginseng, puoi aumentare la resistenza del corpo al freddo o al caldo, infezioni o sovraccarico fisico. Si nota inoltre che il ginseng aumenta l'apporto di ossigeno al sistema circolatorio, aumenta la resistenza all'ipossia, che spesso colpisce i residenti delle regioni fredde del paese.
5. Il ginseng cura l'impotenza sessuale, quindi, insieme al trattamento medico aiuta a raggiungere rapidamente l'effetto desiderato.
6. "La radice della vita" viene mostrata per qualsiasi taglio, poiché ha un potente effetto di guarigione della ferita.
7. Può anche aiutare i diabetici. Dopo tutto, il ginseng è usato per abbassare delicatamente i livelli di zucchero nel sangue.
8. Con l'ipertensione. Il ginseng aumenta la pressione sanguigna.
9. È anche raccomandato per l'aterosclerosi, malattie cardiache, nelle prime fasi della tubercolosi, per anemia, nevrosi, nevrastenia e reumatismi.
10. Si raccomanda a chiunque voglia prolungare la propria vita. Supporta la forza e la funzione del corpo nella vecchiaia.

Si consiglia di assumere il ginseng in autunno e in inverno, quando le sue proprietà medicinali sono particolarmente forti.

È stato stabilito dalla medicina che il ginseng può influenzare la crescita dei tumori, quindi, per esempio, con la mastopatia o il mioma uterino, è impossibile usare il ginseng. È controindicato durante la gravidanza, perché può provocare un tono alto dell'utero, battito cardiaco accelerato della madre e del feto. La radice miracolosa può anche aggravare la situazione di coloro che si lamentano di ipertensione, insonnia e ipereccitazione. Dovrebbe essere preso con cautela nelle malattie del fegato. Il ginseng è controindicato durante l'allattamento e i bambini in età prescolare. Durante l'uso del ginseng è severamente vietato l'alcol.

Se si prende il ginseng tutto il tempo, le sue sostanze possono accumularsi nel corpo e causare le seguenti condizioni: insonnia, palpitazioni cardiache, mal di testa, dolori cardiaci.

Ginseng reale e falso

La forza del ginseng è determinata dalle condizioni in cui cresce - il termine di maturazione, microclima e composizione del terreno. Il ginseng selvatico è certamente considerato il più forte nelle sue proprietà. Tuttavia, a causa del suo status di libro rosso, è cresciuto in condizioni industriali. È importante che tutte le condizioni siano soddisfatte. Quindi, la taiga ginseng cresce lentamente - 10 anni, a quest'ora la concentrazione di tutte le sostanze curative sta aumentando. In condizioni artificiali, il ginseng può essere raccolto quando non ha ancora cinque anni, il che, ovviamente, influisce sulle sue qualità curative. C'è anche un falso ginseng. E, sia in condizioni naturali, sia in piantagioni speciali. In natura, cresce nello stesso posto di quello reale. Ha anche proprietà curative, ma in misura molto minore rispetto al presente. In ogni caso, l'affermazione che il ginseng falso sia nociva o pericolosa per la salute (come i falsi funghi) non è vera.

Farmaci al Ginseng

Le forme più comuni di medicina a base di ginseng sono la tintura e l'estratto. Di solito alcune gocce di tintura vengono prese prima dei pasti e l'estratto può essere sciolto in acqua aggiungendo miele o zucchero a piacere. La radice essiccata e in polvere viene utilizzata come condimento. Inoltre, il ginseng è incluso nei complessi vitaminici. Il ginseng infuso con il miele è molto utile. Ma qualunque sia la forma di ricezione di questo prodotto più utile che scegli, ricorda: tutto è buono, non puoi interessarti a una pianta curativa. Il corso dura solitamente 30-40 giorni, dopodiché, per evitare effetti collaterali, assicurati di fare una pausa.

Le proprietà curative della radice di ginseng

Le proprietà miracolose della radice di ginseng conosciute dall'umanità fin dall'antichità. Le informazioni sulla loro azione terapeutica sono contenute negli scritti cinesi, che hanno dai due ai tremila anni. In latino, il ginseng è chiamato "rapah", che significa "cura per tutte le malattie". Il potere di questa pianta sta nella sua radice. Pertanto, i suoi nomi popolari sono "la radice della vita" e "il seme della terra".

Le proprietà curative della radice di ginseng e la sua composizione

Il ginseng è uno dei più potenti farmaci a base di erbe. La sua radice contiene circa centinaia di sostanze biologicamente attive. Le loro proprietà curative sono benefiche per tutti i sistemi del corpo umano.

Nonostante il fatto che l'umanità abbia appreso i benefici della radice di ginseng molti secoli fa, la sua composizione non è stata ancora completamente determinata. Le sue cellule contengono troppe sostanze chimiche complesse. Così, è stato trovato che l'olio essenziale, gli acidi grassi, le vitamine dei gruppi B e C, il fosforo, il ferro, lo zolfo, il silicio, l'alluminio, lo stronzio, il bario, il manganese, il germanio e altre sostanze fanno parte della radice del ginseng. Le proprietà curative di questa pianta - rassodante, tonificante, anti-infiammatoria.

Patria del ginseng

Viene dalla Cina. In questo paese, le proprietà curative del ginseng sono ancora utilizzate attivamente non solo nella medicina, ma anche nell'arte culinaria. Diffusa questa pianta ha ricevuto in Tibet, in Vietnam. Sul territorio del nostro paese si trova in Estremo Oriente, negli Urali, in Altai, in Siberia.

Tuttavia, al momento, purtroppo, le riserve di ginseng sono esaurite. È elencato nel "Libro rosso". Il ginseng è coltivato nelle regioni del Caucaso e degli Urali, in Cina, Corea del Nord e del Sud, Stati Uniti, Giappone e Vietnam.

Indicazioni sull'uso della radice di ginseng

• Fatica, primavera o autunno blues. Il ginseng è un eccellente energetico, tonificante e mobilitante del corpo.

• Lavoro intellettuale stressante, aumento dell'attività fisica. Gli scienziati hanno dimostrato che assumere la tintura di ginseng per quattro settimane aumenta la capacità di lavoro due volte.

• Recupero dopo una malattia prolungata. La radice di ginseng restituisce rapidamente forza, attivando la riserva nascosta del corpo.

• Vivere nelle regioni settentrionali, lavorando in condizioni avverse. Il ginseng è un ottimo adattogeno, aiuta il corpo umano ad adattarsi alle condizioni ambientali, a resistere al caldo o al freddo, allo sforzo fisico, alle infezioni e rafforza anche la fornitura di sangue con ossigeno e migliora la resistenza all'ipossia, che spesso colpisce le persone che vivono in zone con clima freddo.

• Trattamento dell'impotenza con i farmaci.

• Eventuali tagli. La radice di ginseng ha potenti proprietà curative delle ferite.

• Aiuto per i diabetici. Ginseng riduce delicatamente i livelli di zucchero nel sangue.

• Malattie di aterosclerosi, difetti cardiaci, tubercolosi precoce, anemia, nevrosi, nevrastenia, reumatismi.

• Mantenimento della forza e delle prestazioni del corpo degli anziani.

È meglio prendere la radice di ginseng in inverno e in autunno, poiché le sue proprietà curative sono particolarmente forti in questo momento.

Le controindicazioni usano il ginseng

È noto che il ginseng influisce sullo sviluppo e sulla crescita dei tumori e pertanto non può essere utilizzato per il mioma uterino, la mastopatia. Inoltre, è controindicato nelle donne in gravidanza, in quanto provoca un aumento del tono dell'utero, aumento della frequenza cardiaca della futura madre e del feto.

La radice di ginseng non è raccomandata per coloro che soffrono di ipertensione, insonnia, ipereccitazione, malattie del fegato. Inoltre, questa pianta è controindicata nei bambini e nelle madri che allattano. Vale la pena sapere che durante l'uso del miracolo l'alcol è severamente vietato.

Effetti collaterali di ginseng

Come risultato del costante apporto di ginseng nel corpo umano, le sostanze contenute nella pianta si accumulano e causano insonnia, palpitazioni cardiache, mal di testa e dolori al cuore.

Come distinguere il vero ginseng dal falso

La forza di questa pianta è determinata dalle condizioni in cui cresce: il tempo di invecchiamento, il microclima, la composizione del terreno. Naturalmente, il più potente è il ginseng selvatico. Tuttavia, è incluso nel "Libro rosso", quindi, per scopi medicinali, vengono utilizzate solo piante coltivate per scopi industriali.

C'è anche il cosiddetto falso ginseng. E si trova non solo in natura, ma anche in piantagioni specializzate. In condizioni naturali, il falso ginseng cresce con il presente e ha proprietà curative, anche se in misura minore rispetto al presente. E le accuse che la radice del ginseng falso sia pericolosa e malsana sono ingiuste.

Medicina basata sulla radice di ginseng

Le forme più comuni di medicina basate su questa pianta sono le tinture e gli estratti. Di norma, una tintura viene presa poche gocce prima dei pasti. Gli estratti sono sciolti in acqua, aggiungendo zucchero o miele a piacere.

La radice di ginseng essiccato in polvere può essere utilizzata come condimento e inclusa nei complessi vitaminici. La radice di ginseng è utile se insisti sul miele.

Qualunque forma di questo miracoloso significa che preferisci, sappi che vale la pena usarlo con moderazione, senza esserne troppo portato via. Il corso di ricezione è in genere di 30-40 giorni. Dopo di ciò, viene presa una pausa per la prevenzione.

Ginseng falso

Il ginseng è una delle piante medicinali più comuni in Oriente.

Per diverse migliaia di anni, è stato usato per trattare tutti i tipi di malattie, per mantenere la longevità.

Oggi, la gamma del suo uso è diventata ancora più ampia e la nostra visione dei principi di azione poggia su solide fondamenta di conoscenza della composizione chimica di questo "dono degli dei".

descrizione

  • Il falso ginseng è perenne, la sua altezza raggiunge i settanta centimetri.
  • La sua colonna vertebrale principale è di forma cilindrica, densa, piuttosto corta, carnosa.
  • Petiolus di solito dritto, senza ramificazioni.
  • Le foglie sono palmate complesse, composte da tre a cinque foglie.
  • Sulla superficie della foglia si possono vedere peli o piccole spine.
  • I fiori sono piccoli, di colore verde-giallo, raccolti sotto forma di un ombrello, che si trovano su un lungo peduncolo.
  • I frutti sono rossi
  • Fioritura e fruttificazione da metà estate a metà autunno.
  • Di solito una pianta viene raccolta dopo cinque anni.
  • Alla fine dell'estate, le radici vengono scavate, lavate accuratamente, quindi asciugate a non più di cinquanta gradi e l'umidità deve essere osservata sopra il 14%.
  • In inverno per raccoglierlo non è consigliato.
  • Le radici contengono saponine e acido oleico, amminoacidi e componenti minerali.

Proprietà curative

  • Il falso ginseng in Cina è spesso usato come decotto.
  • Alza il tono, aiuta con varie malattie del sangue, con problemi di sonno, con il ritardo del ciclo mestruale, dolore dopo parto, sanguinamento, cancro, foruncoli e altre disgrazie.
  • In forma fresca viene utilizzato per il trattamento rapido delle ferite da puntura e da arma da fuoco.
  • Questo tipo di ginseng è molto prezioso in Vietnam.
  • Lì è stato coltivato per molti anni.
  • Oltre alle radici, usano anche decotti di foglie e steli.
  • È un agente emostatico, aiuta con lividi, emorragie interne, abbassa la temperatura corporea.
  • Inoltre stimola la circolazione sanguigna, protegge il cuoio capelluto dalla disidratazione e lo nutre bene.
  • Questo porta ad un aumento del volume dei capelli, e i follicoli piliferi diventano più forti nei loro buchi.

In farmacologia, i preparati a base di ginseng migliorano la resistenza, la resistenza ai fattori negativi, promuovono un aumento del contenuto di protrombina nel sangue, dilatano i vasi periferici e sono anche usati nel lavoro complicato nelle donne.

Molto spesso viene prodotto sotto forma di polvere o tinture.

Proprietà Ginseng False

Phytoblog è un sito di medicina tradizionale, salute, bellezza e stile di vita sano.

Ginseng falso

Il falso ginseng è un'erba perenne alta circa 60 cm, la radice principale è spessa, carnosa, cilindrica, corta. Stelo dritto, non ramificato. Foglie 3-4 in una spirale sulla cima del gambo, complesso palmato, con lunghi piccioli; Ogni foglia ha 3-7 ovate, foglie dentellate finemente dentellate con piccioli corti. Lungo la superficie superiore della foglia sono disegnati peli o piccole spine. I fiori sono piccoli, giallo-verdi sono raccolti in un ombrello infiorescenza su un lungo peduncolo. Il frutto del ginseng - quasi drupe rosse a forma di rene, con 1-3 semi.

Falso ginseng fiorisce e porta frutto da luglio a ottobre.

Raccogli piante coltivate da più di 5 anni. All'inizio della fioritura (approssimativamente in agosto), le radici vengono dissotterrate, lavate accuratamente, essiccate ad una temperatura di 40-50 ° C, l'umidità delle radici deve essere inferiore al 13%. La raccolta in inverno non è raccomandata.

La composizione chimica del falso ginseng. Le radici contengono saponine e acido oleico, amminoacidi (fenilalanina, leucina, isoleucina, valina, prolina, idrossiprolina, istidina, lisina, cisteina), sostanze minerali (ferro, calcio).

Proprietà farmacologiche del falso ginseng. I preparati di ginseng aumentano la resistenza, la resistenza ai fattori nocivi (ipertermia, dose tossica di ouabaina), aumentano il contenuto di protrombina nel sangue, espandono i vasi periferici.

Applicazione e dosaggio di ginseng falso. Preparati di falso ginseng sotto forma di polvere o estratti acquosi sono usati come tonico. Quando sanguina come emostatico.

ginseng

Il ginseng è una delle 11 specie di piante perenni a crescita lenta con radici carnose, appartenenti al genere Panax della famiglia delle Araliaceae. Il ginseng cresce in Nord America e Asia orientale (principalmente in Corea, Cina settentrionale, Bhutan, Siberia orientale), di solito nelle zone più fredde. Panax vietnamensis, originario del Vietnam, è il tipo più meridionale di ginseng. Questo articolo descrive le piante della specie Panax, che sono adaptogens, principalmente Panax ginseng e P. quinquefolius. Il ginseng siberiano (Eleutherococcus senticosus) appartiene alla stessa famiglia del ginseng reale, ma non allo stesso genere. Si ritiene che questa pianta, come il ginseng, sia una specie adattogena. I principi attivi del ginseng siberiano sono eleuterosidi, non ginsenoidi. Il ginseng siberiano non ha radici carnose e legnose. La parola inglese ginseng (ginseng) deriva dalla parola cinese rénshēn. Rén è tradotto come "uomo", e shēn è "radice vegetale", poiché la radice del ginseng ha una forma a forcella che ricorda i piedi di una persona. Il nome botanico (nome del genere) Panax è tradotto dal greco come "curare tutte le malattie" (la parola "panacea" ha la stessa origine). Il genere deve il suo nome a Linneo, che sapeva che la pianta era ampiamente usata in Cina come rilassante muscolare. Oltre a P. ginseng, ci sono molte altre specie che sono considerate anche radice di ginseng o ginseng. Gli esempi più famosi sono il ginseng comune, noto anche come ginseng americano, ginseng giapponese (P. japonicus), pseudostellaria heterophylla e ginseng siberiano (Eleutherococcus senticosus). Nonostante il fatto che tutte le piante di cui sopra sono chiamate "ginseng", sono utilizzate per scopi diversi. Il vero ginseng appartiene esclusivamente al genere Panax. Il ginseng ordinario, che è chiamato "ginseng reale" è utile per l'umore, l'immunità e l'attività cognitiva; meno efficace per migliorare l'erezione, aumentare i livelli di testosterone e aumentare le prestazioni degli esercizi.

Riepilogo (principali vantaggi / impatto / fatti e informazioni)

Conosciuto anche come: ginseng reale, ginseng, Montagna Ginseng cresce non selvaggia deve essere confuso con: Ginseng siberiano, ginseng americano, cinese Ginseng, Ginseng falsa Varietà:

Va bene con:

Non compatibile con l'aspirina (acido acetilsalicilico), l'inibizione della doppia cicloossigenasi può ridurre l'effetto immunitario dei polisaccaridi del ginseng

Ginseng: istruzioni per l'uso

Il ginseng ordinario dovrebbe essere assunto in un dosaggio da 200 a 400 mg al giorno per garantire un generale effetto "preventivo", sebbene alcuni studi su multivitaminici, compreso il ginseng ordinario, suggeriscano che dosi fino a 40 mg possano essere biologicamente attive. Una dose di 400 mg apporta grandi benefici all'attività cognitiva. Queste dosi appartengono allo "estratto di ginseng" standard, che contiene circa il 2-3% del numero totale di ginsenosidi, con una singola dose giornaliera indicata. Gli studi sull'estratto di ginseng rosso coreano come rimedio per l'erezione e il trattamento con la libido hanno utilizzato 3 g di estratto intero al giorno, suddivisi in tre dosi da 1000 mg ciascuna.

Fonti e struttura

fonti

Ginseng (dalla famiglia Araliaceae 1)), che è sinonimo di ginseng coreano, ginseng montagna, ginseng presente e ginseng asiatico (anche se quest'ultimo termine si riferisce a un piccolo numero di "Ginseng") - una pianta che è stato a lungo utilizzato nella medicina tradizionale cinese per una vasta gamma di scopi preventivi. Porta bacche rosse-gialle (a seconda della varietà), anche se per scopi medici la radice viene solitamente utilizzata in polvere. All'interno di tredici piante appartenenti alla specie Panax, solo cinque di esse sono utilizzate per scopi medicinali nella medicina tradizionale cinese. Questi includono il ginseng (questo articolo), così come ginseng americano (ginseng pyatilistny aka ginseng europea) Ginseng Vietnamita (Panax vietnamensis), ginseng giapponese (Panax japonicus) e falso Ginseng (Panax Notoginseng). Di questi cinque ginseng ordinaria è la più utilizzata per scopi medici tipi utilizzati nel 16,6% degli appuntamenti clinici 3.944 in Corea farmacopea, scritto nel 1610 dC 2) il ginseng - una specie di erba di tipo "Panax" di "Ginseng", il più utilizzato in applicazioni mediche di questo tipo (gli altri 4 sono stati utilizzati per scopi medicinali, e il resto 8 del tipo di "Panax" non viene utilizzato in medicina) Il concetto di "Panax" ( di Panax) deriva dalla parola greca "panacea" (non da una panacea per sé, ma dalla 'pan' - tutto, 'axos' - farmaco). La parola "ginseng" è meno rilevanti fonti di origine, essendo una traduzione in inglese della parola cinese Renshen, che significa "uomo-root", anche se l'opinione generale, è stato un riferimento alle radici delle piante che sembrava una gamba umana; quindi, la traduzione letterale di "Ginseng ordinario" in inglese dovrebbe suonare come una guarigione di tutte le persone radice. La superficie della radice è raggrinzita e solcata, il suo sapore è inizialmente dolciastro e il retrogusto è alquanto amaro. 3) Il ginseng comune, così come il ginseng americano, possono formare ginseng "rosso" durante il trattamento termico. È leggermente diverso nella struttura delle piante non trattate e ha un'attività biologica un po 'unica, ma derivante da fonti vegetali simili. Ginseng ha preso il nome da "guarisce tutto» (Panax) e 'root-man' (ginseng, traduzione della parola Renshen), che si riferisce alla comparsa della radice che somiglia a due gambe umane; il prefisso "rosso" (ginseng rosso, ginseng rosso, ecc.) si riferisce al processo di trattamento termico che causa la colorazione. "Ginseng rosso coreano", a sua volta, viene trattato termicamente con ginseng ordinario (il ginseng coreano è sinonimo di ginseng ordinario).

Altri significati della parola "Ginseng"

Il concetto di "Ginseng" ha un duplice significato, uno dei quali è di natura botanica, e l'altro è domestico. termine botanico "Ginseng" si riferisce alla forma ginseng e quindi unico per un dato impianto o varie opzioni e chemiotipi (differenze chimiche tra piante dello stesso tipo osservato in pubescenti Uncaria in particolare). concetto interno di "Ginseng" deriva dal fatto che il ginseng è comunemente usato per aumentare la vitalità e prevenire le malattie, e si diffuse in altre erbe che non sono collegati al ginseng, che vengono utilizzati anche per migliorare la prevenzione vitalità e la malattia. "Ginseng" è sia un botanico, in relazione alla forma e nome familiare in relazione alla capacità delle piante sospettato di aumentare la vitalità e prevenire malattie Come menzionato sopra, le piante incluse nell'area di specie Panax e anche conosciuti come "Ginseng" tipi non sono equivalenti, comprendente pyatilistny ginseng (ginseng americano o ginseng europeo), Panax vietnamensis (ginseng Vietnamita), Panax japonicus (ginseng giapponese) e Panax Notoginseng (ginseng false). Le erbe che sono al di fuori della famiglia Araliaceae e assegnato lo status di Ginseng: Eureka dlinnolistuyu (Tongkat Ali e ginseng malese), bug-infestato Meyen (radice di maca, o ginseng peruviano), Jiaogulan (Southern o "a buon mercato" ginseng), Suma (radice bisaccia o ginseng brasiliano), Eleutherococcus senticosus (ginseng siberiano), Trihopus Ceylon (Kerala ginseng), bordi tè Dame (ginseng Thai), dratsenu angustifolia (ginseng Vietnamita 4)) ed ipnotico Withania (Ashwagandha o ginseng indiano). Inoltre, pianta codonopsis melkovolosisty è tipicamente utilizzato come sostituto ginseng economico e, in alcuni testi, codonopsis pianta melkovolosisty potrebbe erroneamente chiamato ginseng. Codonopsis melkovolosisty, di per sé, non ha lo status di ginseng, anche se ha a che fare con la storia del ginseng, che era costoso, e quindi le altre piante sono stati utilizzati invece di ridurre il prezzo; ginseng ordinaria storicamente stato costoso e limitato in azioni (si veda anche Trutovik laccato Reishi Mushroom), che ha influenzato il pentaphyllum Gynostemma, che fa parte di molte saponine e che era conosciuto come "ginseng buon mercato", come rappresentato da un sostituto più economico. Sopra c'è una lista di piante e integratori associati al concetto o alla storia del ginseng ordinario

Recensione Ginsenoside

Il concetto di ginsenoside è stato proposto per descrivere la moltitudine di molecole che sono state trovate nel ginseng; il concetto si riferisce alle saponine steroidee (composti con base steroidea di dammaran, che è la designazione chimica della struttura, da non confondere con gli steroidi anabolizzanti), che è stata designata Rx; X riguarda il loro movimento sul piatto per TLC in condizioni di laboratorio, mentre A è più ionizzato e H meno. 5) I ginsenosidi tendono ad essere anfipatici, poiché hanno fondamentalmente un gruppo idrossile (ionizzato), mentre la base stessa non è ionizzata. Sebbene ci siano significativamente più di 100 ginsenosidi, sono tutti divisi in quattro classi.

I circa 100 ginsenosidi appartengono, per la maggior parte, alle classi sopra descritte. Diverse molecole di zucchero associate alle diverse zone delle quattro basi molecolari sopra creano molecole uniche (e, quindi, una designazione unica per il ginsenoside). Tutti i "ginsenosidi" sono solo una delle quattro molecole che hanno diversi composti di zucchero in una molecola che non modifica in modo significativo il loro tipo. Nonostante esistano più di 100 ginsenosidi di ginseng ordinario, possono essere ridotti a una delle quattro classi, basate sulla molecola di zucchero, che porta a cambiare.

struttura

Ginseng ordinaria comprende una pluralità di composti attivi sono chiamati "ginsenosides" che rappresentano saponine steroidopodobnye unico a specie di ginseng (rispetto alla struttura chimica, proprietà anabolizzanti sono assenti); Ci sono più di 100 ginsenosidi, la lista sopra contiene i principali:

Altri composti trovati nel ginseng che non sono calorici (fitochimici) e non sono coperti dall'ampia nozione di ginsenosidi includono:

I composti calorici (inclusi nella radice stessa, possono essere isolati dal guscio di ginseng, in quanto contiene calorie), come proteine ​​e carboidrati, includono:

Principalmente, le proprietà uniche del ginseng ordinario associate al contenuto di ginsenosidi (che, per la maggior parte, sono uniche: il ginseng a cinque foglie e il ginseng americano hanno la maggior parte dei ginsenosidi); i polisaccaridi di radice possono avere alcune proprietà uniche, mentre la maggior parte dei composti rimanenti non è notevole. I composti di cui sopra si riferiscono solo alla radice, in quanto questa è la parte più utilizzata della pianta. I semi di ginseng ordinario contengono:

I semi del ginseng ordinario non contengono un numero così grande di ginsenosidi, come le radici; possono essere usati come ricambio aggiuntivo. I frutti del ginseng ordinario contengono:

Il contenuto totale di ginsenosidi nelle bacche può raggiungere il 9,09% del peso secco, che è fino a 4,8 volte più elevato rispetto alle radici rispetto al peso secco; Le bacche hanno un notevolmente alto contenuto di ginsenoside Re, rispetto alla radice, e più preferito se l'effetto biologico desiderato di ginseng è associato con il contenuto Re. piante ginseng normalmente crescono per 4-6 anni prima di andare per scopi medici (al contrario di come il consumo di cibo quando il ginseng fresco può essere raccolto dopo due anni); il livello generale di ginsenosidi diminuisce dopo cinque anni di vita. Nella selezione dei prodotti rizomi ginseng (porzione verticale sottile della superficie radicolare) ha una maggiore quantità di ginsenosides rispetto al peso di radici, anche se entrambi contengono ginsenosides; gli additivi che hanno un contenuto totale specifico ginsenoside normalizzato potrebbero non richiedere una differenziazione associata alla regolazione. I frutti contengono più Re, quindi se hai bisogno di un ginsenoside specifico per una ragione particolare, i frutti sono adatti a questo. Anche se ginsenosides sono gli ingredienti attivi in ​​relazione al sistema immunitario e scopi immunologici non dimenticare il polisaccaride (se non v'è dubbio circa i polisaccaridi potenza guardano Ganoderma Lucidum). Qui ci sono metodi come distinguere il ginseng "reale" e ginseng americano (ginseng pyatilistny), nonostante il fatto che essi contengono molte delle stesse sostanze biologicamente attive. Il ginsenoside Rf è unico per il ginseng, mentre lo pseudoginsenoside F11 è specifico per l'americano; il rapporto di entrambi in qualsiasi prodotto commerciale può essere utilizzato per determinare la fonte. Per quanto riguarda le differenze tra americana asiatica (ordinario) gruppo ginseng ginsenoside Rb1, Rb2, Rc, Rd, Re e Rg1 rappresenta il 90% del totale ginsenosidi ginseng, in cui la maggior parte o tutti gli effetti biologicamente attivi possono essere rintracciati in questi sei ginsenoside. 12) Se si considerano i ginsenosidi bioattivi di base, che costituiscono il 70% del ginseng americano, cinque su sei sono gli stessi, mentre Rb2 apparentemente assente o sostituito Rb3. Rf è anche più abbondante nel ginseng americano che nel gin asiatico. 13) Il ginseng americano e asiatici (ginseng ultima chiamata reale vulgare) sono piante simili con un gran numero di componenti biologicamente attivi assolutamente identici, solo presentati in quantità differenti; tuttavia, queste "diverse quantità" possono rendere diverso l'effetto reale del ginseng se le molecole hanno effetti diversi. L'effetto complessivo dei ginsenosidi può essere fondamentalmente lo stesso per entrambe le piante.

Tipi e forme di ginseng

Ginseng rosso coreano

Proprio come le diverse varietà di tè cinese Camellia (verde, bianco, nero) differiscono a seconda del processo, anche se questa è la stessa pianta, la differenza tra il ginseng ordinario e il ginseng rosso coreano è unica nell'elaborazione; sono la stessa pianta. Il ginseng rosso coreano è il ginseng ordinario, che viene cotto a vapore e poi essiccato, che modifica alcuni dei principi attivi. Mentre il ginseng ordinario contiene ginsenosidi Rb1, Ro e Re come componenti principali, il ginseng rosso coreano offre il ginsenoside Rb (3) come principale sostanza biologicamente attiva. Quest'ultimo può essere metabolizzato a ginsenoside Rb (2) (non specifico per il ginseng rosso coreano) da batteri intestinali, mentre il ginseng rosso coreano contiene anche Rg (3), unico nel suo genere. 14) Rb (3) e Rg (3) sono i principali componenti attivi del ginseng rosso coreano, mentre i processi di trattamento con vapore e fermentazione modificano favorevolmente lo spettro dei ginsenosidi a questi due. Successivamente, la fermentazione del ginseng rosso, che ha già subito un trattamento / essiccazione a vapore, che produce ginseng rosso fermentato, potenzia l'effetto antinfiammatorio e anti-anti-recettore (antidolorifico) del ginseng. Se consideriamo il contenuto totale di ginsenosidi, uno degli studi ha rivelato che il ginseng rosso coreano ha un livello uguale o superiore di ginsenosidi basici, rispetto al ginseng ordinario, che varia a seconda della fonte (il ginseng coreano rosso compete con il "ginseng selvatico" di Shangshen, superando ginseng coltivato), ma questo non può essere considerato uno standard. 15) Generalmente, nelle sostanze commercialmente distribuite (mercato coreano), il contenuto di ginsenoside varia dallo 0,5-1,1% rispetto al peso, che è inferiore al contenuto di ginsenoside nel ginseng fresco (e specialmente negli standard scientifici G115 e NAGE, il ginseng ordinario è 4% e 10% di ginsenosidi totali, rispettivamente). Fondamentalmente, la trasformazione biologica del ginsengen ginseng ordinario, quando diventa "rossa" a causa della lavorazione a vapore e della fermentazione, imita il metabolismo dell'intestino crasso. Non si formano troppi prodotti unici (sebbene si formi una piccola quantità), mentre molti sono metabolizzati nelle loro forme biologicamente attive, che possono aumentare l'effetto del ginseng o almeno renderlo più affidabile per persone diverse. Inoltre, attraverso le permutazioni di Amadori durante il processo di fermentazione, è possibile la formazione di composti unici chiamati arginil-fruttosio e arginil-fruttosil-glucosio (noto anche come maltolosil arginina); questi composti mostrano la capacità di inibire in qualche modo l'assorbimento dei carboidrati dal cibo. 16) Questi composti si legano anche ai minerali (in particolare il rame) e mostrano proprietà antiossidanti, con almeno l'arginil fruttosio che viene assorbito dopo l'ingestione nei ratti, mentre altri prodotti Amadori possono perdere la loro molecola di glucosio. e diventa l'arginil fruttosio. Il contenuto totale di prodotti Amadori nel ginseng rosso coreano è piuttosto variabile e dipende dal trattamento con vapore, e uno studio che ha esaminato 8 prodotti commerciali acquistati in Corea ha trovato l'arginil fruttosio 0,85-2,51% e l'arginil-fruttosil glucosio 0,25-2,64%. Le uniche sostanze del ginseng rosso coreano, non correlate ai ginsenosidi, sono due prodotti delle permutazioni di Amadori, caratteristiche dei processi di fermentazione e lavorazione del vapore. Il fruttosio legato all'aminoacido L-arginina, o maltosio legato allo stesso amminoacido, può essere biologicamente attivo. Il ginseng rosso, P. ginseng, è purificato, esposto a temperature elevate (100 ° C (212 ° F)) e quindi essiccato (o non essiccato). Il ginseng viene spesso marinato in una infusione di erbe, in modo che la radice diventi insolitamente fragile. Il ginseng rosso è più comunemente usato nella medicina tradizionale del bianco.

Ginseng bianco

Il ginseng bianco è un concetto che si applica al ginseng ordinario, che è stato coltivato e quindi essiccato all'aria, che è l'opposto dell'essiccazione dopo il trattamento a vapore, caratteristica del ginseng rosso. Il processo di essiccazione in aria porta alla desquamazione della radice e all'asciugatura fino ad un contenuto di umidità inferiore al 12%, e dipinge anche la radice in un colore bianco-giallastro. Alcune sostanze biologicamente attive possono essere perse durante questo processo. Il ginseng bianco, originario dell'America, è il ginseng fresco, essiccato senza l'uso di alte temperature. Viene pulito e asciugato, riducendo il contenuto di acqua al 12% o meno. Il ginseng bianco, essiccato al sole, può contenere meno componenti benefici. Alcuni credono che gli enzimi nella radice elaborino questi componenti durante il processo di essiccazione. L'essiccazione al sole illumina la radice di un colore bianco-giallastro.

Ginseng fresco

Il ginseng fresco è un prodotto grezzo. Il suo uso è limitato a causa della sua scarsa disponibilità.

Ginseng selvatico

Il ginseng selvatico cresce spontaneamente e cresce nei suoi habitat. È una specie relativamente rara ed è in pericolo di estinzione a causa dell'aumento della domanda per il prodotto negli ultimi anni. Le piante selvatiche cercano e raccolgono prima che possano dare i suoi frutti (ci vogliono diversi anni perché una radice cresca). In Vermont, Maine, Tennessee, Virginia, North Carolina, Northern Virginia e Kentucky, ci sono programmi per la coltivazione del ginseng americano, così come il programma United Plant Savers, creato per ripristinare le specie naturali e fermare la raccolta di ginseng selvatico conservato. Le piante coltivate hanno le stesse qualità delle specie selvatiche della stessa età. I semi parzialmente germinati di ginseng, raccolti l'autunno precedente, possono essere piantati dall'inizio della primavera fino all'autunno inoltrato. I semi germogliano la prossima primavera. Quando vengono piantati in un ambiente naturale senza particolare cura, i germogli si trasformano in piante adulte indistinguibili dalle specie selvatiche. I semi germinati di specie asiatiche e americane possono essere acquistati online da maggio a dicembre (ad esempio su eBay). Alcuni semi vengono venduti con le istruzioni per piantare e crescere.

P. quinquefolius (Ginseng americano)

In Cina, tradizionalmente si crede che il ginseng americano aumenti l'energia yin, riduca l'eccesso yang e lenisca il corpo. Secondo la medicina tradizionale cinese, le creature che vivono in luoghi freddi sul lato settentrionale delle montagne o sul lato meridionale dei fiumi hanno una forte energia yang, e viceversa, quindi si ritiene che il ginseng americano aumenti lo yin (scuro, freddo, negativo, femminile) e il ginseng asiatico - yang (caldo, caldo positivo, maschile), ed entrambe le energie sono equilibrate. Il ginseng cinese / coreano cresce in Manciuria e in Corea, le regioni più fredde conosciute dai coreani nell'antichità. Quindi, secondo la leggenda, il ginseng di questi luoghi ha una forte energia yang. La maggior parte del ginseng nordamericano viene prodotto nelle province canadesi dell'Ontario e della British Columbia e nello stato americano di Viscontin. P. quinquefolius è attualmente coltivato nel nord della Cina. La radice fragrante ha una pastinaca piccola, ramificata mentre la pianta cresce. La pianta raggiunge 6-18 pollici di altezza e di solito ha 3 rami, ognuno dei quali ha 3-5 foglioline da 2 a 5 pollici di lunghezza.

Altre piante

Alcuni, quasi tutti adattogeni, sono a volte chiamati ginseng, ma queste piante appartengono a una famiglia o un genere diversi. Solo jiaogulan contiene in realtà componenti strettamente correlati ai ginsenoidi, ma la presenza di ginsenoidi da sola non può essere una caratteristica dell'efficacia del ginseng.

G115 e NAGE

G115 è un estratto brevettato di Pharmaton (Svizzera) di ginseng ordinario, che contiene il 4% di ginsenosidi del peso totale 17), mentre NAGE è un estratto standardizzato della stessa azienda contenente il 10% di ginsenosidi in peso. Entrambi gli standard sono utilizzati negli studi per garantire standard di qualità e controllare il contenuto totale di ginsenosidi, con uno studio che rileva che la purezza degli estratti è nell'intervallo 95,9-100%, come determinato dall'HPLC; Entrambi gli estratti hanno un alto contenuto di Rb1 e Re, e riflettono pienamente quale ginseng (di origine naturale, indicato nella sezione introduttiva) che contiene, se consideriamo il rapporto di ginsenosidi. Uno studio che ha studiato esclusivamente la separazione di ginsenosidi ha indicato che G115 contiene 1,07% (Rb1), 0,66% (Rb2), 0,67% (Rc), 0,46% (Rd), 0,56% (Re) 0,14% (Rf) e 0,44 % (Rg1), mentre NAGE contiene 4,56% (Rb1), 0,31% (Rb2), 1,09% (Rc), 1,43% (Rd), 2,36% (Re) e 0,24% (Rg1), con Rf non è stato rilevato. Composti di estratti di ginseng assolutamente standardizzati con un'adeguatezza piuttosto elevata, contenenti il ​​4% (G115) e il 10% di ginsenosidi (NAGE), sono usati negli studi non perché siano in qualche modo migliori delle piante di ginseng, ma perché il contenuto di ginsenosidi è affidabile.

farmacologia

metabolismo

I ginsenosidi possono essere metabolizzati da uno all'altro e le vie metaboliche differiscono a seconda di quale dei quattro gruppi principali il ginsenoside appartiene alla struttura (protopanaxadiolo, protopanaxatriolo, ecc., Menzionato nella sezione sulla struttura). Composti protopanossadiolici, come Rb1, Rb2 e Rc, sono metabolizzati in una molecola attiva, chiamata la molecola K, il cui nome completo è 20-O-b-D-glucopiranosil-20 (S) -protopanaxadiolo. La somministrazione orale di Rb1 separatamente può causare un aumento del livello della molecola K nel sangue dei ratti, nonché un aumento delle urine, mentre Rb1, al contrario, non viene rilevato nelle urine. 18) Il Ginsenoside Re (protopanaxatriolo) può essere metabolizzato in Rg1 e Rg2 (in due modi diversi) mediante fermentazione di batteri dell'intestino crasso; sia Rg1 che Rg2 possono essere ulteriormente metabolizzati in Rh1, ma solo Rg1 può essere metabolizzato in F1, con Rh1 e F1 (il secondo livello del metabolismo) convertiti alla base protopanaxatriol originale, che viene escreta nelle urine. Questa catena fondamentale di reazioni metaboliche è stata proposta in precedenza, sebbene senza prodotti intermedi. 19) Il principale processo del metabolismo del ginsenoside è associato a basi protopanaxadiol e protopanaxatriol con interconversione di metaboliti in condizioni naturali.

Interazione enzimatica

Uno studio di laboratorio che ha esaminato l'interazione di ginsenosidi ha rivelato che il ginseng era in grado di ridurre l'attività catalitica di CYP1A1 e CYP1A2 (due varianti di aromatasi), così come CYP1B1 in modo dipendente dalla dose, che è associato al contenuto di ginsenosidi. La soppressione era aggressiva rispetto al CYP1A1 e mescolata con lo spirito di altri, con CYP1A2 più sensibile. Quando i ginsenosidi Rb1, Rb2, Rc, Rd, Re, Rf e Rg1 sono stati studiati separatamente, tutti loro non erano in grado di sopprimere l'attività di questi tre enzimi o l'O-dealchilazione di 7-etossi resorufin, a condizione che fossero usati nello stesso la concentrazione precedentemente utilizzata in relazione a Panax nel suo insieme, mentre il potere di soppressione è stato ripristinato quando la concentrazione è stata aumentata a 50 micromoli, la massima forza d'azione è stata osservata in Rc (soppressione del 75% di CYP1A2) ed era assente in Re. Ciò significa che il contenuto totale di ginsenosidi può essere più significativo di ciascuno separatamente, poiché la soppressione è stata osservata in presenza della maggior parte dei ginsenosidi.

Impatto sul corpo

Muscoli scheletrici e prestazioni fisiche

Affaticamento e resistenza

Uno studio sui topi che utilizzava il test di nuoto forzato ha rivelato che il contenuto di polisaccaridi nel ginseng può avere un effetto benefico sulla resistenza riducendo l'affaticamento, poiché l'assunzione di polisaccaridi da 50, 100 e 200 mg / kg di peso corporeo per 15 giorni ha dimostrato che dopo un'ora dopo aver assunto l'ultima dose, solo 200 mg / kg di peso corporeo hanno migliorato significativamente le prestazioni. Quando il frammento neutro del polisaccaride (40, 100, 160 e 200 mg / kg) è stato confrontato con il frammento acido, si è riscontrato che tutte le dosi del polisaccaride acido aumentano significativamente la produttività e sono ingredienti attivi (solo la dose massima del polisaccaride neutro ha avuto un effetto benefico). Il frammento acido era più efficace nell'aumentare la circolazione del glucosio, inibendo la circolazione dei trigliceridi nel sangue, mentre l'aumento della gravità della superossido dismutasi è associato sia al frammento neutro che al controllo senza un additivo. 20) Un altro studio che utilizzava 1, 10 e 100 mg / kg nei topi (10% ginsenosidi) non ha dimostrato un aumento statisticamente significativo del tempo di nuoto forzato dopo 7 giorni di assunzione (sebbene vi sia una tendenza ad aumentare).

Indicatori ormonali

È da studi che hanno utilizzato 2 g di estratto alcolico al 60% di ginseng ordinario per atleti allenati resistenti (almeno 2 anni di esperienza e 5 ore di attività fisica settimanali) per 6 settimane non hanno rivelato cambiamenti significativi nel livello di testosterone, cortisolo o il loro rapporto associato all'uso ginseng ordinario. 21)

Immunologia durante l'esercizio

Lo studio condotto su 30 corridori maschi resistenti non ha rilevato alcun cambiamento nel numero di cellule immunitarie o nella gravità dei recettori (CD3 +, CD4 +, CD8 +, CD20 +) dopo 6 settimane di assunzione di 2 g di estratto alcolico al 60% di ginseng ordinario, insieme alla modalità di funzionamento.

temperatura

Uno studio condotto su topi raffreddati (assunzione a basso contenuto calorico, nuoto in acqua fredda fino all'esaurimento) o caldo (proteine ​​alimentari in eccesso) ha rivelato che l'aggiunta di radice di ginseng ha avuto un effetto di riscaldamento su entrambi i gruppi., che è stato dimostrato da un tempo più breve trascorso sulla piattaforma di riscaldamento, che si trova vicino al mouse.

neurologia

appetito

Il Ginseng è una delle poche piante comunemente usate come stimolante dell'appetito per l'anoressia (perdita di appetito) e il cancro associato all'esaurimento generale per stimolare l'appetito, 22) insieme alla radice verticale dell'Astragalo membranoso. Non ci sono abbastanza studi che esaminano l'effetto di aumento dell'appetito del ginseng ordinario, mentre ci sono studi che hanno usato il ginsenoside Rb1 separatamente e non hanno trovato alcun effetto sull'appetito da solo, ma hanno rivelato la capacità di prevenire un aumento eccessivo della temperatura corporea e una diminuzione dell'appetito causato dalla chirurgia; secondo le proprietà tradizionalmente rivendicate. Un altro studio sui ratti, che ha misurato solo l'assunzione di cibo come indicatore risultante, ha mostrato un aumento del 37,7% e del 50% dei pasti normali e ricchi di grassi a scapito del 3% di ginseng rosso, rispettivamente, senza cambiamenti significativi nell'aumento di peso osservati con il consumo di calorie aggiuntive ( che si spiega con una diminuzione dell'assorbimento dei grassi dal cibo in accordo con il test della lipasi e analisi delle feci in condizioni di laboratorio. Questo studio ha utilizzato topi bianchi a 8 settimane di età senza menomazione. Frammenti di ginseng ordinario con un alto contenuto di ginsenosidi alla dose di 12,5-25 mg / kg (una dose relativamente bassa rispetto alle dosi antiobesità) indeboliscono in qualche misura l'allotriophagia indotta dalle radiazioni (desiderio di mangiare prodotti non alimentari) nei ratti, mentre i frutti possono avere un effetto simile a quelli leggermente più alti una dose di 50-150 mg / kg. Studi esistenti riguardanti la materia hanno mostrato una diminuzione dell'assorbimento di cibo da parte di topi obesi, possibilmente regolando il neuropeptide tirosina nell'ipotalamo (o regolando IL-1b 23) usando la miscela di ginseng selezionata ad una dose di 200 mg / kg di peso corporeo e sopprimendo assorbimento al 12,4-21,2%, che ha colpito anche i topi impoveriti per 3 settimane. Un altro studio che utilizzava i frutti del ginseng ordinario, ha scoperto che 150 mg / kg di peso erano in grado di sopprimere l'assorbimento di cibo del 16% nel gruppo di controllo dei topi con obesità indotta da cibo, mentre questo effetto non è stato rilevato quando si utilizzava ginsenoside Re separatamente alla dose di 20 mg / kg peso; Questo studio è stato condotto su topi malnutriti, ma non ha mostrato cambiamenti nell'assunzione di cibo, l'inibizione dell'assunzione di cibo può essere associata con Rb1 o protopanaxadioli in generale, tra cui Rb1-3 e Ra1-3 (tra le altre cose), che hanno trovato una diminuzione dell'assorbimento alimentare del 16,3% nei topi chi consumava cibi ricchi di grassi e prendeva 50 mg / kg. 24) È probabile che i ginsenosidi di ginseng rosso (anche applicabili al ginseng in generale) possano aiutare a regolare gli schemi alimentari patologici senza influenzare le condizioni normali, ma sorprendentemente sono state fatte poche ricerche sulla stimolazione dell'appetito per le quali il ginseng è comunemente usato. Non ci sono studi umani su questo argomento, ma una significativa e brusca soppressione dell'assorbimento è osservata nei topi obesi, che mangiano troppo, mentre i risultati misti si trovano nei topi esausti.

Attività cognitiva generale

Studi su adulti sani che hanno applicato 200 o 400 mg hanno notato un aumento del tempo di risposta associato a 400 mg, ma non a 200 mg, 2,5 ore dopo l'ingestione. È interessante notare che 200 mg hanno provocato un tempo di risposta debole, ma significativamente più lento nel primo giorno di test, che può verificarsi in base allo stato di calma causato. Questo miglioramento nel tempo di risposta è stato riprodotto con 400 mg di estratto di ginsenoside al 4% (G115) in relazione al tempo di risposta spaziale dopo un periodo simile dopo la somministrazione, ma solo in combinazione con Gingko biloba hanno raggiunto significatività statistica 4 ore dopo la somministrazione per un tempo di risposta semplice. 25) Il terzo test, che ha misurato il tempo di risposta, ha rilevato diversi miglioramenti significativi, ma la maggior parte dei risultati erano statisticamente insignificanti; I risultati di questo test possono essere associati al viraggio. L'aggiunta di ginseng al gingko biloba migliora le prestazioni correlate all'accuratezza, mentre il "rilassamento" associato al ginseng può ridurre la frequenza degli errori di test cognitivi. Un altro studio condotto dagli stessi scienziati ha testato 200 mg e 400 mg di G115 in adulti sani e ha riscontrato un aumento della produttività nel test di sottrazione consecutiva di sette, il test per la produttività intellettuale. 26) Nel test di sottrazione sequenziale di tripli sono stati ottenuti effetti benefici inconsistenti minori, quando si è verificata una diminuzione del numero di errori, mentre è stato osservato un leggero effetto utile nel ridurre il numero di errori nel test per la sottrazione sequenziale di sette. Concentrazione e rilassamento sono stati trovati soprattutto quando si prende un integratore che combina il ginseng e numerosi nutrienti, che è stato preso per 12 settimane rispetto ai valori basali. L'ordinario del ginseng può migliorare il tempo di risposta e l'accuratezza dovuti a meccanismi non noti oggi e alla forza d'azione paragonabile ad altre piante; i miglioramenti non raggiungono la significatività statistica, poiché sono anche inaffidabili. La maggior parte degli effetti benefici correlati all'attività cognitiva generale può essere correlata all'effetto tonico di ginsenosidi e polisaccaridi, insieme alla resistenza causata dalla differenza con il test di affaticamento con placebo.

Depressione, ansia, stress

Nei topi, 100 mg / kg del frammento di polisaccaride dell'acido ginseng sono stati in grado di alleviare i sintomi della depressione, nonché migliorare l'interazione sociale e ridurre l'aggressività. 200 mg / kg non erano significativamente efficaci rispetto a questi indicatori. L'effetto di alleviamento della depressione è stato osservato allo stesso modo nei topi ginsenosidi, dimostrando che entrambi i principali principi attivi del ginseng hanno un effetto sulla depressione. Il ginseng rosso è anche efficace, mentre il ginseng rosso idrolizzato e l'acetato fermentato (ginseng rosso coreano fermentato) sono significativamente più efficaci come antidepressivi nei topi rispetto al normale ginseng rosso. 27) Per quanto riguarda lo stress, un possibile meccanismo potrebbe essere quello di alterare la trascrizione genetica di alcuni enzimi. In questo studio, in laboratorio è stato usato estratto di saponina puro a una concentrazione di 10 μg / ml, la cui somministrazione orale nei ratti alla dose di 200 mg / kg ha rivelato che i livelli di tirosina idrossilasi nell'mRNA e nella dopamina β-idrossilasi aumentata dall'irritante sono stati ridotti dal ginseng del 35,6 e del 48,2% ghiandole surrenali (causate dallo stress) e del 57,2% e del 48,9% nei neuroni (causate dalla nicotina), rispettivamente. 28)

Memoria e conoscenza

Se consideriamo il ginsenoside Rb1 separatamente, esso è correlato al miglioramento della cognizione nei ratti nell'ippocampo. Può aumentare la crescita dei neuroni nei nodi nervosi dei polli causata dal fattore di crescita nervosa, mentre l'ingestione orale di 2 mg / kg nei ratti al giorno per 30 giorni ha rivelato un accorciamento della fase di acquisizione della conoscenza, dimostrando che il miglioramento della memoria che si verifica successivamente si verifica sullo sfondo di un miglioramento della cognizione. 29) L'ultimo studio non è stato in grado di rilevare un effetto significativo sulla motivazione, nonostante il miglioramento del processo cognitivo, ma dopo 30 giorni non vi è stata alcuna differenza significativa nell'immunocolorazione dell'ippocampo, il che dimostra che non si è verificata alcuna formazione significativa di cellule nervose.

Azione neuroprotettiva

Negli studi che hanno studiato la mancanza di apprendimento (deterioramento cognitivo) associato a effetti tossici o all'invecchiamento, il ginseng è stato piuttosto efficace nel ridurre l'entità del deficit. 30) La somministrazione orale di ginsenoside Rg3 ginseng coreano ha rivelato un effetto protettivo contro il danno cerebrale indotto da ischemia negli animali, con ischemia cerebrale focale transitoria durante l'assunzione di 5, 10 e 20 mg / kg di Rg3 con il cibo, è stato riscontrato che 10 mg / kg erano ugualmente efficaci, come 1 mg / kg di controllo attivo di Nimodipina, nell'alleviare il deterioramento cognitivo causato dall'ischemia, mentre 20 mg / kg ha avuto un maggiore effetto protettivo, ma solo leggermente. La percentuale della scala di infarto nell'ippocampo è stata ugualmente ridotta di 20 mg / kg di Rg3 e di nimodipina, di circa il 20,1 +/- 2,8%, dimostrando la forza dell'azione Rg3 nell'aumentare l'attività mitocondriale dopo il danno cerebrale; altre misurazioni del grado di distruzione neuronale (etichettatura di deossiridina terminale delle estremità di cellule positive, cellule positive calpain-1 o casapase-3) hanno rivelato una riduzione uguale a 10-20 mg / kg di Rg3 e nimodipina. Il meccanismo mediante il quale il ginseng può esercitare un effetto protettivo contro l'ischemia può essere associato alla deregolazione della sequenza prevista di ipossia, poiché l'incubazione di ginsenosidi dal ginseng rosso coreano riduce l'attività della proteina (fattore-1 indotta dall'ipossia) nei nuclei a livello post-trascrizionale, ma questa incubazione dovuta ai ginsenosidi aumenta effettivamente l'attività del fattore-1 indotto dall'ipossia, nonostante l'effetto più debole. Poiché il fattore-1 indotto dall'ipossia deve combinarsi con il fattore nucleare ARNT per potenziare l'effetto, l'incubazione con il ginseng rosso coreano può impedirlo. 31)

fatica

Uno degli studi sull'uomo che ha studiato la somministrazione di ginseng in dosi di 200 mg o 400 mg in adulti sani ha rivelato che 200 mg erano in grado di alleviare il deterioramento dell'umore associato a test psicologici prolungati (4 ore), mentre 400 mg hanno causato uno stato di riposo. Non sono stati riscontrati effetti significativamente diversi nel confronto tra la prima dose e otto dosi consecutive, né è stata riscontrata alcuna deviazione o effetto di accumulo. Un altro studio ha riprodotto questa diminuzione della fatica utilizzando 200 mg di estratto di G115 (4% ​​ginsenosidi), dopo un test neurale di 10 minuti, poi è seguito un riposo di 50 minuti, quindi un test simile è stato ripetuto 6 volte senza interruzione. 400 mg erano anche efficaci, ma meno di 200 mg.

Funzione cerebrovascolare

Uno studio umano che ha esaminato il flusso di sangue al cervello dopo 200 mg di estratto G115 da parte di persone sane ha mostrato una significativa diminuzione della segretezza P300 (senza esitazione) in tutti e cinque i lobi del cervello testati (per lo più quattro, ma gli emisferi destro e sinistro sono stati testati separatamente), è stata osservata una significativa diminuzione della potenza delle bande d'onda beta e theta (in mV2 / Hz), mentre le onde alfa erano indebolite solo nel lobo frontale e la beta e il theta erano più forti. Non ci sono state differenze significative tra ginseng e placebo rispetto agli indici di neovascolarizzazione coroidale e le differenze di cui sopra sono state osservate con gli occhi chiusi e non ci sono differenze significative nei parametri quando gli occhi sono aperti. Una revisione sistematica dell'effetto cerebrovascolare del ginseng ha trovato solo due studi, il suddetto studio e un altro che non è stato pubblicato su Internet. Lo studio sopra menzionato 32) ha ottenuto un'alta qualità sulla scala Jadad, mentre l'altro è di bassa qualità; La loro combinazione fornisce prove mediocri, ma entrambi hanno mostrato risultati simili.

Umore e qualità della vita

Uno studio che usava 200 e 400 mg di ginseng ordinario, ha notato un aumento della calma in modo dose-dipendente dopo l'introduzione urgente negli adulti. Tali dosi e prodotto sono stati utilizzati in un altro studio sugli adulti per 60 giorni, che non ha rivelato alcun cambiamento significativo negli indicatori di umore studiati. È interessante notare che uno studio condotto in 8 settimane con misurazioni di indicatori a 4 settimane ha riscontrato miglioramenti significativi nello stato e nella funzione mentali, nonché nella funzione sociale (valutata utilizzando la versione 2 di esame medico breve modulo 36) 4 settimane dopo, ma un effetto benefico associato a 200 mg di ginseng, non presenta differenze significative rispetto al placebo dopo 8 settimane. 33) Uno degli studi sull'umore e sull'attività cognitiva, che ha studiato la risposta alla dose iniziale e l'ottava dose (prendendo una singola dose giornaliera), ha rilevato che alcuni indicatori erano meno pronunciati rispetto al basale, ma nessuno di questi trend ha raggiunto la significatività statistica. Si presume che l'effetto di miglioramento dell'umore del ginseng sia a breve termine, o che ci voglia circa 1-4 settimane prima che inizi a perdere la sua efficacia, o un tempo leggermente più lungo. Come accennato, l'uso a breve termine del ginseng migliora il benessere e l'umore soggettivi nelle persone sane, secondo alcuni dati Un altro studio, che ha applicato una dose inferiore di 100 mg o 200 mg, ha rilevato che dopo 8 settimane l'umore è migliorato nei diabetici di tipo II; Questo può essere spiegato da un miglioramento del profilo glicemico. Uno studio che utilizzava il ginseng durante la menopausa non ha rivelato un significativo sollievo dei sintomi della menopausa, né ha rivelato significativi miglioramenti in termini di depressione, benessere e indicatori di "salute" soggettivi dopo 16 settimane. Uno studio che utilizzava una miscela di ginseng con una varietà di sostanze nutritive, ha notato miglioramenti statisticamente significativi dell'ansia e del rilassamento (miglioramenti causati da placebo e ginseng, con ginseng che ha un effetto molto maggiore), e che quando i risultati venivano controllati solo in relazione a soggetti con Quintile minimo di punti sulla scala analogica visiva al basale (test psicometrico), ci sono stati anche miglioramenti significativi rispetto ai punti di depressione e vita forza nennoy che da qualche okazatelstva che l'effetto di ginseng può essere più pronunciata al massimo discostano dal valore di riferimento "normale". Quanto sopra può essere confutato se i soggetti che non sono "adulti sani" vengono testati, quando il miglioramento della salute può indirettamente aumentare l'umore per un lungo periodo di tempo. È interessante notare che è stato osservato un aumento della qualità della vita quando si utilizzano multivitaminici contenenti 40 mg di ginseng ordinario (come l'estratto G115), in misura maggiore rispetto all'assunzione di multivitaminici standard senza contenuto di ginseng, e questo dimostra che basse dosi di ginseng ordinario possono essere utili quando aggiunte a multivitaminici. Il ginseng è anche in grado di arrestare la crescita della pressione diastolica associata ad un gruppo di multivitaminici (per ragioni sconosciute) e ad un insufficiente aumento di peso. Questo studio era comparativo senza il controllo del placebo e quindi i miglioramenti osservati in entrambi i gruppi possono essere attribuiti al placebo. Il ginseng ordinario è stato studiato come parte della composizione di multivitaminici alla dose di 100 mg, con una diminuzione della frequenza dell'influenza e aumento della libido statisticamente significativo in entrambi i gruppi (dimensione totale del campione - 114) insieme ad un aumento del benessere soggettivo, sebbene il gruppo di controllo usasse placebo puro e non Multivitaminici senza ginseng. 34) L'effetto benefico dei composti contenenti ginseng e molti composti nutrienti non viene sempre rilevato, vi è una tendenza al miglioramento, che non è statisticamente significativa, e talvolta un effetto benefico sulla modalità di assunzione di cibo, che è considerata "insufficiente". Il ginseng può essere utilizzato come additivo nella composizione dei multivitaminici e quindi può migliorare l'umore grazie al fatto che ha un'attività biologica a basse dosi (40-100 mg), ma la sua inclusione nella composizione dei multivitaminici non è sufficientemente affidabile e motivata da studi che confermano l'effetto benefico così come un effetto leggermente benefico. È probabile che possa migliorare l'umore più di un placebo, più probabilmente nelle persone con indicatori iniziali insoddisfacenti dello stato di salute rispetto alle persone con indicatori più favorevoli.

Ritiro di droga

Uno studio su ratti sottoposti all'abolizione della morfina ha rilevato che nei casi in cui veniva somministrato ginseng a crescita spontanea (50, 100, 200 mg / kg di peso) o ginseng coltivato (500 mg / kg di peso) insieme alla morfina, la successiva cancellazione (dopo 72 ore) un effetto ansia e depressione significativamente più piccolo nel gruppo che ha assunto 200 mg / kg (gli altri tre gruppi tendevano a indebolire questa azione, ma non ha raggiunto la significatività statistica). 35) Queste azioni sono legate all'immunoreattività di CFY e NPY nel cervello, il che significa che il ginseng selvatico può normalizzare il fattore di rilascio di corticotropina (CFY) e il neuropeptide-tirosina (NPY). In connessione con l'aumento dell'immunoreattività di queste molecole, che è anche osservato con la dipendenza da nicotina, si può ipotizzare che il ginseng possa essere utilizzato per l'astinenza da nicotina.

Interazione con lo scambio di glucosio

assorbimento

I composti formati durante le permutazioni di Amadori durante la fermentazione del ginseng rosso (arginil-fruttosio e arginil-fruttosil-glucosio) hanno un leggero effetto inibitorio sugli enzimi digestivi dei carboidrati, della glucosidasi intestinale e dell'alfa-amilasi del pancreas in condizioni di laboratorio. Quando si misura la forza d'azione sull'invertasi intestinale, sono stati osservati valori di IC50 di 6,40 e 6,20 mmol; questo effetto non era significativamente più efficace degli effetti sull'amilasi intestinale, per i quali i valori di IC50 erano 36,30 e 37,60 mmoli (valori rispettivamente per l'arginil-fruttosio e l'arginil-fruttosil-glucosio). Quando testati in condizioni naturali, 100 mg / kg, presi insieme a 1,5 g / kg di amido o 2 g / kg di saccarosio, erano in grado di abbassare il livello di circolazione dei carboidrati del 10-14% (arginil fruttosio) e del 6-20% (arginil-fruttosile - glucosio), mentre il secondo è più efficace nel ridurre il livello di circolazione causato dal saccarosio. 36) Una diminuzione del livello di concentrazione di glucosio nelle urine è stata osservata anche negli esseri umani quando si assumevano 6 g di estratto di radice di ginseng rosso coreano, che è in grado di ridurre il livello di concentrazione di glucosio nelle urine del 29% alla dose più efficace e del 17% quando tutte le dosi (estremamente volatili) sono approssimativamente uguali ; tuttavia, ciò era dovuto al contenuto di Rb1 e non ai prodotti Amadori. L'assorbimento può essere ostacolato da alte dosi di ginseng rosso coreano, ma, a sorpresa, non a scapito di ginsenosidi o polisaccaridi attivi, ma a scapito di prodotti specifici per il ginseng rosso coreano.

siero

Durante l'assunzione di 200 mg e 400 mg di ginseng ordinario G115 (4% ​​ginsenosidi), le persone sane hanno mostrato una diminuzione del livello di glucosio nel sangue di 0,646-0,664 mmol (11%) entro un'ora, che è leggermente diminuita (0,580-0,594 mmoli, 9,7-10,4%) in seguito 30 minuti; nel gruppo che ha assunto la dose massima, è stato osservato un aumento del livello di glucosio nel sangue (diminuzione di 0,933 +/- 0,213 mmol rispetto al valore iniziale, 15,7%), mentre l'effetto di 200 mg ulteriormente indebolito a un valore di 0,432 +/- 0,182 mmoli, o 7,6%. Un altro studio dello stesso gruppo di ricerca, che ha studiato il livello di glucosio nel sangue dopo aver preso G115, misurato solo 60 minuti dopo l'assunzione, ha rilevato che 200 mg hanno abbassato il livello di glucosio ematico dell'11,5% e che tale diminuzione è stata virtualmente eliminata in seguito all'assunzione di 25 g di glucosio. Il ginsenoside, specifico per il ginseng rosso coreano, 20 (S) Rg (3), ha ridotto la gravità del glucosio nei topi del 6-9% dopo somministrazione orale di 12,5-25 mg / kg Rg3 separatamente, ma con meno forza del controllo attivo, 20 mg / kg di glipizid. Questa diminuzione della gravità è stata osservata sullo sfondo dell'aumento del rilascio di insulina (e dell'aumento della circolazione di insulina), così come dell'attivazione della chinasi AMP-dipendente nelle cellule muscolari scheletriche e del pancreas, che aumenta l'assorbimento di glucosio. Se confrontiamo gli isomeri, 20 (S) aumenta i livelli di insulina, mentre 20 (R) Rg3 no. Questo meccanismo di azione delle cellule muscolari si estende ad altri ginsenosidi, come Rb1 e Rb2, i creatori del precursore ginsenoside da cui si forma Rg (3). 37) Rb1 non è significativamente diverso nella forza a una concentrazione nelle cellule muscolari di 20 e 40 micromoli nell'aumentare l'assorbimento di glucosio, rispetto alla metformina del farmaco di controllo, ma la metformina (500 micromoli) supera Rb1. Tendenze simili sono state osservate rispetto al movimento del trasportatore di glucosio-4. L'attivazione della chinasi AMP-dipendente si verifica anche nelle cellule del fegato e a causa del re ginsenoside e può contribuire a un livello inferiore di circolazione del glucosio. Re possiede in realtà una forza d'azione sufficiente a questo riguardo, mentre i frutti del ginseng ordinario (la principale fonte di Re) dovrebbero essere più efficaci dell'estratto di radice, nel mantenere l'ipoglicemia negli animali. 38) Nelle persone sane, può ridurre drasticamente il livello di glucosio a circa il 10% entro un'ora dall'ingestione, ma se assunto separatamente. Non riduce il livello di glucosio in questo intervallo di tempo, se assunto insieme ai carboidrati. Il ginseng rosso coreano potrebbe essere più potente, ma non ci sono prove sufficienti

Diabete (tipo I)

Il diabete di tipo I è insulino-dipendente, solitamente causato da cause genetiche ed è associato con l'immunologia; Questa non è la forma più comune di diabete (tipo II) causata dalla dieta, sebbene vi sia un'interazione con la dieta nella patologia della malattia. L'accettazione del ginseng rosso coreano per 2 settimane da parte dei topi, che sono stati poi iniettati con streptozotocina (per causare diabete di tipo I), è stata associata ad un migliore livello di glucosio a riposo, probabilmente a causa di un effetto protettivo sul pancreas e una tendenza a normalizzare i livelli di insulina. 39)

Diabete (tipo II)

Nei modelli animali di diabete di tipo II, il ginseng rosso coreano era efficace nell'aumentare la sensibilità all'insulina nel tessuto muscolare quando assunto a una dose di 200 mg / kg di peso corporeo. La stessa dose nei topi ha agito indirettamente attraverso l'attivazione della chinasi AMP-dipendente nel tessuto muscolare. Sebbene i ginsenosidi Rb1 e Rg3 siano stati menzionati nella precedente sezione riguardante l'attivazione della chinasi AMP-dipendente, il polisaccaride ginsan ha anche attività su questa via metabolica quando assunto per via orale a 300-500 mg / kg di peso corporeo. 40) La gluconeogenesi epatica (la produzione di glucosio nel fegato), la più grande fonte di glucosio circolante, è stata soppressa in modelli animali di ginsenosidi, in particolare Rg2. Studi sugli animali e in condizioni di laboratorio hanno dimostrato i presunti meccanismi di azione del ginseng, grazie ai quali è efficace come farmaco antidiabetico.Una delle revisioni sistematiche degli studi sull'uomo, tuttavia, utilizzando i criteri di valutazione Cochrane e esaminando 14 database, ha trovato quattro studi casuali di buona qualità. tre dei quali hanno confrontato il ginseng rosso con il placebo e solo uno di essi è stato presentato in Medline. 41) Una meta-analisi di questi tre studi condotti su persone diabetiche ha rivelato che il ginseng rosso coreano non ha una differenza significativa nell'azione con placebo in relazione a glicemoglobina, sensibilità all'insulina o livelli limitanti di glucosio o insulina nel sangue. Questo studio ha anche portato alla conclusione che, a causa della mancanza di informazioni, oggi è difficile arrivare a conclusioni. L'evidenza dell'effetto riabilitativo del ginseng rosso coreano sul diabete mellito non è convincente, gli studi di cui sopra sono stati eseguiti in condizioni di laboratorio e in un breve periodo, non mostrano un effetto sulla patologia per un lungo periodo di tempo, ma solo un beneficio a breve termine.

Interazione con ormoni

testosterone

Gli studi su soggetti sani con normale funzione testicolare (sia nell'uomo che nei roditori) sono rari rispetto al ginseng ordinario. Uno studio sui ratti che utilizzava ginseng a una dose dell'1% o del 5% della quantità di cibo ingerito ha rilevato che il testosterone aumentava leggermente dell'1% (dal 108% del valore iniziale), mentre il gruppo con il 5% mostrava un aumento del 162% rispetto al valore originale ; da 3,63 ng / ml a 5,91 ng / ml. 42) Queste dosi di ginseng aumentavano l'assorbimento del cibo, ma senza il concomitante aumento del peso corporeo, ma piuttosto con una diminuzione. È interessante notare che è stata osservata una diminuzione della massa della ghiandola prostatica, con una diminuzione del 23% nell'ipertrofia alla dose del 5%. Al contrario, uno studio su atleti in cui il ginseng è stato usato alla dose di 20 g sotto forma di estratto di radice ed è stato assunto per via orale subito dopo l'esercizio non ha avuto alcun effetto sul livello di testosterone durante il periodo di recupero di due ore. È possibile che l'aumento del livello di testosterone nello studio sopra menzionato si sia verificato sullo sfondo di un aumento dell'assorbimento di cibo a causa della sua bassa magnitudo. Per quanto riguarda i test associati alla funzione testicolare, uno di questi, condotto su un uomo con infertilità (oligoastenospermia), ha rilevato che l'assunzione di ginseng ordinario ha aumentato i livelli di testosterone rispetto al basale, da cui si può concludere che il ginseng ha la capacità di normalizzare i livelli di testosterone. 43) Un altro studio su un uomo con disfunzione erettile non ha rivelato un miglioramento statisticamente significativo rispetto al basale dopo 8 settimane di assunzione di 2.700 mg al giorno (da 4,88 + 2,16ng / ml a 4,88 + 2,02ng / ml, che è approssimativamente uguale), ma ha osservato che più di 7 soggetti hanno un livello iniziale inferiore a 3 ng / ml (ipogonadismo), che in 4 di essi è tornato alla normalità dopo 8 settimane. La variabilità in questo campione rende i risultati dello studio statisticamente insignificanti. In definitiva, il terzo studio su un uomo con disfunzione erettile non ha rivelato alcun miglioramento significativo rispetto al testosterone durante l'assunzione di 3 g di ginseng rosso coreano al giorno per 12 settimane. 44) Per quanto riguarda i meccanismi per aumentare i livelli di testosterone, i risultati preliminari dimostrano che non influisce sugli atleti sani (sebbene lo studio sia di dubbia qualità ed è unico), ma può aumentare i livelli di testosterone quando il testosterone viene inibito durante i periodi di infertilità e ipogonadismo, che possono essere associato a disfunzione erettile (anche se la disfunzione erettile da sola non è sufficiente per concludere che può aumentare i livelli di testosterone). Altri studi hanno osservato che il ginseng ha il potenziale per inibire la 5a-reduttasi e può ridurre la conversione del testosterone in diidrotestosterone, che è attribuito al Ro ginsenoside (IC50 a 259,4 micromoli, soppressione del 18,2%), nonché al ginsenoside Rg (3) (IC50 a 86,1 micromoli, soppressione del 53%), che è specifico per il ginseng rosso. L'estratto di rizoma tende ad essere più inibitore dell'estratto di radice, e quando si confronta il ginseng rosso con l'ordinario per primo, è leggermente più efficace in laboratorio, la percentuale di inibizione di ginsenoside Rg (3) ad una concentrazione di 100-200 micromoli (53-77%) coincide approssimativamente con finisteride in concentrazione 0,25 micromoli (66,2%). Gli autori di questo studio hanno ipotizzato che il ginsenoside Ro occupi un posto nel legame dei ligandi dell'enzima 5-AR, a causa del fatto che i ginsenosidi in generale sono ligandi rispetto ai recettori steroidei. 45) Il ginsenoside Rg (3) è stato successivamente esaminato per la potenza del potenziale di inibizione dell'enzima 5-AR e si è riscontrato che le iniezioni di estratti di ginseng rosso erano altamente efficaci nell'inibire la crescita della ghiandola prostatica causata dal testosterone. Considerando il fatto che una ghiandola prostatica del peso di 1,43 +/- 0,081 è stata considerata per il controllo (il rapporto peso prostatico e peso corporeo, un valore più alto indica una ghiandola prostatica ingrandita), la terapia con testosterone ha aumentato le dimensioni della ghiandola prostatica al 160% del controllo, mentre Iniezioni da 100 mg / kg e 200 mg / kg hanno soppresso questo aumento al 116% e al 104%, rispettivamente. In condizioni di laboratorio, i risultati indicano anche la soppressione della crescita cellulare indotta dal testosterone e una diminuzione dell'attività e del livello del fattore provocante della callicreina-3 a causa del ginsenoside Rg (3). Ha il potenziale di inibire la 5-alfa reduttasi e può causare l'accumulo di testosterone impedendone la conversione in diidrotestosterone (un fenomeno simile si osserva quando si usa il fieno greco); può portare a un possibile aumento dei livelli di testosterone, che è spiegato da un minore grado di conversione al diidrotestosterone. Nello studio dell'azione diretta sul recettore degli androgeni, Rh1 non ha avuto alcun effetto sul recettore ad una concentrazione di 50 micromoli, una dose efficace nel fornire un'azione simile agli estrogeni. In un altro studio, 20 μg / ml di piante non hanno avuto un effetto anti-androgenico sui livelli dei recettori in laboratorio. 46) Non ha un effetto significativo sul recettore degli androgeni.

estrogeni

Alcuni ginsenosidi si sono rivelati agonisti del recettore dell'estrogeno (attivatori) in condizioni di laboratorio, cioè Rg1, Rb1, Rh1 e ginsenoside Re indirettamente attraverso il metabolita Rh1. Se consideriamo Rg1, aglicone (ginsenoside senza carboidrati) non ha avuto un effetto significativo sulla segnalazione di estrogeni, come evidenziato dall'assorbimento di timidina da parte delle cellule di cancro al seno. Sia l'aglicone Rg1 che l'estrogeno, con un valore EC50 di 0.5picomol Rg1, hanno un effetto più forte degli estrogeni in concentrazioni molto piccole (3 × 10-13 mol), ma perdono la loro efficacia alla massima concentrazione; Il valore EC50 determinato dai test della luciferasi era 10picomoli e tutte le azioni di Rg1 attraverso il recettore degli estrogeni sono state bloccate dall'antagonista del recettore degli estrogeni e Rg1 non poteva sostituire il 17β-estradiolo già legato (indicando che non può agire come un modulatore selettivo del recettore degli estrogeni). Gli effetti estrogenici attraverso Rg1 sono anche implicati negli effetti neuroprotettivi, in particolare nelle donne in postmenopausa (teoricamente associate a bassi livelli di estrogeni), con effetti benefici osservati nei modelli animali della menopausa (animali dopo ovariectomia). 47) Come per Rb1, può attivare entrambi i recettori degli estrogeni (alfa e beta) con la massima efficienza ad una concentrazione di 100 micromoli (dose massima applicata), con il 91% della potenza di 17β-estradiolo su alfa e 60% su beta; Rb1 non agisce direttamente come un ligando, in quanto non compete con l'estradiolo e non si lega a nessun recettore, essendo separatamente tra loro, sebbene eserciti influenza attraverso il recettore. Rh1 non è simile agli altri due ginsenosidi, in quanto può sostituire fino al 44% di estradiolo dai recettori nelle cellule MCF7 ad una concentrazione di 50 micromoli, ad una concentrazione di 50 micromolare, attiva i recettori degli estrogeni con una potenza leggermente inferiore a 1-10 nomoli di estradiolo, meno, la dose di Rh1 è 5.000-10.000 volte superiore alla dose equivalente di estradiolo. L'incubazione con i recettori anti-estrogeni elimina l'effetto simile all'estrogeno di Rh1. Ginsenoside Re può potenzialmente influenzare la segnalazione degli estrogeni, mentre la sua conversione in Rh1 da parte dei batteri dell'intestino crasso lo rende più potente. Per quanto riguarda i recettori, i ginsenosidi sono fitoestrogeni, ma il loro effetto sulle reazioni proestrogeniche o antiestrogeniche in condizioni naturali (in competizione con gli estrogeni) non è ben compreso; tuttavia, l'interazione con i recettori è stata ben studiata. Gli studi che utilizzano l'estratto completo di ginseng e non i ginsenosidi separatamente, hanno rilevato che 25 μg / ml (30% di ginsenosidi) non hanno un effetto estrogenico attraverso il recettore, mentre un altro studio non può determinare il valore di IC50 a causa dell'incapacità di attivare il recettore. Anche quest'ultimo studio fallì riguardo al cohosh nero e all'angelica angelica. 48)

Ormoni tiroidei

Uno studio su soggetti con insufficienza cardiaca acuta sottoposti a terapia con ginseng (iniezioni di 2 g di ginseng rosso disciolti in 10 ml), in aggiunta alla terapia standard di cardiotonia e diuretici, ha rivelato che, rispetto alla terapia standard da sola, vi era un aumento significativo degli effetti benefici sui sintomi standard e che l'effetto benefico sugli ormoni tiroidei (un aumento di T3 e T4 con una diminuzione di rT3), osservato sotto l'influenza della terapia standard, è stato ulteriormente potenziato dall'aggiunta di rosso di ginseng. I livelli di ormoni tiroidei in gruppi sottoposti a terapia standard e terapia con ginseng, nonostante il fatto che fossero più alti rispetto alla terapia standard in esclusiva, non raggiungevano livelli normali rispetto ai soggetti sani.

Interazione con la sfera sessuale

Organi riproduttivi maschili

Nei ratti maschi che assumevano ginseng, un aumento del livello di acido nucleico e un aumento della sintesi proteica 49) è stato osservato nei testicoli, mentre vi era un aumento della massa gonadica in giovani ratti giovani che assumevano l'estratto di ginseng alcolico (due testi coreani sono citati nella citazione); L'aumento della sintesi proteica nei testicoli è stato osservato nella maggior parte dei moderni studi uguali, con 1 g / kg di ginseng comune ingerito per via orale da ratti per 56 giorni, aumento della spermatogenesi e mRNA del fattore neurotropico gliale, che svolge un ruolo importante nel rinnovamento delle cellule staminali spermatogeniche. Si verifica anche un effetto protettivo testicolare generale e può contribuire alla normalizzazione della funzione testicolare in uno stato di diabete di tipo II se il corso dura 90 giorni. L'estratto di ginseng rosso in combinazione con l'alcol può ridurre l'effetto negativo dell'alcol sulla funzione testicolare, secondo uno studio sui ratti, oltre a ridurre i danni dovuti a lesioni fisiche dei testicoli, secondo un altro studio sui ratti. 50) Quando una persona assume un ginseng, aumenta la spermatogenesi e la motilità degli spermatozoi negli uomini che soffrono di infertilità. Per quanto riguarda i testicoli, il ginseng ordinario ha un effetto curativo. C'è stato un aumento generale della sintesi delle proteine ​​testicolari e un concomitante effetto protettivo contro stati patologici e tossine (alcol) Per quanto riguarda il trattamento della disfunzione erettile, uno studio pilota ha esaminato 60 pazienti con disfunzione erettile da lieve a moderata che ha assunto 3 g di ginseng rosso coreano per tre dosi giornaliere. 1 g con il cibo per 12 settimane. Il ginseng rosso coreano era efficace, il 66,6% del gruppo ha riportato un miglioramento dell'erezione, mentre nel gruppo placebo non c'erano differenze significative rispetto ai valori basali. Un altro studio cieco con un campione più ampio (86) ha osservato che l'assunzione regolare di ginseng ordinario per 8 settimane alla dose di 1.000 mg due volte al giorno (dose giornaliera totale di 2 g) ha causato miglioramenti significativi nella funzione erettile, come determinato da una scala di valutazione simile. Questo studio ha un grande indice di abbandono. Una revisione sistematica del ginseng rosso coreano 51), che ha esaminato sette studi controllati casualmente, ha riscontrato un effetto benefico simile associato all'estratto di ginseng rosso, in dosi di 600 mg assunte tre volte al giorno (solo 1.800 mg), in quattro studi (due sono presentati qui ), o 900 mg presi tre volte al giorno (solo 2.700 mg) in due studi (uno è presentato qui). I sette studi presentati qui sono di diversa qualità, con tre di loro che rivendicano un metodo in doppio cieco, senza campionamento, e solo uno di essi rivela i metodi di mascheramento dei dati. Questa recensione suggerisce che il ginseng rosso coreano è piuttosto promettente, ma richiede una ricerca più approfondita. 52) Questo studio è stato condotto prima (e quindi esclude) un'altra esposizione descritta nella sezione precedente. Un'altra revisione sistematica, che ha valutato 7 studi clinici sulla funzione riproduttiva maschile, che ha valutato gli studi sulla scala di Jadad (secondo la qualità dello studio), ha rivelato che 6 studi con i risultati più promettenti erano ugualmente inferiori (inferiori a 3 sulla scala di Jadad), Lo studio rimanente, che ha ottenuto il punteggio più alto sulla scala di Jadad, ha trovato un effetto benefico che non ha raggiunto la significatività statistica. Si può concludere che attualmente ci sono prove molto mediocri. Potenzialmente efficace nella disfunzione erettile (sia nella disfunzione erettile psicogena che vascolare), mentre è più ben studiata di altre piante correlate alla disfunzione erettile; oggi richiede una ricerca più approfondita.

Infiammazione e immunologia

immunità

Il ginseng era precedentemente indicato come "adiuvante del vaccino" in grado di migliorare l'efficacia di un vaccino e il ginseng deve circolare nel sangue quando viene iniettato il vaccino. 53) Ha anche un'interazione reciprocamente rinforzante con l'idrossido di alluminio. L'assunzione combinata di estratto di ginseng con l'antigene migliora la risposta degli anticorpi immunitari. Prendendo G115 estratto (4% ginsenosidi) ad una dose di 100 mg, le persone hanno scoperto che G115 ha la capacità di ridurre l'incidenza dell'influenza se G115 viene assunto per 12 settimane, mentre la vaccinazione viene effettuata a 4 settimane. Questo studio umano ha rilevato che l'assunzione di ginseng riduce l'incidenza dell'influenza al 35,7% nel gruppo di controllo senza effetti collaterali clinicamente significativi, che è stato osservato per 12 settimane. 54) In uno studio che ha usato separatamente il polisaccaride ginseng ordinario (Ginsan), un'iniezione di 100 mg / kg una volta al giorno per due giorni prima dell'infezione con un antigene ha prodotto un livello significativamente più elevato (3-4 volte) di immunoglobulina G1 e G2, oltre a secretoria immunoglobulina A (fino a 2 volte), rispetto ai topi che non assumevano ginsan immediatamente prima dell'infezione. 55) L'effetto osservato è presumibilmente raggiunto aumentando la gravità di CCL3 nei cerotti di Peyer, che influenzano il movimento delle cellule dendritiche e possono influenzare positivamente la presentazione dell'antigene alle cellule immunitarie; Questa teoria deriva dall'uso combinato di inibitori della COX, che indeboliscono l'aumento della gravità della CCL3 e riducono anche l'effetto benefico osservato del ginseng, sebbene l'inibitore COX testato (aspirina) non influenzi negativamente il sistema immunitario stesso. L'introduzione del ginseng ordinario in combinazione con l'antigene (vaccinazione) ha aumentato la risposta immunitaria all'antigene e può avere un effetto sinergico durante la vaccinazione, agendo durante questo periodo come agente immunostimolante. Inoltre, i polisaccaridi del ginseng rosso hanno mostrato un aumento dell'attività della cellula killer naturale, che si estende anche al polisaccaride ginsan (non specifico solo per il ginseng rosso). Dopo l'ingestione orale di ratti di ginseng, è stato osservato un aumento dell'attività di una cellula natural killer. Quando gli esseri umani hanno ricevuto 100 mg di G115 (4% ​​ginsenosidi) per 12 settimane, le misurazioni a 8-12 settimane hanno riscontrato un doppio aumento dell'attività della cellula natural killer rispetto al controllo. Tuttavia, un tale aumento dell'attività della cellula killer naturale non è stato confermato quando gli atleti hanno ricevuto 2 g di estratto di alcool al 60% per 6 settimane.

macrofagi

I polisaccaridi acidi del ginseng rosso coreano attivano la segnalazione dell'ossido nitrico nei macrofagi quando somministrati per iniezione o incubazione. Questa marcata attivazione dei macrofagi è di natura antinfiammatoria ed è mediata dall'ossido nitrico; a causa del fatto che hanno meno potere d'azione dei lipopolisaccaridi (standard di ricerca) e il fatto che la somministrazione combinata di entrambi rivela che i polisaccaridi acidi possono effettivamente inibire gli aumenti causati non dai lipopolisaccaridi, si può concludere che i polisaccaridi acidi hanno un effetto immunomodulatore forza attraverso il recettore TLR2, simile a TLR4. 56) Altri polisaccaridi derivati ​​dal ginseng rosso coreano e noti come polisaccaridi che formano l'acido influenzano anche il sistema immunitario, e ancor più in combinazione con il pidotimod, un composto vicino alla struttura di Piracetam. 57) La fermentazione del ginseng rosso coreano aumenta ulteriormente la potenza d'azione antinfiammatoria, come evidenziato dall'attivazione dei macrofagi in laboratorio. I macrofagi (cellule immunitarie di Pacman) sono bersagli per l'immunomodulazione dei polisaccaridi di ginseng. Agiscono come agenti antinfiammatori quando non ci sono stimoli infiammatori e spingono da parte lo stimolo infiammatorio per provocare una riduzione assoluta quando entrambi coesistono; l'effetto di "appiattimento di colline e pianure" si osserva anche quando si utilizza un esca di lacca mentre il frammento di polisaccaride utilizza TLR2 come recettore di superficie, i ginsenosidi di ginseng ordinario interagiscono con il recettore TLR4. Il suddetto miglioramento del vaccino è stato osservato utilizzando separatamente i ginsenosidi Rg1 e Re, che sono in grado di aumentare la crescita delle cellule immunitarie e la secrezione di citochine nei macrofagi, ma non sono stati rilevati nei topi con recettore TLR4 danneggiato; Rg1 agisce in modo equivalente attraverso un altro meccanismo, e l'eliminazione del recettore non interrompe completamente l'attività di Rg1, come fa Re. 58) In uno studio separato, 20 mg / kg di Re nei topi hanno in qualche modo inibito il legame dei lipopolisaccaridi al recettore TLR4 e hanno prevenuto gli eventi pro-infiammatori lungo questo percorso. Nello studio comparato con il controllo attivo, ginsenoside Re (2,5 mg / kg) era meno efficace di indometacina (5 mg / kg) nel test dell'edema della zampa. 59) L'effetto del ginsenoside Re è dose-dipendente, quando somministrato a 1 mg / kg i topi hanno avuto un effetto antiinfiammatorio lieve o nullo, mentre 5 mg / kg e 20 mg / kg erano più promettenti quando somministrati per via orale. I ginsenosidi hanno anche un'attività relativa al sistema immunitario, e Re è molto potente.

citochine

Confrontando topi a riposo e topi a riposo che hanno assunto 25 mg / kg di estratto G115, è stato riscontrato che l'aggiunta di G115 è in grado di aumentare la produzione di IL-1b e TNF-a in misura molto maggiore rispetto al controllo, ma in misura minore rispetto a controllo del soggetto durante il nuoto; Differenze significative sono ridotte al minimo 3-4 settimane dopo l'inizio del prelievo dell'estratto. È stata osservata una maggiore risposta di interleuchina in un altro studio, in cui il livello di IL-2, IL-10 e gamma-interferone era aumentato a causa del ginseng, mentre IL-4 non rispondeva. L'assenza della reazione di IL-4 è stata osservata in altri studi con l'insufficienza dell'effettore IL-12, mentre è stato riscontrato un raddoppio del livello dell'interferone gamma in risposta a 10 μg / ml di ginseng ordinario (10% di ginsenosidi misti). 60)

Immunologia durante l'esercizio

Uno studio che utilizzava ginseng ordinario G115 (4% ​​ginsenosidi, 0,5-1% Rg1, 0,9-1,4% Rb1, 04-0,6% Rb2) alla dose di 25 mg / kg di peso corporeo nei topi ha rilevato che ci sarebbero volute 4 settimane per nuotare il gruppo di controllo ha sperimentato un salto nell'attività del TLR4 seguito da una diminuzione della gravità più vicina a 4 settimane, mentre l'esercizio fisico, insieme all'assunzione di G115, ha soppresso il primo salto nella gravità del TLR4 e ulteriormente aumentato a 3 settimane; Ne consegue che G115 sopprimeva la gravità iniziale del TLR4 nei macrofagi e in una certa misura causava un'inversione dell'immunosoppressione indotta dall'esercizio fisico. Se consideriamo il rilascio di citochine macrofagiche (IL-1b e TNF-a), si scopre che G115 agisce per normalizzarle, riducendo il salto osservato dopo una settimana di attività fisica, aumentando nel contempo il loro rilascio nel periodo di studio.

Interazione del cancro

Informazioni generali

Ginseng è stato sottoposto a ricerche sull'interazione con il cancro in connessione con l'evidenza (incontrollata) osservata che l'uso di ginseng ordinario è associato a una riduzione più che doppia del rischio di sviluppare vari tipi di cancro, mentre il rapporto di probabilità (0,5 significa metà del rischio, 0,25 - un quarto) era 0,47 per cancro orofaringeo; 0,20 per il cancro esofageo; 0,36 per il cancro allo stomaco; 0,42 per il cancro del colon-retto; 0,48 per il cancro del fegato; 0,22 per il cancro del pancreas; 0,18 per il cancro laringeo; 0,55 per carcinoma polmonare e 0,15 per carcinoma ovarico. Il ginseng rosso è associato a una maggiore riduzione del rischio (0,2) rispetto a fresco (0,37) o bianco (0,30-0,57). 61) I polisaccaridi di ginseng (non ginsenosidi) hanno dimostrato un'azione antitumorale in laboratorio sulle cellule del cancro della vescica minimizzando la gravità dei recettori muscarinici.

Ginseng rosso e Rg (3)

20 (S) -Rg (3), un ginsenoside specifico, che è un prodotto della fermentazione del ginseng rosso coreano, è stato anche studiato per il suo effetto anti-cancro. Quando incubato in cellule di glioma umano, è stato riscontrato che 20 (S) -Rg (3) può aumentare l'invecchiamento cellulare delle cellule cancerogene aumentando le reazioni pro-ossidative e aumentando la fosforilazione della proteina chinasi B e aumentando la regolazione di p21 e p16; la co-incubazione con antiossidanti e l'inibizione del pathway p53 / p21 risolvono questi effetti. Questi effetti pro-ossidativi sono stati osservati anche nelle cellule di epatocarcinoma di Hep3B, con citotossicità a 10 micromoli 20 (S) -Rg (3) e frammentazione nucleare (morte cellulare apoptotica), questi effetti sono stati annullati con l'aggiunta di N-acetilcisteina come antiossidante. Questo studio ha anche osservato che il ginsenoside Rh2 ha le stesse proprietà di 20 (S) -Rg (3). 62)

Interazione con la medicina estetica

Condizione della pelle

La somministrazione orale di ginseng rosso è stata in grado di attenuare le rughe se usata per 24 settimane da donne più anziane (età media 51,9), sebbene fosse mescolata con altri integratori. 63) 10 capsule al giorno contenenti ginsenguro rosso ginsenoside Rb1 (10,85 mg), torilina da frutti di thorilis (0,12 mg) e ioghanina da frutti di corniolo (3,33 mg), in totale 3 g di estratto di ginseng coreano rosso ogni giorno e il livello di procollagene I nell'mRNA è aumentato del 94% rispetto al basale. L'effetto è stato osservato alla prima misurazione dopo 12 settimane ed è rimasto stabile per un massimo di 24 settimane, mentre questo studio non ha rilevato cambiamenti significativi nella pigmentazione della pelle, nel contenuto di acqua, così come l'elasticità e lo spessore della pelle. Per quanto riguarda gli studi su animali con rughe ultraviolette, prevenendo la formazione di rughe associate al ginseng rosso, è dovuto più all'inibizione della distruzione del collagene che ad un aumento della sintesi del collagene. Per quanto riguarda i meccanismi, i ginsenosidi possono aumentare la trascrizione dell'mRNA di ialurone sintasi (attraverso la molecola K) e il livello di collagene sintasi I attraverso l'attivazione di PPARd o la trasduzione del segnale della proteina Smad. Il primo è ottenuto sotto l'azione del ginsenoside Rb1, mentre il secondo è sotto l'azione dell'estratto nel suo insieme. Uno studio sull'uomo ha rivelato un aumento del livello di mRNA di procollagene I al 94%, il che significa che questo meccanismo viene attivato dopo l'ingestione orale di 3 g di ginseng rosso coreano. Ha il potere d'azione e un meccanismo per migliorare la qualità della pelle e, eventualmente, leviga le rughe se assunta per via orale, ma l'unica ricerca su una persona è complicata dall'uso di altre due piante. Sono necessarie ulteriori prove. Sono stati condotti quattro studi su animali che hanno studiato il normale danno da ginseng e radiazioni ultraviolette B, sebbene tutti abbiano esaminato il ginseng rosso coreano. 64) Questi studi tendono a sostenere che il ginseng ordinario, a causa del ginsenoside Rb1, previene la distruzione delle fibre di collagene causate dall'ultravioletto B e contribuisce alla normalizzazione di alcuni biomarcatori che cambiano sotto l'azione della radiazione ultravioletta B (MMP-1, mRNA di collagene I e contenuto proteico, TFR- b1), mentre l'applicazione locale è leggermente più efficace in termini di protezione generale rispetto alla somministrazione orale. 65) Il leggero aumento di umidità osservato sopra nell'uomo può verificarsi a causa dell'ostruzione dell'essiccazione della pelle causata dall'ultravioletto B, poiché lo 0,5-1% del ginseng rosso coreano nei topi esposti ha ripristinato l'umidità. L'effetto protettivo complessivo della radiazione ultravioletta B può essere alla base della suddetta azione antirughe, che si spiega con la protezione delle cellule contro i danni e, di conseguenza, una diminuzione del grado di distruzione del collagene e danno cellulare.

Condizione e ricrescita dei capelli

Forse inibendo la 5a-reduttasi, il ginseng ordinario (e, inoltre, il ginseng rosso o il ginsenoside Ro o Rg (3) separatamente) può accelerare la ricrescita dei capelli nei topi trattati con androgeni e può avere un effetto terapeutico sulla perdita dei capelli negli uomini soffre di alopecia androgenetica. In questo studio, il ginseng comune ha superato il ginseng americano in vivo (a causa di un più alto contenuto di ginsenoside Ro) ed è stato anche superato dal ginseng rosso (analisi in laboratorio di inibizione del 5-AR (recettore degli androgeni), una fonte unica di ginsenoside Rg (3) ; l'attenuazione dose-dipendente della soppressione della crescita dei peli indotta da testosterone è stata osservata con somministrazione topica di una dose di 1 mg / ml ed era più efficace del contenuto di Ro ginsenoside. Non è stata presa in considerazione la somministrazione topica di ginseng rosso. Va notato che sebbene il ginsenoside Ro sia un inibitore del 5-AR, non promuove direttamente la ricrescita dei capelli; Rg1 era inefficace, mentre Rb1 e soprattutto Rg (3) erano più efficaci nel promuovere la ricrescita dei capelli, indipendentemente dagli androgeni. 66) Ciò porta alla conclusione che il ginseng rosso coreano è più efficace del ginseng ordinario nell'accelerazione della ricrescita dei capelli. L'effetto sopra menzionato si applica anche ai frutti, poiché le bacche di ginseng in concentrazione di 1 e 10 mg / ml (0,1 ml al giorno, fornendo 0,1-1 mg di ginseng) se applicate localmente possono favorire la ricrescita dei capelli facilitando la crescita del fusto del capello (dopo la depilazione fisica) e teoricamente contribuiscono alla trasformazione del telogen precoce in follicoli piliferi anagen, mentre 10mg / ml hanno un potere d'azione maggiore di una soluzione del 5% di minoxidil, che è stato usato come controllo attivo. Quando testato in laboratorio, il rapporto tra il regolatore dell'apoptosi Bcl-2 e Bax era significativamente a favore di Bcl-2 a 10 mg / ml, ma eliminato a 100 mg / ml; Ne consegue che 10 mg / ml contribuiscono alla vitalità cellulare.Questa assistenza alla vitalità cellulare è stata dimostrata in altri studi sui follicoli piliferi. 67) Sono state osservate anche proprietà antiossidanti e antinfiammatorie generali relative alle cellule ciliate umane, nonché un effetto antinfiammatorio se applicato localmente per testare animali. Sono stati condotti studi sull'uomo e l'ingestione orale di 3 g di ginseng rosso coreano al giorno contribuisce alla densità dei capelli in pazienti giovani atopici (non androgenici, di sesso diverso) per 16 settimane, come stabilito dall'indice SCORAD. L'effetto osservato era associato al livello di immunoglobulina E (IgE), mentre il livello medio era 1049,3 (sebbene variava da 82 a oltre 5.000) e dopo 16 settimane è sceso al 56% del valore iniziale; È stato anche osservato un aumento del contenuto di acqua del cuoio capelluto. 68) Efficace nell'accelerazione della ricrescita dei capelli, con applicazione topica di una soluzione con una concentrazione di 1-10 mg / ml (un cucchiaio per lavaggio della testa come valore approssimativo di volume) e ingestione orale di 3 g di ginseng rosso coreano quotidianamente in una certa misura, indipendentemente dallo stato androgenico. I frutti sono anche un po 'efficaci, con frutta e ginseng rosso superiori al ginseng ordinario.

Interazione con altri sistemi di organi

Udito e orecchie

Vari test sul ginseng rosso coreano suggeriscono che sostanze biologicamente attive (principalmente ginsenosidi) possono proteggere le orecchie dagli effetti tossici causati da cisplatino e gentamicina, composti che causano danni all'udito. Il disturbo causato da un rumore eccessivo è anche in qualche misura riabilitato da un raro metabolita del ginsenoside, chiamato la molecola K. L'effetto benefico nell'ultimo studio non è stato il completo recupero, mentre è stato osservato a 5 e 10 mg / kg del peso della molecola K, così come a 100 mg / kg di peso di ginseng rosso coreano. Uno studio condotto su ratti che ha applicato ginseng rosso coreano alla dose di 500 mg / kg ha valutato per via intragastrale il danno ai canali uditivi causato da iniezioni di gentamicina. Scoprì che la soglia uditiva durante l'assunzione di ginseng rosso coreano insieme a gentamicina era approssimativamente uguale a quella del controllo (indicando un effetto protettivo), mentre vi era una visibile riduzione del danno alle cellule dell'orecchio quando veniva iniettato ginseng rosso coreano; l'assunzione del solo ginseng coreano rosso ha ridotto la soglia dell'udito al 79% del controllo, indicando un miglioramento dell'udito causato dal ginseng rosso. Gli effetti osservati sono principalmente attribuiti all'azione di Rb1 e Rb2, due specifici ginsenosidi (più di Rg1 e Re, testati altri due ginsenosidi). Al momento non ci sono studi sull'uomo, ma si presume che il ginseng coreano rosso abbia meccanismi che promuovono la guarigione e il mantenimento dell'udito.

Stomaco e ulcere

Il ginseng rosso coreano è in grado di esercitare un effetto protettivo contro le ulcere gastriche causate dall'indometacina (FANS) e dall'alcool quando somministrato a topi un'ora prima di un ictus a dosi di 100 e 300 mg / kg, ma non può esercitare un effetto protettivo contro l'acido cloridrico (acido gastrico). 69) La somministrazione di 30 mg / kg ha anche un effetto protettivo, ma non raggiunge un significato statistico, mentre nessuna delle dosi può eliminare completamente il danno dall'etanolo (sebbene siano vicini all'eliminazione dei danni dall'indometacina). L'effetto del meccanismo di difesa in questo studio è spiegato dall'introduzione della proteina di shock caldo 27 (Hsp27) e 70 (Hsp70), ed è attribuita all'azione del ginsenoside Rb1 e dei polisaccaridi. Le proprietà antistress del ginseng ordinario (alleviare la fatica e l'ansiolitico) possono anche aiutare a proteggere dalle ulcere dello stomaco prevenendo l'esacerbazione delle ulcere gastriche causate dallo stress. Varie combinazioni di formulazioni contenenti ginseng sono associate con una riduzione delle ulcere gastriche alleviando lo stress (causando la formazione di ulcere), vale a dire tè-hu-gui-li-tan e N-095. Tuttavia, solo il ginseng non può essere la causa di questo in questi studi. Si presume che il ginseng abbia vari meccanismi attraverso i quali può avere un effetto protettivo contro le ulcere, direttamente o indirettamente, mentre dimostra un effetto benefico immediato sui modelli animali per quanto riguarda l'uso di FANS e alcol; la ricerca sull'uomo oggi non esiste.

Interazione con altre sostanze

Kai Xin San

Kai-Xin-San è un decotto di quattro erbe appartenenti alla medicina tradizionale cinese; insieme con il ginseng ordinario contiene un fungo, i cereali di primavera e calamo. Solitamente usato per "curare malattie affettivamente predisposte" (paura spettrale, soppressione dello spirito, ecc.) E, probabilmente, per la salute del cuore. Quando queste affermazioni hanno raggiunto gli stati occidentali, Kai-Xin-San è stato indagato per quanto riguarda i suoi effetti come antidepressivo. Kai-Xin-San viene applicato in un rapporto di 3: 3: 2: 2, dove viene misurato il peso secco delle piante e del fungo prima dell'estrazione, con i primi due grandi valori appartenenti al ginseng e al verme. È noto che il ruolo del cereale calamo in questo brodo è quello di aumentare la biodisponibilità dei ginsenosidi nell'intestino (non può favorire l'assorbimento nel cervello). 70) Dosi giornaliere di 0,3, 0,9 e 2,7 g / kg di estratto di acqua sono state quotidianamente efficaci nel prevenire i sintomi della depressione a causa di stress cronico e lieve nei ratti e rispetto al controllo attivo della fluoxetina (10 mg / kg) di Kai-Xin-San alla dose massima significativamente più efficace nella normalizzazione degli indicatori di test (attività di evitamento attivo a due vie, ritardo di alimentazione). La fluoxetina e tutte le dosi di Cai-Xin-San erano ugualmente efficaci nel test di preferenza del saccarosio (usato per misurare l'anedonia o ridurre il desiderio di piacere causato dallo stress) e ugualmente efficaci nel ridurre il livello di ormone adrenocorticotropo e corticosterone sierico, mentre fluoxetina è stato meno efficace nel sopprimere l'aumento di acetilcolinesterasi nell'ippocampo, osservato durante lo stress. Cai-Xin-San era leggermente più efficace nell'aumentare i livelli di dopamina senza avere un effetto significativo sulla serotonina e la norepinefrina. L'aumento del livello delle monoamine (una delle quali è altamente significativa, le altre due sono statisticamente insignificanti) è il meccanismo degli effetti antidepressivi di Kai-Xin-San, con studi più recenti che mostrano un aumento significativo di tutti e tre i neurotrasmettitori. 71) Alcuni studi su animali indicano che la composizione di Kai-Xin-San è efficace nel trattamento della depressione, mentre ha la stessa forza della fluoxetina quando la depressione è causata da uno stress mite cronico Ricerca utilizzando Kai-Xin-San sui topi con sindrome da stanchezza cronica (causato dalla corsa forzata nella ruota), che ha preso 175, 350 e 700 mg / kg di peso corporeo una volta al giorno 40 minuti prima di correre per 4 settimane (estratto concentrato 7,14: 1, estratto alcolico al 60% di ginseng e il resto è acqua; rapporto 3: 3 : 2: 2 per il ginseng, Dolce, rispettivamente, funghi e istoda), ha trovato che la combinazione è efficace nella lotta contro la sindrome da stanchezza cronica (definita tempo elettroshock). Se confrontati con il controllo positivo modafinil a una dose di 13 mg / kg di peso, 175 e 350 mg / kg di peso erano meno efficaci (sebbene più del controllo), mentre l'effetto di 700 mg / kg non differiva significativamente, sebbene avesse una direzione verso una minore forza d'azione. Kai-Xin-San (350, 700mg / kg) può normalizzare la diminuzione dei livelli di testosterone e glicogeno associati a uno sforzo fisico debilitante, mentre Modafinil non è efficace. Ha una certa efficacia nel prevenire gli effetti della sindrome da stanchezza cronica; Il numero di studi è limitato, anche negli animali. Il cereale calamo - una delle quattro piante di Kai-Xin-San è conosciuta come "fornitore" di ginseng ordinario secondo la medicina tradizionale cinese. Queste affermazioni riflettono la biodisponibilità e l'assorbimento e quando 3 g / kg di ginseng ordinario (17,9 mg Rg1, 19,8 mg Re, 30,6 mg Rb1) insieme al fungo e alla primavera sono stati studiati con e senza l'aggiunta di calamo, il livello di concentrazione nelle urine di tutti e tre i ginsenosidi, significativamente aumentato Cmax Rg1 e Re, senza effetto sui valori Tmax; L'aumento della concentrazione media nelle urine è in parte dovuto ad un aumento del grado di assorbimento (come indicato dalla Cmax) e ad una diminuzione della clearance renale. In particolare, la Cmax è stata aumentata al 194%, 157% e 144% (leggermente) sotto l'azione della composizione senza calamo a causa rispettivamente di Rg1, Re e Rb1. AUC0 - ∞ aumentato al 128%, 138% e 141%, mentre la clearance renale è scesa al 58% dei valori originali, rispetto a Re (come per gli altri due ginsenosidi, la loro clearance renale è stata abbassata dal fungo e dalla molla, ma non dall'aria). Va notato che il livello di circolazione di questi tre ginsenosidi era maggiore quando usato in congiunzione con il fungo e la fonte, senza il calamo, se confrontato con il ginseng separatamente; questo suggerisce che anche gli altri due composti possano avere un effetto benefico. Inoltre, i rapporti di circolazione sanguigna nel cervello e nei livelli di circolazione sanguigna non differiscono significativamente in tutti i gruppi di test (ginseng, Kai-Xin-San senza calamo, normale Kai-Xin-San), il che indica che tutte e tre le terapie utilizzate non influire separatamente sul cervello, ma solo sull'assorbimento generale e sul livello di circolazione. La combinazione supporta i livelli di circolazione del ginseng ordinario e dei suoi componenti attivi, mentre la combinazione con l'aria è molto più efficace nell'aumentare i livelli di circolazione che aggiungere solo il fungo e l'origine.I test di tossicità orale Kai-Xin-San indicano che è abbastanza sicuro, con il primo segno di subcronico (91 giorni) di tossicità (un aumento del numero di globuli bianchi e linfociti, nonché un aumento della fosfatasi alcalina) è apparso con assunzione orale giornaliera di 9 g / kg, mentre il recupero si è verificato con Ustia 30 giorni dopo l'arresto, le morti a questa dose non è stata osservata; subcronico 3 g / kg non è associato ad alcun effetto collaterale. Quando sono stati testati per tossicità acuta, non sono stati osservati decessi quando si assumevano 19,67 g / kg, mentre si raggiungeva il 100% di mortalità quando si assumevano ratti di 60,04 g / kg e, pertanto, la dose non tossica più alta (HNTD) veniva riconosciuta come 19,67 g / kg, mentre la dose tossica più bassa era di 24,59 g / kg, con una dose letale del 50% superiore a 32,59 g / kg. Un dosaggio di 3-5 volte superiore alla dose massima raccomandata è ancora considerato sicuro, sebbene la doppia dose sia associata a sintomi tossici.

Gingko biloba

Gingko biloba è un'altra pianta che viene comunemente usata come stimolante dell'attività cognitiva ed è stata sottoposta a ricerche in combinazione con ginseng e parallelamente ad essa, poiché entrambe sono comunemente usate per scopi simili. Uno studio che ha confrontato 360mg di Gingko e 400mg di ginseng ordinario, così come la loro combinazione e il placebo, ha scoperto che la loro combinazione era molto più efficace di ciascuno di essi separatamente, rispetto al semplice tempo di risposta (4 ore dopo l'ingestione), aumentando il ritardo del ricordo 1-4 ore dopo la ricezione e miglioramento della memoria spaziale. La combinazione era anche antagonistica in alcuni casi, riducendo l'effetto utile sugli indicatori di accuratezza (memoria a breve termine per i numeri, falsa risposta ai numeri e accuratezza nel richiamo immediato della parola), sebbene fosse superiore al placebo nei test di memoria. La combinazione di due piante può avere un effetto aggiunto o sinergico sulla memoria a breve termine e sulla stimolazione (tempo di risposta), ma forse al costo dell'accuratezza.

carboidrati

L'assunzione di ginseng ordinario provoca una diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue nelle persone sane, mentre promuove l'attività cognitiva, sebbene non vi sia un grado significativo di correlazione tra di essi. Quando il ginseng viene assunto insieme a 25 g di glucosio, non si osserva alcun effetto aggiunto o sinergico, mentre entrambi possono migliorare individualmente la funzione cognitiva negli adulti sani. Nessuna significativa interazione benefica è stata trovata tra carboidrati e ginseng.

È stato anche studiato un integratore combinato denominato N-095, composto da ginseng rosso coreano, radice di primavera, zafferano, corno di antilope e aloe. Uno studio che ha esaminato la loro combinazione ha utilizzato 330 mg di ginseng rosso, 100 mg di corna di antilope, 90 mg di zafferano, 30 mg di radice della sorgente e 10 mg di aloe; Come aromatizzante sono stati inclusi anche 100 mg di perle e 1,16 mg di borneolo. La dose umana raccomandata è di circa 1160 mg in totale. Si presume che abbia proprietà simili al ginseng e, se assunto con acqua potabile a stomaco vuoto, non sia in grado di influenzare significativamente i parametri a riposo, ma riduce l'infiammazione sperimentale, riduce lo stress e le ulcere indotte dall'istamina e aumenta anche l'effetto sedativo causato dall'esababital. N-095 è coinvolto nell'aumentare il fattore di crescita del tessuto nervoso dell'ippocampo e della corteccia cerebrale, aumentando il flusso di sangue verso l'ippocampo dei ratti. 72) Rispetto al ginseng rosso da solo, 100mg / kg del supplemento di combinazione hanno un effetto più forte di 284mg / kg del primo nella prevenzione della formazione di ulcere dello stomaco causate dallo stress, mentre 300mg / kg erano ugualmente efficaci nel ridurre la formazione di ulcere gastriche, causato da istamina. Non ci sono state differenze significative tra l'integrazione combinata e il ginseng rosso a dosi di 100 mg / kg e 28,4 mg / kg, rispettivamente, per quanto riguarda il tempo e l'affaticamento nel test di nuoto forzato. Non sono stati trovati studi che confrontassero l'azione congiunta dei singoli componenti per determinare le sinergie. Possono avere solo un effetto aggiunto l'uno sull'altro, sebbene l'effetto sulla riduzione dello stress possa essere sinergico e più forte di quello del solo ginseng rosso. Sebbene la miscela sia stata utilizzata nello studio, il sinergismo non è stato completamente chiarito, e presumibilmente questo decotto ha un effetto antistress più forte del ginseng rosso separatamente, senza avere un effetto significativo sulla fatica.

Sicurezza e tossicologia

Informazioni generali

Una revisione sistematica di 13 banche dati che valutano la sicurezza di assumere ginseng nell'uomo ha rivelato che ci sono stati pochi infortuni sanitari tra 57 studi clinici randomizzati risalenti a marzo 2009. 16 studi hanno riportato effetti collaterali di diversa ampiezza, mentre 14 non hanno riportato (e 27 non sono stati elencati), gli effetti collaterali erano principalmente associati al tratto digestivo (nausea, vomito, diarrea e crampi), con questo ginseng rosso coreano tre volte è stato attribuito un disturbo allo stomaco; Uno studio ha rilevato ipoglicemia nei diabetici di tipo II. Nelle persone sane, dosi di ginseng rosso coreano di ordine superiore, come 2 g per 4 settimane, 4,5 g per 12 settimane e fino a 3-6 g per 8 settimane, rivelano la stessa assenza di effetti tossici.

gravidanza

Test condotti in laboratorio indicano che il ginseng, e in particolare il ginsenoside Rg1, così come altri, possono danneggiare il feto e l'embrione. 73) A questo proposito, è stato condotto uno studio in vivo su topo che ha rivelato che l'assunzione di 20, 200 o 2000 mg / kg di ginseng coreano rosso non ha influito sul peso della madre, sull'assunzione di cibo, sugli aborti spontanei o sull'impianto fetale. L'assunzione continua durante la gravidanza non ha influenzato gli indicatori più importanti del polpaccio, né ha avuto un effetto negativo sul peso placentare o fetale; mortalità dei cuccioli leggermente deviata dal gruppo dose massima. L'analisi del sangue non ha rivelato una quantità significativa di Rg1, Re o Rc nel sangue (probabilmente a causa della conversione ad altre particelle), che indica la distinzione tra gli studi in laboratorio e in vivo. 74) Gli studi sull'uomo sulla relazione tra ginseng e gravidanza non hanno rivelato un grado significativo di correlazione tra assunzione di ginseng ordinario e cambiamenti nei processi di gravidanza / nascita. Il danno associato al ginseng in laboratorio (esami di laboratorio al di fuori degli organismi viventi) non può estendersi al ginseng ingerito per via orale, poiché non è stata trovata alcuna connessione tra i prodotti del ginseng e i disturbi della gravidanza.

ginecomastia

La ginecomastia è una condizione maschile, che comprende depositi di grasso estrogenico sui muscoli pettorali sotto le areole e almeno un caso clinico ha rivelato una connessione temporanea tra ginseng e ginecomastia. 75) In questo caso, un bambino di 12 anni, che aveva assunto il ginseng rosso coreano per un mese, mostrava formazioni estrogeniche ai medici del tessuto mammario, la cui crescita si fermava un mese dopo aver interrotto il ginseng.

economia

Nel 2010 sono state raccolte 80.000 tonnellate di ginseng. La maggior parte del raccolto è stata esportata da quattro paesi: Corea del Sud, Cina, Canada e Stati Uniti. Il prodotto è stato venduto in oltre 35 paesi del mondo. Le vendite hanno superato i 2,1 miliardi di dollari, metà dei quali provengono dalla Corea del Sud. Storicamente, la Corea del Sud è sempre stata un fornitore e la Cina è il principale produttore di ginseng.

Uso tradizionale del ginseng

La radice è più spesso usata in forma secca, nel suo insieme o tagliata a pezzi. Le foglie di ginseng sono valutate meno, ma talvolta vengono anche usate. Come le radici, le foglie sono spesso utilizzate in forma secca. Nella medicina tradizionale, il ginseng americano e asiatico (P. ginseng) è molto apprezzato e viene usato per via orale come afrodisiaco, stimolante, agente per il trattamento del diabete di tipo 2 o disfunzione sessuale negli uomini. Piccole dosi di ginseng sono incluse nelle bevande energetiche o nelle tisane, come il caffè al ginseng. Il ginseng è talvolta anche aggiunto a tonalità di capelli e cosmetici, ma l'efficacia clinica di questo uso non è stata dimostrata.

Ricerca sul ginseng

Il potenziale dei ginsenoidi, i componenti unici delle specie di Panax, è attualmente in fase di studio. Molti studi sul ginseng sono stati condotti con risultati diversi. Uno studio ha dimostrato che con l'assunzione giornaliera di ginseng siberiano, si osserva un aumento del numero di globuli bianchi, nonché l'attività delle cellule T e delle cellule T citotossiche e natural killer, eliminando le cellule invasive e le cellule infette da virus. Uno studio in doppio cieco condotto su 93 volontari con virus herpes simplex di tipo 2 (che può portare allo sviluppo di herpes genitale) ha dimostrato che l'assunzione di ginseng riduce i focolai della malattia del 50% e, se si verifica la malattia, ne riduce la gravità e la durata. Il ginseng contiene anche fitoestrogeni.

Ginseng effetti collaterali

Un effetto collaterale comune di P. ginseng è l'insonnia, anche se questo è contestato. Altri effetti collaterali includono nausea, diarrea, mal di testa, sangue dal naso, aumento o diminuzione della pressione sanguigna e dolore al petto. Se assunto insieme agli antidepressivi, il ginseng può provocare mania nei pazienti depressi. Il ginseng ha interazioni indesiderabili con fenelzina e warfarin. Il ginseng riduce i livelli di alcol nel sangue.

Overdose di ginseng

Si ritiene che i comuni tipi adattogeni di ginseng (P. ginseng e P. quinquefolia) siano sicuri se assunti in grandi dosi. Il sanguinamento è uno dei sintomi comuni e caratteristici del sovradosaggio di Panax ginseng. I sintomi da lieve sovradosaggio possono includere secchezza delle fauci e labbra, agitazione, nervosismo, tremore, palpitazioni, visione offuscata, mal di testa, insonnia, febbre, aumento della pressione, edema, perdita di appetito, vertigini, prurito, eczema, diarrea al mattino, sanguinamento e stanchezza. I sintomi di un sovradosaggio particolarmente grave con Panax ginseng possono includere nausea, vomito, irritabilità, ansia, incontinenza urinaria e intestinale, febbre, aumento della pressione sanguigna, aumento della frequenza respiratoria, diminuzione della sensibilità e risposta alla luce, rallentamento del battito cardiaco, arrossamento o pelle blu del viso, convulsioni, convulsioni e delirium tremens. I pazienti che presentano uno dei suddetti sintomi, si raccomanda di interrompere l'assunzione di ginseng e iniziare immediatamente il trattamento sintomatico necessario.