Principale > Verdure

Inclusioni di cellule vegetali

Le inclusioni delle cellule vegetali sono comuni come gli animali.

Le inclusioni trofiche sono caratteristiche di tutte le cellule, ma sono particolarmente numerose negli organi che immagazzinano sostanze nutritive (per esempio nelle radici, sparano il parenchima, i semi, ecc.).

Le inclusioni trofiche sono di tre tipi: granuli di amido, granuli proteici o cristalli e goccioline lipidiche.

I grani di amido sono un polimero di glucosio.

Chimicamente, l'amido è simile alla cellulosa e si compone di due componenti: l'amilosio, in cui i residui sono disposti linearmente, e l'amilopectina, che ha più rami dalla catena principale del carbonio.

I granuli proteici possono essere trovati in varie strutture cellulari - ialoplasm, plastidi, reticoli vacuoli del reticolo endoplasmatico e nel nucleo. Nelle cellule di seme secche, il contenuto proteico immagazzinato può raggiungere il 25% in peso. I depositi di proteine ​​si trovano negli stati amorfi e cristallini, i grani di aleurone si trovano più spesso. Queste formazioni sono coperte da una membrana.

Le gocce lipidiche sono un'importante fonte di energia nella cellula. Il contenuto di lipidi nelle cellule di semi maturi (per esempio, arachidi o girasole) può raggiungere il 40% della massa secca. Con rare eccezioni, i grassi vegetali hanno una grande quantità di acidi grassi insaturi.

Il secondo gruppo di inclusioni consiste in sostanze che non hanno valore energetico. Di norma, queste inclusioni sono prodotti di scarto della cellula.

£ 14. La disintegrazione delle macromolecole (polisaccaridi, lipidi, proteine ​​e acidi nucleici) spesso segue un percorso diverso dalla loro sintesi. Sostieni questa affermazione con esempi pertinenti.

L'obesità porta inevitabilmente alla sua infiltrazione grassa. I depositi di grasso si accumulano nel tessuto epatico: accumuli di goccioline di grasso diverse
Se una persona guadagna più chili in più, può svilupparsi la distrofia grassa e proteica del fegato e dell'epatite.

I polmoni forniscono sia sintesi e distruzione di proteine ​​e lipidi che utilizzano enzimi proteolitici e lipolitici. Qui vengono anche distrutti aggregati di cellule del sangue, goccioline di grasso, tromboemboli e batteri.

Producono e si accumulano in granuli speciali cate-holamine - adrenalina e
Le cellule in queste zone contengono grandi gocce lipidiche che conservano il precursore di tutti gli steroidi
Glococorticoidi, che influenzano attivamente il metabolismo dei carboidrati e delle proteine.

Gocce lipidiche (grasse)

Il contenuto

6. La natura delle inclusioni............................................. 14-15

8. Carenze nutrizionali................................... 17

10. Sprinkles used literature................................. 19

introduzione

Una pianta, come ogni organismo vivente, è costituita da cellule e ogni cellula è anche generata da una cellula. La cellula è l'unità più semplice e obbligatoria dei viventi, è il suo elemento, la base della struttura, lo sviluppo e tutta l'attività vitale dell'organismo.
Ci sono piante costruite da una singola cella. Questi includono alghe unicellulari e funghi unicellulari. Questi sono di solito organismi microscopici, ma ci sono anche organismi unicellulari piuttosto grandi (la lunghezza dell'acetabularia alga unicellulare raggiunge i 7 cm). La maggior parte delle piante che incontriamo nella vita di tutti i giorni sono organismi multicellulari costruiti da un gran numero di cellule.
Gli alimenti di riserva sono sostanze che vengono temporaneamente rimosse dal metabolismo. Sono spesi per costruire il corpo della pianta o su vari processi vitali come materiale energetico. Il luogo dei loro depositi sono vacuoli e citoplasma. Nei vacuoli, i prodotti di riserva si accumulano sotto forma di soluzioni, nel citoplasma - sotto forma di inclusioni decorate: aleurone, granuli di amido, goccioline di olio grasso, ecc. I grani di Aurone sono granuli di proteine ​​di riserva. Di solito si formano nelle cellule del tessuto di conservazione dei semi maturi.

Prodotti di ricambio

- Queste sono sostanze che vengono temporaneamente rimosse dal metabolismo. Sono spesi per costruire il corpo della pianta o su vari processi vitali come materiale energetico. Il luogo dei loro depositi sono vacuoli e citoplasma.
Vacuoli (Fig. 1) - cavità nel protoplasto delle cellule eucariotiche. Nelle piante, i vacuoli sono derivati ​​del reticolo endoplasmatico, delimitati da una membrana - tonoplastomi e riempiti di contenuto acquoso - linfa cellulare.
Protoplast - il contenuto attivo della cellula vegetale. Il componente principale del protoplasto è la proteina. Nella maggior parte delle cellule vegetali mature, la parte centrale è occupata da un grande vacuolo riempito di linfa cellulare, il cui contenuto principale è l'acqua con sostanze minerali e organiche disciolte in esso. La membrana cellulare e il vacuolo sono i prodotti dell'attività vitale del protoplasto.
La maggior parte del protoplasto della cellula vegetale è occupata dal citoplasma, la massa minore è il nucleo. Dal vacuolo, il protoplasto è delimitato da una membrana chiamata tonoplasto, dalla parete cellulare da un'altra membrana, il plasmalemma. Nel protoplasto vengono eseguiti tutti i principali processi del metabolismo cellulare.
Apparentemente, l'attività dell'apparato di Golgi ha un ruolo significativo nella formazione dei vacuoli.


Fig.1

Funzioni dei vacuoli:

1) Formano l'ambiente acquatico interno della cellula e con il loro aiuto viene effettuata la regolazione del metabolismo del sale marino.

2) Mantenere la pressione idrostatica del turgore del fluido intracellulare nella cellula.
3) Garantire la crescita cellulare. Nelle cellule giovani che dividono le piante, i vacuoli rappresentano un sistema di tubuli e vescicole (provacoli), mentre le cellule crescono, aumentano e si uniscono in un grande vacuolo centrale. Occupa dal 70 al 90% del volume cellulare, mentre il protoplasto si trova sotto forma di uno strato sottile di parete.

3 L'accumulo di sostanze di riserva e la "sepoltura" dei rifiuti, ad es. fine
prodotti per il metabolismo cellulare. A volte i vacuoli distruggono la materia cellulare tossica o inutile. Di solito questo viene fatto da speciali piccoli vacuoli contenenti gli enzimi corrispondenti. Tali vacuoli sono chiamati lisosomiali.

Nei vacuoli, i prodotti di riserva si accumulano sotto forma di soluzioni, nel citoplasma - sotto forma di inclusioni decorate: aleurone, granuli di amido, gocce di olio grasso, ecc.

I grani di Aleurone sono granuli proteici. Di solito si formano nelle cellule del tessuto di stoccaggio dei semi maturi. (Fig.2)

Quando i semi si formano in piccoli vacuoli, le proteine ​​si accumulano. Nei semi di maturazione, i vacuoli perdono acqua e si trasformano in chicchi di aleuron. Quando i semi germinano, quando vengono arricchiti con acqua, i grani di aleurone vengono nuovamente convertiti in vacuoli.

I grani di Aleirone hanno una forma arrotondata, il loro diametro varia tra 0,2 e 20 micron. Fuori sono coperti da una membrana.

Nei grani di aleurone semplici, la proteina si presenta sotto forma di una massa amorfa (legumi, mais, riso), in grani complessi, uno, meno spesso 2-3 cristalli di proteine ​​e un piccolo corpo arrotondato, un fosforo contenente fosforo globoso, sono inclusi nella massa amorfa. I corpi proteici possono anche essere formati in altre parti della cellula - nel nucleo, nei plastidi, nei mitocondri, nel reticolo endoplasmatico.
I grani di Aleuron hanno una forma arrotondata, il loro diametro varia tra 0,2 e 20 micron. Fuori sono coperti da una membrana.
Nei grani di aleurone semplici, la proteina è sotto forma di una massa amorfa (legumi, mais, riso), in grani complessi, la massa amorfa include uno, raramente 2-3 cristalli proteici e un piccolo corpo arrotondato, un fosforo contenente fosforo contenente fosforo.

Fig.2 Sostanze di ricambio nel chicco di grano (Triticum aestivum) in sezione trasversale:

1 - pericarpo, 2 strati di seme, 3 strati di aleurone, 4 - nucleo, 5 - cellule di endosperma con granuli di amido, 6 - grani di amido.

Grani di amido

Noccioli di amido in cellule tuberiche di patata. Taglio trasversale


Il più importante e il più comune è l'amido polisaccaridico. Amido di cereali, tuberi di patata, un certo numero di piante tropicali è la fonte più importante di carboidrati nella dieta umana.I granuli di amido primario sono depositati nei cloroplasti. Ma qui non si accumula: con l'aiuto degli enzimi, l'amido primario viene saccarificato e viene trasportato sotto forma di glucosio dalla foglia ad altri organi.
La conversione secondaria di zucchero in amido avviene nei leucoplasti (amiloplasti).
La formazione di granuli di amido secondario inizia in alcuni punti dello stroma amiloplastico, chiamati centri educativi. La crescita dei granuli di amido avviene imponendo nuovi strati di amido sul vecchio, quindi hanno una struttura a strati. Gli strati adiacenti possono avere indici di rifrazione diversi e sono quindi visibili al microscopio.
La laminazione è concentrica ed eccentrica.
Con la crescita della grana dell'amido, il volume dello stroma amiloplastico diminuisce, e ad un certo punto il suo strato diventa così sottile che non può essere curato con un microscopio ottico. Va ricordato che la membrana a doppia membrana e uno strato sottile di stroma sono sempre presenti sulla superficie del grano dell'amido secondario.


Se c'è un centro attorno al quale vengono depositati gli strati di amido, allora si crea un grano semplice, se due o più, poi si forma un grano complesso, costituito da diversi semplici. Un grano semi-complesso si forma nei casi in cui l'amido viene dapprima depositato attorno a diversi punti, e quindi dopo il contatto di grani semplici, si formano strati comuni attorno a loro. La disposizione dei livelli può essere concentrica o eccentrica, che determina anche le caratteristiche strutturali dei granuli di amido.

Chimicamente, l'amido è un polisaccaride simile alla cellulosa composto da centinaia di residui di glucosio.
L'amido di prima assimilazione si forma solo nei cloroplasti. Di notte, quando la fotosintesi viene interrotta, l'amido di assimilazione viene idrolizzato enzimaticamente con gli zuccheri e trasportato in altre parti della pianta.

Nei tessuti di stoccaggio di vari organi, in particolare nei tuberi, nei bulbi, nei rizomi, ecc., In un particolare tipo di leucoplasti - gli amiloplasti, alcuni degli zuccheri si depositano sotto forma di granuli di amido secondario.

Se c'è un centro educativo in amiloplasto, allora si forma un grano semplice, se due o più è un grano complesso, che consiste in diversi semplici.
Un grano semi-complesso si forma se l'amido viene dapprima depositato attorno a diversi centri educativi, e quindi dopo il contatto di grani semplici, si formano strati comuni attorno a loro.
La dimensione dei grani di amido varia ampiamente.
Pertanto, nelle patate, il loro diametro raggiunge 100 μm, nel grano e nella segale vi sono grani fini con un diametro di 2-9 μm e quelli grossolani con un diametro di 30-45 μm, e nel mais - con un diametro di 5-30 μm.
La forma, le dimensioni, la struttura dei chicchi di amido sono specifiche per ogni specie di pianta e, a volte, per una varietà. Questa circostanza viene utilizzata nell'analisi della composizione della farina.

Gocce lipidiche (grasse)

1-Aleuron Grain;
2- guscio di grano Aleurone;
3 Globoidy;
4 gocce lipidiche

Di solito si trova nel ialoplasma e si trovano in quasi tutte le cellule vegetali. Questo è il tipo principale di riserva nutrizionale della maggior parte delle piante.
Le gocce lipidiche si trovano in quasi tutte le cellule vegetali. Gli oli grassi si accumulano in un numero enorme di piante e, per la loro importanza, sono la seconda forma di nutrienti di conservazione dopo l'amido. Semi e frutti sono particolarmente ricchi in loro. I semi di alcune piante (girasole, cotone, arachidi) possono contenere fino al 40% di olio in peso di sostanza secca. Pertanto, i grassi vegetali sono ottenuti principalmente da semi.

Le goccioline lipidiche si accumulano direttamente nel ialoplasma. Sembrano piccoli corpi sferici, ogni goccia è separata dall'alioplasma da una membrana. A volte le gocce lipidiche sono chiamate sferosomi.

Il reagente per l'olio grasso è il colorante Sudan III, le gocce lipidiche sono colorate da esso in un colore rosso-arancio.

Proteine ​​di riserva


Le proteine ​​di riserva appartengono alla categoria delle proteine ​​semplici - le proteine, a differenza delle proteine ​​complesse - i protei, che costituiscono la base del protoplasto. Nel maggior numero si depositano nel tessuto di conservazione dei semi secchi sotto forma di grani di aleuron o di proteine.

Appartengono alla categoria delle proteine ​​semplici - le proteine, in contrasto con le proteine ​​complesse - i protei, che formano la base del protoplasto. Molto spesso, le proteine ​​di riserva vengono depositate nei semi. I semi di molti legumi utilizzati nelle specie alimentari e mangimistiche sono molto ricchi di proteine. A volte le proteine ​​si trovano nel nucleo e l'ialoplasma sotto forma di strutture cristalline difficili da distinguere in un microscopio ottico. Tuttavia, più spesso, le proteine ​​di accumulo si accumulano nei vacuoli e precipitano quando l'umidità viene persa durante la maturazione dei semi.

Di solito, le proteine ​​precipitate formano grani di forma rotonda o ellittica, chiamati grani di aleurone. Se i grani di aleurone non hanno una struttura interna apprezzabile, sono chiamati semplici. A volte, nei grani di aleurone, tra le proteine ​​amorfe, sono visibili una o più strutture cristalline (i cristalloidi) che, a differenza dei cristalli veri, possono gonfiarsi nell'acqua. Oltre ai cristalloidi, nei grani di aleurone ci sono corpi rotondi incolori, globosi. I grani auronici contenenti cristalloidi e globuli rossi sono chiamati complessi. Ogni specie di pianta, come i chicchi di amido, ha una struttura specifica.

Le piante, a differenza degli animali, non hanno organi escretori speciali e spesso accumulano i prodotti finali dell'attività protoplastica sotto forma di ossalato o sali di carbonato di calcio. Le inclusioni cristalline in quantità significative si accumulano nei tessuti e negli organi che periodicamente le piante perdono (foglie, corteccia). Sono depositati esclusivamente in vacuoli. La forma di queste inclusioni è abbastanza diversa: singoli poliedri - styloid (cristalli a forma di bastoncelli), aghi - rafids, grappoli di molti piccoli cristalli - sabbia cristallina e intergrowths di cristalli - drusi. La forma dei cristalli è spesso specifica per alcuni taxa ed è talvolta usata per i loro microdiagnostici.

I cistoliti sono vicini alle inclusioni cristalline. Il più delle volte sono costituiti da carbonato di calcio o silice e sono le formazioni di forma che si verificano sulle sporgenze della membrana cellulare che penetra nella cellula. I cistoliti sono caratteristici delle piante dell'ortica, del gelso e di altre piante.
Le inclusioni di proteine ​​possono essere colorate con il reagente di Lugol in colore giallo dorato.

Dalla natura di tutte le inclusioni

- questi sono prodotti del metabolismo cellulare. Si accumulano principalmente sotto forma di granuli, gocce e cristalli. La composizione chimica delle inclusioni è molto varia.

I lipidi sono solitamente depositati nella cellula sotto forma di piccole goccioline. Una grande quantità di gocce di grasso si trova nel citoplasma di numerosi protozoi, come i ciliati. Nei mammiferi, le gocce di grasso si trovano in cellule adipose specializzate, nel tessuto connettivo. Spesso una significativa quantità di inclusioni di grasso viene ritardata a causa di processi patologici, ad esempio nella degenerazione adiposa del fegato. Gocce di grasso si trovano nelle cellule di quasi tutti i tessuti vegetali, un sacco di grasso si trova nei semi di alcune piante.

Le inclusioni di polisaccaridi hanno spesso la formula di granuli di varie dimensioni. Negli animali multicellulari e nei protozoi, i depositi di glicogeno si trovano nel citoplasma delle cellule. I granuli di glicogeno sono chiaramente visibili nel microscopio ottico. Grappoli di glicogeno sono particolarmente grandi nel citoplasma delle fibre muscolari striate e nelle cellule del fegato e nei neuroni. L'amido è più spesso depositato nelle cellule vegetali dai polisaccaridi. Ha la forma di granuli di varie forme e dimensioni, e la forma dei granuli di amido è specifica per ogni specie di pianta e per alcuni tessuti. I depositi di amido sono ricchi del citoplasma dei tuberi di patata, dei chicchi di cereali; ogni granulo di amido è costituito da strati separati, e ogni strato, a sua volta, include cristalli disposti radialmente, quasi invisibili in un microscopio ottico.

Le inclusioni di proteine ​​sono meno comuni di grassi e carboidrati. I granuli proteici sono ricchi nel citoplasma delle uova, dove si trovano sotto forma di piastre, sfere, dischi, bastoncini. Le inclusioni di proteine ​​si trovano nel citoplasma delle cellule del fegato, nelle cellule di protozoi e in molti altri animali.

Le inclusioni cellulari includono alcuni pigmenti, ad esempio la lipofuscina a pigmento giallo e marrone, che è diffusa nei tessuti, i cui granuli rotondi si accumulano durante l'attività vitale delle cellule, specialmente con l'età. Questo include anche pigmenti gialli e rossi - lipocromi. Si accumulano come piccole goccioline nelle cellule della corteccia surrenale e in alcune cellule ovariche. Il pigmento retinico fa parte della porpora visiva della retina. La presenza di determinati pigmenti è associata all'esecuzione di funzioni speciali da parte di queste cellule. Gli esempi includono l'emoglobina del pigmento respiratorio rosso nei globuli rossi o il pigmento melanina nelle cellule melanofore dei tessuti intestinali degli animali.

Come inclusioni in molte cellule animali, ci sono granuli di secrezione prodotti in cellule di diverso tipo, principalmente nelle cellule ghiandolari. Le inclusioni secretorie possono essere proteine, saccaridi, lipoproteine, ecc.

Inclusioni di cellule vegetali

Le inclusioni sono una varietà di prodotti metabolici del protoplasto, strutture variamente modellate che non hanno proprietà vitali e sono depositate sia nel protoplasto stesso (citoplasma e altri organoidi), vacuoli e meno spesso nel guscio.

Il loro più grande valore risiede nel fatto che sono sostanze di riserva, cioè sostanze che possono essere riutilizzate dalla cellula in determinati momenti (amido di stoccaggio, proteine, olio). Per altre funzioni di inclusioni, possono essere fatte solo ipotesi. Ad esempio, alcune sostanze possono sorgere come adattamento ad alcune condizioni speciali di esistenza, altre si formano come rifiuti, i prodotti finali del metabolismo (alcuni cristalli). Le inclusioni derivano dall'invecchiamento cellulare o da qualsiasi fenomeno patologico. In generale, le inclusioni sono strutture non permanenti, possono apparire e scomparire in diversi periodi di attività cellulare. Pertanto, la loro presenza caratterizza lo stato fisiologico e l'età della cellula. La presenza, la forma e la distribuzione di queste sostanze spesso distinguono alcune specie, generi e famiglie dagli altri, quindi il riconoscimento delle inclusioni, la descrizione della loro forma è di grande importanza per l'anatomia comparata. Poiché le inclusioni sono sostanze solide o liquide aventi una forma specifica, possono essere distinte in un microscopio ottico. Tra le inclusioni, i grani di amido, le goccioline di grasso, i depositi di proteine, i cristalli organici e inorganici sono della massima importanza.

I grani di amido sono le formazioni più comuni e importanti tra le inclusioni che sono chimicamente un carboidrato di polimero. L'amido di riserva delle piante, che si trova esclusivamente sotto forma di granuli di amido, è il principale tipo di nutrienti di riserva delle piante. Inoltre, è il composto più importante utilizzato nel cibo degli animali erbivori. L'amido è di enorme importanza come fonte di cibo per l'uomo. La farina di grano, per esempio, quasi 3/4 consiste in grani di amido.

Come precedentemente riportato, i granuli di amido si formano solo nei plastidi delle cellule viventi. Nel cloroplasto, alla luce, come risultato del processo di fotosintesi, si depositano granelli molto piccoli (meno spesso bastoncini) di amido (primario) assimilativo. Questo è particolarmente caratteristico delle cosiddette piante amidacee (cereali). L'amido di assimilazione è un prodotto non permanente e si deposita solo con un eccesso di carboidrati solubili nella cellula. Di notte, in assenza di fotosintesi, viene idrolizzato allo zucchero con l'aiuto di enzimi e trasportato in altre parti delle piante. Il processo di idrolisi nei cloroplasti è reversibile e non porta alla loro distruzione. Grani più grandi dell'amido di stoccaggio (secondario) vengono depositati dallo zucchero in entrata in amiloplasti concentrati nelle parti di piante prive di luce. L'amido di riserva degli amiloplasti dura più a lungo dell'amido assimilativo dei cloroplasti. Quando si mobilizza l'amido di riserva, la sua idrolisi (saccarificazione) avviene con l'aiuto di enzimi (amilasi, ecc.). Questo processo è irreversibile, poiché l'amiloplasto, che forma un amido di stoccaggio, viene distrutto dall'idrolisi.

I grani di amido hanno le proprietà di una sostanza cristallina, in luce polarizzata danno una doppia rifrazione, il che si traduce nella formazione di una croce nera con raggi che si intersecano nel centro della grana dell'amido. D'altra parte, i grani di amido hanno alcune proprietà dei colloidi, ad esempio, tutti conosciamo la proprietà dell'amido di patate di gonfiarsi in acqua calda, che viene utilizzata nella produzione di pasta.

La formazione di granuli di amido è associata alla presenza di un centro educativo nell'amiloplasto, attorno al quale si deposita la sostanza dell'amido con lo stroma di amiloplasto. L'amido è depositato in strati con diversi indici di rifrazione, in modo che questi strati possano essere visti al microscopio.

Nei cereali e nei legumi, i singoli strati attorno al centro educativo sono depositati in modo uniforme, a seguito del quale i grani di amido mostrano una stratificazione concentrica. In altre piante, in particolare quelle che formano grossi chicchi di amido (patate), singoli strati di amido si depositano in modo non uniforme attorno al centro educativo: da un lato più intensamente, dall'altro meno, con conseguente chicchi amidacei con strati eccentrici. Inoltre, la natura della stratificazione dipende dal tipo di pianta e non è determinata dalla posizione del centro educativo nell'amiloplasto.

Se un centro educativo viene deposto in amiloplasto, appaiono dei semplici chicchi di amido (uno in ciascun amiloplasto), ad esempio i grani di amido di patate. Spesso nell'amiloplasto vengono posti contemporaneamente molti centri educativi, quindi sorgono complessi granelli di amido, costituiti da una moltitudine (fino a diverse migliaia di spinaci) di singoli piccoli grani. Con la crescita dei granuli di amido, la membrana amiloplastica si espande e lo stroma viene spinto verso la periferia dei plastidi. Nei grani di amido di grandi dimensioni, lo strato di stroma e la membrana plastidica possono diventare così sottili da non differire nel microscopio ottico. Quando parliamo di granuli di amido, intendiamo sempre plastid, che è così pieno di amido che la sua sostanza principale diventa indistinguibile.

La forma, le dimensioni e la struttura dei chicchi di amido sono specifiche per determinate specie vegetali e talvolta anche per singole varietà della stessa specie. Poiché i grani di amido costituiscono la maggior parte della farina, esaminandoli, è possibile stabilire da quali specie vegetali si ottiene la farina e le impurità di quali piante sono presenti in essa. Quindi, in granuli di fecola di patate di forma irregolare, con stratificazione eccentrica ben pronunciata, solitamente semplice, molto grande - fino a 100 micron;. I grani di amido di frumento con strati concentrici poco visibili sono generalmente di due dimensioni: piccoli arrotondati, 2-9 micron di diametro e grandi lenticolari, 30-40 micron. I chicchi di amido di mais sono arrotondati-angolari, piccoli, con un centro educativo ben marcato sotto forma di una fessura radiante. Nel riso e nell'avena, i chicchi amidacei sono complessi, a forma di uovo, costituiti da numerosi piccoli grani che sono tenuti insieme dallo stroma e dal guscio dell'amiloplasto, ma sono facilmente disintegrati quando vengono pressati.

I depositi di amido sono diffusi in tutti gli organi della pianta, ma sono particolarmente ricchi di semi, germogli sotterranei (tuberi, bulbi, rizomi), parenchima di tessuti conduttivi delle radici e steli di piante legnose. Nei semi, l'amido si accumula relativamente in alcune (circa il 10%) piante da seme, compresi cereali, legumi e grano saraceno. Degli organi sotterranei, in particolare quelli ricchi di amido, possono essere chiamati tuberi di patata contenenti il ​​18-20% di amido.

I depositi di grasso di ricambio sono ampiamente distribuiti nelle cellule vegetali. Si trovano direttamente nel citoplasma, principalmente allo stato liquido, e hanno l'aspetto di goccioline di varie dimensioni, di solito a luce fortemente rifrangente. Anche se in piccole quantità si trovano probabilmente in ogni cellula vegetale vivente, ma i semi e i frutti sono i più ricchi in loro. La grande maggioranza delle piante (circa il 90% delle specie angiosperme) immagazzina l'olio come nutrienti di riserva. Alcuni semi contengono oli fino al 50% o più del peso secco della sostanza (semi di girasole). Pertanto, la maggior parte del grasso vegetale viene estratto dai semi. Durante la germinazione dei semi, il grasso di riserva viene mobilizzato ei grassi si idrolizzano per formare carboidrati solubili forniti alle parti in crescita del germe dei semi. Poiché i grassi sono più ricchi di energia rispetto all'amido, sono molto più economici nell'utilizzare lo spazio nei semi. Il meccanismo delle gocce grasse nel citoplasma non è stato ancora completamente studiato. I casi di formazione di olio nelle oleoplasti di cui sopra. Più recentemente, è stato dimostrato che la formazione di oli nelle piante crocifere avviene in protidi organici specializzati - sferosomi. Gli sferosomi iniziano a svilupparsi come piccole bolle sul reticolo endoplasmatico, delimitato dal citoplasma da una singola membrana. Quindi le vescicole vengono separate dal reticolo endoplasmatico e il materiale granulare si accumula in esse. Al momento della maturazione dei semi, goccioline di olio si formano sul sito dei granuli, che sono al di fuori vestiti con una membrana. Se un tale percorso di formazione di oli di ricambio è tipico per una cellula vegetale, è necessario effettuare ulteriori ricerche. Oltre al citoplasma, le gocce di grasso si possono trovare anche nei cloroplasti e nei mitocondri. Negli amiloplasti delle cellule che invecchiano, l'amido viene talvolta distrutto e numerose gocce di grasso prendono il loro posto.

Le proteine ​​di riserva nelle cellule sono sotto forma di depositi solidi, amorfi o cristallini. Molto spesso, le proteine ​​di riserva si trovano sotto forma di cosiddetti grani di aleurone (proteine), principalmente nei semi di cereali, legumi e molti altri (lino, uva). Meno comunemente, la proteina di stoccaggio viene depositata sotto forma di cristalloidi (patate). Le dimensioni e la struttura dei grani di aleurone sono molto variabili, ma sono caratteristiche di alcuni gruppi di piante e possono servire come caratteristica sistematica. In un caso tipico, il granello di aleurone ha un guscio proteico (membrana) all'esterno ed è riempito con una proteina giallastra opaca, omogenea, amorfa che si gonfia nell'acqua. Tre tipi di inclusioni possono essere immersi nella maggior parte del chicco di aleurone, che sono chiamati cristalloidi, globoidi e veri cristalli. I cristalloidi hanno una caratteristica romboedrica dei cristalli, ma a differenza dei veri cristalli, la proteina che li fa si gonfia nell'acqua. Possono esserci uno o più cristalloidi nella grana di aleuron e sono sempre insieme ai globidi.

I globoidi sono corpi rotondi composti da sale di calcio-magnesio di inositolo acido fosforico, insolubili in acqua e che non danno una reazione alle proteine ​​(si ritiene che conservino fosforo). I veri cristalli si trovano molto raramente nei grani di aleurone, ad esempio i cristalli di ossalato di calcio (nei semi d'uva). A seconda della struttura, si possono distinguere i seguenti tipi di grani aleurone:

a) grani con globoidi (caratteristica dei semi di legumi e cereali);

b) grani con cristalliidi e cristalloidi (caratteristici, ad esempio, di semi di lino e di semi di ricino;

c) grani con cristalli di ossalato di calcio (caratteristica dell'ombrello e dei semi d'uva).

Nelle patate non si formano grani di aleurone, ma singoli cristalloidi, non circondati da proteine ​​amorfe dall'esterno.

Per quanto riguarda l'origine dei grani di aleurone, il punto di vista più comune è che sono formati dai vacuoli. In tali vacuoli "proteici", particolarmente abbondanti nei semi di maturazione, si accumulano proteine ​​solubili. Quando i semi maturano e si asciugano, questi vacuoli vengono disidratati e la proteina precipita dalla soluzione o cristallizza. Quando i semi germinano, i grani di aleurone si annaffiano nuovamente e si trasformano nuovamente in vacuoli. Tuttavia, l'origine dei vacuoli proteici non è chiara. Forse si formano come risultato della vacuolizzazione e della successiva fusione di proteoplasti, o, come alcuni scienziati credono, attraverso l'espansione locale delle membrane del reticolo endoplasmatico. Infine, questo problema può essere risolto con ulteriori studi al microscopio elettronico.

Nelle cellule delle piante nel processo della loro attività si formano anche veri cristalli di sali minerali. La maggior parte dei cristalli è costituita da ossalato di calcio (ossalato), meno comunemente carbonato di calcio o silice (SiO2). Le forme dei cristalli sono piuttosto varie e spesso specifiche per certe unità sistematiche. L'ossalato di calcio si trova o sotto forma di cristalli (gusci bulbosi), o drusi - formazioni sferiche costituite da molti piccoli cristalli coalescenti (ad esempio, nella corteccia, rizomi) o sotto forma di rafids - cristalli aghiformi combinati in grappoli (grappoli d'uva). Meno comunemente, l'ossalato viene depositato nella cellula sotto forma di sabbia cristallina - una moltitudine di piccoli cristalli che si formano in una singola cellula.

Celle con diversi tipi di cristalli

A differenza degli animali, che secernono un eccesso di sali minerali nell'ambiente esterno, le piante che non hanno sviluppato organi di escrezione sono forzate quasi completamente ad accumularle nei loro tessuti. Pertanto, si ritiene comunemente che i cristalli di ossalato siano il prodotto finale dell'attività protoplastica derivante dalla combinazione di calcio e acido ossalico. Questo acido è un sottoprodotto dell'attività protoplastica. È solubile nella linfa delle cellule e, a concentrazioni elevate, tossico per protoplasti. Combinato con il calcio, un'alta concentrazione di cui nella stessa linfa cellulare può minacciare l'equilibrio ionico nella cellula, l'acido ossalico si trasforma in ossalato insolubile, innocuo per protoplasto. I cristalli di ossalato si formano quindi in grandi quantità in quegli organi e tessuti che vengono scaricati di volta in volta dalla pianta (foglie e corteccia). La presenza di cristalli in molti casi è un segno di invecchiamento o di processi degenerativi. Ma a volte i cristalli di ossalato possono giocare un ruolo attivo nel metabolismo, accumulandosi e dissolvendosi nelle cellule (ad esempio, nei frutti d'arancio).

Sezione trasversale di una foglia di ficus con una cellula contenente cistolite

Per i rappresentanti delle famiglie di gelso e ortica, i cistoliti sono caratteristici - inclusioni speciali, che sono escrescenze della membrana cellulare, saturate con carbonato di calcio in modo tale da sembrare un grappolo. Cereali, carici e palme formano depositi solidi di silice all'interno delle cellule. Situate nello strato esterno delle cellule fogliari, al di sopra delle vene, probabilmente servono da protezione dagli animali da mangiare.

Semi di girasole: fibra, proteine, vitamina E

ripubblicare

I semi di girasole sono i frutti di una bellissima pianta di girasole la cui terra natia è il Nord Africa. I semi hanno una consistenza dura, un gusto leggermente nocciola. Erano una fonte significativa di cibo per gli indiani d'America. I semi di girasole rimangono un prodotto popolare fino ad oggi, anche se sono più spesso usati come snack che nella composizione di un piatto.
Sebbene i semi di girasole non siano ricchi di nutrienti come i semi di chia o di canapa, sono comunque estremamente utili.

I semi di girasole sono una fonte vitale di energia naturale, molti dei nutrienti che contengono mancano nella dieta moderna.
Una tazza di semi di girasole essiccati contiene il 16% della dose giornaliera raccomandata di fibre e il 19% di proteine. La maggior parte delle fibre di semi di girasole è insolubile e pulisce il colon dai rifiuti accumulati. Le proteine ​​del seme comprendono tutti e otto gli amminoacidi essenziali, il che li rende assolutamente indispensabili per i vegetariani.

Come la maggior parte delle colture a semi, i semi di girasole sono ricchi di acidi grassi omega-3 e -6 che i nostri corpi non possono produrre da soli.
Lo studio, pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, ha scoperto che i semi di girasole (e pistacchi) sono ricchi di fitosteroli più di tutti gli altri semi e noci. I fitosteroli sono composti in piante con una struttura chimica vicina al colesterolo. Si ritiene che questi composti riducano il livello di colesterolo cattivo nel sangue con un consumo sufficiente.

I semi di girasole sono un'eccellente fonte di vitamina E. La vitamina E antiossidante liposolubile "viaggia" in tutto il corpo, eliminando i radicali liberi. Altrimenti, i radicali danneggiano le molecole e le strutture contenenti grassi, come le cellule cerebrali, il colesterolo e le membrane cellulari. La vitamina E, inoltre, è un potente anti-infiammatorio e riduce i sintomi associati a malattie infiammatorie come l'asma e l'artrite reumatoide.

Rilevazione di grassi (oli) in semi di girasole

Rilevazione di grassi (oli) in semi di girasole. Attrezzatura: Esperienza: Conclusione: semi di girasole, foglio di carta. Per rilevare l'olio, schiaccia i semi (senza buccia) su un pezzo di carta. Le macchie gialle sono rimaste sulla carta: sono macchie di grasso.

Diapositiva 12 dalla presentazione "Interdisciplinary Integration Chemistry Biology"

Dimensioni: 720 x 540 pixel, formato:.jpg. Per scaricare gratuitamente una diapositiva da utilizzare in una lezione, fare clic con il tasto destro sull'immagine e fare clic su Salva immagine come. ". È possibile scaricare l'intera presentazione "Interdisciplinary Chemistry Biology.ppt integration" nell'archivio zip di 3906 KB.

Presentazioni correlate

"Biologia 11" - Una considerazione più dettagliata delle lezioni del materiale incluso nel contenuto del KIM sulla biologia nei gradi 9-11 Lo studio di concetti che non sono inclusi nel libro di testo funziona con la terminologia. La variabilità delle forme di preparazione all'esame in biologia. 1. Esaminare il modello dell'arco riflesso. Riproduzione di materiale teorico corsi 6-8 cl. (botanica, micologia, microbiologia, morfologia, zoologia, anatomia, fisiologia, ecc.); Lavoro indipendente degli studenti con risorse Internet (test online, ricerca di informazioni), database elettronico di aula di biologia;

"Biology 10-11 class" - focalizza l'attenzione sul tema della discussione. Il programma di APPugovkin presuppone il raggiungimento dei seguenti obiettivi: Dare abbastanza tempo per rispondere. Vieni con un compito biologico sull'argomento. L'insegnante non dice mai di no. Multi-livello, la capacità di organizzare il lavoro con un approccio orientato alla personalità.

"Temi in biologia classe 8" - Gli stessi muscoli possono eseguire il lavoro dinamico e statico. Lavoro muscolare durante il sollevamento pesi. Il meccanismo del lavoro. Tessuto cardiaco L'ambiente interno del corpo umano è fluido tissutale. Vestibolo Cavità. L'organo dell'udito. Vasi linfotici. Forme di ossa Sangue. Ossa scheletriche Eccitazione emergente.

"10 Biologia" - Per la prima volta ha cercato di creare una teoria coerente e olistica dell'evoluzione del mondo vivente. Teoria delle cellule Le opere di L. Pasteur e I. Mechnikov hanno identificato l'emergere dell'immunologia. "La storia dello sviluppo della biologia". Grado 10 Le arterie morte erano sempre vuote. Contrattando, il cuore guida il sangue. Il naturalista olandese Anthony Leeuwenhoek.

"Benefici della biologia" - Mosca: "Scuola superiore", 1984. Argomenti di saggi e relazioni: Parte teorica. Manuali dell'insegnante: clonazione del mito o realtà? Violazioni della discrepanza cromosomica X. Frequenza di occorrenza: 1: 500. Helevin N.V., Lobanov A.I., Kolesova O.V. Libro di problemi in generale e genetica medica. Nel secondo, viene considerata la base molecolare dell'eredità (4 ore).

"Biologia di grado 8" - Fornito con collegamenti ipertestuali ad altri componenti OK. Biologia. Disegni interattivi: 115 oggetti che riflettono la struttura di una persona. Eccellente selezione di minigiochi a tema. Respirazione. Schema della descrizione del software di formazione: attività del progetto. Con i miei occhi Puoi anche andare al contenuto del disco usando la ricerca.

Semi di girasole - composizione e proprietà benefiche; beneficio e danno; trattamento delle sementi; ricette di cucina

Semi di girasole: proprietà

Contenuto calorico: 601 kcal.

Il valore energetico del prodotto Semi di girasole:
Proteine: 20,7
Grasso: 52,9 g.
Carboidrati: 10,5 g.

descrizione

I semi di girasole sono i semi di una pianta straordinariamente bella della famiglia degli asterici. Il Nord America è considerato il luogo di nascita del girasole, ma ora è distribuito quasi ovunque in Europa, dove è caduto nel 16 ° secolo.

La testa di girasole è coronata da petali giallo brillante come il sole e gira sempre dopo il sole (da qui il nome del fiore). Il suo centro scuro è pieno di numerosi semi, disposti come un nido d'ape (vedi foto). Esternamente, i semi di girasole sono una piccola drupa triangolare con un guscio duro e coriaceo di colore nero, sotto il quale si trova il nucleo luminoso. È il nucleo utilizzato nel cibo. Da esso spremere il famoso olio di girasole, senza il quale è impossibile immaginare la cucina russa.

In Russia, il girasole è molto popolare. In Occidente, i suoi semi vengono anche chiamati "noci russe". E tutto perché amiamo seminare i semi. Per noi, questo è sia un trattamento gustoso che un antidepressivo e una ragione per comunicare. Siamo così abituati a loro che clicchiamo proprio così, senza pensare ai benefici o ai danni che le "noci russe" possono apportare al nostro corpo. Ma dovresti dare un'occhiata più da vicino ai semi di girasole, in quanto non sono così semplici come sembrano.

Composizione e proprietà utili

La composizione dei semi di girasole contiene un'enorme quantità di sostanze preziose che ne garantiscono le proprietà benefiche.

Prima di tutto, è quasi un insieme completo di vitamine del gruppo B necessarie per il normale funzionamento del sistema nervoso, oltre alla vitamina A (carotene), buona per la pelle e la vista, la vitamina E è uno degli antiossidanti più potenti, l'acido ascorbico che rafforza le pareti dei vasi sanguigni e la vitamina D per rafforzare ossa e unghie. Non tutti lo sanno, ma per soddisfare il bisogno quotidiano di vitamina E, che, a causa dei suoi effetti benefici sulla pelle, unghie e capelli si chiama "vitamina bellezza", non può che essere 50 grammi di semi di girasole. E la vitamina D necessaria per la normale crescita ossea è ancora più grande in loro rispetto al fegato di merluzzo, che è considerato una delle sue principali fonti.

Inoltre, i semi di girasole contengono tutta una serie di elementi micro e macro importanti come calcio, iodio, ferro, fosforo, sodio, silicio, selenio, zinco. E il magnesio, che ha un effetto benefico sul sistema cardiovascolare e nervoso, è molto più frequente in essi che nel pane nero (300 mg per 100 g).

E i semi di girasole sono ricchi di acidi grassi polinsaturi, che sono un prezioso antiossidante e un importante materiale da costruzione delle membrane cellulari.

Inoltre, aggiungiamo che, fino a ¼ delle proteine ​​contenute nei semi, gli amminoacidi essenziali sono necessari per il normale funzionamento del corpo umano, ma non sono sintetizzati da soli.

Utilizzare in cucina

A causa del gusto gradevole e dell'odore delizioso dei semi di girasole hanno trovato un uso decente in cucina. Sono utilizzati nella cottura al forno, nei piatti principali e nelle insalate, per creare dolci a base di essi. Ad esempio, in Oriente, la dolcezza chiamata kozinaki è popolare, il cui ingrediente principale è i semi sbucciati e leggermente tostati.

Nelle insalate, i semi di girasole sono più comuni. Sono spesso sostituiti da costosi pinoli, perché i semi sono molto più economici, ma migliorano significativamente le proprietà nutrizionali e gustative del piatto.

Il più delle volte, la cucina utilizza semi di girasole tostati, che sono considerati meno utili di quelli crudi, ma più gustosi e fragranti.

E, naturalmente, la cucina russa non fa a meno dell'olio di girasole ottenuto dai semi di girasole, che è stato utilizzato in quasi tutti i piatti: zuppe, borscht, frittelle, torte, insalate, ecc.

I benefici dei semi di girasole e del trattamento

I benefici dei semi di girasole e la fattibilità del loro uso nel trattamento e nella prevenzione delle malattie sono stati discussi per anni. Tuttavia, la composizione unica dei semi consente ancora di parlare dei loro indubbi benefici per il corpo umano, da tempo noto alla medicina tradizionale, e ora sempre più supportato e ufficiale.

A causa della presenza di antiossidanti nella loro composizione (vitamina E, acidi grassi insaturi), i semi di girasole proteggono il corpo dai radicali liberi, migliorano le condizioni delle unghie e dei capelli, livellano la pelle e resistono all'invecchiamento.

Sono utili per la prevenzione delle malattie del cuore e dei vasi sanguigni.

I semi di girasole sono un efficace lassativo e un agente coleretico. Hanno un effetto benefico sul tratto digestivo in generale, stimolando la digestione e livellando l'equilibrio acido-base.

Tuttavia, tutte queste proprietà benefiche sono inerenti ai semi di girasole grezzi non raffinati. Quando si friggono, alcune delle sostanze preziose si disintegrano. E dopo la pulizia i chicchi dei semi sono ossidati. Quindi è consigliabile mangiarli crudi o leggermente fritti, sbucciarli immediatamente prima dell'uso.

Il danno dei semi di girasole e controindicazioni

I semi di girasole non appartengono alla categoria dei prodotti nocivi con un gran numero di controindicazioni, ma il danno al corpo può ancora essere causato se usato in modo errato.

In primo luogo, puoi mangiare solo semi freschi, i più ricchi di sostanze nutritive. Più a lungo vengono memorizzati, i componenti meno preziosi della composizione rimangono in essi, ma al contrario si accumulano (ad esempio cadmio) nocivi. In nessun caso non si possono mangiare semi di girasole rancidi. E l'olio da loro (ha un odore caratteristico) non vale la pena di aggiungere al cibo neanche.

In secondo luogo, i semi di girasole sono molto ricchi di calorie. È generalmente uno degli alimenti più ipercalorici, 100 grammi di cui contengono circa 600 kcal. Inoltre, sono anche grassi. E sebbene i grassi contenuti in essi siano facilmente assorbiti dal corpo, è ancora impossibile abusare dei semi. Questo può avere un impatto molto negativo sulla figura e, a proposito, peggiorare il lavoro del tratto gastrointestinale, che ottiene troppa fibra, con uno sviluppo del quale semplicemente non può farcela.

In terzo luogo, un lungo clic giornaliero di semi di girasole può portare alla distruzione dello smalto dei denti e all'oscuramento dei denti. E lì e vicino alla carie.

Eppure i semi, se troppo cotti, possono provocare bruciore di stomaco e causare irritazione alle pareti dello stomaco. Questo è particolarmente pericoloso durante l'esacerbazione di gastrite, ulcere e malfunzionamento del fegato. Inoltre irritano la gola e i legamenti, motivo per cui i semi di girasole arrostiti non sono raccomandati per i cantanti.

Vista moderna sui benefici e sui danni dei semi di girasole

Oggigiorno, molte persone considerano tutti gli alimenti principalmente in termini di effetti sul corpo, positivi o negativi. I semi di girasole non sono stati trascurati, i cui benefici e danni sono ampiamente discussi da medici, nutrizionisti e sostenitori di uno stile di vita sano. Alcuni considerano i semi di girasole quasi velenosi, altri sono praticamente una panacea per tutte le malattie. Dov'è la verità?

Storia del girasole

Il fiore alto giallo brillante, che dà semi gustosi, è noto a tutti fin dall'infanzia, e sembra che sia sempre cresciuto nei nostri spazi aperti. Ma non lo è. Il girasole fu portato in Europa da una delle spedizioni di Cristoforo Colombo dall'America nel 16 ° secolo. Gli indiani del Nord America, secondo gli archeologi, iniziarono a coltivare il girasole molto prima dell'avvento della nostra era.

In Russia, i grandi fiori eleganti della famiglia Astrov sono stati utilizzati per la prima volta esclusivamente per scopi decorativi, decorando con se stessi parchi e aiuole nelle tenute del maniero. Solo nell'Ottocento, l'olio aromatico economico cominciò ad essere ottenuto dai semi di girasole e usato nella produzione di dolciumi, sapone, vernici e vernici. Probabilmente, fu allora che la gente scoprì il sapore dei semi tostati, nei semi colloquiali.

Per la prima volta, le sementi iniziarono ad essere utilizzate per la produzione di petrolio.

La composizione unica di semi di girasole

Prima di parlare dei benefici e dei pericoli dei semi di girasole, è necessario capire quali sostanze nutritive sono incluse nella loro composizione.

È importante! 100 g di semi essiccati contengono quasi 23 g di proteine, 19 g di carboidrati e quasi 50 g di vari grassi. Le proteine ​​contenute nei semi di girasole vengono assorbite nel corpo umano più velocemente e più facilmente rispetto alle proteine ​​simili presenti in carne, cereali o uova.

La maggior parte delle sostanze nella composizione dei semi sono grassi.

La maggior parte dei grassi nei semi di girasole sono acidi grassi polinsaturi:

  • oleico;
  • palmitico;
  • linoleico;
  • arachidonico;
  • stearico.

Il valore di questi acidi per il corpo umano è enorme. Rafforzano i vasi sanguigni, rendendoli elastici, mentre il colesterolo dannoso nei semi non è una goccia.

Gli acidi contenuti nei semi rafforzano i vasi sanguigni

I semi di girasole sono un vero magazzino di vitamine. In loro ci sono molti rappresentanti del gruppo B, ci sono vitamine A, C, D, E, F.

Benefici delle vitamine del gruppo B:

  • tiamina (B1) - indispensabile per l'avitaminosi;
  • Forflavin (B2) - è di grande importanza per il sistema ematopoietico e immunitario, contribuisce alla rapida guarigione di ferite, ulcere, aiuta a ripristinare il tratto gastrointestinale e il fegato;
  • La niacina (B3) - è coinvolta nei processi redox, è coinvolta nella formazione di enzimi e carboidrati;
  • colina (B4) - normalizza l'attività del sistema nervoso e il metabolismo dei grassi, contribuendo alla perdita di peso;
  • L'acido pantotenico (B5) - richiesto per la sintesi di un certo numero di sostanze vitali nel corpo, è coinvolto nel metabolismo dei carboidrati e dei grassi;
  • acido folico (B9) - essenziale per il sistema circolatorio e immunitario.

La vitamina A è nota per i suoi benefici visivi, e questo è vero perché garantisce il normale funzionamento degli analizzatori visivi e della retina. Tuttavia, l'esposizione a questa sostanza non è limitata alla visione. Senza vitamina A, la pelle non sarà liscia, pulita e bella, e i capelli - spessi e lucenti. Una quantità sufficiente di carotene aiuta il rinnovamento cellulare nel corpo, promuovendo il metabolismo e la sintesi proteica. Questa vitamina è indispensabile per rafforzare i sistemi immunitario ed endocrino.

La vitamina A fa bene alla pelle.

La vitamina C, o acido ascorbico, che è anche contenuta nei semi, è estremamente importante per i processi immunitari. Promuove i processi rigenerativi in ​​tutti i tessuti, protegge dalle infezioni, è necessario per l'assorbimento del ferro.

La vitamina C, che è parte dei semi, protegge dalle infezioni

La vitamina D è anche necessaria al corpo umano, specialmente durante la crescita e lo sviluppo. Che acceleri l'assorbimento di magnesio e calcio, stimolando così la crescita del tessuto osseo (scheletro, denti).

La vitamina E è nota per le sue proprietà antiossidanti, è necessaria per i processi ematopoietici e riproduttivi. L'assunzione regolare di vitamina E aiuta a ridurre la pressione sanguigna, rafforzando le pareti dei vasi sanguigni. Allo stesso tempo, distrugge i radicali liberi, prolungando la giovinezza.

La vitamina D è necessaria per la crescita e lo sviluppo e la vitamina E prolunga la giovinezza

I semi di girasole contengono un'altra importante vitamina F, che può essere definita un rimedio naturale per la bellezza. È la presenza di vitamina F che aiuta la pelle a sembrare sana, mentre ha un effetto positivo sul sistema cardiovascolare e contrasta la formazione di coaguli di sangue.

Vitamina F - necessaria per la bellezza

I semi contengono anche un gran numero di microelementi sani, vale a dire:

  • sodio;
  • potassio (e 5 volte di più dei campioni - banane);
  • fosforo;
  • magnesio;
  • in piccole quantità, selenio, zinco, ferro, silicio, fluoro, molibdeno.

Le fibre svolgono un ruolo importante nel determinare i benefici e i danni dei semi di girasole, che, sebbene non assorbiti dall'organismo, migliorano la motilità intestinale e rimuovono il colesterolo, l'eccesso di sodio e l'acqua.

La fibra contenuta nei semi è necessaria per la digestione

Pertanto, i semi di girasole contengono molte sostanze utili. Ma questo non è uno strumento magico, il che significa che ci sono alcune conseguenze negative dall'uso dei semi.

Cosa è dannoso nei semi?

Facendo clic sui semi con i denti, è possibile ottenere una serie di problemi dentali:

  • distruggere lo smalto dei denti, che inoltre si scurisce e si incrina;
  • rafforzare il decorso dei processi di carie nella cavità dentale;
  • favorire la formazione di crepe tra i denti;
  • ottenere la gengivite dai microtraumi.

I semi di girasole sono dannosi per lo smalto dei denti

I semi, scotti o processati per la conservazione a lungo termine di sostanze chimiche, provocano infiammazione del pancreas e dello stomaco, causano bruciore di stomaco, problemi al fegato. I semi tostati irritano la gola.

Il consumo regolare di una quantità significativa di semi di girasole porta alla formazione di un eccesso di peso. Conclusione decisiva: è possibile o no mangiare semi?

I semi in eccesso mangiati aumentano il peso corporeo

È possibile, ma non tutti. I semi sono:

  • fritto: nella buccia e senza di essa;
  • crudo: pelato e non pulito;
  • essiccato.

È importante! Quando si arrostiscono i semi, la maggior parte delle vitamine scompare, rompendosi quando viene riscaldata. I semi sbucciati in anticipo perdono anche la maggior parte dei nutrienti che si ossidano e scompaiono sotto l'azione dell'aria.

I semi possono essere acquistati in forma purificata.

Ognuno di noi decide autonomamente se i semi di girasole recano beneficio o danno. Ma, avendo preso la decisione di non rifiutare un prodotto preferito, è necessario seguire una serie di semplici regole per minimizzare gli effetti negativi e rafforzare l'utile:

  1. È preferibile acquistare semi non in un pacchetto chiuso, perché in fabbrica, subiscono un'ulteriore elaborazione e grezzi.
  2. Per trarre beneficio dai semi di girasole, è meglio friggerli da soli, senza surriscaldarsi, in una padella asciutta o mangiare semi non torreggiati, sbucciandoli poco prima di mangiare.
  3. I semi sono estremamente ricchi di calorie, 100 g contengono 578 kcal, vale a dire 1/4 di parte del lavoratore di ufficio quotidiano. Pertanto, è meglio non essere coinvolti e non mangiare troppo i semi.
  4. Per pulire i semi, preferibilmente con le mani, per salvare i denti. È ancora meglio aggiungerli al pane fatto in casa, alle varie insalate, alla carne e ai piatti a base di pollo.

I semi sono buoni da aggiungere a diversi piatti e pane

È importante! Dobbiamo ricordare che 100 g di semi di girasole sono sufficienti per un corpo umano al giorno. più dei nutrienti che contengono semplicemente non saranno assorbiti. Grazie a questi 100 g, la necessità di vitamina E e acidi grassi polinsaturi viene completamente reintegrata.